Navigation – Plan du site
Patrie de toujours...

Prigionieri di guerra

Chiara Basso
p. 325-337

Résumé

Quale memoria della prigionia hanno riportato i prigionieri, al loro ritorno in patria ? Quasi sempre è in questi termini che viene posta la questione della memoria. Ma un’altra questione che possiede pari dignità è : quale eredità hanno lasciato nei luoghi della loro cattività ? Due guerre, due eserciti, due popoli, due patrie lontane, due modi di onorarle. Una sola baia, quella di Scapa Flow, nell’arcipelago delle Orcadi, raccoglie due eredità ben diverse, entrambe visibili e tangibili. Storie speculari e antitetiche, di morte e di vita, queste due eredità si fanno paradigmatiche di maniere opposte di concepire l’onore, l’attaccamento alla patria, la lontananza.

Haut de page

Entrées d’index

Mots-clés :

guerre, historiographie, prison

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

1Se non fosse per l’assenza di palme ed altri elementi tropicali, nelle giornate di bassa marea, la baia di Scapa Flow potrebbe costituire l’ambientazione perfetta per un film tratto da un racconto di Hugo Pratt. Prue arrugginite che spuntano dall’acqua, cacciatorpedinieri coricati sul fianco di cui, nelle giornate di sole, si indovina facilmente la silhouette, ancore incrostate di conchiglie abbandonate sulla spiaggia con le loro catene, i fondali di Scapa Flow costituiscono il teatro del più impressionante naufragio della storia.

2Sorta di lago nel mare, chiuso tra le isole di Mainland, Hoy e South Ronaldsay, appartenenti tutte al gruppo delle Orcadi, Scapa Flow è uno dei più vasti porti naturali del pianeta.

3Utilizzata dai vichinghi, fin dal XIIIo secolo, come protezione naturale per le loro navi, la baia di Scapa Flow durante la Prima Guerra Mondiale fu prescelta dalla Royal Navy per ospitare la Grand Fleet, così come veniva chiamata la flotta inglese, fin dai tempi della vittoria britannica sull’InvincibleArmada spagnola, nel 1588.

4I vantaggi di Scapa Flow erano molteplici. Oltre ad essere un porto naturale estremamente vasto, la baia aveva anche il merito di essere situata a nord-est della Scozia, in ottima posizione per controllare un eventuale passaggio di navi tra il mare del Nord e l’Atlantico.

  • 1  Per un approfondimento degli avvenimenti che seguono vedi Richard Hough, The Great War at Sea, Oxf (...)

5Nel corso del XXo secolo il nome di Scapa Flow ritorna più volte quale teatro di avvenimenti bellici di grande importanza1.

6Fu da Scapa Flow che nel maggio del 1916 salpò la flotta inglese per scontrarsi con la flotta tedesca nella storica e cruenta battaglia dello Jutland, che non fece né vinti né vincitori, ma che procurò danni enormi ad entrambi i paesi. E fu a Scapa Flow che il 25 novembre 1918, scortata nervosamente dalla flotta inglese, faceva il suo ingresso nella baia l’intera flotta tedesca sconfitta dai britannici, nonostante le grosse perdite subite da questi ultimi e grazie anche all’intervento tardivo degli Stati Uniti.

7A gettare l’ancora furono ben 74 navi, tutte preventivamente disarmate : 5 corazzate, 11 incrociatori e 58 cacciatorpedinieri. Responsabile dell’intera flotta era un ufficiale tedesco di alto grado : l’ammiraglio Reuter.

8Per sette mesi le navi rimasero ancorate nella baia. L’equipaggio fu costretto a restare a bordo, in condizioni di prigionia, senza ottenere dagli inglesi alcun permesso di scendere a terra. Questo, in attesa delle decisioni che sarebbero state prese nel quadro degli accordi di pace tra i tedeschi e le potenze vincitrici concernenti il rimborso che la Germania avrebbe dovuto pagare per i danni di guerra.

9Fin dall’inizio, le condizioni di prigionia per i marinai tedeschi si rivelarono estremamente dure. Oltre all’assenza di permessi, il riscaldamento e il cibo, distribuiti periodicamente dall’intendenza inglese, risultavano scarsi se non addirittura insufficienti.

10Con l’andar del tempo, poi, queste condizioni si degradarono. Topi e scarafaggi presero possesso dei battelli e molti marinai tedeschi si ammalarono gravemente. Cosa ancora più grave, il morale dei prigionieri, costretti ad una vita sedentaria e in un ambiente angusto, era estremamente basso.

11Tale situazione rimase immutata fino al 21 giugno del 1919.

12Quel giorno la flotta inglese era uscita in mare aperto per effettuare alcune esercitazioni. A guardia della baia erano stati lasciati due semplici cacciatorpedinieri. Improvvisamente, attorno a mezzogiorno, una prima nave tedesca, la Friederich der Grosse, si inabissò lentamente nei flutti. Nel giro di due ore tutte e 74 le navi tedesche scomparvero nelle acque della baia.

13Alcuni testimoni oculari del naufragio descrissero una scena dantesca : le catene delle ancore che saltavano e frustavano l’acqua, fumi grigi che si levavano dalle caldaie a vapore e le macchie d’olio dei combustibili fuoriusciti dalle navi che prendevano fuoco. La baia intera si trasformò in un mare di detriti galleggianti che impedivano la navigazione a battelli e gommoni di salvataggio strapieni di marinai. Molti uomini nuotavano affannosamente in mare. Altri, trascinati sott’acqua dal risucchio delle navi, si inabissavano.

14Che si fosse trattato di un piano ben architettato lo confermano i segnali luminosi che intercorsero tra una nave e l’altra poco prima del naufragio e le bandiere rosse che sventolavano accanto alle bandiere tedesche issate alte sui pennoni.

15Che cosa era successo ? La decisione di far naufragare tutte le navi aprendo le paratie, le condutture dell’acqua e rimuovendo ogni chiusura stagna, fu assunta in prima persona dall’ammiraglio Reuter. Reuter, in seguito, negò di aver ricevuto ordini diretti da Berlino, ma giustificò la sua decisione di far affondare l’intera flotta germanica in nome del giuramento fatto personalmente al Kaiser all’inizio della guerra, e secondo cui nessuna nave tedesca sarebbe mai finita in mano al nemico.

16Tale rischio effettivamente esisteva. Uno dei punti chiave dell’Armistizio di cui si stava discutendo proprio in quei giorni prevedeva, infatti, la possibilità che la flotta tedesca passasse direttamente in mano agli inglesi. Niente era stato ancora deciso in quel senso ma, agli occhi del fedelissimo Reuter, il pericolo esisteva.

17Il Daily Mail del 22 giugno riferisce che i luogotenenti al comando delle diverse navi in procinto di affondare si salutavano reciprocamente, in alta uniforme, sui ponti dei rispettivi battelli, con gran battere di tacchi. Lo stesso giornale riporta anche alcune frasi significative che sarebbero state pronunciate da ufficiali tedeschi di fronte allo spettacolo delle navi che si inabissavano.

18« Guardate come la Flotta tedesca si inabissa a bandiere spiegate per non cedere di fronte al nemico ! ». E un altro ancora : « Non finiremo bolscevichi. Non vivremo mai quest’onta ! ».

19Così la racconta il Daily Mail.

  • 2  Il Daily Mail del 22 giugno 1919 titola : « 5000 Huns in the Water ». Lo stesso giorno il Saturday (...)

20Non sappiamo se fare affidamento a queste dichiarazioni, dato il profondo patriottismo in funzione antitedesca che aveva animato il giornale per tutto il periodo della guerra e di cui costituisce un esempio il fatto che nello stesso articolo i naufraghi in questione, vengano costantemente nominati come « Unni », termine, senza dubbio, estremamente dispregiativo2.

21Incontestabile, invece, fu l’eredità che gli stessi tedeschi lasciarono nell’arcipelago delle Orcadi : un centinaio di cadaveri, circa 5000 naufraghi e un cimitero di navi, tra cui la Derfflinger, l’Hindenburg, la Von der Tann, il Moltke e la Seydlitz, fiori all’occhiello e orgoglio imperituro della flotta tedesca.

22Questa storia, se volessimo scrivere una fiction edificante sul tema dell’attaccamento alla patria, dell’onore, delle reazioni alla sconfitta e alla prigionia, così diverse a seconda della cultura di appartenenza, e in generale sull’eredità e la memoria che vengono lasciate dai prigionieri di guerra, potrebbe costituire l’antefatto o lo specchio deformante su cui incastrare una seconda storia, che tratta anch’essa di guerra, di prigionieri, di memoria e di eredità e che per mera coincidenza ha come scenario sempre Scapa Flow, la stessa baia testimone del drammatico “suicidio” dei tedeschi.

23Ma si tratta di un’altra guerra, di altri prigionieri e di un’altra eredità.

24Siamo nel 1942. E precisamente sull’isoletta di Lambholm, un fazzoletto di terra battuto dai venti gelidi del Mare del Nord, le cui rive orientali bagnano direttamente sulle acque della baia.

  • 3  Flavio Conti, I prigionieri di guerra italiani, 1940-1945, Bologna, Il Mulino, 1986, p. 293.
  • 4  Sul bilancio delle battaglie avvenute in Nordafrica tra la fine del 1940 e l’inizio del 1942, vd. (...)

25A Lambholm sorge il Campo 60, che ospita 597 prigionieri tra sottufficiali e truppa3. Sono soldati italiani catturati in Nordafrica, tra la fine del 1940 e gli inizi del 1941, reduci dalle battaglie cruente di Nibeua, Sidi el Barrani, Bardia, Tobruk, El Aden, Beda Fomm, sconfitti dalla 16a Brigata Indiana o, più tardi, nel 1942 a El Alamein e a Fuka, dall’8a armata inglese4.

26E dall’Africa trasferiti poi per scaglioni in Inghilterra, via i campi di raccolta situati in Egitto.

  • 5  Queste cifre provengono dall’Alto Commissariato, Ministero della Guerra, fasc. 131, Prospetto dell (...)

27Nel corso della Seconda Guerra Mondiale la Gran Bretagna internerà nei suoi campi di prigionia 397 916 prigionieri. Si tratta di prigionie lunghe (i rimpatri terminarono nel 1947) in campi situati in Medio Oriente, Egitto, Kenia, India, Sudafrica e nella stessa Gran Bretagna. Quest’ultimo paese disporrà di 158 029 prigionieri italiani destinati a sostituire la manodopera inglese prevalentemente in agricoltura, nell’industria e nelle miniere5.

28Sono in maggioranza settentrionali : lombardi, piemontesi, liguri, veneti, trentini, friulani.

  • 6  Lucio Sponza, Divided Loyalties. Italians in Britain during Second World War, Peter Lang, Berna, E (...)

29La spiegazione di una presenza ridotta di prigionieri provenienti dalle regioni meridionali del paese ci viene da un memorandum del segretario di stato inglese preposto al Ministero della Guerra, il capitano David Margesson. Costui auspicava che nella selezione da effettuare in vista dell’invio di prigionieri italiani in madre patria si escludessero i « tipi violenti o fascisti » e si prediligessero invece prigionieri provenienti dall’Italia settentrionale in quanto i meridionali risultavano « pigri e capaci di effettuare unicamente lavori agricoli scarsamente qualificati », mentre l’Inghilterra necessitava di « prigionieri in grado di effettuare lavori qualificati nel campo dell’edilizia e dell’ingegneria »6.

  • 7  La storia dei prigionieri italiani nelle Orcadi è raccontata da James Mc Donald, Churchill’s Priso (...)

30A Lambholm, nel Campo 60, vi sono in maggioranza prigionieri trentini, quasi tutti abili artigiani7. La decisione di allestire un campo di prigionia in quell’isoletta sperduta delle Orcadi faceva parte del faraonico progetto di costruzione di quella che oggi è conosciuta come la Barriera di Churchill.

  • 8  Gerald Snyder, The Royal Oak Disaster, Presidio Press, 1976.

31All’inizio della IIa Guerra Mondiale, nell’ottobre del 1939, un sommergibile U-Boat tedesco, approfittando di un’eccezionale alta marea, era penetrato nella baia di Scapa Flow e vi aveva fatto affondare la regina delle navi da guerra inglesi, la Royal Oak,  che in quel periodo era ancorata nella baia. Nel naufragio erano periti 833 marinai8. Fino all’affondamento della nave, gli inglesi erano assolutamente convinti che i relitti delle navi tedesche autoaffondatesi nel 1919 costituissero una protezione più che sicura alla loro flotta. La sortita dell’U-Boat tedesco li aveva dunque colti totalmente alla sprovvista e li aveva indotti a prendere la decisione di aumentare la protezione agli ingressi della baia.

32Churchill, in persona, si era occupato della faccenda, ordinando che fosse eretta una barriera artificiale tra un’isola e l’altra, così da lasciare come unico accesso alla baia il braccio di mare tra l’isola di South Ronaldsay e l’isola di Hoy, all’estremo sud. Le isole da collegare tramite la costruzione di un muro invalicabile ad est dell’arcipelago, in direzione del Mar del Nord, erano dunque le isole di Mainland, Lambholm, Glimps Holm, Burray e South Ronaldsay.

33Si trattava di un’opera titanica. Il metodo prescelto era stato quello di gettare degli enormi blocchi di cemento e di pietra, sul fondo del mare, da isola a isola, per una lunghezza totale di due chilometri e mezzo e una profondità che in alcuni punti arrivava addirittura a diciotto metri. Più di un milione di tonnellate di roccia vennero utilizzate per costruire quest’opera gigantesca. In seguito sopra le rocce venne costruita la strada che si utilizza ancora oggi per spostarsi nell’arcipelago.

34Incaricati della costruzione di questa barriera furono, tra gli altri, i prigionieri italiani internati nel Campo 60, sull’isoletta di Lambholm.

35Lambholm, come abbiamo già detto, era, ed è, un fazzoletto di terra piatta, battuto dai venti gelidi del nord. All’origine, il Campo 60 era quanto di più essenziale si potesse immaginare : tredici baracche, una delle quali fungeva da mensa.

  • 9  Giorgio Rochat, La prigionia di guerra, in Mario Isnenghi (a cura di), I luoghi della memoria. Str (...)
  • 10 Ibidem, p. 395.

36Come ha sottolineato Giorgio Rochat, della prigionia degli italiani in Gran Bretagna esiste una memoria debole9. Poche, pochissime tracce. Forse, ipotizza Rochat, questa assenza di memoria è dovuta alla mancanza di dimensioni collettive drammatiche all’interno dei campi. In fondo, le condizioni materiali in cui vivevano i prigionieri nei campi alleati rispettavano correttamente le convenzioni internazionali. Eppure « se le condizioni di vita erano accettabili (con tutti i rischi delle generalizzazioni), era la prigionia stessa a restare insopportabile e logorante con le sue infinite limitazioni e il lento scorrere di giorni senza futuro. Una condizione di sofferenza reale e quotidiana, ma difficile da raccontare, priva di avvenimenti eroici o semplicemente di avvenimenti, in cui anche i momenti positivi erano soltanto pallidi sostituti di una vita vera. Una condizione di sofferenza che non si può misurare (non solo per la mancanza di documentazione), né confrontare con altre prigionie più drammatiche, né tantomeno giudicate dall’esterno : il logorio psico-fisico e le crisi morali non dipendono soltanto dalle calorie della razione quotidiana »10.

37Del Campo 60 possiamo immaginare la durezza delle condizioni di vita, il freddo, il sentimento di estraneità legato ad una natura ostile, la sensazione di isolamento acuita dal fatto di essere su un’isola, cui si aggiungeva il lavoro, altrettanto duro, di costruzione della barriera.

38Ma il Campo 60 era comunque un campo particolare.

  • 11  Il Campo 26 a Ely e il Campo 155 a Penrith. Vedi, Lucio Sponza, op. cit., p. 218.

39Fu, ad esempio, uno dei rari campi inglesi (se ne conoscono solo altri due esempi11) in cui si verificarono problemi di « indisciplina collettiva ».

40Nel marzo del 1942, a stare ad un memorandum del Ministero della Guerra inglese, i prigionieri del Campo 60 « cessarono di lavorare in base al principio che tale lavoro (la costruzione della Barriera) contravveniva all’Art. 31 della Convenzione di Ginevra ». In poche parole, i prigionieri si misero in sciopero. L’articolo in causa ribadiva il diritto di un prigioniero di guerra di rifiutare di svolgere un lavoro che in qualche modo poteva coadiuvare lo sforzo bellico del paese nemico di cui era prigioniero contro il paese di provenienza del prigioniero stesso. Contro gli scioperanti vennero prese misure repressive atte ad indurire le condizioni di prigionia. Ma lo sciopero cessò solo quando l’inviato svizzero, che rappresentava l’Italia presso il Protettorato ai Prigionieri di Guerra, l’organismo internazionale preposto alla protezione dei prigionieri, recatosi sull’isola per dirimere la questione, grazie soprattutto ad uno spiccato senso degli equilibrismi diplomatici, convinse gli italiani che l’esistenza della barriera di Churchill costituiva un « mezzo per permettere alla popolazione locale di spostarsi più facilmente da un’isola all’altra ». Solo allora il lavoro di costruzione della barriera venne portato avanti.

  • 12  WO 165/59, A, Directorate of POWs, « Summary of Action », n°10, marzo 1942.
  • 13  Lucio Sponza, op. cit., pp. 223-230.

41A parte questo episodio preciso di cui vi è memoria negli archivi del Ministero della Guerra12, come si svolgesse la vita nel Campo 60 lo possiamo solo immaginare basandoci sul modusvivendi che si ripeteva in tutti gli altri campi sparsi in Gran Bretagna : i prigionieri lavoravano e, nel tempo libero, si dedicavano alla fabbricazione di prodotti artigianali, cesti, giocattoli, fiori artificiali, tavoli e sedie per rendere più vivibili le baracche. La domenica, probabilmente, giocavano a bocce, a calcio o a carte13.

42Ma, in assenza di una memoria scritta, diari o resoconti di quegli anni, un altro elemento ci permette di farci un quadro di quella che fu la reazione dei prigionieri italiani ad una situazione così estrema. Un’eredità concreta, qualcosa che ancora oggi possiamo ammirare.

43Il senso di questa storia sta tutto qui.

44Cominciò con la riorganizzazione del campo. I prigionieri del campo 60, nel giro di pochi mesi, iniziarono a costruire dei sentieri di cemento tra una baracca e l’altra onde evitare fango e pozzanghere. In seguito, a questo semplice miglioramento logistico, aggiunsero i fiori. Lungo i sentieri, i prigionieri piantarono fiori. Ai fiori, tra il 1942 e il 1943, seguì un teatro con un vero e proprio palcoscenico e una baracca che venne adibita alle attività ricreative.

45Cosa mancava, a quel punto, al campo 60 ?

46Gli italiani decisero che mancava una chiesa.

  • 14  YMCA = Young Men Christian Association.
  • 15  Ion Megarry, The YMCA and the Italian Prisoners of War, Luton, Dragon Press, 1947, p. 110.

47Come racconta Ion Megarry, un funzionario del YMCA14 che scrisse un saggio sulla vita dei prigionieri italiani nei campi in Inghilterra, descrivendo quali fossero le condizioni in cui vivevano in un « mondo ridotto di sospetto, tensione e valori distorti » in cui  « le uniche costanti erano la solitudine e la sofferenza », l’unica cosa che, secondo lui, gli italiani avevano in comune, a parte la mera nazionalità e il fatto di essere tutti quanti prigionieri, era la religione15.

48Osserva Megarry che, in generale, nei campi di prigionia italiani da lui visitati in Inghilterra,  una volta completata la logistica di base (dormitori e mensa), una delle baracche era immediatamente trasformata in cappella e la domenica un cappellano militare italiano prigioniero o, in mancanza di questi, un qualsiasi prete cattolico inglese che masticasse un poco di italiano veniva a dir messa.

49Secondo lo stesso Megarry, sovente, le diverse cappelle disseminate nei campi di prigionia erano l’oggetto di grossi sforzi di abbellimento sul piano estetico e architettonico.

  • 16  L’altra cappella ancora esistente è situata in Galles, là dove sorgeva il campo di prigionieri di (...)

50Nessuna però raggiunse la perfezione della Cappella Italiana di Lambholm, una delle due sole cappelle sopravvissute allo smantellamento dei campi alla fine della guerra16.

51Oggi a qualunque viaggiatore che si rechi nell’arcipelago delle Orcadi, viene caldamente suggerita la visita della « Cappella Italiana » di Lambholm.

52La si nota subito, la Cappella Italiana, quando si percorre in automobile la barriera di Churchill. Non solo perché è praticamente l’unica costruzione che resta sull’isola, ma anche per il suo aspetto incongruo rispetto all’architettura grigia e severa tipica delle Orcadi.

53Bianca, di un bianco calce particolarmente vivo, con la facciata decorata in rosso ocra.

54Nelle rare giornate di sole, la Cappella Italiana brilla.

55L’uomo a capo di questo progetto si chiamava Domenico Chiocchetti ed era un falegname di Moena. O meglio uno scultore del legno, un intarsiatore, così come se ne trovano molti nei villaggi sparsi tra le Dolomiti trentine.

56La prima opera artistica che Chiocchetti installò nel campo fu la statua di San Giorgio che sconfigge il drago e che possiamo ammirare ancora oggi di fronte alla chiesetta. Non era di legno, poiché nell’arcipelago praticamente non esistono alberi, ma di cemento. Una silhouette di filo spinato, recuperato in loco, rivestita di cemento.

  • 17  Dal documentario Miracle at Camp 60 di Gareth Wardell, Jam Jar Films, BBC Scotland, 1992.

57Interrogato nel 1992 sul significato di quella statua Chiocchetti rispose che il drago altro non era che la disperazione e la solitudine da sconfiggere che coglievano tutti i prigionieri lontani dalla loro patria17.

58Subito dopo aver completato la statua di San Giorgio, Chiocchetti, affiancato da una piccola squadra di assistenti, iniziò i lavori di costruzione della cappella. Il colonnello Buckland, comandante del Campo 60, aveva concesso agli italiani di utilizzare come luogo di culto una di quelle baracche che all’epoca venivano chiamate baracche Nissen, dal nome del loro ideatore, un ingegnere canadese che le aveva concepite nel corso della prima guerra mondiale.

59Le baracche Nissen, molto simili a certi bivacchi che possiamo vedere oggi in alta montagna, consistevano in una sorta di struttura semicircolare di lamiera ondulata, lunga una quindicina di metri e larga cinque, chiusa alle due estremità da portoni di ferro. Se avessero voluto aggiungere degli elementi decorativi, disse il colonnello Buckland al cappellano militare Giacobazzo che gliene aveva fatto richiesta, i prigionieri avrebbero dovuto ingegnarsi ad utilizzare quanto era alla loro portata : rottami, mezzi di fortuna e soprattutto i resti della flotta tedesca che affioravano dal mare.

60E così fu. Gli assistenti di Chiocchetti – Buttapasta, cementista, Palumbo, fabbro, Primavera e Micheloni, elettricisti, e poi Barcaglioni, Battiato, Devitto, Fornasier, Pennisi e altri – si trasformarono in riciclatori ante litteram.

61La lamiera corrugata del capannone venne ricoperta di intonaco, fatto a partire dalle sabbie dell’isola. Altare e pila dell’acqua santa furono modellati con il cemento con cui venivano costruiti i blocchi da gettare in mare per erigere la barriera di Churchill. Il tabernacolo venne ricavato dal legno del relitto di una nave naufragata. L’altare e la navata vennero separati dal resto della cappella da un’inferriata di ferro battuto costruita utilizzando i residui dei tondini di ferro che venivano abbandonati lungo la barriera. All’esterno venne costruita una falsa facciata di cemento che serviva a coprire la lamiera della struttura originaria. Un campanile centrale affiancato da due guglie in stile gotico sormontava la facciata, la quale era a sua volta arricchita da un busto di Cristo in legno intagliato.

62Il tutto poi venne affrescato.

63Per i colori vennero utilizzate tinture provenienti dalle foglie del tè a disposizione dei prigionieri nonché i residui delle tinture provenienti dai loro stessi vestiti lavati ad alte temperature. Vennero affrescati l’esterno e l’interno della cappella. All’interno furono persino dipinti dei falsi mattoni per dare l’impressione che si trattasse di una costruzione in pietra.

64Sulle pareti e vicino all’altare abbiamo San Francesco e Santa Caterina da Siena, una Madonna con Bambino, cherubini, serafini, colombe e simboli dello Spirito Santo. Alcuni di questi affreschi non sono altro che semplici ingrandimenti dei “santini” che i soldati italiani tenevano nel portafoglio.

65Il risultato è semplicemente straordinario. Una costruzione senz’altro ingenua, ma aerea, e colorata, che attira ogni anno migliaia di turisti.

66Rientrati in Italia nel 1945, alla fine della guerra, Chiocchetti, il capo mastro, ed alcuni dei suoi assistenti, ritornarono più volte nell’isola a restaurare la Cappella. Era stata la loro grande opera, quella cappella, il loro orgoglio, il loro lascito.

67Per noi che sostiamo stupiti ad ammirarla, essa costituisce la memoria tangibile di quella lunga e dura prigionia.

68Ma non è la sola memoria che resiste su quella baia.

69Il viaggiatore che sosta sull’isola di Lambholm è inequivocabilmente stretto a tenaglia tra due eredità, stridenti tra loro. Tra due memorie. Antitetiche. Memorie di due eserciti, di due popoli, di due guerre vissute nella stessa baia tanti anni fa.

70Da un lato, verso ovest, le prue arrugginite della flotta tedesca che si levano dall’acqua nelle giornate di bassa marea, dall’altro, a est, la statua di San Giorgio che sconfigge il drago e una minuscola cappella rinascimentale, sormontata da una testa di Cristo scolpita nel legno residuo di una qualche nave all’abbandono.

Haut de page

Notes

1  Per un approfondimento degli avvenimenti che seguono vedi Richard Hough, The Great War at Sea, Oxford University Press, New York, 1983.

2  Il Daily Mail del 22 giugno 1919 titola : « 5000 Huns in the Water ». Lo stesso giorno il Saturday Evening pubblica un articolo dal titolo eloquente : « Staggering Sight. Boastful Hun Officers by a Naval Eye-witness ».

3  Flavio Conti, I prigionieri di guerra italiani, 1940-1945, Bologna, Il Mulino, 1986, p. 293.

4  Sul bilancio delle battaglie avvenute in Nordafrica tra la fine del 1940 e l’inizio del 1942, vd. Flavio Conti, op. cit, pp. 9-27.

5  Queste cifre provengono dall’Alto Commissariato, Ministero della Guerra, fasc. 131, Prospetto della situazione dei prigionieri italiani dall’armistizio al 28.7.1946, cit. in F. Conti, op. cit., p. 63.

6  Lucio Sponza, Divided Loyalties. Italians in Britain during Second World War, Peter Lang, Berna, European Academic Publishers, 2000, p. 187. Questo pregiudizio non si limitava alle autorità britanniche ; anche i lavoratori « volontari » italiani che venivano inviati in Germania erano selezionati tra i « settentrionali ». A questo proposito vd. Bruno Mantelli, Camerati del lavoro. I lavoratori italiani emigrati nel terzo Reich nel periododell’Asse, 1938-1943, Firenze, La Nuova Italia, 1992, e Cesare Bermani, Al lavoro nella Germania di Hitler. Racconti e memorie dell’emigrazione italiana, 1937-1945, Torino, Bollati Boringhieri, 1998.

7  La storia dei prigionieri italiani nelle Orcadi è raccontata da James Mc Donald, Churchill’s Prisoners : The Italians in the Orkney, 1942-1944, Kirkwall, The Orcadian Limited, 1987.

8  Gerald Snyder, The Royal Oak Disaster, Presidio Press, 1976.

9  Giorgio Rochat, La prigionia di guerra, in Mario Isnenghi (a cura di), I luoghi della memoria. Strutture ed eventi dell’Italia Unita, Bari, Laterza, 1997, p. 394.

10 Ibidem, p. 395.

11  Il Campo 26 a Ely e il Campo 155 a Penrith. Vedi, Lucio Sponza, op. cit., p. 218.

12  WO 165/59, A, Directorate of POWs, « Summary of Action », n°10, marzo 1942.

13  Lucio Sponza, op. cit., pp. 223-230.

14  YMCA = Young Men Christian Association.

15  Ion Megarry, The YMCA and the Italian Prisoners of War, Luton, Dragon Press, 1947, p. 110.

16  L’altra cappella ancora esistente è situata in Galles, là dove sorgeva il campo di prigionieri di Henllan (Cardigan). Vedi John I. Roberts, An Italian POW camp chapel in Wales, in « Rivista - The Journal of the British-Italian Society », 273, nov-dic. 1979, pp. 2-3.

17  Dal documentario Miracle at Camp 60 di Gareth Wardell, Jam Jar Films, BBC Scotland, 1992.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°6, Variations autour des idées de patrie, État, nation, 2002.

Référence électronique

Chiara Basso, « Prigionieri di guerra », Italies [En ligne], 6 | 2002, mis en ligne le 09 juillet 2009, consulté le 29 avril 2017. URL : http://italies.revues.org/1847 ; DOI : 10.4000/italies.1847

Haut de page

Auteur

Chiara Basso

Université de Provence

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org