Navigation – Plan du site
Echos et messages littéraires ou artistiques

Gli “statini” italiani : un problema settecentesco, secondo alcuni letterati

Arnaldo Di Benedetto
p. 523-525

Résumé

Nella seconda metà del Settecento il problema della divisione in piccoli Stati – causa della debolezza politica della nazione – viene posto, in Italia, in più occasioni. Se ne occuparono anche tre letterati (un brillante critico letterario e due poeti : Baretti, Alfieri e Ippolito Pindemente), peraltro senza adeguati approfondimenti. Il problema acquisterà una vera urgenza negli anni Novanta di quel secolo, a partire dal cosiddetto “trentennio giacobino”.

Haut de page

Texte intégral

1II tema della lunga debolezza politica dell’ltalia, della sua divisione, del conseguente “machiavellismo” di basso conio dei suoi principi e ministri – una situazione che non manca, su tempi lunghi, si dice, d’avere tuttora riflessi negativi sul costume politico italiano, a quasi centocinquant’anni dall’unificazione del Paese – si pose nel secondo Settecento con un’urgenza nuova. Non si trattava ormai più solo delle tirate retoriche del verseggiatore di turno : « Italia, Italia, o tu cui feo la sorte / dono infelice di bellezza » eccetereccetera. Era in realtà una fase che davvero preludeva a quello che sarebbe stato un problema urgente e drammatico, in Italia, a partire dal cosiddetto « triennio giacobino » e dall’età napoleonica.

2Indicherò, in questo breve e affettuoso saluto al caro e stimato amico Georges Virlogeux, come furono sensibili al problema, in particolare, tre hommes de lettres in senso stretto di quel secolo : un brillante critico letterario, Giuseppe Baretti, e due poeti, Vittorio Alfieri e Ippolito Pindemonte.

  • 1  Rinvio al mio La “repubblica” di Vittorio Alfieri, in Dal tramonto dei lumi al Romanticismo, Moden (...)

3Sebbene Alfieri abbia dedicato le sue riflessioni teoriche esclusivamente, o quasi, a temi politici, non è un mistero che un alone di indeterminatezza circonda i suoi trattati DellaTirannide, Del Principe e delle Lettere,il dialogo La virtù sconosciuta e il paradossale esercizio retorico Panegirico di Plinio a Trajano1. Di qui la diversità delle interpretazioni proposte nel tempo. Circa il tema specifico della divisione politica dell’Italia, va rilevato un sintomatico e satirico diminutivo contenuto in una sua lettera del 1790, indirizzata da Parigi forse a Luigi Angiolini, nella quale si accenna alle « solite stitichezze censorie dei nostri statini d’Italia » (mio il corsivo). L’incipiente nazionalismo, di cui Alfieri fu un araldo, trovò espressioni caratteristiche e un tempo ben note in un sonetto come Giorno verrà, e, prima, nell’undicesimo capitolo del libro III del trattato Del Principe e delle Lettere. In quest’ultimo, intitolato con Machiavelli Esortazione a liberar laItalia dai barbari, dopo aver elogiato l’energia degli italiani (e del luogo si ricorderà il grande Stendhal), straordinaria anche nei misfatti, azzardava una profezia. I diversi principati, tra loro discordi, in cui era allora suddivisa l’Italia in breve tempo sarebbero diventati due soli, e infine uno. A questo punto gli italiani, ormai illuminati, assicurava Alfieri, avrebbero posto fine a quell’unico principato assoluto, e instaurato un regime di libertà. La profezia è, come si vede, grezza e meccanica, quasi elementarmente antesignana del determinismo di certo storicismo profetico (ma con pretese di scientificità) allaSpengler, o anche marxista ; quella forma di storicismo combattuta con tenacia da Karl Popper, il quale dichiaratamente evitava di confonderla con lo storicismo di un Benedetto Croce. A buon conto, l’esigenza da cui moveva quella pseudo-profezia poneva Alfieri non lontano dalle aspirazioni affini degli aborriti « giacobini » nostrani.

4Anche Giuseppe Baretti pose da parte sua l’esigenza di metter fine alla debolezza politica dell’Italia : debolezza contrastante, scriveva nell’Account of the Manners and Customs of ltaly (1768), con la sua floridezza economica. Solo un governo che la unificasse, o ne unificasse una gran parte, avrebbe potuto porre rimedio a quella situazione. Dodici anni dopo, un altro piemontese, il conte Gian Francesco Galeani Napione di Cocconato, avrebbe proposto a Vittorio Amedeo III addirittura una « confederazione di tutte le Potenze d’Italia » capeggiata dal pontefice : quasi un preludio al neoguelfismo risorgimentale.

5Il veronese Ippolito Pindemonte condivise identiche preoccupazioni in una fase della propria esistenza. Si trovava a Parigi, e frequentava quotidianamente Vittorio Alfieri, quando ebbe inizio la Rivoluzione francese. Come l’amico piemontese, aderì in un primo momento agli eventi a cui assisteva, e festeggiò con lui la presa e distruzione della Bastiglia. Compose allora il poemetto La Francia, al quale consegnò entusiasmi e perplessità. In esso uno sguardo è rivolto anche alla madrepatria, all’Italia infelice,

che piangea forte e gridava :
« Sia felice chi ’1 può : poca in me resta
speme, che a mutar s’abbia il mio destino.
Che far poss’io, fin che su cento piagge,
sovra l’Adda, sul Po, Tebro e Sebeto,
ed or sul flutto d’Adria, or sul Tirreno
star deggio, ed in alcun non esser loco ?
Fin che tante parlar lingue degg’io
tante seguir leggi ed usanze, e tanti
scettri trattar, né averne alcuno ? » Ed ambe
le mani, in così dir, mettea nel crin...

6In forma soft anche Pindemonte pone qui la stessa esigenza : ovviare al frazionamento politico dell’Italia, giungere a una qualche unità o concordia politica.

7Non è il caso di parlare, dinanzi a luoghi come questi, di un nostro « imminente Risorgimento » – come fece, ad esempio, il fascistissimo Carlo Calcaterra in un suo libro, peraltro, tuttora utile. Si era ancora lontani da quell’evento necessario e infausto che fu il Risorgimento italiano. È però innegabile che si andavano allora ponendo problemi, che toccò alle generazioni successive tentar di risolvere. Che le soluzioni siano state soddisfacenti, questo è a sua volta un nuovo problema, più volte discusso, e da dibattere nuovamente e a lungo. Finché esisteranno italiani di buona volontà e in buona fede.

Haut de page

Notes

1  Rinvio al mio La “repubblica” di Vittorio Alfieri, in Dal tramonto dei lumi al Romanticismo, Modena, Mucchi, 2000, pp. 75-118.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°6, Variations autour des idées de patrie, État, nation, 2002.

Référence électronique

Arnaldo Di Benedetto, « Gli “statini” italiani : un problema settecentesco, secondo alcuni letterati », Italies [En ligne], 6 | 2002, mis en ligne le 29 janvier 2010, consulté le 29 mars 2017. URL : http://italies.revues.org/1638 ; DOI : 10.4000/italies.1638

Haut de page

Auteur

Arnaldo Di Benedetto

Université de Turin

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org