Navigation – Plan du site
Patrie de toujours...

Patria senza, patrie smarrite, nuove idee di patria : neopatriottismo e libertà nella cultura italiana alla fine della Prima repubblica

Claudio Milanesi
p. 339-350

Résumé

In questi ultimi dieci anni, fra gli intellettuali italiani, la percezione e la rappresentazione della patria sono radicalmente cambiate di segno. Ancora agli inizi degli anni ’90, fra gli scrittori quarantenni usciti dalla stagione delle rivolte studentesche, la parola patria evocava solo retoriche militaristiche e nazionalismi aggressivi. Dopo dieci anni, anche a causa del tentativo della nuova cultura di destra di appropriarsi del sentimento patriottico, Corrado Stajano, Paolo Sylos Labini e Claudio Magris riscoprono il legame fra la patria e la libertà.

Haut de page

Texte intégral

  • 1  Silvana Patriarca, Italian neopatriotism : debating national identity in the 1990s, « Modern Italy (...)
  • 2  Fulvio Abbate, Severino Cesari, Giampiero Comolli, Mario Fortunato, Sandro Onofri, Sandra Petrigna (...)
  • 3  Claudio Magris, Riconoscersi non vuol dire chiudersi. Un’idea di Patria (senza retorica), « Corrie (...)
  • 4  Maurizio Viroli, Per amore della patria. Patriottismo e nazionalismo nella storia, Roma, Laterza, (...)
  • 5  Corrado Stajano, Patrie smarrite. Racconto di un italiano, Milano, Garzanti, 2001 ; ma si legga an (...)
  • 6  Ernesto Galli della Loggia, La morte della patria. La crisi dell’idea di nazione tra Resistenza, a (...)

1In un articolo da poco pubblicato sulla rivista inglese Modern Italy1, Silvana Patriarca registra l’insorgere del neopatriottismo nell’Italia degli anni ‘90, mettendone in evidenza le possibili derive nazionalistiche, che rafforzano alcune pericolose inclinazioni già presenti in alcuni settori della popolazione e della classe politica italiana, quelle cioè che tendono al ripiegamento sulla propria tradizione e all’esclusione delle altre. L’analisi di Silvana Patriarca è documentata e in gran parte convincente. Ma lascia sullo sfondo il fatto che in questi ultimi anni il ritorno del concetto di patria, e dei suoi annessi, non ha dato luogo soltanto a pericolose risorgenze di stampo nazionalistico, che pure sono certamente esistite e che hanno in parte ottenuto un riconoscimento politico con la vittoria della coalizione della destra italiana alle elezioni del 2001. In realtà, tra il 1992 e oggi, un altro percorso di lettura delle risorgenze dell’idea di patria è possibile, che va dalla sostanziale indifferenza degli scrittori del volume Patria2 del 1992 alla riscoperta di un possibile patriottismo repubblicano e complesso elaborato da Claudio Magris3 sulla scia delle teorie di Maurizio Viroli4, passando dalla risposta critica di Corrado Stajano5 alla tematica della “ morte della Patria ” come delegittimazione della Repubblica elaborata da Ernesto Galli della Loggia6.

2Attorno al concetto di “Patria” non si affollano negli anni ‘90 solo pericolosi nostalgici di quella neopatria etnica e esclusiva che si intravede in alcune delle misure del secondo governo Berlusconi, dal retorico, rumoroso e inconcludente nuovo protagonismo in politica estera al dispregio dei diritti umani implicito nella recente legge Bossi Fini sull’immigrazione. Il termine “Patria” suscita anche sollecitazioni diverse e complesse : prima fra tutte, il richiamo insistito del presidente Carlo Azeglio Ciampi al legame fra Patria e libertà, e ai valori di una storia d’Italia che va dal Risorgimento alla Resistenza alla nascita della Repubblica.

3In realtà, però, le elaborazoni più originali del concetto di Patria vanno ben al di là di questo richiamo, a volte esageratamente retorico, a una progressione della libertà e della democrazia iscritta in una sorta di linea ascendente nella storia d’Italia, e tentano di ridare cittadinanza a un concetto di patria rivisto e ricorretto sulla base delle sollecitazioni della modernità. Si tratta senza dubbio di un cammino travagliato e ancora incompiuto, che parte dalla sostanziale indifferenza, o peggio dal rifiuto del termine che troviamo nelle pagine del volume collettivo Patria, e arriva a una nuova consapevolezza che viene alla luce in questi ultimi due anni, dopo una dolorosa revisione critica del concetto e delle sue implicazioni.

4La provocazione di Ernesto Galli della Loggia, a metà del decennio, ha fatto sì che anche la cultura dell’impegno civile si riappropriasse del termine, per non lasciarne il monopolio a quella cultura del neopatriottismo che intendeva (e intende) farne uno dei supporti ideologici di una possibile nuova egemonia culturale della Destra italiana. In che cosa consisteva la provocazione di Galli della Loggia col suo Morte della patria ? Per lui, sostenere che la patria fosse morta l’8 settembre del ‘43 e non più rinata, né con la Resistenza né con la Repubblica, significava delegittimare il potere dei partiti usciti dalla lotta antifascista, e quindi tutta la storia repubblicana italiana dal 1945 al 1990 : il fatto che la Repubblica fosse fondata sull’antifascismo, aveva implicato l’esclusione dal patto repubblicano di una parte dell’esperienza storica, e della sensibilità ancora viva di una parte del paese che si riconosceva nei valori e nell’esperienza storica del Ventennio, e gli faceva dire che non una nuova patria era nata tra il 25 aprile ‘45 e il 2 giugno del ‘46, ma una formazione statale eterodiretta (dagli Usa e dall’Urss) senza sostanziale legittimità.

  • 7  S. Patriarca, op. cit., p. 30.

5Nel concreto della lotta politica della metà degli anni ‘90, le teorie di Galli della Loggia implicavano che l’unica forza politica erede della prima repubblica sopravvissuta alla bufera di Mani Pulite, il PCI, poi PDS, allora alla vigilia dell’affermazione elettorale del 1996, non avesse legittimità a guidare il paese, e che solo il reintegro della tradizione, della sensibilità e della storia fascista a fondamento del paese avrebbe permesso il rinascere di una patria, che della Loggia sembrava intendere come organismo statico e indifferenziato, che notifica e include tutte le sensibilità espresse e presenti nella storia e nello stato presente del paese. Era questo che portava Silvana Patriarca a scrivere che Galli della Loggia era un ben strano liberale, alla ricerca della riconciliazione con la negazione della libertà stessa propria alla dittatura fascista7. Politicamente, questa linea interpretativa ebbe un insuccesso temporaneo, e cioè l’esperienza di governo del centro sinistra tra il 1996 e il 2001, ma si è poi concretizzata con la vittoria elettorale della Destra nel 2001, cui ha fatto seguito l’entrata al governo, ai massimi livelli, dei vertici del partito di Alleanza Nazionale, erede, con tutti i distinguo e le riattualizzazioni del programma e soprattutto dell’immagine, della tradizione storica del fascismo italiano. Nel più vasto panorama della cultura del paese, questa posizione strategica ha senza dubbio prodotto notevoli risultati, utili soprattutto a costituire la base ideologica della nuova, ma non poi tanto, destra italiana : si va dalla volontà di riscrivere la storia emendandola dall’antifascismo espressa sia dal presidente della regione Lazio Storace che dal nuovo presidente della RAI Baldassarre, fino alla ricomparsa di gadget inneggianti al fascismo nelle edicole o nelle stazioni di servizio delle autostrade italiane, dai calendari del Duce ai suoi busti in marmo, passando per l’insidioso germe instillato da centinaia di articoli, interviste, programmi televisivi, che consiste nella tematica dell’equivalenza etica fra fascismo e antifascismo, fra la scelta dei “ragazzi di Salò” e quella dei partigiani, che equivale a porre sullo stesso piano la negazione della libertà e la sua difesa.

6La provocatoria tesi di Galli della Loggia, e le sue ricadute politiche e culturali, non hanno lasciato però indifferenti scrittori e intellettuali italiani, ancora consci dell’importanza dei valori dell’antifascismo per la Repubblica italiana e per la sua Costituzione. E spingendosi al di là dalla retorica del richiamo formale, o dell’invocazione rituale di questi valori, di quegli uomini e di quell’esperienza, alcuni di loro hanno provato a indagare se fosse possibile contrastare il ritorno del rimosso fascista sotto queste forme moderne e solo apparentemente pluraliste e aperte.

Il volumetto Patria

  • 8  Valeria Viganò, No man is an island, in F. Abbate et a., Patria, cit., p. 138.

7Secondo Silvana Patriarca, il dibattito sull’identità nazionale e sulla patria non è stato, negli anni ‘90, un oggetto neutrale di studi critici, storici e letterari, ma un campo di battaglia ideologico. Non sembrarono accorgersene gli allora giovani scrittori (Fulvio Abbate, Severino Cesari,Giampiero Comolli, Mario Fortunato, Sandro Onofri, Sandra Petrignani, Lidia Ravera, Sandro Veronesi, Valeria Viganò) che parteciparono nel 1992, in piena Tangentopoli e immediatamente dopo la fine della guerra fredda, al volume collettivo Patria ; a questi scrittori rappresentativi di quella generazione che aveva avuto la propia iniziazione alla vita civile e politica negli anni della contestazione giovanile, dal ‘68 al ‘77, l’idea di patria sembrava solo un’idea estranea e niente di più : e infatti la collegavano o all’abuso militaresco e retorico del fascismo, o alle ricorrenze di facciata della prima repubblica, mentre nessuno di loro sembrava accorgersi che, finito lo scontro ideologico fra capitalismo e comunismo, patriottismo, nazionalismo e identità erano destinati a ritornare al cuore del dibattito politico e a ridiventare motori della storia. L’insensibilità di un’intera generazione alla tematica della patria ha qualcosa di straordinario ; in gran parte si spiega con il contesto, segnato dall’internazionalismo e da una certa irritazione per lo sfruttamento puramento retorico del tema, da destra come da sinistra. Ma rimane sconvolgente, nei loro brevi interventi, l’assenza di riferimenti all’aspetto patriottico della Resistenza e ai suoi valori, se pensiamo che soli 50 anni erano passati da quegli eventi. Al massimo, gli scrittori degli anni ‘90 ricordavano di striscio il Risorgimento ; ma della seconda guerra mondiale ricordavano solo di essere i figli di coloro che l’avevano persa ; a nessuno veniva in mente di ricordare l’antifascismo come esperienza fondatrice della rinascita del paese. Questi scrittori erano aperti alle tematiche planetarie dell’ecologia e del futuro movimento antimondializzazione (inquinamento, pericolo tecnologico) pur vivendole come tematiche puramente letterarie, e al tempo stesso si richiudevano su tematiche personali, individualistiche a volte formali (« ma allora la nostra vera realtà, la nostra vera Patria è la letteratura ? »8), indietreggiando su tali posizioni di chiusura in se stessi a causa di un rifiuto indifferenziato dell’Italia qual era (corruzione, sfascio ambientale, ecc.). Quando evocavano una patria come comunità, il più delle volte ricordavano la propria città o cittadina, ma solo come patria privata e intima della nostalgia dell’infanzia, e mai come comunità nazionale integrata : Palermo per Fulvio Abbate, Prato per Veronesi, Piacenza per Amelia, Napoli e Roma per Sandra Petrignani, il quartiere della Magliana per Sandro Onofri, ecc. Ma arrivati al livello della nazione, e questo era il vero segno del libretto, la patria era regolarmente abbinata a connotazioni negative o quantomeno riduttive. Ecco un breve inventario delle espressioni coniate dai giovani scrittori : « patria senza » (Mario Fortunato), « patria piccola » (Severino Cesari), « patria come malattia » (Sandro Onofri), « patria impresentabile » (Giampiero Comolli), « patria che non c’è » (sempre Severino Cesari), ecc.

8Leggendo questi autori, tutti nati negli anni ‘50, si capisce meglio la reazione di quella generazione di scrittori immediatamente successiva, in particolare di Carlo Lucarelli e Massimo Carlotto, che riscopriranno qualche anno dopo la vocazione civile della letteratura italiana. Negli interventi del volumetto Patria siamo al grado minimo dell’individualismo e delle tematiche intimistiche, in cui la patria è solo ed esclusivamente paesaggio interiore, e al massimo può essere strumentalizzata per provare la compensazione estetica data dal sentirsi parte di una tradizione letteraria, e mai è vissuta come un organismo di cui ci si sente parte, con cui fare i conti e a cui dare un contributo. Usando un termine francese, potremmo chiamarli gli esponenti di un nombrilisme all’italiana, fatto di rifiuto sdegnoso, torri d’avorio, conforto delle lettere, convinzione della sterilità della letteratura come strumento di intervento civile. Certo, i trentenni del 1992 uscivano da una ubriacatura di arte impegnata, e di intellettuali organici, e da profonde sconfitte storiche a livello internazionale, locale e generazionale : terrorismo, craxismo, crollo dell’URSS, fine delle ideologie, corruzione, tangentopoli, stragi di mafia. Ma il risultato era la chiusura individualistica dello scrittore su se stesso, una posizione che non poteva che generare sterilità, se mi si permette il gioco di parole.

Stajano

  • 9  Si pensi, tanto per citarne due (ma Stajano meriterebbe ben più di questi superficiali riferimenti (...)

9Corrado Stajano, giornalista, intellettuale, senatore della sinistra, è l’esponente della generazione precedente a quella dei giovani autori di Patria. Autore di alcuni dei migliori saggi inchiesta sui grandi casi di cronaca politica dagli anni ‘70 a oggi9, negli ultimi due libri Stajano si è convertito a una sorta di memorialistica civile in cui alcune realtà del paese (la vita parlamentare, la memoria della guerra e del fascismo) sono indagate attraverso lo sguardo soggettivo dello scrittore. Patrie smarrite è una sorta di diario di una serie di suoi soggiorni nelle due città natali dei genitori, le patrie smarrite del titolo. Spinto da necessità familiari, Stajano ritorna a Noto, dove nacque il padre, e a Cremona, città natale della madre. A Noto, tenta di ricostruire la reazione della città all’invasione alleata nel luglio 1943 ; a Cremona, la reazione della città alla precipitosa fuga del gerarca Roberto Farinacci, che vi aveva spadroneggiato per vent’anni, dopo il 25 luglio 1943. Per Stajano, la data cruciale della storia italiana non è tanto l’8 settembre, com’è per Galli della Loggia, quanto il 25 luglio, quando in seguito all’ordine del giorno Grandi il fascismo si suicidò, rimettendo il potere nelle mani del re. Sia a Noto che a Cremona, l’immagine che Stajano ritrova degli italiani è quella di un popolo così suonato, o così scafato o così compromesso, da assistere con la massima passività al cambio del potere, senza partecipare direttamente alle vicende della propria storia. A Noto, l’esercito non tenta nemmeno di difendere il suolo patrio dall’invasione alleata, che si attua senza sparare un colpo. A Cremona, dopo la partenza del Farinacci travestito da pilota tedesco, non succede nulla : si chiude il giornale fascista e al suo posto si pubblica quello filogovernativo di stampo cattolico, e niente più.

  • 10  C. Stajano, Patrie smarrite, cit., p. 32.
  • 11 Ibidem, p. 64.

10La rievocazione delle passate grandezze delle due città, l’architettura tardo barocca della città siciliana ricostruita dopo il terremoto, e l’autonomia comunale di Cremona, non può che far risaltare ancor meglio l’attuale decadenza, che è morale oltre che politica, culturale e civile. L’estraneità alle patrie smarrite di Stajano è a più livelli : in primo luogo, perché le due città così diverse non sembrano essersi fuse in un’unità superiore, perché i principi delle due città sono rimasti per così dire separati anche nella sua personalità : « sono – scrive Stajano – l’ambiguo figlio di un quasi emigrante che sente nel profondo il conflitto fra Nord e Sud e la difficoltà di comporre le due anime »10 ; oppure : « mi sarei portato dietro per sempre le contraddizioni di quelle due anime sovrapposte e ora avrebbe prevalso l’una ora l’altra »11.

  • 12 Ibidem, p. 81.

11E poi, estreneità perché né le reazioni delle due città al fascismo e poi al suo crollo, determinate da una parte dall’invasione alleata e dall’altra dalla fuga del gerarca e dall’arrivo di un nuovo potere moderato, né le città attuali così come sono alla fine degli anni ‘90, decaduta e quasi morente l’una, grigia solida e austera l’altra, gli suscitano un sentimento di identificazione, per diversi e intrecciati motivi : di Noto, Staiano critica « la passività, la stanchezza, il fastidio per chi fa »12 di allora e l’ingiustificato senso di superiorità ancora vigente ; di Cremona, trova moralmente disdicevole la complicità col peggiore fascismo di allora e per nulla familiare la « compiaciuta pacatezza » e l’involgarimento odierni.

12L’estraneità alle patrie intese come luoghi della memoria personale diventa poi presa di distanza dalle attuali miserie dell’Italia tutta, che paiono, in certi momenti, elementi di un carattere nazionale facile all’autoinganno e a un uso mistificatorio del linguaggio : « L’inganno nostrano nasce sempre dal linguaggio, dalla sua falsità, dalla sua furbizia, dalla sua allusività » (p. 185).

  • 13 Ibidem, p. 106.

13E questo vale per la Sicilia : « un essenziale problema siciliano è la carenza di cultura di uno Stato di diritto moderno, per ragioni storiche ma anche per la presenza di un cinismo diffuso… che nasce dalla rinuncia »13.

  • 14 Ibidem, pp. 115, 169 e 170.

14Ma vale anche per la Cremona di oggi – « entro come uno straniero nella città dove sono nato » –, come per quella di ieri : « cade il fascismo il 25 luglio 1945 e a Cremona non accade nulla [...] In Sicilia ci fu un sussulto, i cittadini discutevano, scrivevano, qui soltanto il greve silenzio complice della pianura padana »14.

15Rispetto al volumetto Patria, questo libro di Stajano appare di ben altro livello, spessore e ricchezza interiore e civile. Stajano è senza dubbio cosciente del dibattito in corso sulla morte della Patria, e ha chiaro che la questione della patria non può essere liquidata con una fuga nelle tematiche planetarie da un lato e la chiusura intimistica dall’altro. Ma ha nello stesso tempo coscienza che la questione identitaria si vive anche e soprattutto come percorso e memoria individuale e familiare, come microstoria personale all’interno della Storia con la S maiuscola. Il libro, che appartiene al genere del saggio-romanzo della memoria, non ha una tesi precostituita sulla que-stione dell’8 settembre. Certo, la condanna del fascismo è senza appello. Ma Stajano non crede più a quella caricaturale retorica crociana della “parentesi”, per cui il fascismo era un corpo estraneo su una comunità integra e sua vittima. Sia in Sicilia che a Cremona, Stajano registra le compromissioni, le slealtà, gli opportunismi della borghesia italiana nei confronti del fascismo, e quello che indaga è appunto il tipo di reazione della popolazione delle sue due città, Noto e Cremona, al crollo del fascismo il 25 luglio, all’invasione alleata in Sicilia, al ritorno di Farinacci a Cremona dopo l’8 settembre. L’indagine, che è più un viaggio nella memoria che un saggio a tesi, non ha una conclusione che valga come indicazione ideologica nel contesto della polemica storiografica e politica. Quello che risulta dai due viaggi, per l’uomo Stajano, è una sostanziale estraneità ad entrambe le città e comunità, e quindi all’Italia stessa : le patrie sono smarrite perché è l’Italia come aspirazione alla libertà e alla civiltà a non ritrovarsi nell’Italia del XX secolo. Stajano sente di non far parte di questa comunità perché troppo forte è il senso dell’indignazione per i mali e le debolezze morali del paese. In questo senso Stajano riprende l’atteggiamento etico di quella cultura “azionista”, la quale non si ferma indulgente di fronte alla evidenziazione dei mali del Paese, come nella tradizione dell’antiitaliano della destra come Prezzolini o Montanelli, ma continua a credere in una possibile redenzione del Paese, la cui prefigurazione è negli esempi di onestà e impegno civile disseminati nel testo : il padre di Stajano che difende la sede del palazzo comunale dall’assalto dei fascisti nei giorni della marcia su Roma ; la lista verde di Noto che si batte negli anni ‘90 per impedire la trasformazione del paese in una sorta di gigantesco centro congressi.

Paolo Sylos Labini e Claudio Magris

  • 15  Francesco Barbagallo, L’Italia contemporanea. Storiografia e metodi di ricerca, Roma, Carocci, 200 (...)

16Recentemente, in coincidenza con i primi mesi della seconda e-sperienza di governo di Silvio Berlusconi, intellettuali e studiosi di orientamento antifascista stanno riscoprendo i valori di un patriottismo inteso come amore della patria in quanto ideale della libertà, implicitamente contrapponendosi alla concezione statica che vorrebbe fare della patria l’insieme indifferenziato di tutte le esperienze e le sensibilità manifestatesi nella tradizione storica del Paese. Già lo storico Francesco Barbagallo, in aperta polemica con Galli della Loggia, ricorda che la patria non morì l’8 settembre, ma che essa era già da tempo decaduta per l’abuso che ne era stato fatto durante gli anni della dittatura. E che la patria è « innanzitutto la libertà della e nella patria per tutti i cittadini »15.

  • 16  Si tratta di Paolo Sylos Labini, Perché ci fanno perdere l’amore per la patria (« la Repubblica », (...)

17In particolare, poi, due articoli, pubblicati su grandi quotidiani nazionali, riprendono il primo la critica serrata al paese qual è contrapponendogli un orizzonte ideale che si richiama alle pulsioni ideali verso la libertà espresse lungo il Risorgimento e la Resistenza, il secondo aggiornando invece il concetto di patria alla luce dei moderni concetti di pluralità e di complessità16.

18L’articolo dell’economista Paolo Sylos Labini rappresenta l’ultima reincarnazione della tematica antiitaliana di stile azionista, sul contrasto tra le aspirazioni civili e di progresso e la triste realtà del paese, corrotto e svenduto : questa volta, siamo nel 2002, il bersaglio critico è la politica del governo Berlusconi e della sua maggioranza in Parlamento, che Sylos Labini ritiene attenta a salvaguardare in primo luogo gli interessi del presidente del consiglio, e disposta per questo a calpestare principi e Costituzione. Ecco come si perde l’amor di patria, scrive Sylos Labini, ecco come ci si vergogna di essere italiani : con la restrizione della libertà di espressione, l’attacco alla magistratura, i sospetti di compromessi fra il governo e la criminalità organizzata.

19A quali tradizioni far allora riferimento per trovare un motivo per riscoprire l’“amor di Patria” ? Per Sylos Labini, bisogna tornare a una linea storica che parte dalle speranze generate dalla Resistenza, che voleva riscattare il paese dall’onta del fascismo e della compromissione della monarchia, passa per il progresso civile ottenuto, nonostante i limiti, negli anni della prima repubblica, e arriva fino al sacrificio civile dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Questo progresso si è attualmente interrotto, secondo Sylos Labini, con l’ascesa al governo di Silvio Berlusconi e della sua maggioranza, ma può essere rilanciato da una nuova stagione di battaglie ideali.

20Claudio Magris si richiama invece all’interpretazione repubblicana del patriottismo elaborata da Maurizio Viroli : la patria è figlia della rivoluzione francese, e delle idee di libertà e uguaglianza ; il nazionalismo l’ha pervertita, perché la corretta idea di nazione « ha un respiro universale » e non si può amare la propria patria senza amare anche le altre e l’umanità intera. In questa linea interpretativa, nazionalismo e localismo sono entrambi antipatriottici perché particolaristici. Magris vi aggiunge l’idea che l’identità sia costituita di elementi plurali, come è il caso per i cittadini delle zone di frontiera, che portano in sè radici diverse e complesse, e che diventano per questo metafore della complessità della condizione umana. L’attaccamento alla patria è culturale e non etnico-biologico. E il senso della complessità non depotenzia il patriottismo, ma al contrario, vi dà una marcia in più. Il patriottismo è inscindibile dall’universale : già per Dante, scrive Magris, la patria è il legame fra il proprio particolarismo (l’Arno) e l’orizzonte dell’universale (l’oceano).

21La conclusione di Magris vale come conclusione di tutto questo percorso di recente riattualizzazione di un patriottismo che non annunci pericoli autoritari ma sia invece una delle chiavi della riscossa civile del paese : per i combattenti per la libertà, come diceva Ernst Bloch, la vera patria non esiste ancora, perché essa è il mondo liberato dall’ingiustizia e dall’oppressione.

Haut de page

Notes

1  Silvana Patriarca, Italian neopatriotism : debating national identity in the 1990s, « Modern Italy », VI, 1, 2001, pp. 21-34.

2  Fulvio Abbate, Severino Cesari, Giampiero Comolli, Mario Fortunato, Sandro Onofri, Sandra Petrignani, Lidia Ravera, Sandro Veronesi, Valeria Viganò, Patria. Lo scrittore e il suo paese : nove interventi, Roma, Theoria, 1992.

3  Claudio Magris, Riconoscersi non vuol dire chiudersi. Un’idea di Patria (senza retorica), « Corriere della Sera », 2 giugno 2002.

4  Maurizio Viroli, Per amore della patria. Patriottismo e nazionalismo nella storia, Roma, Laterza, 1995 ; id., Repubblicanesimo, Roma, Laterza, 1999.

5  Corrado Stajano, Patrie smarrite. Racconto di un italiano, Milano, Garzanti, 2001 ; ma si legga anche id., Promemoria. Uno straniero in patria tra Campo de’ Fiori e palazzo Madama, Milano, Garzanti, 1997.

6  Ernesto Galli della Loggia, La morte della patria. La crisi dell’idea di nazione tra Resistenza, antifascismo e Repubblica, Roma, Laterza, 1996.

7  S. Patriarca, op. cit., p. 30.

8  Valeria Viganò, No man is an island, in F. Abbate et a., Patria, cit., p. 138.

9  Si pensi, tanto per citarne due (ma Stajano meriterebbe ben più di questi superficiali riferimenti) a Corrado Stajano, Il sovversivo (Torino, Einaudi, 1975), sulla morte del giovane anarchico Franco Serantini nel maggio del 1972, oppure a id., Un eroe borghese (Torino, Einaudi, 1991), sulla vicenda del fallimento della Banca Privata di Michele Sindona e l’omicidio del liquidatore fallimentare di quella Banca, l’avvocato Giorgio Ambrosoli.

10  C. Stajano, Patrie smarrite, cit., p. 32.

11 Ibidem, p. 64.

12 Ibidem, p. 81.

13 Ibidem, p. 106.

14 Ibidem, pp. 115, 169 e 170.

15  Francesco Barbagallo, L’Italia contemporanea. Storiografia e metodi di ricerca, Roma, Carocci, 2002, pp. 53-54.

16  Si tratta di Paolo Sylos Labini, Perché ci fanno perdere l’amore per la patria (« la Repubblica », 26 giugno 2002) e di Claudio Magris, Riconoscersi, cit..

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°6, Variations autour des idées de patrie, État, nation, 2002.

Référence électronique

Claudio Milanesi, « Patria senza, patrie smarrite, nuove idee di patria : neopatriottismo e libertà nella cultura italiana alla fine della Prima repubblica », Italies [En ligne], 6 | 2002, mis en ligne le 09 juillet 2009, consulté le 19 août 2017. URL : http://italies.revues.org/1858 ; DOI : 10.4000/italies.1858

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org