Navigation – Plan du site
Patrie de toujours...

Economia, demos e ethnos : quali rapporti nell’epoca della globalizzazione ?

Maurizio Fanni
p. 365-383

Résumé

Questo saggio affronta un argomento complesso, concernente la capacità dei singoli e dei popoli di riuscire a convivere nell’epoca della globalizzazione. L’analisi si svolge su più piani che spesso si sovrappongono: l’economia, il diritto, la dottrina politica, il senso di identità e di appartenenza dei popoli, il tutto nel solco della storia e degli avvenimenti più recenti. L’autore giudica che occorra un ripensamento delle radici dell’economia e della finanza, della cultura che avvicina e genera il patto di fedeltà delle persone, tra loro e verso la società. Il contenuto politico si ispira al pensiero di Giuseppe Dossetti, protagonista ed ispiratore della Carta costituzionale dell’Italia repubblicana.

Haut de page

Entrées d’index

Mots-clés :

Droit, économie, peuple, politique

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

Attualità del tema

1Confido che le argomentazioni qui contenute suscitino interesse in Georges Virlogeux, sia sul versante degli studi (il susseguirsi dei cicli storici mostra analogie con il presente e consente di costruire la “memoria storica”), sia per il suo concreto operare in veste di amministratore pubblico. Nel “laboratorio” di Lançon de Provence, assieme alle passioni della politica, Virlogeux non può non interrogarsi sui dilemmi del nostro tempo.

2E se i fatti recenti dell’Italia nel campo della politica – che Virlogeux ben conosce – sono paradigmatici, va detto che, in qualunque Paese, e in ambito internazionale, la portata delle trasformazioni politiche e sociali ormai prodottesi richiede una profonda indagine sulla capacità degli uomini della nostra epoca ad assicurare :

3– la difesa della democrazia

4– un reale modello di sviluppo economico sostenibile

5– la tutela dei diritti civili, politici ed economici.

6Discuterò di quanto sopra in una prospettiva generale. Tuttavia i contenuti delle diverse sezioni sono da leggere con riferimento prevalente al contesto europeo ed alla situazione politica italiana.

7Si tratta, in particolare, di stabilire se i popoli dell’Europa sapranno convivere costruendo la loro casa comune sull’incontro tra le diverse culture e sulla capacità di congiungere etica e politica. In tutte le realtà, tali interazioni sono divenute cruciali.

8In passato la politica fu intesa come un’attitudine al raggiungimento dei fini, in grado di assicurare al “principe” il successo, la coesione e la sicurezza, al di là degli strumenti (leciti o illeciti) che egli era disposto a impiegare.

9Nell’epoca attuale, postmoderna, tale visione, pur perdendo alcuni dei suoi fattori costitutivi, ha ricevuto una sostanziale conferma : la politica, a tutti i livelli, rappresenta uno strumento diretto a soddisfare precisi interessi. Gli elettori, spesso configurati in gruppi di pressione e lobby, esprimono il loro consenso ad un programma che risponda alle loro esigenze, e favoriscono l’elezione di chi possiede l’energia necessaria per realizzare il disegno voluto. I giudizi sono politici (e cioè mirati ai fini) e non (necessariamente) etici, per quanto – rispetto al passato – sia innegabile che, almeno nei Paesi occidentali, si manifesti una più elevata solidarietà delle forze politiche verso le classi più deboli e svantaggiate ed una maggiore considerazione dei bisogni collettivi.

  • 1  Vedasi, per un approfondimento su detto aspetto, quanto, già diversi anni or sono, scrisse sul tem (...)

10La transizione dallo Stato liberale allo Stato democratico, ampliando le forze politicamente attive, ha comunque provocato un cambiamento rilevante riguardo alla concezione accolta di Stato e in merito ai fini fondamentali che questo si propone di raggiungere. Lo Stato democratico non può rimanere neutrale rispetto alla tutela dei diritti fondamentali e non può non estendere la sua penetrazione in tutti i settori della vita sociale nell’intento di assicurare il benessere dei cittadini1.

  • 2  Vedasi sempre Mortati, ibidem.

11Nello stesso tempo viene riconosciuto2 che la democrazia è una forma di stato di natura tale da potersi erigere soltanto su una società contraddistinta da una sostanziale unità ed omogeneità.

12L’ultimo elemento menzionato è da considerare decisivo.

13Seppure il cammino dell’Europa verso una società multiculturale, multietnica e multilinguistica non possa non essere coronato da successo, tuttavia non devesi dimenticare che svariati fattori di scollamento della struttura sociale ricevono consistente enfasi dal processo di globalizzazione.

14È questo un fenomeno di straordinaria complessità sul piano economico e sociale. Appare caratterizzato dall’accrescimento della competizione su scala internazionale e, ancor più, dalla delocalizzazione delle attività produttive, da una più veloce mobilità dei capitali, dalla diffusione delle innovazioni, dallo sviluppo delle nuove tecnologie, dalla smaterializzazione dell’economia, da una presa d’atto delle esigenze dell’ecosistema, dalla ricerca di accordi tra gli Stati in merito all’organizzazione del commercio mondiale, ecc. Il suo avvento ha fatto crollare, in più modi, l’idea di confine fisico, quello tra Stati. Oggi avvertiamo che le separazioni non sono “lontane” da noi, o “davanti” a noi, ma si collocano sempre più “dentro” di noi.

La globalizzazione

Gli interessi si uniscono

15La velocità con cui il mercato avvicina nuovi soggetti è di gran lunga superiore a quella con la quale gli stessi possono conoscere e stimare le reciproche diversità. Seppure le trasformazioni sociali siano orientate da un disegno politico, sono i concreti atti d’investimento delle imprese a creare le condizioni del cambiamento e ad accrescere la dinamica del lavoro nelle aree economiche prescelte.

16La ricerca del vantaggio competitivo conduce ad una continua esplorazione di possibilità di finanziamento a costo più basso e di opportunità d’investimento di capitali ad elevato rendimento ; e, soprattutto, ad un’attenta opera di selezione capace di ottimizzare il carico fiscale (international tax planning), come pure di ridurre al minimo il complesso dei rischi delle operazioni internazionali (fenomeno del financialrisk management).

17Protagonista (anche se non unica) dell’allargamento dei mercati, l’impresa globale è, in genere, oltre che multinazionale, anche un’impresa multiattività (multibusiness) suddivisibile in unità operative, distinte, seppure interagenti, dotate di propria redditività e liquidità (dunque caratterizzate dalla produzione di un reddito e di un cash-flow), e con capacità di desumere da mercati finanziari efficienti i tassi attesi di rendimento in condizioni eque sotto il profilo della rischiosità.

18In tale contesto il sistema finanziario, nei suoi vari aspetti, è parte attiva coinvolgendo le fonti e gli impieghi di risorse finanziarie e monetarie, le loro negoziazioni ed il loro trasferimento in ambito internazionale. Vengono così in essere molteplici ed estese operazioni mobiliari, attività bancarie, attività assicurative, ed in generale tutte quelle rese possibili dall’incontro di reti finanziarie internazionali in cui si esercita l’international commercial and investing planning ; e cioè l’arte di ridisegnare le proprie strategie finanziarie in rapporto alle possibilità d’impiego dei flussi eccedenti, secondo le opportunità continuamente rivelate dai canali informativi delle reti medesime.

19Processi commerciali e finanziari, un tempo impensabili, fondati sull’uso dei mezzi telematici, vengono ovunque ad esistenza e configurano nuovi metri di valutazione anche verso i rapporti contrattuali degli ordinari operatori commerciali e finanziari.

20In tal modo le distanze si riducono : flussi di valore, incorporati o meno in titoli, si muovono con sempre maggiore velocità attraversando i vari Paesi ; è in crescita sensibile l’impiego nei titoli “derivati” per fini di copertura del rischio e per operazioni speculative ; emerge il ruolo dei transfer price ; i princìpi contabili vengono sottoposti a collaudi e verifiche al fine di misurarne la rispondenza alle nuove esigenze ; prende sempre più piede il diritto fiscale delle operazioni internazionali ; trattati internazionali e convenzioni tra Stati intervengono per evitare il fenomeno della “doppia tassazione”.

  • 3  Vedasi sull’argomento : M. Fanni, Corporate Finance & Government, Prolusione inaugurale dell’anno (...)

21L’accorciamento della distanza varia naturalmente in rapporto al tipo di merce negoziata (lavoro, prodotti, capitali, ecc.). Il “tempo finanziario” che così via via si genera influenza la prassi e rappresenta un fattore importante di coesione degli scambi internazionali3.

Crescono le disuguaglianze

22Il meccanismo descritto, per quanto suggestivo, presenta aspetti contraddittori e crepe indiscutibili se si esaminano alcuni versanti della realtà economica e sociale. E ciò non solo per il possibile conflitto fra scelte dell’impresa globale ed interessi locali intangibili (quali la tutela dell’ambiente e il rispetto dei diritti personali ed umani) : continua ad acuirsi il divario economico tra Paesi ricchi e Paesi poveri cui corrisponde un’imponente lievitazione di flussi migratori. Il neocapitalismo nel mentre utilizza le consistenti opportunità offerte, esporta il proprio modello e ciò amplifica il richiamo di consistenti masse di popoli del sottosviluppo verso i Paesi industrializzati.

23Se, in generale, la tensione verso un più elevato standard di vita (e la conseguente disponibilità ad una mobilità personale o familiare) non può che essere apprezzata, in quanto favorisce l’incontro tra culture ed alimenta domanda e offerta di lavoro (possono confrontarsi visioni nuove e combinarsi differenti competenze e attitudini professionali e personali), una vigile ricognizione dell’attuale fenomeno evidenzia ampie criticità. Una simile dinamica economica e sociale diffusa su tutto il pianeta, produce conseguenze inquietanti, in particolare quando appare mescolata a forme di sfruttamento, di esclusione sociale e d’intolleranza politica e religiosa.

24Nei Paesi capitalistici – che sono poi quelli che alimentano il fenomeno della globalizzazione – si crea un clima ostile all’accoglienza indiscriminata di immigrati (pur considerati una forza di lavoro insostituibile, per l’esecuzione di mestieri rifiutati dai cittadini nazionali, ed a buon mercato), e ciò per le conseguenze che ne possono derivare in termini d’incremento di comportamenti illegali e di degrado sociale ed ambientale delle città.

25Sono ben noti, all’interno dell’Europa, i contesti descritti. Alcuni Paesi come il Regno Unito, la Germania e l’Olanda testimoniano più di altri le problematicità in atto, e le difficoltà di convivenza che la presenza rilevante di extracomunitari continuamente pone (ultimamente accresciuta dal difficile dialogo con l’integralismo islamico) e ciò pur avendo questi Paesi, come del resto l’Unione Europea accettato la prospettiva di orientarsi decisamente verso una società multilinguistica e multietnica.

Rileggiamo la globalizzazione

26Prima che i rapporti fra i popoli pervengano ad un punto di non ritorno s’impongono riflessioni sui nuovi modelli di sviluppo economico sostenibile per i Paesi occidentali e per quelli in via di transizione all’economia di mercato, e sulla conseguente dinamica sociale a livello mondiale.

27Pare evidente che in un’Europa che non solo registra, ma risente dei processi descritti, si debba costruire un nuovo tipo di dialogo tra le diverse culture e tradizioni comunque in essa presenti e vada inventata un’efficace strategia di rapporti politici, sociali e culturali da affermare sia all’interno dell’Unione che verso gli altri Paesi.

  • 4  A. Ferrucci, L. Andringa, Proposte operative per una globalizzazione solidale, in « Nuova Umanità  (...)
  • 5 Ibidem.
  • 6 Ibidem.

28Ciò che abbiamo denominato globalizzazione degli interessi sta comportando conseguenze inaccettabili, quale la concentrazione del potere economico nelle mani di un ristretto numero di grandi imprese afferenti ai Paesi industrializzati (attualmente il 40% del commercio internazionale avviene tra le 350 maggiori corporation mondiali). A ciò si aggiunga lo sconcerto derivante dai caratteri dello sviluppo orientato non già su frontiere produttive dirette al soddisfacimento dei bisogni collettivi del pianeta, ma sulla crescita esponenziale del commercio di prodotti finanziari. Come osservano A. Ferrucci e L. Andringa4, attualmente meno del 5% dei capitali scambiati tra nazioni serve per finanziare operazioni commerciali riguardanti beni reali e servizi non finanziari. Il restante 95% si orienta, almeno nel brevissimo periodo, su transazioni prevalentemente finanziarie. Ogni giorno si muovono, sui mercati finanziari, circa 2.000 miliardi di dollari, pari, approssimativamente, al valore dell’intero debito estero dei Paesi in via di sviluppo... L’umanità che vive nel mondo industrializzato (circa un sesto del totale) utilizza il 52% delle risorse petrolifere e consuma in egual proporzione l’ossigeno rinnovabile. Il suo modello di sviluppo, diffuso ed amplificato dal commercio globale, induce la rimanente parte della popolazione mondiale ad imitarlo e farlo proprio. Ma detto sviluppo non è realizzabile materialmente : ecco il grande inganno della globalizzazione del presente. « La generalizzazione di un tale sviluppo non sarebbe, infatti, sostenibile sotto il profilo ambientale, poiché le foreste e le alghe del mare del pianeta non sarebbero in grado di convertire nuovamente in ossigeno tutta l’anidride carbonica prodotta da idrocarburi, se tutti ne bruciassero come in Occidente »5. E se la conclusione non può dirsi scontata, merita, tuttavia, un’attenzione non superficiale la seguente considerazione : « …prima dell’11 settembre, l’Occidente poteva pensare che la forza dei suoi eserciti avrebbe comunque contenuto le pretese altrui ; oggi… ci si rende conto che poche decine di terroristi sono bastati a bloccare lo sviluppo economico mondiale, e non basteranno armi sofisticate a frenare fenomeni inarrestabili legati al destino di miliardi di persone »6.

29Per queste ragioni, anche di segno opposto, il mondo globalizzato si presenta come un sistema fragile in cui però tutti sono inseriti ; un sistema ancora in fase di abbozzo, dove chi vince vorrebbe prendere tutto, ma dove nessuno veramente vince. Un sistema che per vincere propone anche l’uso dello sterminio (il terrorismo da una parte, le contromisure e le rappresaglie, dall’altra) quale forma di azione politica.

30Il pericolo che tutti corriamo sta nel fatto che le cellule di cui il sistema è composto presentano, per la mancanza di dialogo e di reciproca conoscenza, zone non conosciute, nuclei di estraneità, che possono ribellarsi. Ciascuno, nelle condizioni che si stanno prefigurando, in futuro, potrà essere additato come il nemico. Allora assisteremo a fatti insoliti. Si manifesteranno oppositori imprevisti e questi non necessariamente verranno dalla parte presso cui eravamo pronti ad attenderli.

31I processi di non inclusione potranno trasformarsi in linee trasversali, interne a ciascun sistema, ed ergersi a difesa di interessi forti. Incapaci di colloquio, saranno pronti a far pagare al presunto rivale qualsiasi prezzo.

Globalizziamo anche i diritti

32A causa di tali effetti, ben avvertiti, soprattutto i giovani vivono con trepidazione il momento attuale.

33Una sfida è in corso e attraversa tutti i continenti ; è sentita presso ogni popolo.

34Anche in Europa l’avventura del grande mercato interno e i processi di estensione dell’idea europeista debbono condurre ad un cambiamento culturale, economico e sociale al fine di poter fronteggiare la crescente complessità del nostro tempo.

35Il futuro delle nuove generazioni (il loro spegnersi sulla scena del pianeta o il rimanervi in piena autonomia e dignità), dipende dalla nostra capacità di generare una risposta reale ai problemi segnalati. Alla globalizzazione degli interessi occorre associare la globalizzazione dei bisogni e dei diritti umani e questa non può che prendere avvio da un riesame delle radici della cultura che ha prodotto il sistema capitalistico.

36È compito della politica e della cultura evitare che gli effetti della globalizzazione siano pagati attraverso la violenza e la sofferenza collettiva, con una sostanziale sospensione della difesa dei più deboli e dei vinti.

Cultura e società

Verso gli “stranieri morali”

37Filosofi e sociologi avevano avvisato sull’imponenza che un fenomeno, collaterale al descritto modello di sviluppo dell’economia, stava assumendo : l’emergere del relativismo culturale.

38L’epoca moderna caratterizzata dal mito della ricerca della verità si è scontrata con l’insoddisfazione per i molti traguardi continuamente rinviati e per l’abbandono delle visioni deterministiche. In un primo tempo si era potuto immaginare che si fosse giunti alla costruzione un nuovo orizzonte di pensabilità del mondo, del quale sfuggono le coordinate ed al quale riserviamo la denominazione di postmoderno. Si sarebbe trattato di una fase ulteriore di modernità resa più fragile dall’accentuarsi del relativismo culturale tipico della società attuale.

39Si deve riconoscere che ciò non è accaduto : come l’epoca moderna si è avviata al suo epilogo nel momento in cui si è riconosciuta l’impossibilità di stabilire il fondamento della verità (all’interno dei singoli campi: scientifico, logico, estetico, giuridico, morale), così il postmoderno ha rivelato la sua illusorietà nel momento in cui il ricorso alla ragione al fine di determinare una gerarchia dei valori è naufragato nel soggettivismo. La complessità sociale, con i suoi innumerevoli cammini culturali, di fede, di spiegazioni etiche ecc., ha fatto emergere un paradigma assolutamente inedito : il politeismo culturale.

40Ecco allora che ciò che si definisce postmoderno non solo non può riportare ad unità le diverse opzioni, ma conduce alla conclusione che tra i valori che presiedono all’ordinamento del mondo il contrasto è inconciliabile. In realtà siccome il postmoderno si lascia qualificare solo dal passato che è noto e non dal futuro, che è incerto, ecco che non è possibile assumerlo come dotato di una propria epistemologia.

41È questo il territorio all’interno del quale, nel mondo occidentale, storicamente si sono manifestate le convergenze e le divergenze tra le diverse identità, si sono confrontate visioni laiche e di fede, hanno acquisito peso le dispute filosofiche e le opinioni culturali e le correnti sociali e politiche.

42È così nato un tessuto, frammentato e profondamente deluso, su cui ha attecchito agevolmente la cultura della globalizzazione, la quale non pretende alcuno spazio che sia capace di alimentare tra le persone il colloquio e la reciproca conoscenza, nel mentre giustifica e produce rapporti fondati sul perseguimento di interessi economici.

43Il politeismo culturale ha così condotto ad una polverizzazione esistenziale che rende sempre più arduo il dialogo tra i soggetti del mondo globalizzato i quali, in generale, sono in possesso di diversi criteri di valutazione morale.

  • 7 Manuale di Bioetica, tr. it., Milano 1991 ; vedasi anche, in merito, le osservazioni di F. D’Agosti (...)

44Tuttavia è possibile riconoscere i germi di una nuova epistemologia negli atteggiamenti di diversi studiosi di problemi etici (rilevanti nella sfera sociale, in quella della bioetica, della business ethics, ecc.). Un ragionamento destinato a ricevere credito è, ad esempio, quello di U.T. Engelhardt jr7.

45A U.T. Engelhardt jr dobbiamo il diffondersi dell’espressione « stranieri morali » che egli utilizza per indicare la situazione spirituale degli uomini di oggi, che, pur vivendo accanto, sono incapaci di comunicare, per il fatto di riferirsi a differenti archetipi etici. La visione di Engelhardt conduce allora a prefigurare un ambiente dove gli esseri umani, pur di sopravvivere, si accordano sulla base di convenzioni che dovrebbero garantire un diritto naturale minimo.

  • 8  Vedasi i suoi noti scritti intitolati La società aperta ed i suoi nemici (1945).

46Approfondirò tale aspetto, per i risvolti strettamente politici che lo caratterizzano, nelle sezioni che seguono. Voglio, peraltro, completare la prospettiva in discussione conducendo un breve parallelo tra la visione di Engelhardt e quella della “open society” di Karl R. Popper8.

47Seppure le due concezioni presentino innegabili analogie (con affermazione in entrambe della libertà e della responsabilità individuale, la necessità che ogni essere umano si faccia carico dei rischi dell’esistenza, la richiesta di un sistema statale e normativo leggero, e così via) le due prospettive si differenziano su di un aspetto sostanziale : il grado di omogeneità sociale che presuppongono ; e che deve essere qui inteso come coesione dei valori fondamentali, in specie di quelli politici, nell’implicito riconoscimento che l’identità e l’organizzazione politica di uno Stato moderno non avviene sulla base di un ethnos ma sulla base di un demos. Invero, la visione post-moderna di Engelhardt parte dal presupposto, d’altronde innegabile, che la società attuale subisce segni di sfaldamento e che, dunque, non può che essere orientata ad accrescere il proprio grado di disomogeneità. Al contrario la “open society” rappresenta il culmine di un processo raffinato, orientato ad esaltare la qualità della vita della civiltà occidentale, in un quadro dove le differenze di status, cultura, interessi prevalenti, ecc. sono partecipi dell’arricchimento della propria personalità. Trattasi così di due visioni esistenziali che assumono basi di partenza considerevolmente diverse.

Diritto naturale minimo e federalismo

48Se impieghiamo il modello di Engelhardt quale strumento interpretativo di carattere generale (e cioè se non limitiamo i suoi orizzonti alle mere relazioni interpersonali), è lecito far rientrare, nel processo di identificazione del diritto naturale minimo, in modo rilevante :

49– l’elemento dell’identità storica posseduto da ogni popolo

50– l’elemento dell’ethnos quale fattore costitutivo di identità

51Entrambi sono un presupposto preliminare e fondamentale di comportamenti culturali e politici.

52Qui non si vuole asserire che la spiegazione di Engelhardt (vale a dire la supposta ineluttabilità che ogni cosa vada regolata attraverso un accordo) agisca nel senso di giustificare gli “stati etnici” oppure qualsivoglia azione delle minoranze etniche mirate alla “non inclusione” ad esempio per ragioni di tipo nazionalistico o al fine del mantenimento di privilegi.

53Va, però, segnalato che il suo teorema, qualora fosse rigidamente orientato su aspetti di ethnos, rischierebbe di assumere un significato dirompente al livello della cultura occidentale. Si pensi, per averne un’idea, alla problematicità di rendere compatibile una tale logica con i princìpi che guidano all’ottenimento della cittadinanza europea (necessariamente svincolata dall’appartenenza etnica), ovvero alla fruizione dei diritti civili, politici ed economici.

54Ed ecco, allora, che – sul piano dei rapporti collettivi – l’effettiva indicazione (e cioè lo strumento politico) sotteso all’idea dell’accordo ed al diritto naturale minimo di cui parla Engelhardt non può che essere il federalismo.

55Anche all’interno dell’Unione Europea è questo il fattore su cui discutere e ciò sia nella sua doppia prospettiva di accordo tra Stati nazionali disposti a cedere una parte della loro sovranità, sia di un’Europa composta da regioni territorialmente ampie che dovrebbero accrescere la loro autonomia sino a configurarsi quali Stati federati.

Il “federalismo” di I. Kant

56Non si può non condividere la tesi di Immanuel Kant secondo cui il fondamento della pace sta nel diritto e che il diritto si realizza quando gli uomini, obbedendo a leggi eque, da loro istituite, non abbiano più motivi moralmente validi e legittimi per violarle.

57Nasce da qui la giustificazione :

58– della forma repubblicana degli stati ;

59– dei principi di libertà, eguaglianza e giustizia ;

60– della federazione mondiale degli stati.

61Essendo lo stato di natura di tipo conflittuale (con minacce di guerra), la pace è la situazione in cui gli uomini, riuniti in una federazione internazionale, rinunciano alle armi per far valere le loro ragioni. Secondo Kant a livello internazionale non c’è diritto, nel senso ampio del termine, senza una federazione di liberi Stati.

62E ancora, in modo emblematico, ben trasferibile ai nostri giorni, merita attenzione la sua affermazione che quando ciò non accade e si manifestano i conflitti, il successo degli Stati vincitori in una guerra nulla implica sulla questione del diritto.

63Ma va con forza ribadito che la tesi di Kant, ed in generale degli assertori dello Stato federale, nulla intende imporre o determinare sui criteri di organizzazione statuale all’interno dei singoli Stati nazionali.

64Se gli Stati esistono e solo in quanto ciò accade, allora (!) possono e, anzi, debbono federarsi per metter fine, nella storia, ai guasti provocati dalla diseguaglianza e dalla discordia.

65Stabilita in precedenza la libertà e la giustizia, dando vita agli Stati repubblicani, se ne deriva poi logicamente la federazione mondiale. Con ciò cesserebbe la legittimazione della violenza dell’uomo sull’uomo e il diritto regnerebbe sul pianeta.

66In questa concezione i popoli, in quanto ordinati in Stati, sono considerati alla stregua di individui (che vivendo nello Stato di natura – e cioè senza leggi esterne – si recano ingiustizia per il solo fatto della loro vicinanza). Federandosi si garantirebbe ad ognuno il proprio diritto.

67Qui non ci stanchiamo di ripetere che l’idea della federazione internazionale presuppone l’esistenza dei singoli popoli, delle singole nazioni. A questa consapevolezza i teorici del federalismo non hanno mai voluto rinunciare.

68Federandosi si aggregano componenti complesse ed inscindibili (almeno nel momento storico in cui l’aggregazione avviene) ciascuna delle quali deve possedere al suo interno caratteristiche di identità ed omogeneità (storica, linguistica, culturale, ecc.).

69Unire in federazioni i popoli è atto meritorio e diretto alla costruzione della pace.

70Spezzare, invece, o spaccare l’unità di un popolo è fenomeno opposto e provoca l’esplosione di conflitti irrefrenabili ed irrazionali.

71La civiltà di un popolo implica, dunque, questi contemporanei aspetti :

72– che il singolo Stato si configuri quale Stato di diritto (con i propri poteri legislativo, esecutivo e giudiziario) ;

73– che il singolo Stato senta l’esigenza di garantire agli altri Stati le medesime prerogative e sia disponibile alla libera federazione.

La notte della repubblica

Il “federalismo deviato”

74Questi principi mostrano l’errore che viene compiuto da tutti coloro (e ci riferiamo in modo particolare alla Lega di Umberto Bossi) che propongono la divisione dell’Italia in un numero imprecisato di Stati federati (che, in genere, si immaginano corrispondenti a maxiregioni) nell’intento di difendere l’identità storica e, talora, linguistica di porzioni del popolo italiano, come pure – in dati casi – di garantirne l’identità etnica.

75L’Italia deve federarsi con gli altri popoli, fa ora parte dell’Unione Europea ; ma non può dividersi per federarsi.

76È vero che deve darsi una nuova organizzazione generale, assai più decentrata e snella, la quale favorisca il dialogo e l’osmosi con gli altri popoli, la solidarietà e il desiderio di collaborare con le altre culture. Questa nuova forma organizzativa non si chiama però Federalismo ma Regionalismo. L’Italia deve andare verso un nuovo Regionalismo che meglio garantisca la capacità di autodeterminazione dei singoli cittadini (con un potenziamento cioè dei diritti politici ed economici attraverso l’uso dello strumento del demos).

77Per raggiungere tale obiettivo non serve il “parlamento del nord” o il “parlamento del sud”, come non serve un’Assemblea Costituente.

78È invece necessario che il potere politico accetti il dialogo con i cittadini. È una repubblica dei cittadini quella che si deve istituire, non solo in Europa, ma anche in Italia.

L’eclissi del patto di fedeltà

79I limiti della cultura del federalismo applicato all’interno degli stati nazionali è ben chiarito da Giuseppe Dossetti. Egli così, efficacemente, si esprime, con riferimento al periodo conclusivo del secondo conflitto mondiale ed al sorgere dell’Italia repubblicana : « …l’inizio della vita della Repubblica è stato, sostanzialmente, un patto di fedeltà, il quale, nella sua visione, ha richiesto da parte di tutti …un’opzione preliminare per il bene ». Prima tutti si sono spogliati degli interessi di parte ed hanno scelto il bene. Solo dopo che ciò era accaduto – ed anzi, in quanto ciò era accaduto – è stato possibile confrontare le idee, dar vita alla carta costituzionale, fondare la Repubblica.

  • 9 Sap. 17, 13, 15.

80Ma – avverte Dossetti – « oggi incombe sul Paese la notte delle persone [...] nella quale la persona è custodita rinchiusa in un carcere senza serrami »9.

81Si è perso il senso del “con essere” e la comunità è fratturata sotto un martello che la sbriciola in componenti sempre più piccole (di qui la fatale progressione localistica) sino alla riduzione al singolo individuo.

82Ed è sul singolo che costruisce la sua dottrina l’ideologo della Lega. I diritti sarebbero solo degli individui, e rispetto agli altri non vi potrebbero essere che contratti, in funzione dei rispettivi interessi e del reciproco scambio.

  • 10  Giuseppe Dossetti, La sentinella interrogata, paragrafo 4, Città dell’uomo, 18 maggio 1994.

83Avverte Dossetti che « Noi stiamo entrando in un’età caratterizzata dal primato del contratto e dall’eclissi del patto di fedeltà »10.

  • 11 Ibidem.

84« Un’età… in cui gli ordinamenti federali sono sistemi in cui si tratta e si negozia senza soste »11.

  • 12  Giuseppe Dossetti, La Costituzione della Repubblica oggi, Bari, Università, 13-5-1995.

85E con riferimento alle idee secessioniste così si esprime : « Un’Italia ridotta praticamente al solo Nord, non avrebbe più nemmeno un decimo della sua attuale importanza politica ». L’importanza dell’Italia sta nella congiunzione del fattore continentale con quello mediterraneo. Tale congiunzione « ...che deve diventare [...] una coniugazione armonica e valida dei due fattori, è il proprio costitutivo imprescindibile dell’Italia e la ragione di tutta la sua rilevanza oggettiva, socioeconomica, politica e spirituale »12.

Il primato del demos

86In realtà i due sistemi sono tra loro diversi nei presupposti, nelle modalità attuative, nelle linee di sviluppo. Sono anche differenti nelle prospettive di evoluzione nel contesto del processo d’unità politica europea.

87La logica dello Stato regionalista sta nell’esistenza di un patto di fedeltà intervenuto tra tutti i cittadini, che si riconoscono in una medesima comunità nazionale, pur con le molte specificità di ordine storico, geografico, delle differenze di sviluppo economico, ecc. e che uniti vogliono restare sul piano del sistema sociale, culturale dei valori, delle radici storiche, della cittadinanza (anche in presenza di minoranze etniche e linguistiche, le quali accettano di essere riconosciute proprio in virtù di un loro specifico ethnos), restando identico per tutti i cittadini il demos e cioè il fattore base di partecipazione all’organizzazione politica del Paese. Nel sistema regionalista, pertanto, tutte le componenti sociali ed economiche della comunità nazionale mirano a realizzare un’unità funzionale, e non una separazione delle une dalle altre.

88La logica della Lega si fonda, al contrario, sulla tesi che gli interessi, insindacabili, dell’individuo prevalgono su quelli della comunità. Questa, a sua volta, è composta da soggetti in continua contrattazione gli uni verso gli altri. Non è ipotizzabile una scelta comunitaria fondata su elementi unificanti. Sono ipotizzabili solo maggioranze o minoranze.

89Il fattore di base che guida l’organizzazione politica, e cioè il demos, viene pure alterato. Il diritto di voto non lega più nel medesimo modo tutti i cittadini. Essi fruiscono di tale diritto, per alcuni versi, in maniera più limitata, in quanto viene ridotta l’interazione dei singoli appartenenti ad una unità territoriale, nella vita delle altre componenti lo Stato federalista, mentre ne viene enfatizzata quella sovrastatuale. Si richiedono, talora, organi politici (camere nazionali) e di controllo costituzionale e della Magistratura che ripetano – in secondo grado – forme di delega già acquisite presso le assemblee elettive delle singole unità componenti lo Stato federalista.

90Seppure i fautori dell’introduzione del sistema federalista asseriscano che tale processo si manifesterebbe con estesa progressione temporale, numerosi sono gli interrogativi in merito agli asseriti vantaggi che ne deriverebbero per la collettività, in raffronto al più sicuro quadro offerto da un regionalismo forte ; e ciò particolarmente nel contesto italiano il quale – ad avviso di chi scrive – è ancora caratterizzato dalla presenza di una sicura coscienza nazionale.

91La società italiana, pur oggi, di certo, disorientata da avvenimenti politici che hanno messo allo scoperto abusi e malcostume, e sprechi di risorse, è infatti largamente unita. Anche il problema delle diversità etniche e linguistiche non è suscettibile di essere risolto attraverso forme di federalismo. Queste, al contrario, avrebbero l’effetto di generare tensioni e contrasti oggi sconosciuti, proprio nelle zone confinarie e più lontane del Paese, accentuando elementi di divisione culturale e politica e richiamando elementi di differenziazione e di sterilizzazione etnica e linguistica. L’ethnos (talora artificialmente creato), e non il demos, rischierebbe di divenire protagonista. Ciò non può non preoccupare in specie se si rammentano i recenti avvenimenti dell’Europa orientale pervasa da fenomeni irrefrenabili di frantumazione che hanno provocato immani drammi sociali e personali. Ogni ragionamento sul federalismo, a mio avviso, deve perciò essere coniugato con il processo d’integrazione politica europea.

Elementi per una proposta

Economia, mercato, società civile

92Non è agevole tentare una sintesi che abbracci i multiformi aspetti discussi. Credo, peraltro, di dover offrire almeno un’indicazione (coerente con quanto già esposto sul piano della politica) che metta a nudo i limiti degli attuali postulati dell’economia e sia idonea a suggerire, almeno in prospettiva, dei criteri in grado di condurre ad un modello di sviluppo mondiale sostenibile.

  • 13  M. Hollis, Trust within reason, Cambridge 1998, M. Hollis e R. Sugden, Rationality in action, in « (...)

93Uno dei più consistenti limiti della scienza economica dipende dal fatto che la visione classica dell’economia non indaga sugli obiettivi (l’azione razionale consiste nella scelta dei migliori mezzi per appagare le preferenze individuali, qualunque queste siano). Si prescinde, cioè, dall’esistenza di bisogni personali e collettivi da soddisfare. Seppure non sia questa la sede per una discussione del complesso tema, vogliamo far presente che si sta facendo avanti l’idea di associare alla razionalità la nozione di socialità. Ad esempio il filosofo inglese Martin Hollis13 sviluppa la teoria della fiducia razionale che è radicalmente differente dal modo convenzionale di intendere la razionalità oggi in economia, per il ruolo che in essa svolge la « dimensione di reciprocità ». Si tratta, allora, di sottoporre a riesame i paradigmi della teoria economica e i criteri con cui gestire le attività economiche. Essendo queste esercitate, come si è ampiamente messo in evidenza, secondo standard inadeguati rispetto alle esigenze dell’umanità, occorre costruire una nuova ermeneutica della realtà, intesa quale sistema complesso, aperto verso la werationality, tenendo conto in modo forte della presenza dei vincoli ambientali e del fenomeno delle disuguaglianze sociali.

94La storia insegna che, anche in altri momenti, gli uomini più responsabili sono riusciti a osservare più in profondità, o più in alto, alla ricerca di nuove strade, avendo a cuore non solo l’oggi ma il futuro dei propri figli. Le stanze della conservazione, dei poteri forti sembrano invulnerabili. Costituiscono uno Stato nello Stato i cui attori nessuno pubblicamente elegge e che il popolo non può conseguentemente sfiduciare.

95“Arbitro” della situazione deve così divenire la società civile. Per agire responsabilmente, questa deve possedere le leve dell’informazione ed assumere un ruolo attivo non solo nell’esercizio dei diritti politici, ma nell’attività di selezione della qualità dei processi economici dato che ciascuno (sui mercati dei beni e sui mercati finanziari) diventa consumatore o risparmiatore. È necessario orientare il consenso verso le imprese che adottano le best practices (nel senso più lato del termine, dall’accettazione della Social Accountability SA9000, alle certificazioni ambientali, alla redazione del bilancio sociale, all’introduzione sui prodotti di un marchio garante rispetto di una politica aziendale eccellente ; all’introduzione di presidi di trasparenza finanziaria). La conquista di un tale ruolo coopererà sinergicamente al fine di creare un potere condizionante per la salvaguardia dei valori umani, della cultura, dell’ambiente, e dei criteri dello sviluppo economico. E va anche osservato che con l’impiego delle nuove tecnologie e l’apertura al mondo multimediale (suono-testo-immagine) – e le conseguenti trasformazioni paragonabili a quelle della prima rivoluzione industriale – ed altresì per effetto della smaterializzazione dell’economia (per cui la produzione sempre più si fonda sulla creazione e lo sfruttamento delle conoscenze) il descritto disegno riceverà un’enfasi crescente in quanto sarà possibile sottrarre gradualmente al capitale la supremazia anche nei campi più strettamente inerenti ai processi produttivi.

Haut de page

Notes

1  Vedasi, per un approfondimento su detto aspetto, quanto, già diversi anni or sono, scrisse sul tema l’insigne giurista Costantino Mortati in Le forme di governo, Lezioni, Padova, CEDAM, 1973, p.g 65 e sgg.

2  Vedasi sempre Mortati, ibidem.

3  Vedasi sull’argomento : M. Fanni, Corporate Finance & Government, Prolusione inaugurale dell’anno accademico 1996-97 del Polo universitario goriziano.

4  A. Ferrucci, L. Andringa, Proposte operative per una globalizzazione solidale, in « Nuova Umanità », n. 138, 2001/6.

5 Ibidem.

6 Ibidem.

7 Manuale di Bioetica, tr. it., Milano 1991 ; vedasi anche, in merito, le osservazioni di F. D’Agostino, Non esistono “stranieri morali”. Note minime su bioetica laica e bioetica cattolica, « Bioetica », I, pp. 132-138.

8  Vedasi i suoi noti scritti intitolati La società aperta ed i suoi nemici (1945).

9 Sap. 17, 13, 15.

10  Giuseppe Dossetti, La sentinella interrogata, paragrafo 4, Città dell’uomo, 18 maggio 1994.

11 Ibidem.

12  Giuseppe Dossetti, La Costituzione della Repubblica oggi, Bari, Università, 13-5-1995.

13  M. Hollis, Trust within reason, Cambridge 1998, M. Hollis e R. Sugden, Rationality in action, in « Mind », gennaio 1993.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°6, Variations autour des idées de patrie, État, nation, 2002.

Référence électronique

Maurizio Fanni, « Economia, demos e ethnos : quali rapporti nell’epoca della globalizzazione ? », Italies [En ligne], 6 | 2002, mis en ligne le 14 mai 2009, consulté le 29 mars 2017. URL : http://italies.revues.org/1615 ; DOI : 10.4000/italies.1615

Haut de page

Auteur

Maurizio Fanni

Université de Trieste

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org