Navigation – Plan du site
Une arche à sauver

Un cane alla corte imperiale di Vienna : i ritratti del « famoso Pattatocco »

Enrico Lucchese
p. 397-408

Résumé

Menzionato in due lettere del 1726 di Apostolo Zeno, Pattatocco, il cane del friulano Daniele Antonio Bertoli, artista di corte a Vienna nella prima metà del Settecento, deve il suo curioso nome a un intermezzo comico, su libretto di Pietro Pariati, di undici anni prima. Celebre per azioni poco rispettose dell’etichetta cortigiana, meritò perfino un poema, la Pattatocheide, ricordata da Giandomenico Bertoli, il cui modello può essere individuato in un’opera pubblicata nel 1698 a Venezia riguardante Taccone, il cane di Girolamo Albrizzi. Di Pattatocco e di Daniele Antonio Bertoli, inseparabili compagni anche durante il viaggio in Italia di quest’ultimo (1726-1727) ad acquistare opere per il Museo Cesareo, esiste un ritratto inciso e la notevole caricatura dell’amico veneziano Anton Maria Zanetti di Girolamo, opera che meglio di tutte mostra il rapporto che correva tra il ribaldo levriero e il suo « pigrissimo » padrone. Sopra la porta d’entrata del coevo palazzo Fürstenberg, a Vienna, sono scolpiti a tutto tondo due cani affrontati che paiono puntuali effigi di Pattatocco, mentre l’immagine del levriero, in tutto simile a quello di Bertoli, visibile nel più tardo Ritratto di gruppo di Jacopo Amigoni, con Metastasio, i cantanti Castellini e Farinelli e lo stesso pittore veneziano, può essere considerato, se non ritratto di un suo discendente, comunque omaggio al « famoso Pattatocco » e al mondo che aveva conosciuto.

Haut de page

Entrées d’index

Géographique :

Vienne

Chronologie :

XVIIIe
Haut de page

Dédicace

A Geo, il mio Pattatocco

Texte intégral

1Il 30 novembre 1726 Apostolo Zeno, dal 1718 poeta cesareo presso la corte imperiale di Vienna, scriveva al fratello, il somasco Pier Caterino, riguardo la permanenza a Venezia del friulano Daniele Antonio Bertoli, disegnatore di camera di Carlo VI nonché maestro di disegno dell’arciduchessa e futura imperatrice Maria Teresa, in viaggio assieme a Bartolomeo Poli, “Theater-Scholar in der Zeichenkunst” e cugino del cappellano di corte, con l’incarico da parte dell’imperatore di raccogliere materiale per il Museo Cesareo. Nonostante il ‘pedigree’ dei due cortigiani, Apostolo Zeno appare scherzosamente preoccupato di non aver ricevuto nuove del più importante membro della delicata missione :

  • 1  Apostolo Zeno, Lettere, vol. IV, Venezia, Sansoni, 1785, p. 150. Il passo è presente pure, con err (...)

Ho significata a tutti gli amici la notizia datami da voi dell’essere costì arrivato l’amico Bertoli. Ma voi di lui mi scrivete e nulla del suo Patatocco ? Compatitemi. Bisognava scrivermi, è venuto jeri, è capitato da me Patatocco insieme col Bertoli. Con le lettere d’oggi attendo da voi altro avviso intorno allo stesso, e quello insieme della sua partenza alla volta di Bologna ; se pure la buona compagnia del Pittor Pellegrini, e degli altri amici non lo trattiene ancora costì.1

  • 2  Cesare De Michelis, Zeno, Apostolo, in Dizionario critico della letteratura italiana, diretto da V (...)

2Evidentemente Pier Caterino Zeno, a cui Apostolo aveva affidato in partenza per Vienna la conduzione del Giornale dei letterati d’Italia, si rivelò anche nella risposta alla missiva del novembre 1726 « scialbo e moderato »2, tanto che il fratello dall’Austria dovette riprendere la penna il 28 dicembre di quello stesso anno ed esordire spiegandogli, con vivacità, che

  • 3  Apostolo Zeno, op. cit., pp. 160-161. La lettera è menzionata da Pietro Someda de Marco, op. cit.  (...)

Il Patatocco, compagno indivisibile del Bertoli, non è altri, che il suo celebratissimo cane, il quale è altra cosa, che il Taccone Albrizziano. Quegli ha combattuto col mare Adriatico ; ha precipitata la cerva del Senatore di Roma dalla rupe Tarpea ; ha pisciato su le portiere papali ; ha il privilegio di entrare, e di uscire a suo piacimento nelle stanze più interne Imperiali ; di essere spesso convitato e pasciuto alla mensa Cesarea dalle mani medesime del Regnante : in una parola egli è ’l gran Patatocco ; e mi sono meravigliato che in sentendolo mentovare nella mia lettera, voi non ne aveste contezza.3

  • 4 Azzioni memorabili del famoso cane chiamato Taccone celebrate in verso e in Prosa à sodisfation dei (...)
  • 5 Ibidem, p. 11.
  • 6  Cesare De Michelis, op. cit., p. 482.
  • 7 Azzioni memorabili, cit., p. 5.
  • 8 Ibidem, p. 6 ; a tale proposito Albrizzi cita il distico bembiano : « Nili tibi non dominus tribuit (...)
  • 9 Ibidem, p. 7 : « Né paia strano che abbia voluto dedicar quest’opera ad un altro cane », ovvero il (...)

3Prima di presentare le gesta irriverenti dell’inseparabile amico a quattro zampe di Daniele Antonio Bertoli, Apostolo Zeno richiamava così alla memoria, sua e del fratello di due anni più anziano, un gustoso episodio letterario veneziano : la pubblicazione, alla fine del Seicento, delle Azzioni memorabili del famoso cane chiamato Taccone celebrate in verso e in Prosa à sodisfation dei curiosi4. Taccone, nato da « Matto dell’Eccellentissima Casa Loredana di S. Stefano, quel cane che combattè migliaia di volte con Tori e con Orsi, onde il Figlio restò degno erede delle bravure del Padre »5, non era altri che il fiero mastino, scodinzolante con bimbi e clienti, di Girolamo Albrizzi : l’editore che, « non senza improvvisazione e confusioni »6, promuoveva allora la ripresa dell’industria libraria veneta sostenendo, tra l’altro, le fatiche del giovane Apostolo. Nella consueta forma epistolare introduttiva, Albrizzi illustrava al lettore la singolare opera, da inserire in una lunga tradizione, dal Bucefalo del Macedone alla gatta petrarchesca, fino agli epitaffi per i cani pianti « per la loro fedeltà o per la loro bravura, doti che entrambe furono nel mio Tacone, con le quali si meritò il mio amore e la mia gratitudine »7. Come Augone per Andrea Navagero, Adamantio per Giulio Cesare Scaligero, Vito per l’astronomo tedesco Enrico Ranzovio, come Bembino per Pietro Bembo8, ora Taccone da poco scomparso meritava una Taconeide. Ottave della Vita, e Morte d’un Can chiamado Tacon, vari madrigali in dialetto veneziano, una lunga e particolareggiata biografia, e, infine, un’antologia poetica in latino, il tutto « ad imitazione di quella Aldina cagnoletta, che essendo stata fedelissima, e cara al suo padrone, Girolamo Aleandro il Giovane, meritò gli encomi delle penne più erudite del secolo, e queste si videro uscire alla pubblica luce dai torchi di Parigi l’anno 1621 con applauso di tutta Europa »9.

4Il quadrupede che, quasi trent’anni dopo le dette Azioni, disinvolto aveva fatto i suoi bisogni presso Sua Santità e che altrettanto impunemente continuava a scroccare alla tavola del Sacro Romano Impero, era degno di un nome non da roboante eroe epico come i suoi illustri predecessori ma da simpatico ribaldo di un intermezzo teatrale.

  • 10  Notizie attinte dai seguenti siti :
  • 11  Franz Hadamowsky, Vittoria Masutti, Bertoli Daniele Antonio, in Dizionario Biografico degli Italia (...)
  • 12 Desseins de Antoine Daniel Bertoli Dessinateur à la cour de Vienne. Recueil de 283 Costumes de Théâ (...)
  • 13  Bernardina Sani, Rosalba Carriera. Lettere, diari, frammenti, Firenze, Leo S. Olschki, 1985, p. 38 (...)

5Il 15 febbraio 1715 venne rappresentato alla corte viennese il dramma Ciro su musica del fiorentino Francesco Bartolomeo Conti e libretto dell’emiliano Pietro Pariati (dotato collaboratore, dalla fervida vena comica, di Zeno a Venezia e Vienna) in tre atti inframmezzati dagli intermezzi Bagatella, Mammalucca e appunto Pattatocco10. Sicuramente a quello spettacolo, probabilmente non lontano dalla data di nascita dell’omonimo cane, assistette Daniele Antonio Bertoli, da cinque anni ormai, per decreto di Giuseppe I, disegnatore di camera con il compito speciale di progettare i costumi per il teatro di corte e per le feste date dall’imperatore, in particolar modo quelle di carnevale (dette “Wirtschaften”)11, attività ampiamente documentata dai due volumi di disegni conservati alla Österreischen Nationalbibliothek12. Si aggiunga poi che, in una lettera del Natale 1720 da Venezia, Giambattista Recanati si era rivolto a Rosalba Carriera, allora soggiornante a Parigi, con l’appellativo giocoso di « mademoiselle Patatocco »13.

  • 14  Salvatore Battaglia, Grande Dizionario della Lingua Italiana, vol. XII, Torino, UTET, 1984, p. 810 (...)

6In dialetto veneziano, noto sia a Pariati che a Bertoli educatosi, come i Zeno, dai padri somaschi del sestiere di Castello, “Patatuco” ha infatti il significato scherzoso di “babbaccio” 14: epiteto quanto mai appropriato anche per chi di mestiere, come sicuramente nel caso del nostro Pattatocco, faceva il finto babbeo per combinare arlecchinate non permesse a noi comuni bipedi.

  • 15  Franz Hadamowsky, Vittoria Masutti, op. cit. : altre mete del viaggio di Bertoli furono la casa pa (...)
  • 16  La stampa, menzionata da Doris Gerstl, Bertoli, Daniele Antonio, in Saur Allgemeines Künslterlexik (...)

7Questo cane dal nome da maschera della Commedia dell’Arte, dunque, seguì Daniele Antonio Bertoli nel suo viaggio in Italia nel 1726 assieme a Bartolomeo Poli, accompagnandoli certo anche nella « delicata opera di acquisto delle antichità del Museo Certosino a Roma »15 in cui decisiva parte ebbe l’abate Sterbini ; con quest’ultimo rientrarono a Vienna nell’estate del 1727. A eternare l’impresa, il pittore di corte Martin von Meytens il giovane dipinse il doppio ritratto di Bertoli e Pattatocco, inciso da Johann Jacob Haid16 (fig. 1) : un’immagine da “Grand Tour”, con le antichità romane sullo sfondo e un grande album per disegni retto dall’artista nato a San Daniele del Friuli ; in basso a destra sbuca il muso del levriero, lo sguardo verso lo spettatore, un largo collare chiuso da lucchetto e l’iniziale del cognome del proprio padrone in rilievo.

Fig. 1 : Martin von Meytens il giovane, Johann Jacob Haid, Daniele Antonio Bertoli e Pattatocco a Roma, incisione, (propriété de l’auteur).

  • 17  Franz Hadamowsky, Vittoria Masutti, op. cit., pp. 593-594.
  • 18  Pietro Someda de Marco, Un friulano alla Corte di Vienna, in « Avanti cul brun! », 1951, ser. 4, n (...)

8In realtà il ritorno in Austria di Daniele Antonio non fu così trionfale come potrebbe apparire dall’aulica stampa qui presentata : « i suoi acquisti furono aspramente criticati ed egli fu incolpato di imbroglio e falsità. Nello scandalo fu coinvolto anche l’amico Apostolo Zeno. Il Bertoli elevò vivaci proteste d’innocenza e richiese le perizie necessarie a scagionarlo dalle accuse, ma la questione fu messa a tacere »17. L’imperatore Carlo VI, forse anche memore degli uffici di Pattatocco, non tardò a riabilitare presso di sé Daniele Antonio Bertoli, nominandolo nel 1731 Ispettore della Galleria Cesarea e, l’anno seguente, conte di Bribir e Selze nel dominio di Buccari18.

9Quanto fondamentale fu nella vita di Bertoli la compagnia di Pattatocco è ben avvertibile in uno stralcio della lettera che Giandomenico Bertoli, l’erudito fratello maggiore di Daniele Antonio, autore dell’importante trattato Le Antichità d’Aquileja profane e sacre edito a Venezia nel 1739 con il beneplacito di Apostolo Zeno e Ludovico Antonio Muratori, indirizzò il 20 marzo 1727, da Aquileia dove era canonico, ad Antonio Romani Vicario Imperiale a Gorizia :

  • 19  In Pietro Someda de Marco, Gian Domenico, cit., pp. 58, 60.

Mi giunge in questo momento da Udine un foglio di alcune poesie e lettere, che per suo divertimento aggiungo alla presente : per maggior intelligenza del quale devo dirle, che mio fratello, il pittore, possede un cane assai famoso, chiamato per nome Pattatocco : in lode del quale dai più bei ingegni d’Europa, sono state composte molte poesie, e queste sono state raccolte e stampate in un libro intestato la Pattatocheide. Il cane è famoso per questi componimenti, ma molto più per le carezze che li vengon fatte dall’Imperatrice e da tutta la corte, ed è così caro a mio fratello, che a chi ha voluto qualch’opra dalla sua penna o dal suo pennello è convenuto ricorrere all’intercessione di Pattatocco. Tanto è successo al Sig. co. Duse Buzacarini nominato nell’annesso foglio per conseguire dalla di lui penna il suo ritratto, e quello del suo bravo cavallo, nominato Falcone. Gran buon tempo hanno i poeti e i pittori…19

  • 20 Ibidem, p. 60.

10In quei giorni Daniele Antonio Bertoli e Pattatocco erano ancora impegnati nella missione per il Museo Cesareo, eppure del secondo doveva essere già uscita una biografia poetica, la Pattatocheide, ispirata con evidenza alla sopra menzionata Taconeide in ottave del 1698. Purtroppo del volumetto su Pattatocco al momento attuale si sono perdute le tracce, risultando vane tutte le ricerche finora compiute. Pietro Someda de Marco, il quale ebbe modo di studiare il ricco epistolario manoscritto di Giandomenico Bertoli, ricorda comunque che « in onore del cane e del suo padrone dedicarono alcuni sonetti i poeti Silvestro Calza, Mons. A. B., Mattio Bordegato, l’abate Pagani, Giuseppe Salio, Francesco Fiamengo e altri che vivevano alla corte viennese »20.

  • 21  Venezia, Fondazione Giorgio Cini. Penna e inchiostro bruno, 277 x 177 mm : Alessandro Bettagno, Ca (...)
  • 22  Franca Zava Boccazzi, op. cit., pp. 39, 86 n. 44.

11Il decisivo ruolo che Pattatocco rivestiva nella vita di Daniele Antonio Bertoli appare testimoniato graficamente da una delle caricature del veneziano Anton Maria Zanetti di Girolamo21, realizzata quindi o verso il 30 novembre 1726, quando Apostolo Zeno scriveva, lo si è visto, del loro soggiorno in laguna22, o forse l’anno successivo quando i due probabilmente sostarono a Venezia sulla via del ritorno per Vienna.

  • 23  Venezia, Biblioteca del Museo Civico Correr, Epistolario Moschini : Lettere di Antonio Maria Zanet (...)

12Daniel’Antonio Bertoli con il famoso Pattatocco (fig. 2) è il titolo offerto dallo stesso Zanetti, figura nodale per la storia della cultura veneziana, e non solo, della prima metà del Settecento. Se il cane, riconoscibile per il caratteristico alto collare e la ‘B’ in bella vista, si mostra di profilo, spuntato per metà dal foglio con le zampe anteriori, regalandoci un ghigno da terribile birbante che doveva trovare di sicuro la simpatia dell’altrettanto mordace aristocratico veneziano, il suo allampanato padrone con spadino e dalle eleganti calze ricamate si presenta invece di schiena, la testa girata, lasciando al proprio animale un compito da indiscusso protagonista. Tale rovesciamento delle parti era chiarissimo a chi nutriva verso l’artista friulano sentimenti di profondo affetto : nel 1766, l’anziano Zanetti ricordava infatti in una lettera a Giandomenico Bertoli che il « maggior amico mio ch’io abbia avuto in questo mondo, cominciando dagli anni più teneri della nostra adolescenza et seguitando sempre lo stesso sino a quello della vecchiaia et questo era il mio caro e adoratissimo Suo Signor Fratello il signor Daniele Antonio come a Lei è già benissimo notto »23.

Fig. 2 : Anton Maria Zanetti di Girolamo, Daniel’Antonio Bertoli con il famoso Pattatocco, Venezia, Fondazione Giorgio Cini, (avec l’aimable autorisation de la Fondazione Giorgio Cini).

  • 24  Lo si vede proprio nella lettera, sopra citata, del 20 marzo 1727.
  • 25  Abecedario de P. J. Mariette et autres notes inédites de cet amateur sur les arts et les artistes, (...)
  • 26  Apostolo Zeno, op. cit., vol. IV, p. 276, lettera a Ludovico Antonio Muratori a Modena, Venezia 7 (...)

13Solo grazie a un rapporto coltivato nel tempo, Anton Maria Zanetti, anch’egli fortemente legato al mondo del teatro, era riuscito a capire e a catturare in pochi segni di penna il tratto principale del carattere di Daniele Antonio Bertoli, quell’indolenza spesso sfociante in vero e proprio immobilismo, dal quale il solo Pattatocco poteva smuoverlo, che gli riconoscevano pure altri amici comuni : dal fratello Giandomenico24, al collezionista francese Pierre-Jean Mariette25, al nume degli studi veneti Apostolo Zeno26.

  • 27  Enrico Lucchese, scheda, in Rosalba Carriera « prima pittrice de l’Europa », catalogo della mostra (...)
  • 28  Bernardina Sani, op. cit., pp. 417, 520-521, 529, 536-537, 540, 547, 549, 553.
  • 29  Attuale Grünangergasse 4. Non pare invece un ritratto di Pattatocco il levriero disegnato da Danie (...)
  • 30  Il progetto della facciata viene collegato all’opera dell’architetto di corte Johann Lukas von Hil (...)

14Un’ulteriore amica di Zanetti e di Bertoli giunse nel 1730 a Vienna : la celebre Rosalba Carriera, colei che ci ha lasciato senza dubbio il ritratto più intenso di Daniele Antonio (Flambruzzo, collezione privata)27. Il cane Pattatocco doveva essere mancato da tempo : nessun accenno di lui nel ricco epistolario della pittrice pervenutoci, nel quale invece Bertoli è ricordato fin dal 1722 da Mariette, poi soprattutto in veste di ospitale accompagnatore delle sorelle Carriera durante il loro soggiorno presso la corte austriaca28. Tale silenzio e l’assenza di un suo ritratto nel catalogo dell’opera rosalbiana devono essere spiegati solo con la scomparsa del famoso segugio, immortalato a Vienna, mi pare, con il suo caratteristico collare sopra la porta d’entrata del palazzo Fürstenberg, dietro il duomo di Santo Stefano29, architettura collocabile nel terzo decennio del Settecento30 (fig. 3).

Fig. 3 : Ritratto di Pattatocco, Vienna, Palazzo Fürstenberg, (propriété de l’auteur).

  • 31  Bernardina Sani, op. cit., pp. 174, 763. Il disegno del « cane che è più grande d’un manzo d’Irlan (...)
  • 32  Adriano Mariuz, La pittura (I), in Storia di Venezia. Temi. L’arte, vol. II, a cura di Rodolfo Pal (...)

15Rosalba, attenta ai malori della cagnetta di Luigi XV bambino o divertita dai racconti e dai disegni del cognato Antonio Pellegrini sul cagnone formato ‘manzo irlandese’ che gli occupava la stanza di Londra31, aveva infatti mostrato in precedenza una spiccata sensibilità verso gli animali domestici, complemento necessario di alcuni suoi capolavori « alla soglia dell’interiorità », come il Ritratto di fanciulla con scimmietta del Louvre : « più che esperimenti di fisiognomonia, veri e propri ‘doppi ritratti’, in cui l’inquietudine allarmata dell’animale, costretto a posare, lascia intuire la punta di crudeltà inconsapevole che può celarsi dietro un’amabile civetteria o una sussiegosa compostezza aristocratica »32.

16Ma un altro pittore del Settecento veneziano, un altro instancabile viaggiatore europeo, pare abbia voluto far rivivere un’ultima volta la leggenda di Pattatocco, forse ritraendone un discendente o un suo ideale continuatore di birbonate.

  • 33  Olio su tela, 172,8 x 245,1 cm. Melbourne, Gallery of Victoria. Resta fondamentale l’analisi di Mi (...)

17Qualche anno dopo la morte di Daniele Antonio Bertoli (27 dicembre 1743), Jacopo Amigoni dipinse infatti un singolare Ritratto di gruppo (fig. 4), raffigurante da sinistra a destra il poeta cesareo Metastasio (che dal 1731 era subentrato ad Apostolo Zeno a Vienna), la soprano Teresa Castellini, Carlo Broschi detto Farinelli con al petto l’Ordine di Calatrava ottenuto nel 1750, lo stesso Amigoni in veste da pittore, un ragazzo in costume polacco (identificato, sulla base di un’iscrizione sul retro della tela, con un arciduca d’Austria) e un cane dalle fattezze assai prossime a quelle del suo simile che aveva imperversato alla corte viennese33.

Fig. 4 : Jacopo Amigoni, Ritratto di gruppo, Melbourne, National Gallery of Victoria, (avec l’aimable autorisation de la fondation Giorgio Cini).

  • 34  Giorgio Fossaluzza, scheda, in Splendori del Settecento veneziano, catalogo della mostra (Venezia, (...)

18A differenza di Pattatocco, il levriero reca sul collare la sigla ‘CBF’, allusiva al celebre castrato ; « il dipinto fu visto nel 1771 presso la casa bolognese del Farinelli da C. Burney che identificò erroneamente la Castellini con la collega Faustina Bordoni »34. Si tratta di un ritratto di amici, allora dispersi tra le corti di Vienna e Madrid (dove Amigoni era giunto nel 1747 forse per raccomandazione di Farinelli), riuniti come in un sogno nella campagna presso Bologna, città che si vede in lontananza : un’arcadia dove possano convivere pittura poesia e musica, un luogo di « lieti pensamenti » dove anche un cane, come già Pattatocco, possa essere attore principale. Sognare è necessario per tutti :

  • 35  Pietro Metastasio, Opere, a cura di Mario Fubini, Milano-Napoli, Riccardo Ricciardi, 1968, pp. 701 (...)

La esperienza e il raziocinio ci sgombrano veramente l’animo d’una quantità di errori che s’incominciano a bere col primo latte ; ma ci defraudano all’incontro una quantità di piaceri, e non somministrano materiali onde riempire il vòto che cagionano. Forse questo è un meritato castigo, col quale la Provvidenza punisce chi pretende fabbricarsi in terra una solida e reale felicità non conceduta ai mortali. So che, s’io potessi rifarmi da capo, non sarei più così dolce d’andar cercando il pel nell’uovo. Mi compiacerei della scorza de’ piaceri senza andarli snocciolando, e con la varietà compenserei l’instabilità dei medesimi. Non v’è bisogno di tanta realità per dilettarsi. Qual cosa più vana di un sogno ? eppure vi fa passar qualche ora contento. Qual cosa più fallace di una scena ? eppure vi trattiene, vi rallegra, vi rapisce colle sue superficiali apparenze. Chi non vuol che il midollo de’ piaceri, perde il buono cercando l’ottimo, e mentre compiagne l’altrui, fabbrica la propria infelicità.35

19Così scriveva Metastasio all’amico Antonio Trivulzio, suo « veneratissimo Fracastoro » a Venezia (Vienna, 16 maggio 1753).

Haut de page

Notes

1  Apostolo Zeno, Lettere, vol. IV, Venezia, Sansoni, 1785, p. 150. Il passo è presente pure, con errori di trascrizione, in Pietro Someda de Marco, Gian Domenico Bertoli e la sua terra natale, Pordenone, La Panarie, 1948, p. 60. Il Pellegrini menzionato è il pittore Antonio Pellegrini, cognato di Rosalba Carriera, di cui si accennerà più sotto ; il nome del cane di Bertoli viene scritto da Zeno come se fosse pronunciato con l’accento veneto, ovvero senza consonanti doppie.

2  Cesare De Michelis, Zeno, Apostolo, in Dizionario critico della letteratura italiana, diretto da Vittore Branca con la collaborazione di Armando Balduino, Manlio Pastore Stocchi, Marco Pecoraro, vol. IV, Torino, UTET, 1986, p. 485.

3  Apostolo Zeno, op. cit., pp. 160-161. La lettera è menzionata da Pietro Someda de Marco, op. cit. ; Franca Zava Boccazzi, Episodi di pittura veneziana a Vienna nel Settecento, in Venezia Vienna, a cura di Giandomenico Romanelli, Milano, Electa, 1983, p. 86 n. 44.

4 Azzioni memorabili del famoso cane chiamato Taccone celebrate in verso e in Prosa à sodisfation dei curiosi, col suo curioso testamento. Historia vera e dilettevole dedicata al valoroso Toffolo Cane dell’Illustriss. Et Eccellentiss. Sig. Gio. Lando K.r Procurator di S. Marco, Venezia, Girolamo Albrizzi, 1698 (Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, Misc. 267.013).

5 Ibidem, p. 11.

6  Cesare De Michelis, op. cit., p. 482.

7 Azzioni memorabili, cit., p. 5.

8 Ibidem, p. 6 ; a tale proposito Albrizzi cita il distico bembiano : « Nili tibi non dominus tribuit, Bembine Catelle, / Aquo nomen habes, et tumulum, et lacrymas ».

9 Ibidem, p. 7 : « Né paia strano che abbia voluto dedicar quest’opera ad un altro cane », ovvero il « valoroso Toffolo » citato nel titolo del libretto.

10  Notizie attinte dai seguenti siti :

http://phonoarchive.org/grove/Entries/S20900.htm

http://vanot.vadstena-akademien.org/search.php

http://pagesperso-orange.fr/jean-claude.brenac/CONTI.htm

11  Franz Hadamowsky, Vittoria Masutti, Bertoli Daniele Antonio, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. IX, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana 1967, p. 593.

12 Desseins de Antoine Daniel Bertoli Dessinateur à la cour de Vienne. Recueil de 283 Costumes de Théâtre, dessinés à la plume partie lavés à l’encre de Chine et à l’acquarelle, 2 voll., Vienna, Österreischen Nationalbibliothek, Theatersammlung, Min. 43, voll. 1, 2. Segnalato a partire dal fondamentale Hermann Voss, Bertoli, Antonio Daniele, in Allgemeines Lexikon der Bildenden Künstlers, a cura di Ulrich Thieme, Felix Becker, vol. 3, Leipzig, E. A. Seemann, 1909, p. 507.

13  Bernardina Sani, Rosalba Carriera. Lettere, diari, frammenti, Firenze, Leo S. Olschki, 1985, p. 385. Il nomignolo affibbiato alla « mademoiselle » presenta una sola ‘t’ in quanto scritto secondo la pronuncia veneta : si veda nota 1.

14  Salvatore Battaglia, Grande Dizionario della Lingua Italiana, vol. XII, Torino, UTET, 1984, p. 810, voce Patatucco.

15  Franz Hadamowsky, Vittoria Masutti, op. cit. : altre mete del viaggio di Bertoli furono la casa paterna a Mereto di Tomba, in Friuli, e le città di Venezia e Firenze.

16  La stampa, menzionata da Doris Gerstl, Bertoli, Daniele Antonio, in Saur Allgemeines Künslterlexikon, vol. 10, München / Leipzig, K. G. Saur, 1995, p. 119, reca in calce, oltre ai nomi dell’autore pittorico e dell’incisore, una dedica a Bertoli in versi latini. Nell’esemplare conservato presso il Bildarchiv della Österreichische Nationalbibliothek di Vienna (n. 7276.01) è presente, inoltre, l’iscrizione a penna « Ridinger Pictor Animantium ».

17  Franz Hadamowsky, Vittoria Masutti, op. cit., pp. 593-594.

18  Pietro Someda de Marco, Un friulano alla Corte di Vienna, in « Avanti cul brun! », 1951, ser. 4, n° 19, pp. 113-120.

19  In Pietro Someda de Marco, Gian Domenico, cit., pp. 58, 60.

20 Ibidem, p. 60.

21  Venezia, Fondazione Giorgio Cini. Penna e inchiostro bruno, 277 x 177 mm : Alessandro Bettagno, Caricature di Anton Maria Zanetti, catalogo della mostra di Venezia, Vicenza, Neri Pozza, 1969, pp. 90-91 cat. 254. Una variante della composizione è conservata anche nelle collezioni reali inglesi, nel cosiddetto “Album Smith” : Edward Croft-Murray, Venetian caricatures, in Anthony Blunt, Edward Croft-Murray, Venetian drawings of the XVII and XVIII centuries in the collection of Her Majesty the Queen, London, The Phaidon Press, 1957, p. 262 cat. 48  ; il solo Daniele Antonio Bertoli è raffigurato invece in un foglio canadese che replica quello veneziano : Edward Croft-Murray, An Album of eighteenth century venetian operatic caricatures formerly in the collection of Count Algarotti, catalogo della mostra, Toronto, Art Gallery of Ontario, 1980, p. 31 cat. 1.

22  Franca Zava Boccazzi, op. cit., pp. 39, 86 n. 44.

23  Venezia, Biblioteca del Museo Civico Correr, Epistolario Moschini : Lettere di Antonio Maria Zanetti quondam Gerolamo a Giandomenico Bertoli canonico di Aquileia, lettera del 6 marzo 1766. Citata da Franca Zava Boccazzi, op. cit., p. 89 n. 44.

24  Lo si vede proprio nella lettera, sopra citata, del 20 marzo 1727.

25  Abecedario de P. J. Mariette et autres notes inédites de cet amateur sur les arts et les artistes, a cura di Philippe de Chennevières et Anatole de Montaiglon, tome premier, Paris, J.-B. Dumoulin, 1851-1853 (Archives de l’Art Français, II), pp. 128-129 : « C’est assez volontiers le vice des gens modestes d’être paresseux, de se mettre difficilement au travail, et cela s’est vérifié souvent chez M. Bertoli. Non seulement il ne recherchoit pas les occasions d’exercer, il les evitoit le plus qu’il pouvoit, ce qui ne lui etoit pas difficile dans une cour, où, à l’exception du maître, peu de gens estimoient les arts. Pour s’en consoler, M. Bertoli avoit recours à ses livres, et comme il s’en etoit formé un fort joli cabinet, il avoit suffisement de quoy converser, et ne point tomber dans l’ennuy ».

26  Apostolo Zeno, op. cit., vol. IV, p. 276, lettera a Ludovico Antonio Muratori a Modena, Venezia 7 ottobre 1720 : « oltre di che ancora non dispero affatto, che il pigrissimo Bertoli vinca una volta il proprio costume, e si metta all’impresa di disegnar le figure per la stampa della Secchia ».

27  Enrico Lucchese, scheda, in Rosalba Carriera « prima pittrice de l’Europa », catalogo della mostra a cura di Giuseppe Pavanello (Venezia, 1 settembre - 28 ottobre 2007), Venezia, Marsilio, 2007, pp. 126-127 cat. 23, con bibliografia precedente.

28  Bernardina Sani, op. cit., pp. 417, 520-521, 529, 536-537, 540, 547, 549, 553.

29  Attuale Grünangergasse 4. Non pare invece un ritratto di Pattatocco il levriero disegnato da Daniele Antonio Bertoli quale compagno di un bracco per una sovraporta di soggetto venatorio : Veronika Birke e Janine Kertész. Die Italienischen Zeichnungen der Albertina, vol. II, Wien / Köln / Weimar, Böhlan, 1994, p. 966 inv. 1842.

30  Il progetto della facciata viene collegato all’opera dell’architetto di corte Johann Lukas von Hildebrandts ; per una scheda : http://www.burgen–austria.com/Palais.asp?Artikel=Fürstenberg. Sulla questione dei palazzi viennesi di primo Settecento, si veda il saggio di Helmut Lorenz, Kunstgeschichte oder Kunstlergeschichte - Bemerkungen zur Forschungslage der Wiener Barockarchitektur, in “Artibus et Historiae”, 1981, vol. 2, n° 4, pp. 99-123.

31  Bernardina Sani, op. cit., pp. 174, 763. Il disegno del « cane che è più grande d’un manzo d’Irlanda » posseduto da Pellegrini compare in due sue lettere alla cognata, illustrate da Franca Zava Boccazzi, Pellegrini « privato » nell’epistolario di Rosalba Carriera, in Antonio Pellegrini. Il maestro veneto del Rococò alle corti d’Europa, catalogo della mostra a cura di Alessandro Bettagno (Padova, 20 settembre 1998 - 10 gennaio 1999), Venezia, Marsilio, 1998, p. 69.

32  Adriano Mariuz, La pittura (I), in Storia di Venezia. Temi. L’arte, vol. II, a cura di Rodolfo Pallucchini, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1995, pp. 287, 289.

33  Olio su tela, 172,8 x 245,1 cm. Melbourne, Gallery of Victoria. Resta fondamentale l’analisi di Michael Levey, La pittura a Venezia nel Settecento, Milano, Leonardo, 1996, pp. 179-180.

34  Giorgio Fossaluzza, scheda, in Splendori del Settecento veneziano, catalogo della mostra (Venezia, 26 maggio - 30 luglio 1995), Milano, Electa, 1995, p. 140 cat. 24. La cinofilia di Farinelli è documentata inoltre dagli altri suoi ritratti eseguiti da Bartolomeo Nazzari (Londra, Royal College of Music) e, di nuovo, da Jacopo Amigoni (Stoccarda, Staatsgalerie) : Daniel Heartz, Farinelli revisited, in « Early Music », Aug. 1990, vol. 18, n° 3, pp. 433, 440.

35  Pietro Metastasio, Opere, a cura di Mario Fubini, Milano-Napoli, Riccardo Ricciardi, 1968, pp. 701-702. Sull’importanza di questo passo per intendere la pittura di Amigoni (e questo dipinto in particolare) : Adriano Mariuz, op. cit., p. 305.

Haut de page

Table des illustrations

Légende Fig. 1 : Martin von Meytens il giovane, Johann Jacob Haid, Daniele Antonio Bertoli e Pattatocco a Roma, incisione, (propriété de l’auteur).
URL http://italies.revues.org/docannexe/image/2175/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 180k
Légende Fig. 2 : Anton Maria Zanetti di Girolamo, Daniel’Antonio Bertoli con il famoso Pattatocco, Venezia, Fondazione Giorgio Cini, (avec l’aimable autorisation de la Fondazione Giorgio Cini).
URL http://italies.revues.org/docannexe/image/2175/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 156k
Légende Fig. 3 : Ritratto di Pattatocco, Vienna, Palazzo Fürstenberg, (propriété de l’auteur).
URL http://italies.revues.org/docannexe/image/2175/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 120k
Légende Fig. 4 : Jacopo Amigoni, Ritratto di gruppo, Melbourne, National Gallery of Victoria, (avec l’aimable autorisation de la fondation Giorgio Cini).
URL http://italies.revues.org/docannexe/image/2175/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 132k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°12, Arches de Noé [2], 2008.

Référence électronique

Enrico Lucchese, « Un cane alla corte imperiale di Vienna : i ritratti del « famoso Pattatocco » », Italies [En ligne], 12 | 2008, mis en ligne le 01 décembre 2010, consulté le 29 mars 2017. URL : http://italies.revues.org/2175 ; DOI : 10.4000/italies.2175

Haut de page

Auteur

Enrico Lucchese

Università degli studi di Trieste

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org