Navigation – Plan du site
Patrie de toujours...

Amor di patria e misogallismo nel giovane Leopardi  

L’Orazione in occasione della liberazionedel Piceno tra esercizio retorico e tradizione letteraria
Saverio Ieva
p. 233-259

Résumé

Dopo il fallimento del tentativo, ad opera di Murat, di ricostituire nel 1815 un regno d’Italia di cui lui stesso sarebbe stato il sovrano, il giovane Leopardi, all’età di diciassette anni, scrive un’Orazione agli Italiani in occasione della liberazione del Piceno, che è un vero pamphlet antifrancese, erroneamente classificato fra i primi testi di propaganda del Risorgimento italiano. In realtà, Leopardi, che all’epoca è del tutto impregnato dalle idee conservatrici del padre Monaldo, si limita ad una presa di posizione contro l’occupazione napoleonica e in favore dei vecchi governi della penisola. A noi può interessare – oltre allo stile che anticipa la prosa delle opere maggiori- il modo in cui Leopardi si riallaccia alla tradizione antichissima (risale a Dante, a Petrarca e al Rinascimento) della polemica antifrancese, sia a livello politico e storico sia a livello culturale, tradizione che confluisce nel Misogallo di Alfieri. Il presente articolo cerca di evidenziare i dati tradizionali e i topoi di cui l’Orazione è tessuta in un esercizio in primo luogo retorico, ma che non tiene comunque presente l’attualità, come risulta dalla condanna delle confische compiute in Italia dal regime napoleonico.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XIXe
Haut de page

Texte intégral

  • 1  J. Leflon, La crise libérale. Restaurations et révolutions, in A. LefloneV. Martin (dir.), Histoir (...)
  • 2 Ibidem, pp. 542-543.

11. Al momento della restaurazione dello Stato Pontificio, dopo la caduta di Napoleone, le Marche dovettero affrontare alcune vicissitudini. Non furono immediatamente restituite al Papa, in quanto Murat le aveva occupate in nome dell’Austria, con il pretesto di liberarle e proteggerle. Dopo Lipsia, infatti, Murat aveva cercato di conservare il regno di Napoli separando le sue sorti da quelle di Napoleone, e si era alleato con l’Austria e l’Inghilterra. Metternich, per ottenere l’appoggio di Murat, aveva firmato un trattato, nel quale una clausola segreta prometteva al re di Napoli l’acquisto di un territorio di 400.000 anime a spese dei possedimenti di Pio VII1. Tale trattato impegnava soltanto l’Austria, poichè non era stato sottoscritto dalle altre potenze. La situazione pertanto era poco chiara. Fu risolta a proprio danno da Murat, che diffidando dell’Austria, spezzò nel 1815 ogni legame con la coalizione antinapoleonica, e con un esercito risalì la penisola dal regno di Napoli con l’intento di raggiungere la valle padana. Da Rimini, il 30 marzo 1815, rivolse un proclama, in cui incitava a prendere le armi per preparare « una rappresentanza veramente nazionale, una costituzione degna del secolo, [che] guarentisca la libertà e la prosperità interna, tosto che il coraggio avrà guarentita l’indipendenza »2. Murat si proponeva di farsi re di un’Italia unita e indipendente, promettendo costituzione e leggi liberali. L’appello non fu accolto : dopo qualche successo sugli austriaci, battuti a Cesena, Murat dovette ripiegare e a Tolentino, fra il 2 e il 3 maggio, fu sconfitto, perdendo anche il regno di Napoli ove ritornavano i Borboni. Le Marche erano restituite allo Stato Pontificio.

  • 3  L’Orazione fu pubblicata la prima volta da Giuseppe Cugnoni nelle Opere inedite leopardiane (Halle (...)

2La spedizione di Murat e il proclama di Rimini suscitarono reazioni contrastanti. Ad esempio, nel caso di Manzoni riscontriamo l’adesione entusiastica della canzone incompiuta Il Proclama di Rimini. Ma anche in Manzoni possiamo notare incertezze e oscillazioni di schieramento : un anno prima egli aveva, nel frammento Aprile 1814, celebrato la caduta del napoleonico Regno d’Italia, esprimendo speranza nella restaurazione ad opera degli Austriaci che avevano promesso leggi liberali. L’esecrazione della Rivoluzione dell’Ottantanove, l’odio per Napoleone, l’avversione per i Francesi – unitamente all’ideologia legittimista, che ha acquistato forza durante l’epoca napoleonica – caratterizzano invece tutta una serie di prese di posizione lealiste nei confronti dei governi ancien régime. Fra queste, nel caso dell’impresa fallita di Murat, abbiamo l’orazione Agl’Italiani, in occasione della liberazione del Piceno di Leopardi, scritta a Recanati fra il 19 maggio e il 18 giugno 18153.

3Leopardi si compiace della sconfitta subita a Tolentino da Murat, « usurpatore » succeduto a un « oppressore » :

Quando il grido esultante di tutta l’Europa ci annunziò che l’oppressore era rientrato nel nulla, noi credemmo la tirannia estinta con lui. Le nostre speranze furon vane. Un usurpatore, colla scorta di trattati che dovea violare ben presto, si avanzò con una banda di sanniti dal mezzogiorno della Italia, e strappò le catene, che ci cingevano, dalle mani del tiranno per ritenerle egli stesso. In un tempo, in cui per tutta l’Europa risuonavano i nomi di paterna amministrazione ristabilita, di liberale governo richiamato all’esercizio delle sue funzioni, di tirannide abolita e distrutta, il barbaro carnefice, che intitolavasi nostro re, lungi dall’alleviare i pesi de’ popoli, lungi dal far gustare alle genti che aveasi assoggettate un’aura almeno di quella felicità di cui l’Europa tutta era partecipe, aggravò il giogo che ci opprimeva, e ci fe’ intendere assai chiaramente che il tempo della liberazione dell’universo non era quello della nostra. Invano i saggi, risvegliati dal sopore che nel corso del cessato governo aveva occupati tutti gli spiriti, inorriditi all’aspetto della passata schiavitù e bramosi di mostrare che non ne erano degni, manifestarono la malvagità e l’orrore dell’amministrazione di Buonaparte, fecero conoscere i danni del dispotismo, dipinsero gli atroci effetti di quello sciagurato governo e di quella rozza organizzazione. (O, p. 934)

  • 4  G. Getto, Saggi leopardiani, Messina-Firenze, D’Anna, 1977, pp. 28-29.
  • 5  Cfr. anche, più avanti, O, p. 936 : « Ma se la vera felicità dei popoli è riposta nella pace neces (...)
  • 6  A. Tartaro, Giacomo Leopardi, in La Letteratura italiana. Storia e testi, diretta da C. Muscetta, (...)

4Al di là del giudizio su Murat appare evidente, in questa apertura dell’orazione che dà il tono ideologico a tutto il testo, il violento antibonapartismo, che si coniuga con l’esaltazione della « paterna amministrazione ristabilita ». Semmai, come ebbe a sottolineare Giovanni Getto4, importerebbe « non tanto dare rilievo agli spiriti reazionari del giovane Leopardi, quanto piuttosto cogliere quell’insopprimibile imperativo supremo della felicità cui viene subordinata la visione degli avvenimenti »5. È evidente comunque – pur dando per scontata la confusione del momento, nella situazione delle Marche in particolare – che Leopardi scrive la sua orazione a sostegno di una tesi antifrancese e legittimistica, che costituisce « la trama politica di un discorso al cui interno le idealità legittimiste, della sicurezza e della pace laboriosa, le preoccupazioni economico-sociali in merito a tassazioni che si vorrebbero più eque e alla necessità di incrementare i commerci e l’agricoltura, sotto la protezione ‘paterna’ di sovrani ‘amati e legittimi’, si trasfondono negli accenti di una passionalità calcolata, in equilibrio fra la concitazione antitirannica e l’appello programmatico. “Italiani ! rinunziamo al brillante ed appigliamoci al solido” [O, p. 937]. È lo stigma, quest’ultimo, di Monaldo : il segno scoperto di un atteggiamento mentale che misura il ‘vantaggio’ e la ‘felicità’ dell’Italia sul metro di un moderatismo miope e cauteloso che, confortandosi della solidarietà dell’Europa restaurata, gabella per buon senso la propria sostanziale meschinità e aridità. Ma in generale Giacomo ripete, evidentemente, le argomentazioni del padre »6.

  • 7  Cfr. i vv. 52-60, ove Leopardi ricorda che l’« itala gioventude » combatte « per altra terra e per (...)
  • 8  Cfr. vv. 99-100 : « Taccio gli altri nemici e l’altre doglie; / ma non la più recente e la più fer (...)
  • 9  Cfr., per il tema dell’antifrancesismo, l’indice analitico (voce Francia) dell’edizione critica di (...)
  • 10  Ricordiamo, a questo proposito, una lettera a Luigi De Sinner (del 18 dicembre 1832), in cui Leopa (...)

5Tuttavia, non è tanto la scelta ideologico-politica del giovane Leopardi che ci interessa – d’altronde essa è, come spesso nei testi giovanili e nei puerilia del nostro autore, essenzialmente pretesto per rifare i grandi esempi dell’eloquenza classica –, quanto piuttosto la tradizione culturale dell’antifrancesismo, vero e proprio topos che attraversa i secoli dal Rinascimento, se non addirittura da Dante e Petrarca, e che Leopardi sicuramente recupera, per riproporlo poi nelle canzoni All’Italia7 e Sopra il monumento di Dante8, riprenderlo in vario modo nello Zibaldone9 e assumerlo come una costante di giudizio10.

  • 11  Contro la monarchia francese Dante muove durissimi attacchi. Se Ugo Capeto, il capostipite, la « r (...)

62. L’antifrancesismo è tema ricorrente nei rapporti culturali fra Italia e Francia, come lo è il suo corrispondente speculare, l’antiitalianismo. Già in Dante, autore per certo impregnato di cultura francese, la polemica contro la monarchia francese – d’ordine eminentemente politico, dato lo stretto legame tra la Francia, gli angioini d’Italia e la parte guelfa avversa a Dante – è talmente forte da suscitare ripulse e moti di antiitalianismo oltralpe, soprattutto a causa di un immaginario ingiurioso creato (o diffuso) da Dante, come quello fondato sulla leggenda di Ugo Capeto, figlio di un beccaio di Parigi11.

  • 12  Anseau Choquart, inviato nell’aprile 1367 ad Avignone come ambasciatore del re di Francia Carlo V, (...)
  • 13  Per la storia della querelle, per i testi e per la bibliografia cfr. D. Cecchetti, Petrarca, Pietr (...)
  • 14  G. Ouy, La dialectique des rapports intellectuels franco-italiens et l’Humanisme en France aux XIV(...)
  • 15  D. Cecchetti, Petrarca, Pietramala..., cit., pp. 15-59.
  • 16  Id., Petrarca in Francia prima del Petrarchismo : un mito polemico, « Franco-Italica », 11 (1997), (...)

7Ma è con Petrarca che nasce e si sviluppa una querelle sul primato culturale delle due nazioni che informerà i dibattiti letterari fra Italia e Francia fino al Cinquecento, e porrà le basi per ulteriori dispute circa una lettura (e valutazione) parallela delle due letterature, che ancora all’inizio dell’Ottocento fornirà argomento di discussioni. In una lettera del 1368 a Urbano V12, per esaltare il primato della cultura letteraria italiana, Petrarca aveva affermato « oratores et poetae extra Italiam non quaerantur ». Questa frase suscitò in Francia forti polemiche13 : tra il 1369 e il 1370 Jean de Hesdin componeva e diffondeva un’apologia antipetrarchesca (Contra Franciscum Petrarcam epistola), consegnata all’umanista italiano soltanto nei primi giorni di gennaio 1373. Il 1° marzo dello stesso anno era datata da Padova la risposta-invettiva di Petrarca (Invectiva contra eum qui maledixit Italiae). Dopo la morte di Petrarca, il grande Scisma accentuerà, anche sul piano politico, la rivalità Italia-Francia, e la querelle intorno alla frase dell’umanista italiano riprenderà, trasformata in un topos propagandistico14. Il momento culminante della querelle sarà nel breve carteggio fra Nicolas de Clamanges e il cardinale della curia avignonese Galeotto Tarlati da Pietramala, carteggio in parte risalente alla fine del 1394 o all’inizio del 1395, ma completamente riscritto – « inventato », per così dire – dopo il 142015. Clamanges controbattendo sdegnosamente alla frase incriminata di Petrarca, traccerà una breve storia della cultura di area gallo-francese, dall’antichità classica al XII secolo, per vantarne l’assoluta preminenza su qualsiasi altra tradizione nazionale. I risentimenti suscitati da Petrarca sono duri a morire, se ancora nel 1507 Symphorien Champier ripubblica in appendice al suo Trophœum Gallorum quadruplicem eorundem complectens historiam il testo antipetrarchesco di Jean de Hesdin (col titolo Apologia in Galliae calumniatorem)16.

  • 17  L. Sozzi, La polémique anti-italienne en France au XVIe siècle, « Atti della Accademia delle Scien (...)

8Nel Cinquecento, negli anni che vedono la maggiore penetrazione della cultura italiana in Francia, nell’età di Francesco I e in quella di Caterina de’ Medici, si affermano correnti di forte antiitalianismo. Si tratta anzitutto del perdurare della vecchia querelle, con il rifiuto della supremazia letteraria italiana, accompagnato dal desiderio di affermare l’autonomia e il prestigio della tradizione intellettuale francese, una tradizione che si definisce e proclama « seria » in contrapposizione alla letteratura italiana, considerata inficiata da estetismo e da retorica. L’antiitalianismo cinquecentesco non è solo letterario : le componenti della polemica sono varie – economiche e finanziarie, etiche e religiose –, spesso legate all’invasione di italiani, a livello culturale, nell’università francese, a livello politico, nell’apparato amministrativo e di potere, ove l’arrivo della regina italiana ha favorito le migrazioni dalla penisola17.

  • 18  D. Bouhours, La Manière de bien penser dans les ouvrages d’esprit, dialogues, Paris, Guillaume Des (...)
  • 19  Cfr. C. Viola, Tradizioni letterarie a confronto. Italia e Francia nella polemica Orsi-Bouhours, V (...)
  • 20  Cfr. l’opera, uscita anonima, [Giovan Giosefo Orsi] Considerazioni sopra un famoso libro franzese (...)
  • 21  E. Falcomer, op. cit., p. 120.
  • 22 Ibidem, p. 121. Sul « patriottismo italico » fra Sette e Ottocento cfr. S. Timpanaro, Classicismo e (...)

9Il classicismo francese del Seicento – nell’ambito della Querelle des Anciens et des Modernes – rinnova il raffronto della cultura francese con quella italiana, nel momento in cui, nella scia di Boileau, Dominique Bouhours con la sua Manière de bien penser dans les ouvrages de l’esprit (1687) svaluta, all’insegna di un gusto classicista fondato sul raisonnable e sul naturel, non solo i marinisti ma anche tutta la poesia italiana precedente, Tasso soprattutto18. Questa presa di posizione sui difetti della poesia italiana suscita una serie di interventi di Orsi, Muratori e numerosi altri letterati19, a partire dal 1703, anno della replica a Bouhours di Orsi20, per alcuni decenni. Da questi interventi « nasceva un confronto fra la letteratura francese e italiana, confronto che ricuperava tradizionali motivi che risalivano fino ai tempi di Petrarca e che si erano via via arricchiti, durante la Renaissance e l’Âge classique, con il formarsi di una tradizione letteraria, quella francese, che cercava una propria originalità e ricchezza spesso a partire dall’emulazione con la letteratura umanistico-rinascimentale italiana »21. Come ha chiaramente sottolineato Ezio Falcomer, « nasceva una tendenza alla ricerca dei motivi di un primato italiano, o perlomeno di un qualche segno di originalità nazionale, anche se sempre all’interno di un ambito letterario. Ciò avviene nel Muratori dei Primi disegni della Repubblica letteraria d’Italia (1703) e si concreta anche in quel filone del ‘patriottismo italico’, diffuso in un certo Settecento antiquario ed erudito, che prospettava l’esistenza di una cultura e civiltà originale presso i popoli antichi della penisola, di una ‘sapienza italica’ anteriore a quella greca e latina : un motivo letterario che, già formatosi in età rinascimentale, sopravviverà da Vico al Primato giobertiano »22.

  • 23  C. Marazzini, Storia e coscienza della lingua in Italia dall’Umanesimo al Romanticismo, Torino, Ro (...)
  • 24  E. Falcomer, op. cit., pp. 121-122. Cfr. anche G. Nicoletti, Letteratura e politica fra Rivoluzion (...)
  • 25  La lettera-trattatello, di grande interesse, è stata pubblicata da E. Falcomer, op. cit., pp. 132- (...)

10Nella seconda metà del Settecento il discorso si fa più complesso e si sviluppa maggiormente la reazione all’egemonia culturale francese, nell’ambito anzitutto della disputa sulla lingua, con gli interventi di Bettinelli, di Matteo Borsa, di Carlo Gozzi, di Gian Francesco Galeani, che condannano tutti in qualche modo la « gallomania » culturale23. Il discorso da linguistico-letterario si fa progressivamente culturale-ideologico : « la parabola che porta dal purismo anticesarottiano alla riscoperta della tradizione letteraria italiana, si arricchisce in età rivoluzionaria e napoleonica, anche sulla scorta della lezione alfieriana, di più decisi tratti antifrancesi e politico-patriottici : pensiamo al valore militante dell’italianismo, soprattutto a partire dall’Ortis di Foscolo e dall’opera di Cuoco dove, all’abbandono del progetto di ‘repubblica’ internazionale delle lettere, fa seguito quello che è stato definito il ‘revisionismo culturale anticosmopolita’ di molti intellettuali italiani »24. Ai dibattiti settecenteschi si ispira ancora nel 1807 Carlo Vidua nella Lettera sul Parallelo tra i Poeti Classici Italiani ed i Francesi, testo peraltro rimasto inedito, che fonde le componenti ideologico-letterarie emerse nel Settecento con i nuovi motivi patriottici destati dal dominio napoleonico25.

  • 26  Cfr. V. Masiello, Ragioni e senso di un libello controrivoluzionario : ‘Il Misogallo’, in Vittorio (...)
  • 27  Il Misogallo fu pubblicato soltanto dopo la morte di Alfieri, con la falsa data di Londra, 1799.

11È con Alfieri tuttavia che il motivo dell’antifrancesismo assume decisamente un tono politico-patriottico che prevale su quello puramente culturale. L’odio contro i francesi e tutte le loro manifestazioni politiche, culturali, linguistiche e di costume è ricorrente nella produzione e nella vicenda esistenziale alfieriana. Ma vi è un’opera significativa che esaspera quest’odio, si tratta del Misogallo26. Scritto (tra il 1793 e il 179827) in reazione agli avvenimenti della Rivoluzione francese (in realtà a quegli avvenimenti, di carattere alquanto banale, che avevano coinvolto direttamente la persona di Alfieri, come egli ci racconta nella Vita), adotta un tono decisamente reazionario e antiilluministico. L’avversione rabbiosa contro la Francia è in realtà avversione per la Rivoluzione, per i principî illuministici e lo spirito borghese che essa diffonde in Europa. Appare qui un Alfieri in sintonia con la reazione monarchica e legittimista : un Alfieri che difende i privilegi della classe nobiliare, afferma il ruolo subalterno del terzo stato, condanna ogni turbamento dell’ordine costituito, e, mentre riserva solo ai nobili il pieno godimento dei diritti politici e l’esercizio del potere, considera la tirannide monarchica un male minore rispetto alla tirannide borghese e plebea. In tale contesto ideologico si sviluppa una costruzione antropologica dello specifico francese che assume caratteri non solo violenti ma anche grotteschi :

  • 28 Il Misogallo (estratti), in V. Alfieri, Opere : I. Tragedie. Rime. Misogallo. Epigrammi. Satire. Co (...)

[...] i tuoi confini dalla natura son fissi [...] nell’odiare con implacabile abborrimento mortale quei Barbari d’oltramonti, che ti hanno perpetuamente recato e ti recano i più spessi e più sanguinosi danni. Ora questi per certo (ben altramente che i Tedeschi) sono stati sempre, e sono i Francesi, i quali tre volte per secolo, ridotti dai loro inetti ed irriflessivi e tirannici governi, dalla loro naturale miseria ridotti, e dagli eccedenti loro vizi, alla insociale necessità di andarsene a mano armata questuando, sopra i vicini popoli poi si rovesciano per isfamarsi, e saldare per alcun tempo con l’altrui sangue le loro piaghe servili. In così fatto stato locale e politico, qual è manifestamente il tuo, chiunque, o Italia, t’insegnerà a ben odiare i tuoi naturali e perenni nemici, verrà ad insegnarti e rammentarti ad un tempo il più sacro de’ tuoi doveri. Con tuttociò non mi vi sarei accinto io certamente, se mi fosse stato pur duopo, nell’addottrinarti in quest’odio, d’insegnarti anco a stimare i Francesi, temendoli. Ma per fortuna tua somma, e mia, odiabili sotto ogni aspetto per se stessi costoro son tanto, che io sanza studio né sforzo nessuno, col solo ritrarli dal vero, largamente posso ottenere il mio intento, e rimanere assoluto ad un tempo da quel ribrezzo, che porta con sé questa idea, dell’insegnare ad odiare chi che sia ; poiché qui non è altro che un semplice insegnare a conoscere. Oltre che, da quella specie di stima, che si suol pure accordare agli eserciti che con le loro vittorie spaventano, ogni di più te ne vanno anco assolvendo gli stessi Francesi, che insieme col terrore dell’armi loro hanno saputo instillare ad un tempo medesimo il massimo disprezzo per essi, anche nei più timidi e meno illuminati individui ; mostruoso e incredibile accozzamento ; paura e dispregio ; eppur vero, e da tutti i presenti Italiani palpabile.28

12L’odio verso la tirannide francese esalta peraltro il senso patriottico e lo porta ad auspicare che proprio l’avversione contro la Francia e il suo dominio politico e culturale possa spingere il popolo italiano ad assumere una coscienza nazionale, a difendere la propria individualità e la propria libertà ; ciò induce Alfieri ad esprimere la speranza che un giorno l’Italia risorga « virtuosa, magnanima, libera e una ». È a questi atteggiamenti che si è dovuta la fortuna risorgimentale di un’opera ideologicamente ancien régime, ma sulla quale si fonderà il mito di un Alfieri padre della patria. Il Misogallo è, con buona probabilità, l’antecedente cui poté in qualche modo mirare Leopardi nella sua Orazione.

133. Abbiamo già detto come non sia la scelta politica, legittimista e coerente con l’ideologia della Restaurazione, a interessarci qui. Leopardi si muove evidentemente nella scia di Monaldo. Semmai è interessante il fatto che il patriottismo si manifesti non come una scelta nazionalistica prerisorgimentale, ma come un atteggiamento « antistraniero » in genere, che recupera i moduli dell’antifrancesismo – del misogallismo, se vogliamo introdurre il riferimento ad Alfieri – appartenente a una secolare tradizione culturale, ma vivacemente diffuso tra l’ultimo decennio del Settecento e i primi due dell’Ottocento, come reazione prima alla Rivoluzione poi al bonapartismo, reazione comprensibile in un paese ove l’impianto delle idee e delle amministrazioni nuove appare evidentemente strumento dell’imperialismo francese.

14L’Orazione peraltro, prima che documento ideologico, vuole essere esercizio di scuola – opus oratorium maxime –, come Leopardi stesso ricorda al lettore :

Gli antichi soleano dare alla loro patria dei consigli, o felicitarla di qualche successo, dalle tribune o dai rostri col mezzo di arringhe. Essi ci hanno lasciate le loro magnifiche orazioni, che trasportano il lettore nei tempi nei quali furono pronunciate, e lo collocano in mezzo alla udienza romorosa dell’oratore, tra il plauso e l’entusiasmo di un popolo ebbro di sentimenti di gloria. Volli imitarli, indirizzando ai miei compatriotti un’orazione e immaginandomi di parlar loro. Gl’italiani non troveranno in me né un Demostene né un Marco Tullio ; ma io spero di trovare negl’italiani degli ateniesi e dei veri successori dei romani (O, p. 934).

  • 29  Cfr. anche solo le orazioni della Rivoluzione francese contenute nel primo volume della silloge (l (...)

15L’ingenuo riferimento a Demostene e Cicerone, agli Ateniesi e ai Romani, riporta al clima del classicismo alfieriano : riporta anche – il giovane Leopardi ne avrebbe avuto probabilmente orrore – al clima dell’eloquenza rivoluzionaria29. È il pendant letterario della pittura neoclassica dei David e degli Appiani. Non per nulla la vicenda del momento – in questo caso l’impresa di Murat – viene rapportata all’exemplum classico :

Misera Italia ! Ella avrebbe veduto tornare un Appio Claudio senza speranza di vedere risorgere un Virginio ; un Cinna senza un esercito vendicatore ; un Cesare senza un Bruto. (O, p. 936)

16Un exemplum peraltro in cui gioca non tanto la scelta ideologica legittimista, quanto il contesto letterario, che denuncia ancora una volta, attraverso l'individuazione dei personaggi (Virginio, Cinna, Bruto), il riferimento alla tragedia alfieriana con il mito dell’anti-tirannide, indipendentemente da qualsiasi considerazione ispirata al legittimismo.

17Così la storia d’Italia, secondo moduli umanistici, perde ogni concretezza di attualità e viene riportata al grande mito della latinità imperiale, mito su cui già poggiava nei secoli precedenti l’apoteosi letteraria del latin sangue gentile. Si tratta del topos del « fummo grandi una volta », ma questo « una volta » è respinto nel passato remoto della classicità :

Sì, noi fummo grandi una volta : noi rigettammo quei Galli, che il tempo ha resi più forti, fuori delle nostre terre, noi li cacciammo alle loro tane, noi li soggiogammo, noi li facemmo nostri schiavi. Dalle colonne di Ercole sino al Caucaso noi stendemmo la gloria del nostro nome e il terrore delle nostre armi. Tutto si sottomise al nostro impero, tutto cedé al nostro valore, e noi fummo i signori del mondo. (O, p. 937)

  • 30  F. Petrarca, Canzoniere, CXXVIII, 95-96, a cura di M. Santagata, Verona, Mondadori, 1996, p. 612.

18Questa grandezza, tuttavia, potrebbe nuovamente risorgere, secondo il convincimento – pur sempre letterario – che « l’antiquo valore / ne l’italici cor’ non è anchor morto »30, se vogliamo parafrasare, con una formula petrarchesca diventata massima proverbiale :

Non lo dissimuliamo. La nostra nazione riunita tutta sotto un sol capo sarebbe formidabile ai suoi nemici ; un popolo, come il nostro generoso e nobile, colle immense risorse somministrate dal suo territorio e dalle sue facoltà intellettuali, potrebbe concepire dei vasti disegni ed ottenere dei grandi successi. Egli fu un tempo signore dell’universo, potrebbe ora gettare dell’ombra su tutte le nazioni. Ma l’Italia sarebbe perciò felice ? Per asserirlo, converrebbe supporre che la felicità della nazione consista nella forza delle armi […] (O,p. 936)

19D’altra parte, come si vede, proprio in una rievocazione che riecheggia tanti luoghi illustri della letteratura italiana a partire dalla canzone All’Italia di Petrarca – rievocazione di un classicismo di maniera – Leopardi anticipa un tema che svilupperà ampiamente nelle opere maggiori e che sarà centrale della sua riflessione, quello, cui si è già accennato, della felicità, quale imperativo cui subordinare qualsiasi considerazione di filosofia della storia :

Fummo per questo felici ? Le discordie civili, le guerre, le vittorie stesse non ci lasciavano un’ora di quella pace che tutto il mondo sospira. Il tempio di Giano sempre aperto vomitava disordini e sventure. Padroni dell’universo noi non lo eravamo di noi stessi. Ci convenne conquistare la sede delle scienze per apprendere a regolare le nostre passioni. Terribili a tutto il mondo, noi eravamo, ciò che ora è la Francia, l’oggetto della esecrazione di tutti i popoli. Quante nazioni, assalite a torto e spogliate dei loro beni, ci ridomandarono piangendo le sostanze che gli avevamo rapite, i mezzi di sostentamento che gli avevamo tolti, la felicità che gli avevamo involata ! […] Ci basti. Ebbimo ancor noi il nome di tiranni, fummo ancor noi tinti di sangue. La nostra grandezza, la nostra felicità deve dunque consistere in fare degli infelici ? Italiani ! rinunziamo al brillante ed appigliamoci al solido. Quando ci si propone un potere pernicioso o una pace di cui tutto ci garantisce la durata, rigettiamo l’uno ed eleggiamo l’altra : quello ci darebbe dei nomi e questa ci dà delle cose ; quello una gloria fantastica e questa dei reali vantaggi. Una nazione non deve esitare nella scelta della sua vera felicità. (O, p. 937)

  • 31  V. 16 (Le Poesie e le Prose, ed. cit., vol. I, p. 98).
  • 32  Cfr. vv. 33-37 : « Or dov’è il suono / di que’ popoli antichi ? Or dov’è il grido / de’ nostri avi (...)
  • 33  Cfr. vv. 294-296 : « Caggiono i regni intanto, / passan genti e linguaggi : ella nol vede : / e l’ (...)

20Se è tipico di quello che sarà il pensiero del Leopardi maturo, questo insistere sul primato della felicità – una felicità per di più individuata nel solido contrapposto al brillante, con un momentaneo ripudio di quella letterarietà che informa tutta l’Orazione – si accompagna qui a una riflessione sulla vanità di tutto ciò che sollecita l’ambizione umana : il potere e il possesso, in particolare. Le tematiche, su cui insisteranno i Canti, dell’« infinita vanità deltutto » (A se stesso31), del decadere e scomparire dei regni e dei popoli (La sera del dì di festa32 e La ginestra33) sono oggetto di meditazione anche in questo testo giovanile, ove diverse possono essere le fonti sul motivo della vanitas e della decadenza dei regni : fonti classiche, dalla gnome greca, e bibliche, dai libri sapienziali.

21Ma l’Orazione leopardiana, pur nel suo scolasticismo retorico, travalica il puro e semplice ricalcare i moduli canonici dell’oratio de ruinis et de fugacitate temporis per slittare verso considerazioni più moderne – diremmo più leopardiane – sulla felicità. Felicità che si identifica in un benessere cui è di ostacolo sommo la guerra, favorita dalla tirannide e dall’imperialismo, opposti a quella legittimità di potere tutelata dalla pace, e a sua volta tutela di questa :

Ma se la vera felicità dei popoli è riposta nella pace necessaria alle arti utili, alle lettere, alle scienze, nella prosperità del commercio e dell’agricoltura, fonti della ricchezza delle nazioni, nell’amministrazione paterna di Sovrani amati e legittimi ; possiam dirlo con verità, non v’ha popolo più felice dell’italiano. […] La pace. Questo bene, oggetto dei voti di tutte le nazioni, è necessario per l’Italia, che solo su di esso può fondare le speranze di un prospero stato. Non si fa la guerra che per ottenere la pace. […] Noi abbiamo a sperare un riposo veramente durevole. Se alcuno volesse turbarlo, noi saremmo difesi da tutta l’Europa. Coll’ingrandirsi in Italia, egli distruggerebbe l’equilibrio che tutte le potenze sono interessate a conservare. E chi infatti potrebbe inquietarci ? Forse quel monarca augusto che possiede già tanto in Italia, egli che impiega al presente le sue proprie armi per ristabilire in essa dei diritti legittimi, e che non può avere maggiore interesse che quello di vederla pacifica ? Forse gli altri principi d’Europa, che, distanti per gran tratto dall’Italia, non possono desiderare di possederla né sperare di conservarla ? Forse gli stessi pacifici regnanti italiani, che nulla bramano più che il riposo, che non avrebbono né causa di eccitar discordie né mezzi per sostenere una guerra durevole ? l’Italia sarà dunque la più felice di tutte le nazioni, e il mantenerla in questo stato sarà dell’interesse di tutta l’Europa. Essa non avrà a temere che la nemica dell’universo, la Francia. (O, pp. 936-937)

22Il discorso sulla pace si fa concreto, fondato su una breve analisi della situazione politica, nel soppesare i pro e i contro rispetto agli interessi italiani. Da queste rapide considerazioni, Leopardi deduce che le potenze della coalizione antifrancese si preoccupano dell’« equilibrio » europeo di cui la sistemazione dell’Italia è parte essenziale, e che questo equilibrio – in effetti base delle contrattazioni di Vienna e scopo della futura Santa Alleanza – non può essere impunemente sconvolto. Vengono disegnati due campi, uno favorevole e uno ostile all’equilibrio e alla pace : da un lato l’Austria (il cui ruolo di potere in Italia viene tacitamente accettato e riconosciuto legittimo), i « pacifici regnanti italiani » e gli altri sovrani europei « distanti », dall’altro la Francia, una volta di più demonizzata e inchiodata in una situazione di negatività assoluta, con la ripresa, all’interno di questo frettoloso bilancio politico, del mito misogallico della « nemica dell’universo » su cui poggia l’intera Orazione.

23D’altronde, al mito dell’Italia antica, gloriosa e imperiale, Leopardi accosta una realtà storica che perdura nel presente, apparentemente basandosi su una considerazione concreta delle condizioni e strutture politiche dell’Italia moderna. Si tratta dell’Italia delle corti :

Divisa in piccoli regni, l’Italia offre lo spettacolo vario e lusinghiero di numerose capitali animate da corti floride e brillanti, che rendono il nostro suolo sì bello agli occhi dello straniero. Questa specie di grandezza può consolarci di quella che noi perderemmo. (O, p. 937)

24Una raffigurazione che si identifica con un altro mito, quello dell’Italia rinascimentale e delle arti, quale verrà ripreso dalla letteratura romantica europea (si pensi solo allo Stendhal delle Chroniques italiennes ma anche della Chartreuse) o quale è al centro della tradizione dell’italiänische Reise e del Grand Tour.

254. Abbiamo appena ricordato come sul topos misogallico sia costruita tutta l’Orazione. In effetti, il discorso nella sua globalità ruota intorno a una questione che risulta, per Leopardi, il fulcro di ogni considerazione ed esortazione « all’entusiasmo e all’amor patrio » :

Potrebbe l’Italia aver causa comune colla Francia ? Italiani rigenerati all’entusiasmo e all’amor patrio, ascoltate. (O, p. 935)

26Nella visione storica di un’Italia perennemente in rotta di collisione con la nazione vicina, l’amor di patria non può concepirsi senza la realtà speculare dell’antifrancesismo : è questa la convinzione che il giovane letterato, profondamente ancorato a una tradizione culturale plurisecolare, ha scelto di rappresentare con moduli mutuati dalla filière che si snoda ininterrotta da Petrarca ad Alfieri. Soprattutto il tema dell’« odio », che ha una forte attualità nei contrasti politici che accompagnano lo svolgimento dei fatti in corso (spedizione di Murat, Cento Giorni, Congresso di Vienna), può trovare in Alfieri e nella pamphletistica politica tra Sette e Ottocento modelli addirittura banalizzati :

Omai ogni francese è degno di odio, perché niun francese riconosce i delitti della sua nazione. Accecati dall’amore verso la loro patria, essi non sanno confessare che ella ha avuto dei torti. Chiamano grandezza d’animo ciò che è orgoglio sfrenato, sensibilità ciò che è fanatismo. […] Malgrado tutte le loro sventure, essi non sanno rinunziare all’ambizione di essere i signori del mondo. Noi fummo un tempo più di lor potenti, ma non esitiamo a confessare che noi fummo dei tiranni. Noi onoriamo la nostra nazione col riconoscerne i torti ; ma essi l’abbassano col cercar d’innalzarla. […] La Francia, col richiamare il tiranno, ha mostrato che ella è degna di essere schiava ; ma se ella ama la servitù, l’Europa non vuol essergli compagna nella sua sorte. Ella impugna di nuovo con aspetto terribile la sua spada vittoriosa. Ella avea combattuto contro il tiranno, ora affronterà la nazione. Francesi ! è giunto il tempo del vostro abbassamento. Il vostro potere declina all’occaso, come declinava il nostro ai tempi di Teodorico e di Totila. L’annientamento dei principii morali presso di voi, la vostra assurda volubilità, le forze di tutta l’Europa contro voi riunite, annunziano il fine della vostra preponderanza. Possano le nazioni d’Europa, esclamava un francese, adunare nel nostro regno i loro Stati generali e non formare con noi che una sola famiglia, di cui sia capo il nostro principe. Sì, francesi ! I sovrani di tutta l’Europa si aduneranno per la seconda volta nella vostra capitale, ma scortati da un milione di armati, e a fine di togliergli ogni speranza di divenire la capitale del mondo. Tiranni ! esecrazione dei popoli, orrore dei posteri, abominio dei secoli ! Tremate. (O, p. 938)

  • 34 Il Misogallo (estratti), in V. Alfieri, op. cit., p. 730.

27Il brano in se stesso potrebbe essere di netta derivazione alfieriana, tanto sono evidenti le consonanze con il Misogallo, soprattutto nell’invito all’odio – al « misogallismo » appunto – e nel disegno della decadenza morale e della « volubilità » francese (quest’ultima, ripresa indubbia dell’imputazione di levitas, mossa per secoli, a partire da Petrarca). Come Leopardi, infatti, Alfieri giustificava il suo odio con un’accusa di tirannide e di mancanza di libertà (« io altrettanto disprezzo ed aborro i Francesi, quanto amo, ed incenso la libertà »34) e, come Leopardi avrebbe sottolineato l’« annientamento morale », così Alfieri insisteva sui « tristi costumi » e sulla « corruzione » :

  • 35  Ibidem, pp. 732-733.

Ed ecco in qual guisa io mi fo a credere, che […] ogni retto, e libero animo e possa, e debba giustamente aborrire una sí fatta Nazione, i di cui tristi costumi hanno da cento e piú anni in qua indubitabilmente sparsa la corruzione di ogni genere fra tutte le altre ; ed ora, sotto diversa maschera, se ne va seminando la mostruosa, e funesta anarchia, innestata sulla propria natia putrefazione ; e le più inaudite crudeltà, e scelleraggini ; e ad un tempo il piú obbrobrioso servaggio ; la dipendenza, cioè, dei possidenti, e dei buoni, dai nulla tenenti, e dai rei. […] Io quindi mi vedo costretto […] a dimostrare con alcuni fatti, che amare non si può la libertà, né conoscerla, senza aborrire i Francesi […].35

  • 36  Stendhal, Rome, Naples et Florence, préfaces et notes de V. Del Litto, Lausanne, Éditions Rencontr (...)
  • 37  Cfr. O, p. 935 : « Era questo il tempo, dopo i funesti effetti della rivoluzione francese, dopo i (...)

28In Alfieri l’« obbrobrioso servaggio » si identifica nella situazione rivoluzionaria caratterizzata dalla prevaricazione dei « nulla tenenti » e dei « rei » sui « possidenti » e sui « buoni ». Proprio questo modo di inquadrare e giudicare la Rivoluzione francese, susciterà in Stendhal la famosa stroncatura che leggiamo in Rome, Naples et Florence36. Leopardi, considerando, con lo stesso habitus mentale che Stendhal stigmatizzerà in Alfieri, la Rivoluzione francese una funesta « parentesi negli annali dell’universo e nella cronologia dei regnanti »37, estende, per ragioni cronologiche e biografiche, la riprovazione al regime napoleonico, e non solo fa di Napoleone il prototipo del tiranno, ma ritiene anche il favore concesso a Napoleone dai francesi – un Napoleone di cui viene respinta ogni pretesa italianità e viene sottolineata l’identità nazionale d’oltralpe – segno indiscutibile di tendenza alla « servitù » :

Dopo la distruzione della tirannia, si son veduti degli spiriti virtuosi e sensibili rigettare sugl’italiani la odiosità dei mali cagionati all’Europa, accusar lo straniero dei delitti che hanno fatto fremere l’universo, e giudicar la Francia incapace di tali eccessi. Essi hanno dimenticato che, allorquando il tiranno era secondato dalla fortuna, essi avean detto : Noi possiamo riguardarlo come francese. I suoi più verdi anni, la sua educazione appartengono alla Francia, ed è colla educazione che l’uomo si forma ed apprende a concepir quei disegni che poscia deve eseguire. Sì, la Francia allevò nel suo seno questo mostro che aveva a sbranarla : invano vorrebbe essa rigettare sullo straniero l’orrore dei suoi misfatti. Taccio che il sangue francese scorre forse nelle sue vene. Ma già la Francia ha mostrato in faccia all’Europa chi debba dirsi reo delle sciagure che ci afflissero. Ella ha richiamato Buonaparte ; ella ha di nuovo esiliata quella famiglia augusta, che, per le sue virtù accompagnate dalle sventure, ha acquistato un diritto alla tenera compassione di tutti i cuori ; ella ha rigettati que’ gigli innocenti, che mal convenivano ad un popolo tinto di sangue, e loro ha sostituita l’aquila della rapina e del disordine. Quest’orribile tradimento, senza esempio nelle istorie e nuovo negli annali della civilizzazione, ha retto quel popolo vile e ribelle, degno della vendetta dell’universo. La Francia, col richiamare il tiranno, ha mostrato che ella è degna di essere schiava ; ma, se ella ama la servitù, l’Europa non vuol essergli compagna nella sua sorte. (O, p. 938)

29La stessa condanna della spedizione di Murat si risolve in una messa in guardia contro il « francese », per di più « di famiglia e di interessi congiunto al nemico dell’Europa » (« Quegli che ci proponeva […] di riunirci sotto un solo capo […] ci avrebbe fatti schiavi della Francia », O, p. 937). L’identità nazionale – francese – di Murat si risolve tuttavia, sul piano degli effetti retorici, nel tema più generico dello « straniero », che da un lato riporta a reminiscenze classicheggianti, dall’altro però non è priva di risonanze romantiche, anch’esse sempre fortemente letterarie.

305. In questo pamphlet antifrancese Leopardi introduce, infine, una tematica di grande attualità, quella delle spoliazioni artistiche cui l’Italia fu sottoposta durante il periodo napoleonico :

Ma l’Italia per colpa della Francia ha già perduta una parte del suo splendore. Ambizioso e vile, quel popolo sciagurato ci ha rapiti i più cari oggetti della nostra compiacenza e del nostro innocente orgoglio : i preziosi monumenti delle arti. L’Italia gettò un grido di lamento quando vide le sue contrade spogliarsi di ciò che ne formava la gloria, saccheggiarsi i suoi palagi, i suoi tempii privarsi dei loro più vaghi ornamenti, che formavano l’ammirazione dell’Europa e che intieri secoli non valgono a rimpiazzare. Ella vide lunghe file di carri carichi delle sue spoglie recarsi a valicare le Alpi e ad abbellire terre straniere, mentre il Francese avido e sitibondo, chiedeva nuove prede e nuova esca alla sua insaziabile ingordigia ; ella gemea frattanto sordamente e si spogliava e si spogliava del suo oro e dei suoi più preziosi pegni, per ricevere in cambio delle catene. Misera Italia ! che sono ora i tuoi tempii, oggetto una volta della invidia delle nazioni ? che sono i tuoi edifizi e le tue vie, sì ricche un tempo di ciò che a niun popolo era dato d’imitare ? Esse sono povere e nude, lo straniero possiede le tue spoglie e ne orna le sue contrade insanguinate, i suoi tribunali di proscrizione. Invano la natura ti fe’ madre feconda dei più nobili artefici, invano ti rese superiore ad ogni popolo nelle arti e ti fornì dei loro più rari prodotti, invano i Raffaelli e i Tiziani travagliarono assiduamente per illustrare la loro patria col loro immortale pennello ; lo straniero, non potendo rapirti gl’ingegni, ne usurpa i frutti e ti priva del modo di mostrare all’Europa con autentiche testimonianze la tua superiorità. (O, p. 937)

  • 38  Cfr. J. Bousquet, Recherches sur le séjour des peintres français à Rome au XVIIe siècle, Montpelli (...)

31Il motivo del primato dell’Italia nelle arti (« la natura […] ti rese superiore ad ogni popolo nelle arti ») corrisponde a una tradizione secolare, riconosciuta in Europa, che risale al Rinascimento, ed è all’origine della consuetudine del tour culturale nella penisola e, soprattutto, del soggiorno a Roma di artisti stranieri che ritengono opportuno – se non necessario, anche per ragioni di prestigio – l’apprendistato italiano. D’altronde, vediamo, da Poussin a David, una presenza ininterrotta, per due secoli, di pittori francesi a Roma, presenza che trova un punto di riferimento nell’Académie de France romana, che proprio nell’epoca napoleonica troverà sede in quella Villa Medici ancor oggi centro attivo per gli artisti d’oltralpe38. Il testo di Leopardi, riprendendo il mito del primato artistico, lo interpreta secondo lo schema tradizionale, riproposto dal Neoclassicismo (si pensi almeno a Mengs), di una esaltazione della pittura cinquecentesca che avrebbe trovato in Raffaello e Tiziano i modelli insuperati.

  • 39  Cfr. catalogo : La Celeste Galeria. Un esercizio di collezionismo, a cura di R. Morselli, Milano, (...)

32Accanto al motivo del primato, è il tema delle « spoglie », come si è detto, a introdurre un elemento di forte attualità. La dispersione europea di capolavori di artisti italiani è fatto ricorrente della storia dell’arte italiana dal Rinascimento in poi : dalle opere di Leonardo acquistate all’autore stesso da Francesco I e dai Prigioni di Michelangelo inviati in dono di nozze al futuro Enrico II, alla disgregazione e vendita della collezione dei Gonzaga all’inizio del Seicento – disgregazione così bene attestata dalla recente mostra di Mantova (2002)39 –, agli acquisti dei sovrani sassoni che faranno la ricchezza della pinacoteca di Dresda, la diaspora di dipinti e sculture italiane, del Rinascimento in particolare, è vicenda non solo abituale ma ininterrotta.

33La novità, semmai, e l’inaccettabilità della traslazione in Francia di opere d’arte consistono nel fatto che per la prima volta viene messo in atto – su tempi lunghi e su larga scala – uno ius spoliationis derivato dalla conquista militare : non acquisto quindi, ma furto sistematico, che si configura come un crimine contrario al diritto delle genti, per cui Leopardi avanza una precisa rivendicazione, che pare concretamente tenere conto delle richieste politiche e dei piani di restaurazione discussi in quei giorni al Congresso di Vienna :

Italiani ! si vuol privarvi di quella gloria che avete acquistata da tanto tempo e che tanti secoli vi confermarono. Non permettete che lo straniero profitti del vostro silenzio. Quando i monarchi liberatori d’Europa carichi di novelle palme avranno reiterato il loro ingresso trionfale nella ribelle Babilonia, ridomandate con fermezza i vostri monumenti e andate con confidenza a riconoscere fra quel cumulo di rapiti tesori le vostre spoglie insanguinate. (O, pp. 937-938)

34Mentre Leopardi attende alla stesura dell’Orazione, i Cento Giorni sono in corso. Dunque la Restaurazione viene messa in forse, e con essa la speranza di restituzione delle opere d’arte portate in Francia. Ma l’autore ostenta fiducia che la riconquista napoleonica sia effimera e che presto le truppe alleate ritornino ad occupare Parigi, la ribelle Babilonia, il che puntualmente avverrà dopo Waterloo con l’entrata del prussiano Blücher nella capitale francese, il 6 luglio 1815. Nel quadro, rapidamente abbozzato, di una Parigi città ribelle e corrotta (il simbolo biblico di Babilonia è significativo), i « monumenti », il « cumulo di rapiti tesori », le « spoglie insanguinate » evocano effettisticamente, con l’immaginario della depredazione, una politica di sopraffazione internazionale.

  • 40  Dati e bibliografia sul progetto del Musée Napoléon si troveranno in Dominique-Vivant Denon : L’œi (...)

35Questa evocazione, dagli accenti del tutto letterari, pone sul tappeto un problema pratico di politica sovrannazionale, quello appunto della restituzione e degli indennizzi delle confische. In particolare, viene qui ricordato un progetto centrale nella programmazione culturale napoleonica, quello del Musée Napoléon, progetto che avrebbe da un lato dovuto offrire un modello nuovo di esposizione museale, a finalità eminentemente didattica, dall’altro avrebbe dovuto essere elemento di glorificazione di Parigi, capitale europea, e, in certo qual modo, vetrina della produzione artistica dell’Occidente40. Il progetto, in parte abortito in parte realizzato nel Louvre ottocentesco, servirà di modello alla strutturazione di pinacoteche in tutta Europa, secondo un piano illustrativo storico-didascalico. Leopardi, tuttavia, non coglie questa portata innovativa e scientifica del « museo dell’Europa », anzi vede essenzialmente la prevaricazione ad opera di un popolo che pretende fare della propria capitale « quella del mondo civilizzato » :

Frattanto i francesi riconoscono essi i loro torti ? Dopo sì orrende catastrofi, sono essi pronti a rinunziare alle loro antiche prede ? No : la loro capitale è, dicon essi, quella del mondo civilizzato ; quivi deve essere il museo dell’Europa. Roma in una nobile indigenza cerchi i modi di risarcire con dei nuovi monumenti la perdita di quelli che essa ha ceduti alla erede di Atene. Vili usurpatori ! Noi detestiamo la vostra Atene, che non riconosce più dei Pericli, ma dei Pisistrati per capi, e che non ha più degli Armodi ad opporgli. (O, p. 938)

  • 41  Cfr. E. R. Curtius, Europäische Literatur und lateinisches Mittelalter, Bern, A. Francke Verlag, 1 (...)
  • 42  Testi citati e commentati in É. Gilson, Humanisme médiéval et Renaissance, in Id., Les idées et le (...)
  • 43  Cfr. D. Cecchetti, Un’egloga inedita di Nicolas de Clamanges, in AA. VV., Miscellanea di studi e r (...)

36Di nuovo viene ripresa una tematica squisitamente letteraria. Ritorna, infatti, in questa rappresentazione della Francia (e di Parigi) che si vorrebbe centro della cultura europea, il vecchio topos della translatio studii e della translatio imperii41. Fin dall’epoca carolingia il tema della translatio studii era stato impiegato per celebrare la cultura del nuovo impero franco. Secondo il cronista di San Gallo (IX sec.), ad opera di Alcuino la cultura carolingia avrebbe fatto sì che i moderni Galli eguagliassero i Greci e i Romani dell’antichità classica (« cuius in tantum doctrina fructificavit, ut moderni Galli sive Franci antiquis Romanis et Atheniensibus aequarentur »). Il primo che darà al topos la sua formulazione francese completa sarà Chrétien de Troyes (XII sec.), che nel Cligès affermerà : « […] Grece ot de chevalerie / le premier los et de clergie. / Puis vint chevalerie à Rome / et de clergie la some, / qui or est an France venue »42. I primi umanisti francesi – ad esempio, Nicolas de Clamanges –, in forte polemica con le affermazioni di Petrarca sul primato culturale italiano, celebrando l’Università di Parigi come centro del sapere, riproporranno l’equazione Parigi = Atene43.

37È questa una filière tematica, a volte puramente culturale, più spesso polemica, che perdura nei secoli successivi. Leopardi evidentemente se ne ricorda, riprende il topos, e in qualche modo lo rovescia a sfavore dei francesi, sfruttando reminiscenze letterarie : avviene infatti una contrapposizione di sapore alfieriano fra l’Atene di Pericle e quella di Pisistrato, con l’evocazione del tirannicida Armodio. Evidentemente, in questa polemica accettazione del mito della translatio, Parigi non viene identificata con l’Atene periclea, bensì con quella dei Pisistratidi. È interessante pertanto vedere lo stretto intreccio, nel pamphlet leopardiano, di riferimenti all’attualità e di spunti letterari, o meglio come la situazione contingente e alcuni problemi di politica corrente vengano reinterpretati secondo moduli retorici e tematiche classiche.

Haut de page

Notes

1  J. Leflon, La crise libérale. Restaurations et révolutions, in A. LefloneV. Martin (dir.), Histoire de l’Église, t. XX/2, Paris, Bloud & Gay, 1975 : trad. it., Torino, SAIE, 1984, pp. 533-535.

2 Ibidem, pp. 542-543.

3  L’Orazione fu pubblicata la prima volta da Giuseppe Cugnoni nelle Opere inedite leopardiane (Halle, Niemeyer, 1878-1880). Con la sigla O, la citeremo dall’edizione riportata in G. Leopardi, Tutte le poesie e tutte le prose, a cura di L. Felici e E. Trevi, Roma, Newton, 1997, pp. 934-938.

4  G. Getto, Saggi leopardiani, Messina-Firenze, D’Anna, 1977, pp. 28-29.

5  Cfr. anche, più avanti, O, p. 936 : « Ma se la vera felicità dei popoli è riposta nella pace necessaria alle arti utili, alle lettere, alle scienze, nella prosperità del commercio e dell’agricoltura, fonti della ricchezza delle nazioni, nell’amministrazione paterna di Sovrani amati e legittimi ; possiam dirlo con verità, non v’ha popolo più felice dell’italiano ».

6  A. Tartaro, Giacomo Leopardi, in La Letteratura italiana. Storia e testi, diretta da C. Muscetta, vol. VII/1 (Il primo Ottocento. L’età napoleonica e il Risorgimento), Bari, Laterza, 1977, pp. 645-840, qui p. 651.

7  Cfr. i vv. 52-60, ove Leopardi ricorda che l’« itala gioventude » combatte « per altra terra e per altra gente » (G. Leopardi, Tutte le Opere. Le Poesie e le Prose, a cura di F. Flora, Verona, Mondadori, 1940, vol. I, p. 6).

8  Cfr. vv. 99-100 : « Taccio gli altri nemici e l’altre doglie; / ma non la più recente e la più fera, / per cui presso alle soglie / vide la patria tua l’ultima sera » ; nella redazione primitiva al v. 100 avevamo « la Francia scellerata e nera » (Le Poesie e le Prose, ed. cit., vol. I, p. 11 e 1100 note).

9  Cfr., per il tema dell’antifrancesismo, l’indice analitico (voce Francia) dell’edizione critica di G. Pacella : G. Leopardi,Zibaldone di pensieri, Milano, Garzanti, 1991, vol. III, pp. 1345-1346.

10  Ricordiamo, a questo proposito, una lettera a Luigi De Sinner (del 18 dicembre 1832), in cui Leopardi afferma : « E non mi fa punto meraviglia che la Germania, solo paese dotto oggidì, sia più giusta verso di Voi, che la presuntuosissima, e superficialissima, e ciarlatanissima Francia » (G. Leopardi, Tutte le Opere. Le Lettere, a cura di F. Flora, Verona, Mondadori, 1970 [5ª ed.], p. 1066).

11  Contro la monarchia francese Dante muove durissimi attacchi. Se Ugo Capeto, il capostipite, la « radice de la mala pianta / che la terra cristiana tutta aduggia » (Purg., XX, 43-44), è indicato come « figliuol d’un beccaio di Parigi » (ibidem, 52) con la ripresa di una leggenda che susciterà in Francia polemiche antidantesche nel Cinquecento e oltre, soprattutto Filippo il Bello, il « mal di Francia » (Purg., VII, 109), è oggetto della condanna di Dante, che nel canto XX del Purgatorio traccia un quadro infamante del suo regno, accomunando nella riprovazione Carlo di Valois (« ch’a Fiorenza fa scoppiar la pancia », ibidem, 75) e la dinastia angioina di Napoli. Cfr. A. Farinelli, Dante e la Francia dall’età media al secolo di Voltaire, Milano, Hoepli, 1908, in particolare t. I, pp. 47-80 ; R. Ceserani, voce Francia, in Enciclopedia dantesca, diretta da U. Bosco, Roma, Ist. Encicl. It., 1970-1978, vol. III (1971), pp. 28-46 ; D. Cecchetti, Dante e il Rinascimento francese, « Letture Classensi », XIX (1990), pp. 35-63.

12  Anseau Choquart, inviato nell’aprile 1367 ad Avignone come ambasciatore del re di Francia Carlo V, aveva pronunciato davanti al papa Urbano V un discorso per distoglierlo dalla decisione di riportare la curia a Roma : tale discorso era un’esaltazione della Francia, della sua storia e della sua cultura. Nella primavera del 1368 Petrarca controbatteva le argomentazioni di Choquart, difendendo i diritti di Roma e dell’Italia, nella lettera a Urbano V cui facciamo riferimento (Sen., IX, 1, in F. Petrarcae, Opera quae extant omnia, Basileae, 1554, t. II, pp. 933-944, qui p. 937).

13  Per la storia della querelle, per i testi e per la bibliografia cfr. D. Cecchetti, Petrarca, Pietramale e Clamanges. Storia di una « querelle » inventata, Paris, CEMI, 1982.

14  G. Ouy, La dialectique des rapports intellectuels franco-italiens et l’Humanisme en France aux XIVe et XVe siècles, in Rapporti culturali ed economici fra Italia e Francia nei secoli dal XIV al XVI, « Atti del Colloquio italo-francese : Roma, 18-20 febbraio 1978 », Roma, Giunta Centrale per gli Studi Storici, 1979, pp. 137-155.

15  D. Cecchetti, Petrarca, Pietramala..., cit., pp. 15-59.

16  Id., Petrarca in Francia prima del Petrarchismo : un mito polemico, « Franco-Italica », 11 (1997), pp. 7-31.

17  L. Sozzi, La polémique anti-italienne en France au XVIe siècle, « Atti della Accademia delle Scienze di Torino », vol. 106 (1971-72), pp. 99-190.

18  D. Bouhours, La Manière de bien penser dans les ouvrages d’esprit, dialogues, Paris, Guillaume Desprez et P. G. Cavelier fils, 1743 (la prima edizione è del 1687), p. 387 : « Les Poëtes italiens ne sont guères naturels, ils fardent tout ».

19  Cfr. C. Viola, Tradizioni letterarie a confronto. Italia e Francia nella polemica Orsi-Bouhours, Verona, Edizioni Fiorini, 2001. Cfr. anche E. Falcomer, Antifrancesismo letterario di primo Ottocento. L’inedito « Parallelo tra i poeti classici italiani e francesi » di Carlo Vidua, « Franco-Italica », 1 (1992), pp. 119-144.

20  Cfr. l’opera, uscita anonima, [Giovan Giosefo Orsi] Considerazioni sopra un famoso libro franzese intitolato « La maniera di ben pensare nelle opere di spirito » [...], Bologna, per Costantino Pisarri, 1703.

21  E. Falcomer, op. cit., p. 120.

22 Ibidem, p. 121. Sul « patriottismo italico » fra Sette e Ottocento cfr. S. Timpanaro, Classicismo e Illuminismo nell’Ottocento italiano, Pisa, Nistri-Lischi, 1969 (2ª ed.), pp. 249-250.

23  C. Marazzini, Storia e coscienza della lingua in Italia dall’Umanesimo al Romanticismo, Torino, Rosenberg & Sellier, 1989.

24  E. Falcomer, op. cit., pp. 121-122. Cfr. anche G. Nicoletti, Letteratura e politica fra Rivoluzione e regime napoleonico, in La memoria illuminata. Autobiografia e letteratura fra Rivoluzione e Risorgimento, Firenze, Vallecchi, 1989, p. 96 ; P. Hazard, La Révolution française et les lettres italiennes, Paris, Hachette, 1910 (rist. anast. Genève, Slatkine, 1977).

25  La lettera-trattatello, di grande interesse, è stata pubblicata da E. Falcomer, op. cit., pp. 132-144 ; cfr. anche E. Falcomer, Carlo Vidua. Un giovane intellettuale subalpino, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1992.

26  Cfr. V. Masiello, Ragioni e senso di un libello controrivoluzionario : ‘Il Misogallo’, in Vittorio Alfieri e la cultura piemontese fra illuminismo e rivoluzione, « Atti del convegno internazionale di studi in memoria di Carlo Palmisano : San Salvatore Monferrato, 22-24 settembre 1983 », a cura di G. Ioli, Torino, Regione Piemonte, 1985, pp. 257-273 ; D. Gorret, Il poeta e i mille tiranni. Per una rilettura critica del Misogallo di Vittorio Alfieri, Salerno, Pietro Laveglia Editore, 1991.

27  Il Misogallo fu pubblicato soltanto dopo la morte di Alfieri, con la falsa data di Londra, 1799.

28 Il Misogallo (estratti), in V. Alfieri, Opere : I. Tragedie. Rime. Misogallo. Epigrammi. Satire. Commedie, a cura di F. Maggini, Milano, Rizzoli, 1940, pp. 723-744, qui pp. 724-725.

29  Cfr. anche solo le orazioni della Rivoluzione francese contenute nel primo volume della silloge (l’unico finora pubblicato) Orateurs de la Révolution française: I. Les Constituants, textes établis, présentés et annotés par F. Furet et R. Halévi, Paris, Gallimard (“Bibliothèque de la Pléiade”), 1989.

30  F. Petrarca, Canzoniere, CXXVIII, 95-96, a cura di M. Santagata, Verona, Mondadori, 1996, p. 612.

31  V. 16 (Le Poesie e le Prose, ed. cit., vol. I, p. 98).

32  Cfr. vv. 33-37 : « Or dov’è il suono / di que’ popoli antichi ? Or dov’è il grido / de’ nostri avi famosi, e il grande impero / di quella Roma, e l’armi, e il fragorio / che n’andò per la terra e l’oceano ? » (Le Poesie e le Prose, ed. cit., vol. I, p. 48).

33  Cfr. vv. 294-296 : « Caggiono i regni intanto, / passan genti e linguaggi : ella nol vede : / e l’uom d’eternità s’arroga il vanto » (Ibidem, p. 127).

34 Il Misogallo (estratti), in V. Alfieri, op. cit., p. 730.

35  Ibidem, pp. 732-733.

36  Stendhal, Rome, Naples et Florence, préfaces et notes de V. Del Litto, Lausanne, Éditions Rencontre, 1960, pp. 302-303 : « Le sort d’Alfieri fut de rugir contre les préjugés et de finir par s’y soumettre. En politique il ne conçut jamais l’immense bienfait d’une révolution qui donnait les deux Chambres à l’Europe et à l’Amérique, et faisait maison nette. […] ses vues furent toujours extrêmement étroites en politique. Il ne comprit jamais (voir les derniers livres de sa Vie) que, pour faire une révolution, il faut créer de nouveaux intérêts, id est de nouveaux propriétaires. D’abord, il n’avait pas d’esprit en ce genre ; en second lieu, il était noble, et noble piémontais. L’insolence de quelques commis de la douane de Pantin, en lui demandant son passeport, et le vol de douze ou quinze cents volumes, trouvant dans son cœur tous les préjugés nobiliaires, l’empêchèrent à jamais de comprendre le mécanisme de la liberté. Cette âme si haute ne vit pas que la condition sine qua non, pour écrire quelque chose de passable en politique, c’est de s’isoler des petits frottements personnels auxquels on peut avoir été exposé. Sur la fin de sa vie, il disait que, pour avoir du génie, il fallait être né gentilhomme […] ».

37  Cfr. O, p. 935 : « Era questo il tempo, dopo i funesti effetti della rivoluzione francese, dopo i danni orribili cagionati da quel popolo forsennato a tutta l’Europa, dopo le stragi crudeli e il sangue sparso per rientrar poi nello stato primiero e non fare che una parentesi negli annali dell’universo e nella cronologia dei regnanti, di proporre alla Italia una rivoluzione ? ».

38  Cfr. J. Bousquet, Recherches sur le séjour des peintres français à Rome au XVIIe siècle, Montpellier, A.L.P.H.A., 1980.

39  Cfr. catalogo : La Celeste Galeria. Un esercizio di collezionismo, a cura di R. Morselli, Milano, Skira, 2002.

40  Dati e bibliografia sul progetto del Musée Napoléon si troveranno in Dominique-Vivant Denon : L’œil de Napoléon, Paris, Réunion des Musées nationaux, 1999 (catalogo della Mostra, Paris, Musée du Louvre, 20 octobre 1999-17 janvier 2000).

41  Cfr. E. R. Curtius, Europäische Literatur und lateinisches Mittelalter, Bern, A. Francke Verlag, 1948 (trad. francese di J. Bréjoux, Paris, P.U.F., 1956, pp. 32-35) ; W. Goez, Translatio imperii. Ein Beitrag zur Geschichte des Geschichtsdenkens und der politischen Theorien im Mittelalter und in der fruhen Neuzeit,Tübingen, J. B. C. Mohr, 1958 ; A. G. Jongkees, « Translatio studii » : les avatars d'un thème médiéval, in Aa. Vv., Miscellanea Mediaevalia in memoriam Jan Frederik Niermeyer, Groningen, J. B. Wolters, 1967, pp. 41-51.

42  Testi citati e commentati in É. Gilson, Humanisme médiéval et Renaissance, in Id., Les idées et les lettres, Paris, Vrin, 1955 (2ª ed.), pp. 171-196, qui pp. 183-185.

43  Cfr. D. Cecchetti, Un’egloga inedita di Nicolas de Clamanges, in AA. VV., Miscellanea di studi e ricerche sul Quattrocento francese, Torino, Giappichelli, 1967, pp. 27-57.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°6, Variations autour des idées de patrie, État, nation, 2002.

Référence électronique

Saverio Ieva, « Amor di patria e misogallismo nel giovane Leopardi   », Italies [En ligne], 6 | 2002, mis en ligne le 14 mai 2009, consulté le 19 septembre 2017. URL : http://italies.revues.org/1592 ; DOI : 10.4000/italies.1592

Haut de page

Auteur

Saverio Ieva

Université de Provence

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org