Navigation – Plan du site

Le donne di Pavese in Pavese

Saverio Ieva
p. 149-163

Résumé

Attraverso l’attenta disamina di un nutrito corpus di articoli, saggi e monografie, questo lavoro si propone di analizzare la presenza della donna nell’opera di Pavese seguendo tre distinte direzioni tematiche : l’aspetto della donna, il suo rapporto con la natura e il tema della misoginia. La donna appare come un essere dal duplice aspetto : da un lato donna-terra-madre, legata all’ambiente contadino dell’infanzia ; dall’altro figura beffarda, lontana, estranea ed irragiungibile, immagine questa coincidente con il polo negativo della città.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

Dearest, I am no more in a mood to write poems.
They come with you and go with you.
(17 aprile 1950. Dalle lettere di Cesare Pavese).

1Da un’analisi della critica letteraria italiana e francese, negli anni dal 1940 fino ad oggi emergono alcune linee interpretative spesso in contrasto. Nel quadro di una più vasta repertorazione volta a ricostruire lo stato degli studi pavesiani, si ritiene utile isolare un tema e ripercorrerlo nello sviluppo degli studi critici, nell’intento di anticipare alcune conclusioni sulla storia dell’interpretazione dell’opera di Pavese. Su un insieme di duecentocinquanta articoli esaminati sull’autore in questione, una settantina concerne, nell’insieme o passionalmente il tema della donna. Sarà questo pertanto il nucleo di studi su cui ci soffermeremo.

2Suddivideremo l’analisi di questo corpus secondo tre linee : l’aspetto delle donne in Pavese, il rapporto della donna con la natura, ed infine il tema della misoginia pavesiana.

  • 1 F. Giacone, « La donna in Pavese », in « Studi Piemontesi » II, N. 1, 1973, pp. 53-64.
  • 2 C. Pavese, Lavorare stanca, Torino, Einaudi, 1968, p. 35.
  • 3  Ibidem,p. 48.
  • 4  Ibidem, p. 15.
  • 5  C. Pavese, La bella estate, p. 76.

3Grande rilievo si deve anzitutto dare ad un lavoro di Franco Giacone1 – l’unico, interamente dedicato al tema –, che, dopo aver espresso la difficoltà di cogliere una struttura unitaria nell’opera di Pavese, decide di trattare il tema della donna sotto forma di categorie [donna-natura, donna-sesso, donna-madre, donna-se stesso, donna genericamente intesa], ed analizza per prima la figura donna-natura, privilegiata dallo stesso Pavese : la donna viene confrontata alla nube in Notturno (« Tu non sei che una nube dolcissima, bianca »2), oppure al sole, alla terra, o all’acqua. Sono raffigurazioni del primo Pavese (Lavorare stanca), che si riportano all’atmosfera delle Langhe, la sua terra. In seguito, non solo in Dopo (« La collina è distesa... la compagna era stesa con me : ... la compagna non vede la nuda collina »)3 e in Paesaggio I (« Sogghignano ai gruppi di donne / e domandano quando, vestite di pelli di capra, / siederanno su tante colline a annerirsi al sole... »)4 ma anche in La Bella Estate c’è un accostamento della donna alla collina (« Io ti prendo una donna e te la stendo come se fosse una collina in cielo neutro »)5.

  • 6 C. Pavese, Lavorare stanca, p. 13.
  • 7 Ibidem, p. 20.
  • 8  C. Pavese, Pensieri di Deola, p. 45.
  • 9  Id., Paesi tuoi, p. 26.

4Sempre secondo Giacone, la seconda categoria donna-sesso fa riferimento al Diario e alle difficoltà dell’autore nel rapporto con le donne e alla conseguente misoginia che si ripercuote, comunque, anche nelle opere. Anche la terza, la donna-madre è descritta negativamente : le caratteristiche tipiche materne vengono definite in senso spregiativo, ad esempio in Antenati (« E le donne non contano nella famiglia... »)6 e in Il figlio della vedova (« La donnetta... dal gran ventre maturo...»)7. Invece, per la categoria donna-se stesso, i personaggi femminili fanno riferimento al Pavese stesso ; non solo Ginia e Rosetta, ma anche la Deola nei versi (« ... stare sola, se vuole...Non cercare nessuno »8) od ancora in Paesi tuoi (« Pareva impossibile, a vedere le figlie, che le fosse uscita di dosso tanta roba »)9.

  • 10  Id., La bella estate, p. 58-59.

5Nell’analisi della quarta categoria, la donna genericamente intesa, il Giacone sottolinea come Pavese colga sempre gli aspetti deteriori delle donne e della loro femminilità: dalla civetteria all’ostentazione, dal senso di superiorità all’invidia, ad esempio in Paesi Tuoi (« una voce di testa, da matto o da donna. – Ma cos’hanno stasera – ... – Sono peggio delle mosche, stasera. – Donne, – .... – Donne »)10.

6Il Giacone soffermandosi, soprattutto alla fine, sul personaggio di Clelia, evidenzia con numerosi esempi, questa connotazione negativa delle figure femminili, nelle opere sia di lirica sia di prosa, che conduce alla solitudine e al malessere del vivere di Pavese.

  • 11 M. Masoero, Pavese e Fenoglio, « Studi piemontesi » II, 1973, p. 170.
  • 12 N. Jonard, Le temps dans l’oeuvre romanesque de Cesare Pavese, « Études Italiennes », 1979, p. 277.

7Posso affermare che questa analisi del Giacone trova riscontro anche in altri articoli, che citano direttamente o indirettamente la donna pavesiana, come, appunto, quello della Masoero11 che condivide il giudizio in riferimento alla “donna-sesso”, mentre il Jonard12 mette in risalto l’aspetto della solitudine non solo fisica ma anche esistenziale nella figura di Elena, secondo l’analisi del Carcere.

  • 13 D. Puccini, Prima che il gallo canti, « L’Italia che scrive », 1949, p . 30.

8Il Puccini13, nella recensione critica di Prima che il gallo canti, analizza il libro intitolato La casa in collina, dove i personaggi sono simili seppure più liberi letterariamente ai personaggi del Carcere : Elena è paragonabile a Cate, come Concia a Elvira.

  • 14  G. Leggeri, Cesare Pavese poeta dell’istante, « Nuova Antologia », 1951, p. 280.

9Inoltre, il Leggeri14, nell’analisi di La Bella Estate, caratterizza le donne come elementari e raffinate, istintive e ambigue, sentimentali e scaltre, una affascinante varietà di seduzioni e di ebbrezze, nessuna con gli occhi allegri e innamorati, nessuna con l’ingenua grazia, gli entusiasmi e gli stupori. Il critico conclude sottolineando che Ginia è la poesia.

  • 15  G. Pampaloni, Cesare Pavese, « Il Ponte », 1950, L, p. 321.

10Viceversa, il Pampaloni15 offre un’immagine di Clelia come una donna attenta, calcolatrice, libera e fredda come un uomo.

  • 16  P. Fontana, Il Primo Pavese da « Lavorare stanca » a « La Spiaggia », « Aevum », 1958, pp. 462-503

11Anche il Fontana16 come il Jonard descrive la Elena del Carcere come la donna-moglie, l’antiprecarietà, la tranquillità ma nello stesso tempo l’accettazione di esso: un’illusione di evasione.

  • 17  E. Gioanola, Cesare Pavese : La scrittura come condanna e salvezza, « Italian Quarterly », n. 88, (...)

12Un critico universitario, il Gioanola17, spiega che l’opera è l’unica forma di liberazione dal carcere esistenziale e vede la scrittura come sostitutiva della persona e della donna in particolare.

  • 18  A. Fales Bianchini, Cesare Pavese e le sue opere postume, « Italica », XXXI, 1954, p. 165.

13La Fales Bianchini18 ritrova in Viaggio di Nozze il tema della donna mite e non desiderata, già presente nel Diario, e nelle altre novelle successive il tema delle donne libere ma anche sole e desolate, che sono poi quelle di La Bella Estate e Tra donne sole, le più indifese, dove le donne sono costrette ad affrontare necessariamente gli altri. Aggiunge anche che è sintomatico come i protagonisti di Viaggio di Nozze, di Suicidi, il confinato del Carcere e l’intellettuale della Casa in collina continuano a vivere, mentre le donne spinte dalla desolazione per colpa degli uomini, scelgano l’exit del suicidio.

  • 19 C.S. Pierce, Collected Papers, 5264-5317 (tr. it. Pensiero-regno-uomo in C.S. Pierce, Semiotica, M. (...)
  • 20  M. R. Lacalle Zalduendo e R. Pellerey, La Narrazione di Cesare Pavese. Memoria del tempo e ricordi (...)

14È presente, nella ricca documentazione a nostra disposizione, anche uno studio semiotico, che utilizza la tecnica di inferenza abduttiva secondo la nozione di Pierce19 : un’analisi del testo Il Diavolo nelle colline. Dopo aver analizzato lo spazio del testo, gli autori, Lacalle Zalduendo e Pellerey20 affermano il valore simbolico di alcuni personaggi, come ad esempio quello di Gabriella, che rappresenta i valori della città (Gabriella mente, inganna, s’illude e illude, gioca, crea il piacere mondano e sociale).

  • 21  M. L. Premuda, I Dialoghi con Leucòe il realismo simbolico di Pavese, « Annali della Scuola Superi (...)
  • 22  C. Reymond, I temi dell’ America e del ritorno in patria ne « Il Fondo del Sacco » di Martini e in (...)

15La Premuda21 scrive che nella fantasia di Pavese la figura femminile si colora di tutta la complessità della donna-madre etnologica; che in tutti i racconti è non creatura ma simbolo di una realtà, che l’uomo cerca di afferrare ma che gli sfugge e che non è sufficiente riaccostarle i simboli più cari come il mare, la vigna, il falò perché questi siano effettivamente riassorbiti in una figurazione unica, definitiva e carica di suggestioni. La Raymond22, invece, nell’analisi di La Luna e i falò spiega che i sentimenti, provati dai protagonisti, di sradicamento e di solitudine corrispondono all’assenza della donna, donna-amante e donna-madre, anima della famiglia, capace di dare un significato alla loro esistenza: Dora, Nora e Rosanna sono indipendenti, instabili e senza radici, liberate da pregiudizi religiosi o sociali e desiderose di “riuscire”, diventano oggetto di piacere e di gioco.

  • 23  G. Moget, La Luna e i Falò di Cesare Pavese, « Nouvelle Critique », 1965, p. 89.

16Il Moget23 presenta La langa come anticipazione del romanzo La luna e i falò e conferma l’analisi della solitudine dell’uomo : la donna è l’essere che forzerebbe l’uomo a tradire il suo destino : cittadina, lei lo strapperebbe alla sua terra installandolo in città; contadina, sostituirebbe all’immaginazione libera la condanna ad una realtà immediata, al naturalismo.

  • 24 M. Tondo, Le poesie di Pavese, « L’Italia Che Scrive », n. 3-4, 1962, p. 60.
  • 25  G. P. Biasin, Ciau Pavesis, « Il Ponte »,XXV, 1969, pp. 748-749.
  • 26  Mario Materassi, Feria d’Agosto Lettura di un campione : Un semplice e profondo nulla, XXIV, 1969, (...)

17Michele Tondo24 e Gianpaolo Biasin25 analizzano, il primo, la donna nelle poesie, come tema che assomma ed unifica tutti i motivi di Pavese : collina, infanzia, cielo, dolore e fatica; il secondo, i personaggi femminili, Clelia, Cate, Irene e Silvia o Ernesta e Clara, rispettivamente protagonisti in Tra donne sole, La casa in collina, La luna e i Falò, Masino Padre. Mario Materassi26, a questo proposito, aggiunge che un uomo suppone una donna, a differenza del ragazzo, e, per questo, la donna diventa catalizzatrice di una dicotomia inerente all’uomo ed alla sua natura.

  • 27  G. Venturi, La Prima Poetica pavesiana : ‘Lavorare stanca’,« Rassegna della Letteratura Italiana » (...)

18Ancora, il Venturi27 mette in luce quelle donne, prostitute, operaie, coscienti del proprio corpo (parte importante del mondo di Pavese) e vede Deola, una prostituta che saprà organizzare il proprio mestiere, come un’anticipazione dell’analisi della psicologia femminile matura nei romanzi : Deola preannuncia Clelia o Ginia, quelle donne forti e coraggiose che sanno dominare attraverso la solitudine il proprio destino.

  • 28  G. Falaschi, Vittorini e Pavese : idea del libro e travestimenti d’autore, « Paragone », n. 408-41 (...)
  • 29  I. Calvino, Il Midollo del Leone,« Paragone », giugno, 1955, p. 21.

19Infine, si notano ancora le due analisi del personaggio di Clelia, la prima fatta dal Falaschi28 che afferma che Clelia è un travestimento di Pavese, meticolosa, infaticabile e mascolina, che si abbandona una volta sola e che poi, vuole che tutto torni ad essere come prima, perché amore e lavoro sono inconciliabili ; aggiunge sempre il Falaschi, che vi sono due travestimenti: Clelia, che rappresenta l’attività letteraria e camuffa le sue angosce esistenziali e Rosetta, che rappresenta la vita e le angosce del Pavese. Sul personaggio di Clelia un altro autorevole giudizio è stato dato da Italo Calvino29, per il quale Clelia è il personaggio forza di Pavese, la sua ancora di salvezza: il lavoro, il suo straordinario amore per il lavoro, ma Clelia però rappresenta anche la testimonianza della figura dell’intellettuale sconfitto.

20Se i critici citati analizzano Pavese, altri studiosi evidenziano il rapporto della donna con la natura.

  • 30 D. Fernandez, Les condamnés à vivre, « L’Express », juillet 1972, p. 85.

21Dominique Fernandez30 vede la donna di Pavese come un personaggio che rompe il rapporto privilegiato, magico che l’uomo intrattiene con la natura, dove l’uomo è costretto alla fuga, all’assassinio e dove, inoltre, la donna costringe l’uomo a spogliarsi della sua infanzia.

  • 31 B. T. Mazzarotto, Una interpretazione di Cesare Pavese, « L’Osservatore politico letterario », n. 8 (...)

22La Mazzarotto31 vede la donna come insieme di sesso, istinto, fatalità di natura e che, assume per Pavese in quanto intellettuale una serie di simboli e di misteri, trasformandosi in figura medusea “suscitata entro i termini etici e fantastici del decadentismo”.

  • 32 A. Piromalli, « Poesie edite ed inedite » di Cesare Pavese, « Nuova Antologia », 1963, p. 550.
  • 33  C. Pavese, «Poesie edite ed inedite » di Cesare Pavese, Torino, Einaudi, 1962, p. 250.

23A questa analisi della Mazzarotto si collega anche quella di Piromalli32, che sottolinea come alle donne crepuscolari e false di una certa letteratura vengano sostituite queste donne di Pavese, donne di fabbrica, di campi, con desideri naturali e senza illusioni e come aldilà vi sia una donna misteriosa, venuta dal mare, che fa amare e soffrire (« Hai viso di pietra scolpita – sangue di terra dura, – sei venuta dal mare »33), contorni di una donna-simbolo indefiniti e simbolici di un destino.

  • 34  F. Daenens, La construction symbolique d’un roman de Pavese, « Les Lettres Romanes », 1970, pp. 25 (...)

24La Daenens34, dopo aver sottolineato che la donna si riporta alla terra – in La Luna e i Falò la donna diventa collina o vigna, vede la presenza del fuoco simbolo dell’odio o del disprezzo verso la donna da parte di Pavese.

  • 35 S. Pautasso, Due sondaggi pavesiani, « Il Bimestre », 1972, p. 49.

25Il Pautasso35 che condivide il tema della donna come filo conduttore espresso da Lavorare stanca a Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, mette, però, in risalto un ulteriore aspetto nella “donna-natura”, vista come un vizio della mente, un’ossessione, una creatura che suscita in noi qualcosa di troppo violento, sebbene Pavese nel gruppo La terra e la morte si sforzi di dominare questa donna insorta, che vince per la sua violenza.

  • 36  Cfr. la nota 34.
  • 37  O. Hahn, Pavese ou la création lucide, « Les Temps Modernes », n. 16, janvier, 1961, pp. 808, 809, (...)
  • 38 S. Antonielli, I versi di Cesare Pavese, « Belfagor », VI, 1951, p. 705.
  • 39  Cfr. la nota20.
  • 40 A. Le Bihan, Pavese et le mythe (La lune et les feux), « Cahiers du Sud », 1966, pp. 138-139.
  • 41 F. Ducati, Lettura di « Lavorare stanca », « Aevum », 1966, p. 533.
  • 42  V. Campanella e G. Macucci, La Poesia del mito nell’ opera di Cesare Pavese, « Il Ponte », n. 23, (...)
  • 43 G. Venturi, Ritratti critici di contemporanei Cesare Pavese), « Belfagor », n. 22, 1967, p. 435.

26In sintesi tutti i critici citati esprimono questo rapporto della donna con la natura. Per la Daenens36 la donna diventa frutto o collina o vigna in La luna e i falò ; per lo Hahn37 la donna diventa collina o paesaggio o la donna-capra nel Carcere; per l’Antonielli38 la donna è la terra in Lavorare stanca; per il Pellerey e la Lacalle Zalduendo39 il raggiungimento della felicità per l’uomo è il suo ricongiungersi alla natura attraverso la terra; ma il progetto è impraticabile, in quanto è realizzabile solo in due forme alternative e contraddittorie : la prima, il contatto del corpo nudo con la terra e il sole e la seconda, il lavoro diretto della terra stessa con il possesso della donna al posto della terra, un possesso prolungato, continuo ma non eterno. La contraddittorietà consiste, secondo i due autori, nella contemporaneità di un contatto fisico diretto e di una profanazione del sacro della natura ; per il Le Bihan40 la donna, una figura mitica assimilata alla terra, è simbolo della serenità ritrovata. La Ducati41 compara in Lavorare stanca la donna e la terra e la natura, viste in un rapporto misterioso e incomunicabile, sottolineando anche la presenza del tema della donna-acqua nella lirica Mattino, in cui si sono rilevate inflessioni dannunziane. Per il Campanella e la Maccucci42 la donna, in Dopo, simboleggia il mistero nella natura. Per il Venturi43 infine, la donna è l’argomento unico ed ossessivo delle poesie, ove la liricizzazione della donna si ottiene attraverso una metaforizzazione di essa grazie ad alcuni grandi temi pavesiani: la donna e la terra, la donna e la vigna o il vento. E sarebbe proprio nell’adesione ad una forma che si risolve nel canto dell’amore unico per la donna amata, che consiste la liricità di queste poesie. Soprattutto nella Terra e la Morte e in Verrà la morte e avrà i tuoi occhi la donna non è più solo il termine di paragone della realtà simbolica, ma “è la realtà” sia essa speranza o disperazione.

  • 44 A. Gualtieri, Cesare Pavese e la questione del decadentismo, « Revue des Études Italiennes », n. 2- (...)

27Un altro aspetto che mette in risalto la critica letteraria di Pavese è la misoginia. A questo proposito una delle analisi più profonde è quella del Gualtieri44, per il quale l’intero corpus pavesiano testimonia l’incompatibilità fondamentale tra l’uomo e la donna, la cui spiegazione è da ricercare in un fatto biologico, come lo stesso Pavese ha messo in luce :

  • 45  C. Pavese, Diario, 27 settembre 1937.

la ragione perché le donne sono sempre state amare come la morte, è in fondo solo questa, loro giungono al piacere liberatore raramente e non con tutti, e sovente non con l’adorato, e se ci giungono una volta non sognano altro.45

28Ricorda anche il Gualtieri, facendo riferimento alla vicenda di Ciccio in Terra d’Esilio e a Guido ne L’Idolo, come per Pavese i mali degli uomini siano sempre causati da una donna.

  • 46 D. De Camilli, Pavese e altri diaristi,« Italianistica », n. 5, 1976, p. 97.

29Il De Camilli46 (in riferimento al Diario) sostiene che il procedimento di analisi dell’io porta Pavese ad essere crudele nei confronti propri e della donna, il che sfocia, poi, in una misoginia, che ricorda Leopardi, e rappresenta la donna insaziabile, calcolatrice e più esperta dell’uomo.

  • 47 G. Isotti-Rosowsky, Cesare Pavese : dal naturalismo alla realtà simbolica, 1988, p. 282.

30La Isotti-Rosowsky47, evidenzia la presenza di un personaggio femminile, che orienta la prospettiva narrativa in Le tre ragazze, Tra donne sole, La bella estate, cui viene affidata la funzione di narratrice. Dall’analisi de Le tre ragazze, risulta che le figure femminili (Lidia che racconta la sua storia, Clara e Lucetta) hanno tutte e tre in comune un rifiuto dell’uomo che sfiora il disprezzo della sessualità maschile. Più specificamente in Tra donne sole le figure femminili sono amputate, senza uomo e sono legate ad un ambiente sociale che rifiuta o nega l’uomo.

  • 48 D. Fernandez, Cesare Pavese : ‘La Bella Estate’,« Nouvelle Revue Française », n. 31, 1955, juillet, (...)
  • 49  D. Fernandez, Cesare Pavese, Poète, « Nouvelle Revue Française », 1963, p. 1078.

31Il Fernandez48, ancora, scrive che il rapporto uomo-donna è un rapporto d’aggressione e che la donna è simbolo sia violento che dolce, che la donna è oggetto di lotta e di possesso e, per quanto sia l’amica e la compagna di passeggiate, a causa sua l’uomo prova una disperata solitudine. Questo nel romanzo La bella estate, mentre in Lavorare stanca49 la donna è ispiratrice del poema e le donne rivestono i panni misogini o piuttosto asessuati del giovane Pavese. Le donne sono inaccessibili e assumono caratteristiche irreali, proprio perché troppo intrise di realtà : e la donna è la sola realtà che si impone al poeta, ma é una realtà trascendente, assurda, e mostruosa.

  • 50 A. Clerval, Cesare Pavese (De la naissance du mythe au suicide comme art de vivre), « Nouvelle Revu (...)
  • 51  J. Bellefroid, Cesare Pavese, « Mercure de France », 1963, p. 280.

32Il Clerval50, sia in Ferie d’agosto sia in Notte di festa, scrive che è la donna a strappare l’uomo alla natura e dimostra che l’uomo e la donna sono separati da una frontiera, che solo l’uomo ha il diritto di oltrepassare. Su questa linea è anche Jacques Bellefroid51, pur con una motivazione diversa della separazione, affermando che è l’uomo a giungere in fondo all’amore, aumentando l’usura e la consumazione del rapporto.

  • 52  P. De Tommaso, Ritratto di Cesare Pavese, « Rassegna della Letteratura Italiana », 1965, n. 69, pp (...)
  • 53  Cfr. la nota 42.
  • 54  Cfr. la nota 40.

33A questo proposito il De Tommaso52 sottolinea come il rapporto con la donna sia basilare e come la donna non smetta di assediare Pavese nella mente e di tribolarlo nella carne e nello spazio. Per strappare l’uomo dalla solitudine è necessaria la donna, un essere però, indecifrabile e privo di tristezza. In questo senso anche il Campanella e la Macucci53, analizzando la poesia del mito nell’opera di Pavese evidenziano come nella Luna e i falò Irene, Silvia e Santa non sfuggano alla vendetta dello scrittore, come già il Le Bihan54 aveva scritto. Infatti Irene sposa un uomo che la batte e il male colpisce Santa che trova il suo rimedio nel fuoco. Gli stessi critici soffermandosi su Dopo, definiscono la donna come simbolo del mistero della natura (da qui il bisogno del poeta vendicativo di bastare a se stesso, e l’aspetto della solitudine già dall’infanzia).

  • 55  Carlo Annoni, Appunti su narrativa e resistenza nella narrativa di Pavese, « Vita e Pensiero », n. (...)

34L’Annoni55, esaminando La luna e i falò, sottolinea come, tramite la donna, si introducano due temi, il primo letterario-romantico-decadente della donna-lupo, tanto più bella e desiderabile, tanto più perversa e portatrice di male ; il secondo autobiografico, con Santina donna simbolo.

  • 56  D. Lajolo, Il vizio assurdo, (Storia di Cesare Pavese), Milano, 1960.
  • 57 C. Dedet, Cesare Pavese, « La Revue de Paris », juillet, 1964, p. 122.
  • 58  Cfr. la nota 44.
  • 59 A. Romano, Le Langhe, il Nuto. Viaggio intorno a Cesare Pavese, « Il Ponte », n. 8-9, agosto-settem (...)
  • 60 G. Finocchiaro Chimirri, Su alcune liriche di Cesare Pavese, « Studi Urbinati » XLI, 1967, pp. 1055 (...)
  • 61 M. Chapsal, Pourquoi Pavese s’est-il suicidé, « L’Express », 1968, n. 868, 26 février-3 mars, p. 86
  • 62 V. Campanella e G. Macucci, Psicanalisi e Letteratura. Il Pavese di Fernandez, 1969, XXV, p. 765.
  • 63  Cfr. la nota 43.
  • 64 G. Luccioni, Cesare Pavese : Dialoghi con Leucò, « Esprit », n. 2, 1964, p. 891.
  • 65  M. T. Battistini, Sul Mestiere di vivere di Pavese, « Convivium », 1967, p. 332.
  • 66  Cfr. la nota 55.

35A queste analisi, secondo le quali la figura femminile in Pavese presenta caratteristiche negative come la sofferenza, il dolore, la violenza che portano l’uomo ad una forzata solitudine, si possono aggiungere quelle che fanno riferimento all’immagine della donna dalla voce rauca, per prima evocata dal Lajolo56, ripresa poi dal Dedet57, dal Gualtieri58, dal Romano59, dalla Finocchiaro Chimirri60, dalla Chapsal61, dal Campanella e dalla Maccucci62, dal Venturi63, dalla Luccioni64, dalla Battistini65 ed infine dall’Annoni66. Tutti unanimemente hanno affermato che, quando la donna dalla voce rauca lascia Pavese e lo respinge senza pietà, questi maltratta tutte le donne presenti nelle opere. In sostanza, si sostiene che le vicende biografiche di Pavese hanno influito sia sulle concezioni delle figure femminili sia sull’attribuzione dei loro ruoli, conseguentemente alle delusioni amorose provate e subite.

  • 67  F. Brambilla Ageno, Un caso di utilizzazione delle fonti, « Lettere Italiane », n. 28, 1976, p. 47
  • 68  C. Pavese, Racconti, Torino, Einaudi, 1960, p. 179.
  • 69  Cfr. la nota 18.
  • 70  G. P. Biasin, Il Sorriso degli dei,« Il Ponte » XXV, 1969, pp. 727-28.
  • 71  M. Praz, la morte, la carne e il diavolo nella letteratura romantica, Firenze, Sansoni, 1948, pp. (...)

36L’interesse e la problematicità di questo argomento sono evidenziati anche da alcune letture comparativiste, di critici che hanno raffrontato personaggi femminili pavesiani con altre tipologie della storia letteraria o artistica. Ad esempio la Brambilla Ageno67 istituisce un confronto fra due passi : dalla Vita Nuova di Dante (XII, 2 : « Chiamando misericordia a la donna de la cortesia e dicendo : « amore, aiuta lo tuo fedele, m’addormentai come un pargoletto battuto lagrimando. ») e da L’Idolo68, di Pavese (« ...Per molto tempo mi sentii schiacciato, come quando da bimbo mi addormentavo battuto piangendo... »). Essa sottolinea come Pavese riprendendo lo spunto dantesco lo ampli con la rappresentazione di una sofferenza torbida e feroce, nata da una situazione e un sentimento assurdi. Così pure la Fales Bianchini69 ha visto in Notte di Festa una rappresentazione del patetico simile a quella dei quadri di Degas, pittore in cui essa riconosce un’identità di personaggi con il Nostro. Ancora per il Bertacchini compara Clelia alla Nicole di Tender is the night di Fitzgerald rendendo ancor più evidente la comparazione con il romanziere americano mediante riferimenti a Cate (La casa in collina) e ad Amelia (La bella estate). Infine il Biasin70, vede nel mito di Eudimione di Pavese similitudini con quello di Il Piacere di D’Annunzio, e, che riferendosi al Praz71, inquadra questo mito nella concezione romantico-decadente della “Belle dame sans merci”, della “donna fatale”.

37Proprio per quanto riguarda la tematica della donna, risulta evidente come, a partire dalla tragica fine di Pavese e a ritroso, nell’analisi delle opere letterarie di questo autore le interpretazioni delle opere siano state condizionate dal Diario, anche questa comunque “opera”, e consequenzialmente dagli avvenimenti vissuti dallo scrittore.

  • 72  A. Guidotti, Sulle strutture tematiche di ‘Lavorare stanca’,« L’Approdo Letterario », n.7-8, 1975, (...)

38Fanno eccezione, in questo senso e a proposito della tematica femminile, alcune analisi, tra cui quella della Guidotti72, con cui concluderei questa rassegna. La Guidotti, in uno studio peraltro di ben più ampio interesse, che concerne l’insieme delle tematiche pavesiane, sottolinea come sia stata troppo accentuata la valutazione del peso che i problemi di Pavese con l’altro sesso avrebbero avuto nella rappresentazione della donna, e come invece ci si dovrebbe soffermare sull’elaborazione concettuale della figura femminile da parte dello scrittore.

39Secondo la Guidotti, Pavese, in un secondo tempo abbandona la primitiva immagine univoca della donna, per proporre quella di un essere dal duplice aspetto: da un lato, il mito infantile della donna-terra-madre e dall’altro la donna-compagna, frutto delle esperienze dell’uomo adulto. Pavese, secondo la Guidotti, non riuscirà più a fondere le due immagini diverse ed inconciliabili fra loro : la donna-fecondità, legata all’ambiente contadino dell’infanzia, e la donna “beffarda”, estranea, lontana, impossibile. È in Lavorare stanca che queste due immagini si identificano, una nel polo positivo coincidente col motivo della campagna, l’altra, con quella della città.

40Anche solo da questa rapida rassegna – concernente per altro una tematica pavesiana ben determinata, quella delle donne appunto –, ci si può rendere conto della complessità delle interpretazioni dell’opera di Pavese, e soprattutto dell’oscillare continuo degli interpreti fra un tentativo di trame nell’autobiografia stessa, nell’“avvenimento” esistenziale, una chiave interpretativa indubbia delle figure letterarie, e la tendenza a ricercare nella creazione dei miti pavesiani connessioni con costruzioni culturali e strutture letterarie preesistenti.

Haut de page

Notes

1 F. Giacone, « La donna in Pavese », in « Studi Piemontesi » II, N. 1, 1973, pp. 53-64.

2 C. Pavese, Lavorare stanca, Torino, Einaudi, 1968, p. 35.

3  Ibidem,p. 48.

4  Ibidem, p. 15.

5  C. Pavese, La bella estate, p. 76.

6 C. Pavese, Lavorare stanca, p. 13.

7 Ibidem, p. 20.

8  C. Pavese, Pensieri di Deola, p. 45.

9  Id., Paesi tuoi, p. 26.

10  Id., La bella estate, p. 58-59.

11 M. Masoero, Pavese e Fenoglio, « Studi piemontesi » II, 1973, p. 170.

12 N. Jonard, Le temps dans l’oeuvre romanesque de Cesare Pavese, « Études Italiennes », 1979, p. 277.

13 D. Puccini, Prima che il gallo canti, « L’Italia che scrive », 1949, p . 30.

14  G. Leggeri, Cesare Pavese poeta dell’istante, « Nuova Antologia », 1951, p. 280.

15  G. Pampaloni, Cesare Pavese, « Il Ponte », 1950, L, p. 321.

16  P. Fontana, Il Primo Pavese da « Lavorare stanca » a « La Spiaggia », « Aevum », 1958, pp. 462-503.

17  E. Gioanola, Cesare Pavese : La scrittura come condanna e salvezza, « Italian Quarterly », n. 88, 1982, p. 42.

18  A. Fales Bianchini, Cesare Pavese e le sue opere postume, « Italica », XXXI, 1954, p. 165.

19 C.S. Pierce, Collected Papers, 5264-5317 (tr. it. Pensiero-regno-uomo in C.S. Pierce, Semiotica, M. A. Bonfantini, Torino, Einaudi, 1980, p. 458).

20  M. R. Lacalle Zalduendo e R. Pellerey, La Narrazione di Cesare Pavese. Memoria del tempo e ricordi dei luoghi in Il Diavolo sulle colline, « Revue des Études Italiennes », n. 1-4, janvier-décembre, 1990, pp. 71-84.

21  M. L. Premuda, I Dialoghi con Leucòe il realismo simbolico di Pavese, « Annali della Scuola Superiore di Pisa », n. 3-4, 1957, p. 239.

22  C. Reymond, I temi dell’ America e del ritorno in patria ne « Il Fondo del Sacco » di Martini e in « La Luna e I Falò » di Pavese, « Études des Lettres », Octobre-Décembre, 1984, p. 33.

23  G. Moget, La Luna e i Falò di Cesare Pavese, « Nouvelle Critique », 1965, p. 89.

24 M. Tondo, Le poesie di Pavese, « L’Italia Che Scrive », n. 3-4, 1962, p. 60.

25  G. P. Biasin, Ciau Pavesis, « Il Ponte »,XXV, 1969, pp. 748-749.

26  Mario Materassi, Feria d’Agosto Lettura di un campione : Un semplice e profondo nulla, XXIV, 1969, p. 757.

27  G. Venturi, La Prima Poetica pavesiana : ‘Lavorare stanca’,« Rassegna della Letteratura Italiana », n. 68, 1964, pp. 136, 142 e 150.

28  G. Falaschi, Vittorini e Pavese : idea del libro e travestimenti d’autore, « Paragone », n. 408-410, 1984, p. 88.

29  I. Calvino, Il Midollo del Leone,« Paragone », giugno, 1955, p. 21.

30 D. Fernandez, Les condamnés à vivre, « L’Express », juillet 1972, p. 85.

31 B. T. Mazzarotto, Una interpretazione di Cesare Pavese, « L’Osservatore politico letterario », n. 8, 1971, p. 77.

32 A. Piromalli, « Poesie edite ed inedite » di Cesare Pavese, « Nuova Antologia », 1963, p. 550.

33  C. Pavese, «Poesie edite ed inedite » di Cesare Pavese, Torino, Einaudi, 1962, p. 250.

34  F. Daenens, La construction symbolique d’un roman de Pavese, « Les Lettres Romanes », 1970, pp. 256 e 260.

35 S. Pautasso, Due sondaggi pavesiani, « Il Bimestre », 1972, p. 49.

36  Cfr. la nota 34.

37  O. Hahn, Pavese ou la création lucide, « Les Temps Modernes », n. 16, janvier, 1961, pp. 808, 809, 814, 817, 836.

38 S. Antonielli, I versi di Cesare Pavese, « Belfagor », VI, 1951, p. 705.

39  Cfr. la nota20.

40 A. Le Bihan, Pavese et le mythe (La lune et les feux), « Cahiers du Sud », 1966, pp. 138-139.

41 F. Ducati, Lettura di « Lavorare stanca », « Aevum », 1966, p. 533.

42  V. Campanella e G. Macucci, La Poesia del mito nell’ opera di Cesare Pavese, « Il Ponte », n. 23, 1967, p. 102.

43 G. Venturi, Ritratti critici di contemporanei Cesare Pavese), « Belfagor », n. 22, 1967, p. 435.

44 A. Gualtieri, Cesare Pavese e la questione del decadentismo, « Revue des Études Italiennes », n. 2-4, avril- décembre 1980, p. 210.

45  C. Pavese, Diario, 27 settembre 1937.

46 D. De Camilli, Pavese e altri diaristi,« Italianistica », n. 5, 1976, p. 97.

47 G. Isotti-Rosowsky, Cesare Pavese : dal naturalismo alla realtà simbolica, 1988, p. 282.

48 D. Fernandez, Cesare Pavese : ‘La Bella Estate’,« Nouvelle Revue Française », n. 31, 1955, juillet, p. 143.

49  D. Fernandez, Cesare Pavese, Poète, « Nouvelle Revue Française », 1963, p. 1078.

50 A. Clerval, Cesare Pavese (De la naissance du mythe au suicide comme art de vivre), « Nouvelle Revue Française », n. 2, 1972, p. 86.

51  J. Bellefroid, Cesare Pavese, « Mercure de France », 1963, p. 280.

52  P. De Tommaso, Ritratto di Cesare Pavese, « Rassegna della Letteratura Italiana », 1965, n. 69, pp. 545, 546, 551.

53  Cfr. la nota 42.

54  Cfr. la nota 40.

55  Carlo Annoni, Appunti su narrativa e resistenza nella narrativa di Pavese, « Vita e Pensiero », n. 51, 1968, p. 212.

56  D. Lajolo, Il vizio assurdo, (Storia di Cesare Pavese), Milano, 1960.

57 C. Dedet, Cesare Pavese, « La Revue de Paris », juillet, 1964, p. 122.

58  Cfr. la nota 44.

59 A. Romano, Le Langhe, il Nuto. Viaggio intorno a Cesare Pavese, « Il Ponte », n. 8-9, agosto-settembre, 1991, p. 171.

60 G. Finocchiaro Chimirri, Su alcune liriche di Cesare Pavese, « Studi Urbinati » XLI, 1967, pp. 1055 e 1062.

61 M. Chapsal, Pourquoi Pavese s’est-il suicidé, « L’Express », 1968, n. 868, 26 février-3 mars, p. 86.

62 V. Campanella e G. Macucci, Psicanalisi e Letteratura. Il Pavese di Fernandez, 1969, XXV, p. 765.

63  Cfr. la nota 43.

64 G. Luccioni, Cesare Pavese : Dialoghi con Leucò, « Esprit », n. 2, 1964, p. 891.

65  M. T. Battistini, Sul Mestiere di vivere di Pavese, « Convivium », 1967, p. 332.

66  Cfr. la nota 55.

67  F. Brambilla Ageno, Un caso di utilizzazione delle fonti, « Lettere Italiane », n. 28, 1976, p. 47.

68  C. Pavese, Racconti, Torino, Einaudi, 1960, p. 179.

69  Cfr. la nota 18.

70  G. P. Biasin, Il Sorriso degli dei,« Il Ponte » XXV, 1969, pp. 727-28.

71  M. Praz, la morte, la carne e il diavolo nella letteratura romantica, Firenze, Sansoni, 1948, pp. 214-215.

72  A. Guidotti, Sulle strutture tematiche di ‘Lavorare stanca’,« L’Approdo Letterario », n.7-8, 1975, pp. 158 e seguenti.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°3, Femmes italiennes, 1999.

Référence électronique

Saverio Ieva, « Le donne di Pavese in Pavese », Italies [En ligne], 3 | 1999, mis en ligne le 22 janvier 2010, consulté le 17 août 2017. URL : http://italies.revues.org/2453 ; DOI : 10.4000/italies.2453

Haut de page

Auteur

Saverio Ieva

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org