Navigation – Plan du site
Parcours critiques à travers la poésie italienne d'aujourd'hui
Identités

Chi l’ha visto ? Profilo di Lorenzo Durante

Federico Scaramuccia
p. 261-289

Résumé

Dal “cannocchiale aristotelico” al caleidoscopio anamorfico, in uno Scherzo d’imagini che si perde ne « l’ombra de l’ombra » : Lorenzo Durante è il sempreverde nom de plume con cui, transile e proteso alla durata, questo oscuro “scrivano & verbalizzatore”, da trent’anni ormai (passando per gruppo “k.b.”, consort neo-metrico “I PerVersi”, ensemble / laboratorio “Duale”), spazia nel (e senza) tempo, a (futura) memoria ed inorganico, in “pruriproprietà” e ad alta voce.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

Compito dell’analisi critica è mostrare, non interpretare.
Pseudo-Wittgenstein

  • 1  Lorenzo Durante (1959) nasce a Genova e studia a Bologna, dove si laurea in “Linguistica Generale” (...)
  • 2  Per un panorama sul Gruppo’93 : AA. VV., Poesia italiana della contraddizione, a cura di Franco Ca (...)

1Questo studio non vuol essere (o almeno non soltanto) un omaggio ad uno dei più vitali rappresentanti del variegato panorama poetico italiano contemporaneo, ma un primo utile strumento di indagine su un autore la cui attività ha attraversato e segnato in modo propulsivo l’ultimo trentennio (1979-2009), dal gruppo “k.b.”1 (passando per il gruppo ’932) ad oggi, con immutata vivacità, sempre alla ricerca di nuove forme di scrittura.

  • 3  « Testi elaborati e rielaborati e riscritture a pioggia, e ideatore e traino sempre lui, il neo-Lo (...)
  • 4  Ibidem, p. 27.
  • 5  Ibidem, p. 29.

2Questo, nonostante una posizione volutamente “marginale”, periferica ed irradiante, di « animatore segreto », gli riconosce Ottonieri, cui, dice ancora, « tutti dobbiamo qualcosa»3. A cominciare dalla scelta radicale – Lorenzo Durante, « non ci pare ma è un nom de plume »4– di dividere in modo netto la persona poetica dalla persona reale. Sarà dunque necessario ritrovare e rivelare le ragioni di tale “scomparsa”, per tracciare un primo identikit di questa « purissima Entità Testuale »5.

  • 6  Bastino questi due esempi : Violazioni Carducci (stretching & morphing joshua) (prefazione di Giul (...)

3Questo, nonostante sia stato spesso ignorato o relegato ai margini dalla stessa critica, soprattutto dall’« editoria decrepita »6.« Non sono in fondo ormai gli editori dei mediocri tour operator che fanno il pizzo su tutto e offrono giri stantii a prezzi inflazionati ? », dice lo stesso Durante. Per questo motivo, oltre a “denunciare” l’edito, sarà necessario dar conto anche (di parte) del “sommerso”, insieme all’ultima e significativa attività “ad alta voce” dell’ensemble / laboratorio “Duale”, costituito nel 2006 con Sara Davidovics per proporre inedite modalità di lettura.

Oscuro scrivano & verbalizzatore

  • 7  Non serve dunque scoprire chi si celi dietro la persona Lorenzo Durante, piuttosto capire che cosa (...)
  • 8  A tal punto che persino i più stretti congiunti della persona che si serve di tale pseudonimo non (...)
  • 9  « Antilirica : così si potrebbe catalogare, con una formula […] la scrittura poetica di Lorenzo Du (...)

4Potrà apparire contraddittorio iniziare proprio dal nome – anzi nom de plume – nel presentare un autore la cui figura storica non ha scientemente alcun peso all’interno del proprio testo, ma Lorenzo Durante è il suo nome (e ogni volta il testo stesso), ovvero esiste in quanto (si diceva) “purissima Entità Testuale”, unico principio ordinatore per una multiforme macchina compositiva7. Bisognerà dunque, anzitutto, chiedersi : perché uno pseudonimo ? Perché questa manifesta volontà di fare della vita reale e della dimensione poetica due vasi non comunicanti8 ? Per un principio “antilirico”, o meglio di “sliricizzazione” della lirica tradizionale, [d]epurazione del tanto [de]cantato io lirico, non del canto, semmai ipertrofizzato (vedremo) fino all’intraverbalità9.

  • 10  « Qui dovrebbe aprirsi un capitolo su questo nome e sul fatto che “Lorenzo” quello suo vero non lo (...)
  • 11  Ibidem, pp. 28-29.
  • 12  Tommaso Lisa, Soggetti catatonici. Pulsioni scopiche e stimoli distali nell’opera di Gabriele Fras (...)

5Con l’adozione di un nom de plume (dai molteplici sovrasensi10), l’autore fa un passo indietro : decide cioè di sottrarsi, secondo quel principio che muove anche la scelta (non a caso durantiana) del nome del gruppo “k.b.” : « e dalla còlta delle cozze, il nome del gruppo (la band) che ne venne fuori e fu ancora il Durante. “Kriptopterus Bycirrhis”. Un micro-pesce trasparente degli abissi, ectoplasmatico (Jacques Lacan ?), che era emerso sopra una scatola di accendini del Gabri ». Ossia « cultura di massa della sublimazione » e « della sparizione »11, « con ovvie ricadute sul concetto di sottrazione del corpo e di scomparsa dell’autore »12.

  • 13  Citando da Il mimetismo (prima parte), a cura di Maurizio Lodola e Maria Letizia Tani (consultabil (...)

6È lo stesso Durante poi (in una nota privata) a parlarmi di un refuso di memoria collettivo che ha indotto a credere per vent’anni che « fosse pesce d’abisso. Ahimé, […] neppur di mare, ma d’acqua dolce… addirittura allevabile in casalinghi acquari […]. Un allegorico abbaglio ? Non direi proprio. Non per il suo “être en abîme” è da ricordare, il Nostro, bensì per la sua stupefacente trasparenza », per un « mimetismo » insomma, conclude13, che « non è attuato con una particolare colorazione, ma con la scelta del non-colore assoluto ».

  • 14  Nessun intento allora, ma attenzione ai risultati : che parli l’oggetto (prodotto), non l’autore.
  • 15  « Forme, non substance », dichiara perentoriamente Lorenzo Durante (« dal Corso », ovvero il Cours(...)
  • 16  Gabriele Frasca, Nota a Bruno Di Pietro, [SMS] + una quartina scostumata, Napoli, d’if, 2002, pp. (...)
  • 17  « Questa “macchina”, poi, genera automatismi di scrittura, diventa un “acchiappaparole”, e si ritr (...)

7La sottrazione del soggetto, e del messaggio14, è compensata ogni volta da costruzioni assolutamente obbligate15, macluhanianamente il messaggio stesso (« il medium è il messaggio ») : è il medium che crea il messaggio, perché « non c’è contenitore che non determini il suo contenuto »16. Il controllo è quindi sulla struttura, ma è la forma che crea il senso, una macchina espropriativa del lirismo, che resta (per così dire) a livello di scrittura automatica17.

8Durante costruisce attorno a sè gabbie rigide, che indirizzino il senso facendolo scaturire dalla loro [co]azione e relegando ogni residuo spunto (o slancio) lirico a livello inconscio, nell’intento cioè di dare ogni volta un senso all’incastro predefinito. A dire che non v’è nulla di magico o misterico o accidentale in ciò che è soltanto una programmazione, nell’atto cioè creativo. Ma qual è il significato dello pseudonimo : perché Lorenzo ? E soprattutto, perché Durante ?

  • 18  Celebre gruppo musicale inglese costituitosi a Birmingham nel ’78 (la band poetica dei “k.b.” inve (...)

9Il punto di partenza fu « un anagramma del vero nome e cognome », ricorda l’autore, il cui esito fu un nome, Lorenzo, che « piaceva a tutti [i componenti del gruppo “k.b.”], ed anche a me : mi ricordava il Magnifico, e la mia fissazione col Rinascimento intorno ai vent’anni ». Non piacque invece il cognome, « Dal Cal » : Frasca suggerì Durante, con rimando al Fiore dantesco, « a metà tra sfida e canzonatura », anche perché, aggiunge, « era il tempo dei “Duran Duran” »18.

10Lorenzo allora, da “lauro”, e quindi, alla lettera, ‘colui che porta la corona di alloro’ : l’alloro, che è una pianta sempreverde, simbolo di durata e vittoria (sul tempo ?), ad anticipare il cognome, Durante, appunto ‘che dura’. Con un richiamo al mito di Dafne, trasformata in alloro dal padre Peneo per sfuggire ad Apollo : Lorenzo-alloro / Fiore-Durante risolve dunque, e dispiega, il concetto di poesia diventando programmaticamente ispirazione, non prodotto ma produzione.

  • 19  Non è un caso che una delle massime che più piacciono a Durante sia « Genius is one percent inspir (...)
  • 20  Le creature durantiane sono minute entità sintattiche e [intra]verbali (« quand’anche appaiano nat (...)
  • 21  Generato forse – si diceva – dal contesto e formulaico “Dùran Dùran” (ma « girava una battuta che (...)
  • 22  Una delle parole-chiave di Edoardo Cacciatore (da Rinforzi, ne Il discorso a meraviglia, introduzi (...)
  • 23  Il riferimento è alle Variazioni D’Annunzio, cit.
  • 24  Lorenzo Durante, cit., p. 668. « Dentro dell’unica dell’oscena la collosa insostenibile Guazza […] (...)

11L’autore si fa essenza (evapora, come Dafne caglia in alloro), diventa appunto ispirazione ([tr]aspirazione ?) matrice19 : in questo senso “purissima Entità Testuale”, nel senso cioè di elaboratore di dati (già) esistenti entro date gabbie, a sviluppare senso attraverso il suono20. Durante21, in particolare, si riferisce a quella materia transile22 che è la Letteratura, a quella « guazza » d’« orme »23 che « sta al fondo delle cose e che la letteratura di volta in volta occulta o cerca di plasmare »24. Transile, ossia transitorio perché mutevole, e proprio perché mutevole, duraturo : il persistere della mutazione che è appunto la Letteratura, un durare imperituro proprio perché infinitamente variabile.

  • 25  « Una delle spiegazioni che mi ero dato era appunto che si potesse dire “prima, durante e dopo” !  (...)
  • 26  La pietra gli àlcali, cit., pp. 30-31. Già Mesa parlava di una « “aporia estatica”, tra “dissipazi (...)
  • 27  « Letteratura come dispositivo combinatorio che si autoalimenta » e « che nell’infinita e asfittic (...)
  • 28  Come il “tutti-e-nessuno” Paolo Rossi chiarisce nell’epigrafe alla Nota al testo del Discazzo amor (...)
  • 29  « La scrittura poetica di Durante tocca corde assai prossime a certe operazioni del dadaismo, sopr (...)
  • 30  Per cui cfr. ad esempioTape Mark di Nanni Balestrini (Come si agisce, Milano, Feltrinelli, 1963, p (...)

12Lorenzo Durante è allora nom de plume con cui, transile e proteso alla durata, spaziare nel (e senza) tempo25, « coniando Materia da materie », appunto « fino all’Estasi […] d’una Dissipazione senza Fine, e che si Dura »26. La consapevolezza cioè che la Letteratura sia un meccanismo che si autoalimenta diventa in Durante principio costitutivo27 : non v’è scrittura che non sia una riscrittura, anzi, la scrittura è efficace solo quando è riscrittura, quando cioè si possegga una “memoria”, e quando questa “memoria”, che sia consapevolmente attiva o più semplicemente inconscia, opportunamente [fago]citata, sia visibilmente riconoscenza28. In questo senso, Lorenzo Durante è l’incarnazione della Letteratura : ne è la materia stessa, il suo riciclo. Si definirà quindi la variante tecnica [ri]scrittoria durantiana come un’assidua, dissipante fuga enigmistica su materie di recupero e di scarto, ready-made29 macro e micro testuali da [ri]plasmare ogni volta, e comunque, secondo il nuovo programma, una costruzione che riadatta il già detto o fatto, e dunque una scrittura di secondo grado che non è invenzione ma piuttosto ritrovamento30.

  • 31  Significativa in tal senso l’autocensura di Tommaso Ottonieri nella postfazione alle Variazioni D’ (...)
  • 32  “Oscuro scrivano” è un epiteto screditante assegnato al capriccioso e bizzarro Ludovico Leporeo, a (...)
  • 33  Io avevo proposto open former (giocando sull’assonanza con performer), perifrasi che significa ‘pr (...)

13Chi è allora il “poeta” (per) Lorenzo Durante ? Quale la sua funzione ? Non è un caso che alla definizione di “poeta”31 Lorenzo Durante preferisca quella duplice di oscuro scrivano & verbalizzatore32, che designa la funzione notarile della presa d’atto : registrare, riproducendo a (futura) memoria (e con tutti gli errori del caso), voci altrui33.

  • 34  « Le composizioni sono trattate con il freddo furor classificatorio dell’entomologo », rileva acut (...)
  • 35  « Nell’interpretazione sconfinatamente aperta dei testi », per cui « il significato è continuament (...)
  • 36  A cominciare cioè dai molteplici sovrasensi ingenerati dallo pseudonimo.
  • 37  Pensando anche al celebre dipinto di Gustave Courbet, L’origine du monde (non a caso, Durante util (...)
  • 38 « Creazione presuppone distruzione, ricreazione presuppone macerazione», spiega l’autore. « L’idea (...)
  • 39  Vanità (e vanezza) dell’esegeta allora, pretendere di andare a fondo di testi costitutivamente pro (...)
  • 40  Così Durante, nella Nota al testo del Discazzo amoroso coatto (cit., p. 27), definisce Cielo D’Alc (...)

14Un impersonale registratore34 dunque, o, più modernamente, “lettore”, con un inevitabile, voluto effetto : la mancanza di soggetto e messaggio, e il riuso di materie altrui, comportano un processo di semiosi illimitata o « fuga degli interpretanti»35. La macchina poetante durantiana si configura cioè, fin dal suo primo costituirsi36, come un genitale “buco nero”37, collasso a catena della materia (e curvatura infinita dello spaziotempo) dall’irresistibile forza attrattiva38. Qualsiasi scavo in questo vuoto pneumatico immette in una rete labirintica, per così dire joyceana. Qualsiasi tentativo di sbrogliarne la matassa porta di contro al rischio di perdervisi39. Preso a forza all’amo allora, l’internauta si limiti a repertoriare i materiali (frutto di un cut up sfrenato) con cui il buco nero durantiano, « perdutamente sliricato »40, increa e ricrea materia.

  • 41  « Definizione […] affibbiatami da Tommaso [Ottonieri] nella “Plastica della Lingua” » (il riferime (...)
  • 42  Così Durante cita Pound, sostituendo (volutamente ?) key con sync.
  • 43  Poesia italiana della contraddizione, cit. ; L’anello che non tiene, cit. ; Terza ondata, cit. ; L (...)
  • 44  Eccetto l’Ottonieri, guarda caso, canzonatorio della citata postfazione alle Variazioni D’Annunzio(...)
  • 45  Presente in absentia, grazie alla sua originaria (ed originale) scelta radicale, unico della cosid (...)

15Ecco dunque la programmat[ic]a canzonatura di questo « postmodernista terminale »41, che, « out of sync with his time »42, sosta bizzarramente ai margini : presente in (quasi) tutte le antologie / studio sul gruppo ’93 (e oltre)43 infatti, resta un omissis come oggetto editoriale e critico (che ne misconosce ogni merito44). Destino cercato, certo, e trovato anche, al di là delle più fosche aspettative : Lorenzo Durante del resto non è “organico”, in nessuno dei tanti sensi possibili45.

A (futura) memoria

  • 46  Da Neurotika, in “Kryptopterus Bicirrhis” (Lorenzo Durante, Gabriele Frasca, Marcello Frixione, To (...)
  • 47 Lorenzo Durante, cit., p. 667.
  • 48  Titolo del madrigale-tema dannunziano (non a caso) scelto da Durante per le Variazioni D’Annunzio, (...)
  • 49  Rimandando direttamente alle orme, una delle parole-rima semanticamente più marcate delle Poesie d (...)
  • 50  Lorenzo Durante, cit., p. 668.
  • 51  La pietra gli àlcali, cit., p. 31.

16« N’ò ne’ pinne / n’ali n’akulei / n’artiiǐ ne mmìmeςi / n’ò nnulla da ’ggungere… »46, scriveva Lorenzo Durante in Beat nei primi anni Ottanta. « I veri autori sono quelli che permettono ai lettori di farsi autori a loro volta », scrive oggi Paolo Rossi nella citata epigrafe del Discazzo amoroso coatto. In questo testacoda, lungo l’asse trentennale della produzione durantiana, la medesima dichiarazione di poetica, con scoperte allusioni al(la perdita di) ruolo dell’autore : non avendo nulla (di nuovo) da dire, l’unica scrittura possibile è la riscrittura. La tradizione diviene allora una sorta di « negativo, in senso fotografico »47, su cui imprimere nuove configurazioni di forma e contenuto. È L’orma48, il passo già impresso da seguire49 che indica « per la letteratura un destino, quello della variazione »50, appunto « il calcarla / ricalcarla di continuo, e sostarla, e il ridefinirne i confini, e trasformarla in Serie ed in Tragitto, a dimenarsi (dimenarla) ancora, e sempre »51.

  • 52  Come recita il sottotitolo, non a caso incipitario, riscritture da Beat, secondo album (dedicato a (...)
  • 53  Come recita il sottotitolo, « trentadue variazioni e fuga su un tema originale dall’Alcyone di G. (...)
  • 54  “I PerVersi” (Lorenzo Durante, Tommaso Lisa, Federico Scaramuccia), Trilorgìa, prefazione di Marco (...)
  • 55  Durante sottopone ad anamorfosi due testi carducciani (costruendo un altro tipo di “ipersestina”), (...)
  • 56  « Libera riscrittura del Contrasto di Cielo D’Alcamo », come recita il sottotitolo. Ovvero parodia (...)
  • 57  L’ordine è quello delle date di pubblicazione, spesso assai differite rispetto a quelle di composi (...)
  • 58  Nessun intento, lo ricordo (che è già un intento), se non il mezzo stesso, ovvero la singola macch (...)
  • 59  Lo ricordo, prodotto collettivo del gruppo “k.b.”. I testi durantiani di Beat confluiranno poi, co (...)
  • 60  Di cui dirò in quattro paragrafi separati, a cominciare da questo sulla riscrittura. Suddivisione (...)

17Riscritture da King Crimson Beat (1982-83)52, Variazioni D’Annunzio (2000)53, Trilorgìa (2006)54, Violazioni Carducci (stretching & morphing joshua) (2007)55, Discazzo amoroso coatto (2009)56 : questi, i testi durantiani dichiaratamente riscritture57. E l’intento (o meglio non-intento58) è chiaro fin da Beat59, avendo in sé già tutti i caratteri che la maniera durantiana svilupperà nei successivi trent’anni : riscrittura, sottrazione del soggetto (e del messaggio), pluralità autoriale, cantabilità60.

  • 61  Sestina seconda, cit., p. 5.
  • 62  È lo stesso autore a dichiarare apertamente, nella prefazione alle Violazioni Carducci, la propria (...)
  • 63  Operazioni come quella delle Variazioni D’Annunzio erano già in nuce nelle “gemelle” (Gemella 1 : (...)
  • 64  Oltre a Beat, Variazioni D’Annunzio e Discazzo (che vale per ‘disco del cazzo’), cfr. anche l’uso (...)
  • 65  Sono parole di Giovanni Carli Ballola, a proposito delle Variazioni Diabelli, di grande “ispirazio (...)

18La riscrittura si configura come contraffazione (più o meno) puntuale del testo, « stile calco grammaticale con trasporto semantico »61, a mezzo di tecniche per lo più musicali62, quali la variazione63 e la fuga64 (per una anamorfosi che è riformazione), prendendo ogni volta a modello « ‘temi-pretesto’ da smontare e ridurre a puri graticci di sostegno per una proliferazione sonora quasi completamente autonoma »65.

  • 66  Non a caso infatti Durante usa spesso la sestina (Ipersestina e Violazioni Carducci), la forma che (...)
  • 67  Fino all’assorbimento, per appropriazione indebita, di testi altrui.
  • 68  Con la tendenza a costruire versi che sembrino citazioni, pur non mancandone. Plagi e Falsi, s’è d (...)
  • 69  « N’ò […] mmìmeςi », scriveva il giovane Durante, traducendo l’originale « camouflage » con “mimes (...)
  • 70  « Si tratta della condizione, per così dire, “eliotiana” della produzione in versi di Durante, in (...)

19Tema con variazioni dunque66, per una testualità che si muove dai Plagi67 ai Falsi68, e con varietà cromatiche infinite, dove tutto può essere vero o falso, dove – anzi – non importa stabilire il vero dal falso, in una [ri]scrittura che indistingue naturale e artificiale, facendo venir meno anche il cardine aristotelico della verosimiglianza69, naufragato in un « citazionismo ipercolto e parassitario », nutrito di « citazioni d’ogni genere, sia dal repertorio alto […] che dalla cultura popolare »70.

  • 71  Dice « Pound : “La parodia è, io credo, la migliore critica” » (Andrea Cortellessa, “Explicit paro (...)
  • 72  Manganelli parla di « saprofitismo », con un’avvertenza : l’autore agisce sia sul « corpus in deco (...)
  • 73  Gabriele Frasca, La galassia metrica. Per un’ulteriore scienza nuova, in “Moderna” I, 2, 1999, pp. (...)
  • 74  Secondo il principio “dada” del ready-made, che riusa materiali di scarto del quotidiano. È il cas (...)

20Perché la “parodia” (che è bachtinianamente rovesciamento, mediante straniante divertissement, e critica71) agisce su qualsivoglia Canone, che sia la Tradizione alta72 oppure l’odierno e fertilissimo serbatoio pop, nella misura in cui il Canone, nell’« era elettrica »73, è conformato sull’oralità mediatica : al pari di citazioni colte allora, nello scaffale durantiano si sedimenteranno (e stratificheranno in giacenza) anche citazioni “culte74.

Inorganico

  • 75  Recita il risvolto di copertina di Àlcali : potrebbe sembrare un falso d’autore, non fosse che già (...)
  • 76  Che ritroviamo, modificato, nel « Prose Sélavy » di 2., in Passacaglia (Àlcali, cit., p. 15), dove (...)
  • 77  « È la pratica della riscrittura contaminante […], la quale trasferisce sempre altrove, sempre ali (...)
  • 78  « O culto di coltivato incolto, / o manifesto di manifestato porco ! / o cosa mai fece bifronte ot (...)
  • 79  La pietra gli àlcali, cit., p. 30. Ma è il complesso di titoli ed epigrafi (contraffatte) in Àlcal (...)
  • 80  Monografia comprendente tutti i testi scritti tra il 1978 e il 1995.
  • 81  Àlcoli (haiku 1991 – 2001), Fara D’Adda, Bacacay, 2001, con i primi non ancora ben definiti gruppi (...)
  • 82  Altri dieci gruppi di haiku : compaiono le prime definite haiku-strutture (haiku-quartina, haiku-q (...)
  • 83  La citata raccolta completa (e ancora inedita) degli haiku, con haiku-strutture vecchie e nuove (h (...)
  • 84  Raccolta inedita dell’opera durantiana (ad oggi) completa, che l’autore distribuisce alla cerchia (...)
  • 85  Come mostrano Fabulae sine persona e Fabulae sine personis (cfr. Lector in fabula di Umberto Eco, (...)
  • 86  Nel citato Tape Mark di Balestrini la riduzione dell’io (sostituito con un elaboratore elettronico (...)

21All’« arroganza dell’organico »75, Durante oppone allora un « culto di coltivato incolto», ovvero la creazione di nature artificiali, a cominciare da sé, costituendosi ready-made come il Duchamp della Belle Haleine. Eau de Voilette (essenza-pseudonimo dello pseudonimo Rrose Sélavy76), nella totale [con]fusione tra vero e falso, naturale e artificiale, organico e inorganico. Per il tramite della riscrittura cioè (o “estasi”), e fin dal principio in modo « manifesto» e « manifestato», l’autore si fa « bifronte o triforo», differendo infinitamente altrove fuoco lirico e attenzione, sempre Fuori centro77, frammentando parossisticamente l’io in più personae, come in una deformante stanza degli specchi, per una poesia al quadrato, al cubo, potenzialmente elevata all’ennesima potenza, in una dispersione (testuale e autoriale) senza fine, sino alla perdita totale di proprietà e identità. Cito non a caso dall’epigrafe (assemblata ad hoc) a Cronopea (maccheronea che sta per “creazione del tempo”), la sezione che apre Àlcali (cit., pp. 9-27, p. 9), dove un ancora ventenne Durante (siamo nel ’79), attraverso un quartetto autoriale “formativo” composto da Artaud, Joyce, Bataille e Duchamp78, annuncia (ed enuncia) a suo modo il principio di (effabilità di) questo non-tempo, l’era Durante, che unisce prima e dopo nell’atemporalità. Scoprendo incipitariamente questo « lirismo impersonale […], autocancellantesi »79, riprodotto nei titoli-fotocopia Àlcali80, Àlcoli81, Poliàlcoli82, Àlcoli e poliàlcoli83, Potassa84 : ovvero dissipazione, scarnificazione, prosciugamento, mineralizzazione, decantamento, distillazione, rarefazione, fino alla quintessenza, nella direzione di una scomparsa delle persone grammaticali, non di una semplice riduzione dell’io poetante85, con la forma a produrre significazione86.

  • 87  Ultimo verso di Nino e Ğino ed Jo, testo d’apertura di Beat.
  • 88 « Non jo, non jo / brucare, non vo’ brucare », dice ancora il giovane Durante in Strillone, secondo (...)
  • 89  « La sopravvivenza si fonda dunque sulla sistematica distruzione di ogni passione non strettamente (...)
  • 90  « Niente sostanza, […] o forse solo sua dissipazione, in una ricerca di estenuante sottrazione pro (...)
  • 91 « I materiali della tradizione così come i sentimenti adombrati vengono sottoposti ad un lucido pro (...)
  • 92  « Il tuo atto si applica sempre sulla carta ; poiché il meditare, senza tracce, diviene evanescent (...)
  • 93  Cui allude per contrasto In Albis (la “domenica in albis”) nel rimando a L’Opera al nero di Margue (...)
  • 94  Se nella citata epigrafe « forme, non substance » Durante avesse scritto “dal Cours di Ferdinand d (...)
  • 95  « Universi fittizi, “stilizzati”, chiusi in una ampolla », in una « barocca vertigine, sospesa tra (...)
  • 96  Si prende un sonetto e lo si cancella, conservando le sezioni in rima e aggiungendovi una punteggi (...)
  • 97  Scrive Alfano nella citata recensione. Decisiva dunque « per la definizione del percorso di Durant (...)
  • 98  Àlcali, cit., pp. 63-72, pp. 70-71 e 72. Minuziosi plastici quindi, che [con]fondono organico e in (...)

22« Amare assenze, assenti amanze »87, dichiara infatti questo non-io88 senza passioni89, in una « strenua ‘arte di levare’ che svapora ogni miraggio di substance »90. L’esposta, reificante dépense di questo [l]ego [de]cantante91 porta cioè all’estremo atto d’esistenza di una realtà bidimensionale, quella del foglio92, negativo o diapositiva in cui fissare impressioni di realtà mediante [re]agenti o acidi chimico-alchemici93. Denaturate sintesi, in senso rousselliano, per cui sintetizzare vuol dire ridurre un oggetto ai suoi fattori primi, appunto generatori di senso94, che la lente del lettore contribuirà a ingrandire in Wunderkammer95. E questa miniaturizzazione s’affina definitivamente con l’« haikuizzazione » (secondo la definizione di Raymond Queneau96), trovando cioè nell’haiku la form[ul]a risolutiva e sintetica per eccellenza. Non è un caso allora che Àlcali si congedi proprio con due serie di haiku, « la forma poetica, se ve n’è, in cui maggiormente ogni substance viene rasciugata »97 (ultimi peraltro della sezione Nei, ovvero l’infinitesimale e il feticcio98), aprendosi successivamente alla sinonimica, ulteriore serie di serie d’haiku citata (alcalino-[poli]alcolica).

Pruriproprietà

  • 99 « Del ’l klasso che ffacemmo / klasso che ffacemmo », da Battikwore, ultimo testo durantiano di Bea (...)
  • 100  Nei paesini di montagna le “pluriclassi” erano chiamate dalle maestre “pruriclassi” per i grattaca (...)
  • 101  Pandemia vociferante del resto è il sottotitolo dello Sconcerto TriploSconcerto Triplo. Pandemi (...)

23« Klasso ke ffacemmo »99 : non a caso, l’esordio editoriale durantiano è all’interno di un collettivo (il gruppo “k.b.”) che riscrive l’album di una band musicale, già riscrittura d’altri autori e testi letterari (Beat). In quel “klasso” (in cui il non-io si contrae in un indefinito “noi”), il senso della “pruriproprietà”, come il chiasso delle classi miste100, rumore di gruppo in dissonante unisonanza, in cui le voci si [in]distinguono e stimolano vicendevolmente101.

  • 102  Di kingcrimsoniana memoria, ovvero – si diceva – senza una personalità dominante.
  • 103  È il pluricitato Paolo Rossi del Discazzo amoroso coatto a dirci che non v’è proprietà, non essend (...)

24La scelta della non-autorialità, fin da subito con la “stupefacente trasparenza” del “Kriptopterus Bycirrhis”, è manifesta (e manifesto) allora nella pluriautorialità del collettivo (che cancella l’autorialità)102 e nel carattere implicitamente consociativo della riscrittura (che il collettivo peraltro esplicita), di un testo cioè in comproprietà (o non-proprietà)103.

  • 104  « Oggetto esclusivamente digitale » (consultabile e scaricabile su http://lellovoce.altervista.org (...)
  • 105  “Duca Scalisi” (Lorenzo Durante, Guido Caserza, Federico Scaramuccia, Tommaso Lisa, Marco Simonell (...)

25Al pari dell’irriducibile confronto con la tradizione colta e culta nel processo di riscrittura, non sorprenderanno dunque le successive, sempre più fitte e contaminanti collaborazioni del consort neo-metrico “I PerVersi” (Trilorgìa) e del laboratorio / ensemble “Duale” (di cui diremo in conclusione), fino alla [con]fusione nelle contrazioni “pseudacronime” bifronti e trifore di “LoSca” (The Cal2104) e “DaDuSka” (Sconcerto Triplo), o pentagrammata di “Duca Scalisi” (BondAge105).

  • 106  Con riferimento al mio ResiDuale, nota di accompagnamento al primo lavoro di “Duale”, guarda caso (...)
  • 107  Per un primo (appena abbozzato) consuntivo sui collettivi poetici negli ultimi trent’anni, rimando (...)

26Dal gruppo che riscrive terzi (“k.b.”), ai consort che incarnano un’ossatura-parassita (“I PerVersi” e “Duca Scalisi”), alle [con]fusioni che [ri]compongono indivise testi propri e / o terzi (“LoSca” e “Duale”), fino alla piena realizzazione della “pruriproprietà”, il contrasto in riscrittura reciproca (“DaDuSka”). E così via, per stratificazioni ulteriori, inestricabilmente e infinitamente sovrapponentesi, con il testo che [de]genera testo e i singoli autori a vanire in quell’indistinta comunità che è la Letteratura. Ancora sintesi dunque, di voci contrappunte, singolarità comunicanti in reciproca riformulazione, per un’autentica matrioska riscrittoria, in sé [de]compositiva, appunto l’intermittente insegna della “pruriproprietà”, una materia “LoSca”, ResiDuale106, concussa in udienza per appropriazione indebita o re[ady]-made, e senza condono107.

  • 108  Cito dalla filastrocca incipitaria delle Violazioni Carducci, cit., p. 9.
  • 109  L’omonimo e celebre madrigale di Tommaso Stigliani.

27Dal “cannocchiale aristotelico” al caleidoscopio anamorfico : alla « mmìmeςi » cioè, il “tesauro” durantiano sostituisce il « klasso » delle « girandole »108, che la lente dell’occhio [ri]frange in mille riflessi deformanti, come innumeri distorsioni di multiple stanze degli specchi, in uno Scherzo d’imagini109 che si perde ne « l’ombra de l’ombra ». La rifrazione nel caleidoscopio anamorfico ha infatti la capacità di creare infiniti (a loro volta fecondi) microcosmi paralleli e convergenti. Raddoppiamento e moltiplicazione dei piani in prospettiva artificiale insomma, in un gioco di riflessioni sovrapposte, con effetti di trompe l’œil, dove profondità di sguardo significa vertigine “straniante”, sensazione di vuoto da effetto di pieno barocco.

Ad alta voce

  • 110  Progettare l’opera plurale è il titolo della prima delle due parti di Sperimentare il plurale, cit (...)
  • 111  Ora divenuto mediometraggio “fuori sincrono”, in un dvd a tutt’oggi inedito, per la cura di Silvia (...)
  • 112  Per informazioni dettagliate sulla formazione dell’ensemble / laboratorio, i singoli spettacoli e (...)
  • 113  Meritando l’appellativo di « genio miniaturistico ad altissimo tasso di gioco intraverbale» (“Expl (...)

28« Sperimentare il plurale » allora, anzi, tutte le « perversioni del plurale » : “pruriproprietà” certo, ed intermedialità. All’« opera plurale »110tout court ambisce infatti (e ardisce) l’ultima, “vociferante” attività di Durante, costituitosi con Sara Davidovics nell’ensemble/ laboratorio “Duale”, e realizzando finora l’audio-installazione Varianti (2006), il recital per voci sole Resi (2007)111,lo spettacolo vocale (e [p]articolato) Bonzai (2008) e Nero. Riscrittura del futurismo italiano in 60 cellule sonore (2009)112. Nessuna “extravaganza” però : “Duale” è solo l’esito ultimo di quel principio di “sliricizzazione” della lirica di cui si diceva all’inizio, nella direzione di una ipertrofia del canto, alla fine di un tragitto che apre ora a nuovi e insondati percorsi, dopo aver insistentemente perseguito e praticato l’intraverbalità113, incorporando nella [ri]scrittura tecniche [de]generatrici musicali quali la variazione e la fuga (costruendone i corrispettivi metrici).

  • 114  Scioglinguagnoli (2001-2004). Prosette per esercizi di dizione, si intitola del resto (pescando da (...)
  • 115  A “trobar” le parole servendosi indistintamente di legami fonici e / o semantici, come ne “Il Bers (...)
  • 116 Caratteristica di tutti i “k.b.”. È Durante stesso (s’è visto) a definire in vario modo la propria (...)

29Una “girandola” disseminante (e / o dissolvente) il senso nel suono, come l’incipitaria (e già citata) serie ossimorico-paronimica « o culto di coltivato incolto », tra le altre cose, annunciava : l’arrot[ol]arsi della Lingua incoaguli fonico-semantici, nell[’e]dizioni alterate e senza un senso di uno scilinguagnolo che si scioglie e senza ritegno scilingua, al limite dello scioglilingua, « scioglingua-gnoli »114: dalle barocche mini-orchestre da camera degli haiku, ai “mozziconi” futuristi delle parti in fuga, al metamorfismo [in]festante delle “prosette”115, e così via, [ri]battendo (appunto Beat) incessantemente sulla “cantabilità”116.

  • 117  Questo l’ultimo, sorprendente lirismo [in]organico di Durante, ora strumento, corda di lira variam (...)
  • 118 Sconcerto Triplo, cit., p. 41.
  • 119 Per una linea intermediale, cit. (telematico). Le già descritte “singolarità comunicanti in recipro (...)
  • 120 Dalla pagina alla ‘messa in scena polifonica’, cit.
  • 121 La galassia metrica, cit., p. 40.
  • 122  Massimiliano Manganelli, The Art of the Triangle, in Sconcerto Triplo, cit., pp. 37-39, p. 38.

30Non è un caso che già Sconcerto Triplo si dichiari « libretto », o meglio « partitura di strumenti » che non sono « parole, ma corpo del rumore », ovvero « concrescenza molecolare del turgido vibrare delle corde », senza distinzione tra media corporei o sintetici117, « sull’onda anomala di una frequenza che suona indivisa e dissonante »118. “Klasso vociferante” (o sonora [con]fusione) d’autori, voci e media quindi (non “in accompagnamento” reciproco, ma « sincronica vibrazione degli elementi »119), che, « orientato al recupero di una consapevole modalità di ascolto »120, inizia a « fare le orecchie al foglio »121, « esonda dalla pagina e reclama l’esecuzione orale »122.

  • 123  Tommaso Ottonieri, in occasione della “prima” di Bonzai alla Biblioteca Vallicelliana di Roma il 4 (...)
  • 124  Le riscritture vocali dell’ensemble Duale, cit.
  • 125  Razo di Potassa (risalente al ’99) : vi si dice del legame della poesia col suo « strumento natura (...)

31« Quella di “Duale” » infatti, « è molto più una dimensione di concerto che non quella di una dizione intellegibile », giacché « non lavora sul senso ma sulla sensorialità », per cui « il senso diventa una mera citazione, una componente allusiva, e la parola diventa così esperienza musicale piena »123. Del resto, tre sono i « motivi principali di questa unione » : « ridare dignità al respiro, misurarsi con la voce » ; « riscoprire il corpo come medium, come strumento » ; « il suono ancor prima del senso, il rumore della lingua »124. Un « invito alla lettura di versi », e ad una lettura diversa, rivolto « al non lettore di poesia »125.

Haut de page

Notes

1  Lorenzo Durante (1959) nasce a Genova e studia a Bologna, dove si laurea in “Linguistica Generale” con una tesi sulla glossematica di Hjelmslev. Nel 1980 costituisce il gruppo “Kryptopterus Bichirris” (divulgato come “k.b.”) con Gabriele Frasca, Marcello Frixione e Tommaso Ottonieri (di quest’ultimo, la biografia “romanzata” del gruppo “k.b.” : La pietra gli àlcali, il krypton la guazza. Per una memoria del durare, in Lorenzo Durante, Variazioni D’Annunzio, Rapallo, Zona, 2000, pp. 27-31). Nel 2004 costituisce il consort neo-metrico “I PerVersi” con Tommaso Lisa e Federico Scaramuccia. Nel 2006 costituisce l’ensemble / laboratorio “Duale” con Sara Davidovics.

2  Per un panorama sul Gruppo’93 : AA. VV., Poesia italiana della contraddizione, a cura di Franco Cavallo e Mario Lunetta, Roma, Newton Compton, 1989 ; AA. VV., Gruppo ’93. La recente avventura del dibattito teorico letterario in Italia, a cura di Filippo Bettini e Francesco Muzzioli, Lecce, Manni, 1990 ; AA. VV., L’anello che non tiene. Poesia Oltre-modernità Antagonismo : sui limini della nuova enunciazione poetica, a cura di Renato Barilli e Tommaso Ottonieri, Reggio Emilia, Edizioni Elytra, 1992 ; AA. VV., Il gruppo ’93. Le tendenze attuali della poesia e della narrativa, a cura di Anna Grazia D’Oria, Lecce, Manni, 1993 ; AA. VV., Terza ondata : il nuovo movimento della scrittura in Italia, a cura di Filippo Bettini e Roberto Di Marco, Bologna, Synergon, 1993 ; Renato Barilli, È arrivata la terza ondata. Dalla neo alla neo-neoavanguardia, Torino, Testo & Immagine, 2000.

3  « Testi elaborati e rielaborati e riscritture a pioggia, e ideatore e traino sempre lui, il neo-Lorenzo che intanto G. [Gabriele Frasca] glielo aveva trovato lui questo nome » ; « e noi tutti a riscrivere ancora i Crimson appresso a lui » ; « a lui, maestro segreto, animatore segreto, tutti dobbiamo qualcosa » (La pietra gli àlcali, cit., pp. 28-29).

4  Ibidem, p. 27.

5  Ibidem, p. 29.

6  Bastino questi due esempi : Violazioni Carducci (stretching & morphing joshua) (prefazione di Giuliano Mesa, postfazione di Federico Scaramuccia, Arezzo, Zona, 2007), composto tra il 15/2/00 e il 28/10/00, esce nel 2007 ; Discazzo amoroso coatto (Napoli, d’if, 2009), composto nell’ottobre del 1999, addirittura nel 2009 !

7  Non serve dunque scoprire chi si celi dietro la persona Lorenzo Durante, piuttosto capire che cosa è la macchina poetica Lorenzo Durante.

8  A tal punto che persino i più stretti congiunti della persona che si serve di tale pseudonimo non hanno idea di chi o che cosa sia Lorenzo Durante. Viceversa, i più vicini collaboratori di Lorenzo Durante, compreso lo scrivente, sanno poco o nulla del privato di chi ogni volta ne architetta le strutture.

9  « Antilirica : così si potrebbe catalogare, con una formula […] la scrittura poetica di Lorenzo Durante » (Massimiliano Manganelli, Lorenzo Durante, in AA. VV., Parola plurale. Sessantaquattro poeti italiani fra due secoli, a cura di Giancarlo Alfano, Alessandro Baldacci, Cecilia Bello Minciacchi, Andrea Cortellessa, Massimiliano Manganelli, Raffaella Scarpa, Fabio Zinelli e Paolo Zublena, Roma, Sossella, 2005, pp. 667-674, p. 667).

10  « Qui dovrebbe aprirsi un capitolo su questo nome e sul fatto che “Lorenzo” quello suo vero non lo voleva proprio e la poetica ecc. dell’impersonale e ecc. del “senzapersona” grammaticale ecc. » (La pietra gli àlcali, cit., p. 28).

11  Ibidem, pp. 28-29.

12  Tommaso Lisa, Soggetti catatonici. Pulsioni scopiche e stimoli distali nell’opera di Gabriele Frasca, in AA. VV., Letteratura & fotografia, vol. II, a cura di Anna Dolfi, Roma, Bulzoni, 2005, pp. 305-341, p. 315, n° 52.

13  Citando da Il mimetismo (prima parte), a cura di Maurizio Lodola e Maria Letizia Tani (consultabile on line).

14  Nessun intento allora, ma attenzione ai risultati : che parli l’oggetto (prodotto), non l’autore.

15  « Forme, non substance », dichiara perentoriamente Lorenzo Durante (« dal Corso », ovvero il Cours di Ferdinand de Saussure, padre dello strutturalismo) nell’epigrafe a Musica d’accesso, terza delle quattro sottosezioni di Cronopea, appunto l’ouverture di Àlcali (Cosenza, Periferia, 1996, pp. 21-23, p. 21).

16  Gabriele Frasca, Nota a Bruno Di Pietro, [SMS] + una quartina scostumata, Napoli, d’if, 2002, pp. 5-7, p. 5.

17  « Questa “macchina”, poi, genera automatismi di scrittura, diventa un “acchiappaparole”, e si ritrova, dunque, strapiena di “senso” » (Giuliano Mesa, Un Carteggio, prefazione a Violazioni Carducci, cit., pp. 3-7, p. 5).

18  Celebre gruppo musicale inglese costituitosi a Birmingham nel ’78 (la band poetica dei “k.b.” invece nel ’79-80), prendendo il nome dallo scienziato Durand Durand, uno dei personaggi del noto film di fantascienza diretto da Roger Vadim Barbarella.

19  Non è un caso che una delle massime che più piacciono a Durante sia « Genius is one percent inspiration, ninety-nine percent perspiration » di Thomas A. Edison.

20  Le creature durantiane sono minute entità sintattiche e [intra]verbali (« quand’anche appaiano naturalistiche o descrittive », puntualizza l’autore) dalla ri[t]mica assonantica e grafemica perturbante, se non lisergica : cartoni, animati dalle proiezioni del lettore. « Immagini mentali, souvenir o keepsake, sono “diapositive” custodite in teche opache, in attesa di venir proiettate, tra sfarfallii luminescenti, nell’oscura scatola cranica » (Tommaso Lisa, L’haikuizzarsi del lucore, in Lorenzo Durante, Poliàlcoli, Roma, Empiria, p. 22).

21  Generato forse – si diceva – dal contesto e formulaico “Dùran Dùran” (ma « girava una battuta che diceva che erano una marca di preservativi ritardanti», aggiunge l’autore). “Verbo” anzitutto, ossia ‘parola, testo’, e suo indefinito divenire : voce del verbo “durare” dunque, al participio presente, indicando appunto una ‘durata ad oltranza’ ; e congiunzione che sta per “nel corso di”, indicando altresì ogni possibile spazio (o passaggio) temporale limitato (transitorio e mutevole) all’interno di quella durata (facente, anzi, la durata stessa).

22  Una delle parole-chiave di Edoardo Cacciatore (da Rinforzi, ne Il discorso a meraviglia, introduzione di Giulio Ferroni, Torino, Einaudi, 1996, p. 144), altra figura marginale del manierismo novecentesco, l’« Alter-Edo » dell’Haiku-sestina maggiore : Hung in “I” (Poliàlcoli, cit., p. 12), riscrittura della sestina Anghina (itidem).

23  Il riferimento è alle Variazioni D’Annunzio, cit.

24  Lorenzo Durante, cit., p. 668. « Dentro dell’unica dell’oscena la collosa insostenibile Guazza […]. Dentro della gelata fusione incandescente. Dove l’inferno, ancora, e sempre, è […] la Letteratura » (La pietra gli àlcali, cit., p. 31).

25  « Una delle spiegazioni che mi ero dato era appunto che si potesse dire “prima, durante e dopo” ! » (confida l’autore).

26  La pietra gli àlcali, cit., pp. 30-31. Già Mesa parlava di una « “aporia estatica”, tra “dissipazione senza fine” e suo “durare” » (Un Carteggio, cit., p. 3). Formula, quella durantiana, sintetizzata in una battuta di « madonna » nel Discazzo amoroso coatto (cit., p. 23) : « ma il sacro è nel massacro », ovvero l’eterno è contenuto (anche graficamente) nel concetto stesso di dissipazione (che è [ri]creazione), per una durata allora che è nella sua mutevole transilità, in questo continuo andare a spasso nel (o, appunto, “durante” il) tempo, facendo a pezzi il Canone, riducendolo “a brani”. Oppure in un’altra dichiarazione di poetica, messa in epigrafe all’ultima sottosezione di Cronopea, Ammore (Àlcali, cit., pp. 25-27, p. 25) : « l’economia dell’estasi è : dissipazione ». Ma cfr. anche il « desiderio desidera / durare » di 1., primo testo della prima sottosezione di Cronopea, Passacaglia (Àlcali, cit., pp. 11-16, pp. 13-14), laddove lo stesso termine “passa-caglia” ben rende la compresente, opposta [co]azione dello sciogliere-solidificare che è la durata durantiana.

27  « Letteratura come dispositivo combinatorio che si autoalimenta » e « che nell’infinita e asfittica ripetizione di se stessa sfida l’eutrofizzazione » (Lorenzo Durante, cit., p. 668).

28  Come il “tutti-e-nessuno” Paolo Rossi chiarisce nell’epigrafe alla Nota al testo del Discazzo amoroso coatto (cit., pp. 26-28, p. 26) : « i veri autori sono quelli che permettono ai lettori di farsi autori a loro volta ».

29  « La scrittura poetica di Durante tocca corde assai prossime a certe operazioni del dadaismo, soprattutto dove adopera alcuni moduli formali alla maniera di veri e propri ready made» (Lorenzo Durante, cit., p. 667).

30  Per cui cfr. ad esempioTape Mark di Nanni Balestrini (Come si agisce, Milano, Feltrinelli, 1963, pp. 82-83), « poesia elettronica », composta cioè « con l’ausilio di un calcolatore elettronico » (Ibidem, pp. 207 e 82), che assembla segmenti di testo tratti da tre distinti brani (per cui cfr. Ibidem, p. 209).

31  Significativa in tal senso l’autocensura di Tommaso Ottonieri nella postfazione alle Variazioni D’Annunzio : « mai mi sarei detto “poeta” (che poi, per inciso, è una parola che ci fa arrossire tuttora, anche di rabbia)» (La pietra gli àlcali, cit., p. 29 ; corsivo mio). Laddove nella prima versione si leggeva : « non mi sarei mai detto “poeta” (che poi, detto per inciso, è una parola che mi fa tuttora accapponare la pelle, mi fa cagare)».

32  “Oscuro scrivano” è un epiteto screditante assegnato al capriccioso e bizzarro Ludovico Leporeo, altra passione di Lorenzo Durante, ma anche fusione di A scanner darkly di Philip K. Dick e Bartleby the scrivener di Herman Melville. “Verbalizzatore” rimanda invece a tre ulteriori componenti : lotta contro l’ineffabile ; aggressione a parole ; passaggio da lettura interiore a lettura ad alta voce.

33  Io avevo proposto open former (giocando sull’assonanza con performer), perifrasi che significa ‘previamente aperto’, per un [ri]creatore di gabbie che liberano senso, attraverso una riscrittura che è ‘aperto passato’.

34  « Le composizioni sono trattate con il freddo furor classificatorio dell’entomologo », rileva acutamente Tommaso Lisa nella ricchissima introduzione agli ancora inediti Àlcoli e poliàlcoli (raccolta completa degli haiku durantiani).

35  « Nell’interpretazione sconfinatamente aperta dei testi », per cui « il significato è continuamente generato nel corso del processo di lettura del testo » (Umberto Rapallo, Profilo di linguistica. Guida alla ricerca linguistica interdisciplinare, Firenze, Le Lettere, 2006, p. 104). Concetto che « il chi che si cripta dietro » Lorenzo Durante (« questa persona del cortocircuito storico-letterario », come recita il risvolto di copertina di Àlcali) ben conosce, dati i suoi (citati) studi universitari bolognesi. Ricorda a tal proposito Ottonieri : « E G. subito a parlarmi della semiosi di questo pronipote bislacco della Compiuta » (La pietra gli àlcali, cit., p. 27).

36  A cominciare cioè dai molteplici sovrasensi ingenerati dallo pseudonimo.

37  Pensando anche al celebre dipinto di Gustave Courbet, L’origine du monde (non a caso, Durante utilizza spesso come macrometafora la pornografia).

38 « Creazione presuppone distruzione, ricreazione presuppone macerazione», spiega l’autore. « L’idea è proprio quella», aggiunge, « abbastanza fantascientifica, in fondo : la creazione di universi testuali paralleli con infiniti canoni» (i potenziali cunicoli che nascono all’interno di buchi neri in rotazione).

39  Vanità (e vanezza) dell’esegeta allora, pretendere di andare a fondo di testi costitutivamente programmati senza un fondo. A nulla serviranno cioè studi particolaristici e / o al contrario generici, se non a cadere nella trama dell’ordito Lorenzo Durante. Che è quanto ha portato i critici a definirlo via via « un geometrico guastatore, un maestro segreto, un oltranzista citazionista plagiario e falsario, un inquietante pornografo… » (Un Carteggio, cit., p. 7).

40  Così Durante, nella Nota al testo del Discazzo amoroso coatto (cit., p. 27), definisce Cielo D’Alcamo (e se stesso).

41  « Definizione […] affibbiatami da Tommaso [Ottonieri] nella “Plastica della Lingua” » (il riferimento è a Tommaso Ottonieri, La Plastica della Lingua. Stili in fuga lungo una età postrema, Torino, Bollati Boringhieri, 2000). « Per me, postmodernista della prim’ora, o forse anche “ante litteram”, il postmodernismo è indifferenza all’alto e al basso dei materiali e delle fonti […]. Per me essere post-moderno significa poter complimentare con una parodia, omaggiare con pernacchio, essere devoto irriverentemente, umilmente goliardico » (Un Carteggio, cit., p. 6). Si pensi al cantar durantiano come ad un carnascialesco “canzonare”, parodia che è rovesciamento, e critica, del Canone.

42  Così Durante cita Pound, sostituendo (volutamente ?) key con sync.

43  Poesia italiana della contraddizione, cit. ; L’anello che non tiene, cit. ; Terza ondata, cit. ; La Plastica della Lingua, cit. ; È arrivata la terza ondata, cit. ; Parola plurale, cit.

44  Eccetto l’Ottonieri, guarda caso, canzonatorio della citata postfazione alle Variazioni D’Annunzio.

45  Presente in absentia, grazie alla sua originaria (ed originale) scelta radicale, unico della cosiddetta “terza ondata” a non (aver provato ad) esercitare alcun potere, che fosse accademico, editoriale, o d’altro tipo.

46  Da Neurotika, in “Kryptopterus Bicirrhis” (Lorenzo Durante, Gabriele Frasca, Marcello Frixione, Tommaso Ottonieri), Riscritture da King Crimson Beat, Napoli, Editoriale Aura, 1982-83 (senza numerazione). Confluendo in Àlcali (cit., p. 58), come tutti gli altri testi crimsoniani, recupera « una veste alfabetica tradizionale », tornando cioè ad una più consona « dimensione […] guthemberghiana », laddove nel libretto collettivo faceva « ricorso alle più scoperte manipolazioni grafiche e tipografiche», non a caso riutilizzando « (seppur modificandoli) taluni segni dell’alfabeto fonetico» (così scriveva Giancarlo Alfano in una recensione ad Àlcali, rimasta però inedita).

47 Lorenzo Durante, cit., p. 667.

48  Titolo del madrigale-tema dannunziano (non a caso) scelto da Durante per le Variazioni D’Annunzio, che sta anche per ‘variazioni dell’enunciato’.

49  Rimandando direttamente alle orme, una delle parole-rima semanticamente più marcate delle Poesie da tavola di Gabriele Frasca, soprattutto nella riscrittura del ’99 (Rame, Milano, Corpo 10, 1984, pp. 7-31 ; Rame, con una nota di Andrea Cortellessa, Lavagna, Zona, 1999, pp. 21-32).

50  Lorenzo Durante, cit., p. 668.

51  La pietra gli àlcali, cit., p. 31.

52  Come recita il sottotitolo, non a caso incipitario, riscritture da Beat, secondo album (dedicato alla Beat generation : riscrittura al quadrato quindi) della terza formazione della celebre band musicale dei “King Crimson”, che Robert Fripp volle come laboratorio musicale in cui ogni elemento contribuisse paritariamente con la propria definita singolarità.

53  Come recita il sottotitolo, « trentadue variazioni e fuga su un tema originale dall’Alcyone di G. D’Annunzio », il citato madrigale L’orma (rimando ai miei Violazioni d’apparenza, in Violazioni Carducci, cit., pp. 49-84, pp. 49-51 ; Dissestina. Forma, metro e maniera della sestina italiana negli ultimi trent’anni, in “Re : viste sulla letteratura e le arti”, Litware. L’ennesima potenzialità della letteratura, a cura di Tommaso Lisa e Alessandro Raveggi, Arezzo, Zona, 2006, pp. 67-84, p. 83, n° 74 ; La sestina nel Novecento : innovazioni della sestina novecentesca italiana in rapporto alla tradizione, Tesi di laurea, relatori Giorgio Bertone e Marco Berisso, Università di Genova, 2006-2007, p. 268, n° 27).

54  “I PerVersi” (Lorenzo Durante, Tommaso Lisa, Federico Scaramuccia), Trilorgìa, prefazione di Marco Simonelli, Arezzo, Zona, 2006. Trilorgìa è (come Beat) opera collettiva in cui per la prima volta appare (smontato) l’integrale progetto d’Ipersestina, continuum metrico-tematico che parte dall’ossessione di Arnaut Daniel (la sestina Lo ferm voler qu’el cor m’intra), fissata in sei parole-rima, per poi innestarla negli esemplari scelti per la contraffazione, « una sestina per secolo, dal ’200 al ’700 » (Lorenzo Durante, Sestina seconda, in “Avanguardia” 16, 2001, pp. 4-5, p. 5), aggiungendo al disegno originario (esposto in Sestina seconda, cit.) uno “straordinario” Iperinvio (rimando al mio Enigmistica della settimana, in Trilorgìa, cit., pp. 61-71, pp. 61-65 ; Dissestina, cit., p. 73 ; La sestina nel Novecento, cit., pp. 263-269).

55  Durante sottopone ad anamorfosi due testi carducciani (costruendo un altro tipo di “ipersestina”), le cui immagini vengono “violate” a mezzo di torsione e allungamento (« stretching »), alterazione prospettica che consente di costruire un ponte fra le due poesie, un universo (e un tragitto) verbale deformante che dall’una possa portare all’altra, e viceversa (« morphing »). Nessuna contrapposizione però tra variazione / fuga e anamorfosi. C’è anzi l’idea di “ritrovare” sempre lo stesso principio, anche a fronte di media così diversi. Durante risolve cioè aprioristicamente (si diceva) quello che è « per la letteratura un destino », la « ripetizione di se stessa », facendo appunto della riscrittura nelle sue mutanti manifestazioni un principio di poetica, ossia « potenzia[ndo] al massimo la nozione di una letteratura come dispositivo combinatorio che si autoalimenta » (Lorenzo Durante, cit., p. 668). « Le Violazioni Carducci, [...] le Variazioni D’Annunzio e le Vessazioni Pascoli » (ancora “incompiute”), dice Durante, « costituiranno il ciclo dei Nonni del Novecento » (Sestina seconda, cit., p. 5). Ovvero « la “trimurti” » , dice Mesa (Un Carteggio, cit., p. 5), « che segnò lo scorso passaggio di secolo forse proprio per aggredire l’illusione del “nuovo” al suo nascere (italiano) » (rimando a Violazioni d’apparenza, cit. ; Un Carteggio, cit. ; La sestina nel Novecento, cit., p. 290, n° 84).

56  « Libera riscrittura del Contrasto di Cielo D’Alcamo », come recita il sottotitolo. Ovvero parodia di pseudonimo di una parodia di pseudonimo, in un’inerziale girar-su-se-stesso del piatto [r]iscrivibile del Canone (ben [r]iscritto del resto dall’interminato giro di parole paolorossiano), come un Discazzo moroso che coattivamente « resta, impassibile, perdutamente sliricato » (Nota al testo, cit., p. 27, a cui rimando), a sliricarsi ancora.

57  L’ordine è quello delle date di pubblicazione, spesso assai differite rispetto a quelle di composizione, per motivi interni di gestazione del testo, oppure (si diceva) di indifferenza editoriale.

58  Nessun intento, lo ricordo (che è già un intento), se non il mezzo stesso, ovvero la singola macchina che si spiega con il suo funzionamento.

59  Lo ricordo, prodotto collettivo del gruppo “k.b.”. I testi durantiani di Beat confluiranno poi, col titolo di Crimsoniana, ad aprire la sezione dei Falsi, in Àlcali (cit., pp. 55-62, pp. 57-58).

60  Di cui dirò in quattro paragrafi separati, a cominciare da questo sulla riscrittura. Suddivisione ovviamente forzata, ma estremamente funzionale per comprendere il complesso labirinto durantiano, in cui ogni componente rimanda all’altra, e viceversa, in un intreccio inestricabile (i confini dell’una sfumano cioè nell’altra, in un’infinita dissolvenza incrociata) che si fa rete, anche per il malcapitato esegeta che si impegni solamente a mostrarlo.

61  Sestina seconda, cit., p. 5.

62  È lo stesso autore a dichiarare apertamente, nella prefazione alle Violazioni Carducci, la propria (comune a Giuliano Mesa) « adesione ad una composizione più musicale che non letteraria » (Un Carteggio, cit., p. 4).

63  Operazioni come quella delle Variazioni D’Annunzio erano già in nuce nelle “gemelle” (Gemella 1 : occhi già riempiti ; Gemella 2 : Medallione ; Gemella 3 : Fa’ ’l batacchio ; Gemella 4 :) della sezione Plagi di Àlcali (cit., pp. 35-48, pp. 39, 42, 44, 48).

64  Oltre a Beat, Variazioni D’Annunzio e Discazzo (che vale per ‘disco del cazzo’), cfr. anche l’uso di termini musicali in Àlcali per le citate sottosezioni Passacaglia e Musica d’accesso. Oppure le varie trasposizioni in metrica della tecnica musicale della fuga, a dar conto di quella dissipazione estatica ottenuta con l’« invertire e sempre e sempre e poi ancora di più » il Canone, appunto in senso musicale (La pietra gli àlcali, cit., p.31) : Passacaglia (limitatamente al citato 1.), termine musicale, s’è detto, che definisce tra l’altro un tipo di variazione ; Sestina fugata (L’anello che non tiene, cit., pp. 52-57) ; Fuga di Guazza, detta anche Fugazza (Variazioni D’Annunzio, cit., pp. 21-26) ; le “pale” delle Violazioni Carducci (per cui cfr. Violazioni d’apparenza, cit., pp. 64-66 ; ma cfr. anche Dissestina, cit., p. 83, n° 74).

65  Sono parole di Giovanni Carli Ballola, a proposito delle Variazioni Diabelli, di grande “ispirazione” per Durante (per cui cfr. Beethoven. La vita e la musica, Milano, Rusconi, 1985, pp. 193-195). Le stesse (“incompiute”) Vessazioni Pascoli si costruiranno, mi anticipa l’autore, su « un unico tema / verso, come l’aratro in mezzo alla maggese [il v. 10 del madrigale Lavandare, in Myricae], un unico tema generatore proprio come nell’Offerta musicale e nell’Arte della fuga di Bach », mostrando tutta la versatilità e la flessibilità di una singola melodia.

66  Non a caso infatti Durante usa spesso la sestina (Ipersestina e Violazioni Carducci), la forma che meglio rappresenta il concetto di scrittura come riscrittura, variazione e fuga su un unico tema.

67  Fino all’assorbimento, per appropriazione indebita, di testi altrui.

68  Con la tendenza a costruire versi che sembrino citazioni, pur non mancandone. Plagi e Falsi, s’è detto, sono due sezioni di Àlcali.

69  « N’ò […] mmìmeςi », scriveva il giovane Durante, traducendo l’originale « camouflage » con “mimesi”.

70  « Si tratta della condizione, per così dire, “eliotiana” della produzione in versi di Durante, in cui i frammenti sparsi della tradizione (e di un’intera cultura) o sono esibiti nel loro desolante statuto mortuario, quasi fossero zombi metrici, o sono vampirizzati » (Lorenzo Durante, cit., p. 668).

71  Dice « Pound : “La parodia è, io credo, la migliore critica” » (Andrea Cortellessa, “Explicit parodia”. Modi parodici presso alcuni poeti di ultimo Novecento, in “Moderna” III, 2, 2001, pp. 93-115).

72  Manganelli parla di « saprofitismo », con un’avvertenza : l’autore agisce sia sul « corpus in decomposizione » (Lorenzo Durante, cit., p. 667), che sul corpo vivo della Tradizione, per cui i ready-made durantiani si configureranno come scheletri spogliati che il parassita rimpolpa incarnandovisi, fino a farli propri, con reciproco giovamento.

73  Gabriele Frasca, La galassia metrica. Per un’ulteriore scienza nuova, in “Moderna” I, 2, 1999, pp. 13-48, p. 31.

74  Secondo il principio “dada” del ready-made, che riusa materiali di scarto del quotidiano. È il caso delle Ninja Nymphae Gestorum. Cinque canti ninfatici con i Controcanti di Guido Nerli Buonanima (in Almanacco Odradek 2003 di scritture antagoniste, a cura di Mario Lunetta, Francesco Muzzioli e Sandro Sproccati, Roma, Odradek, 2002) : « le ninfe di Durante », dice Tommaso Lisa, sono « allegre figurine di carne, morbide pin-up virtuali […], oleografiche modelle bidimensionali, alla maniera della Marylin di Warhol, ma anche dei fumetti, dei manga giapponesi, ossia in una prospettiva dichiaratamente pop. Linguisticamente il tessuto dei versi di Durante […] è composto in maggior parte di materiale afferente al quotidiano, al lessico della televisione remixato in modo straniante con quello della tradizione colta » (Le ninfe di plastica, in “Re : viste sulla letteratura e le arti”, Oltre lo zero, a cura di Tommaso Lisa e Alessandro Raveggi, Arezzo, Zona, 2005, pp. 16-21, pp. 19-20).

75  Recita il risvolto di copertina di Àlcali : potrebbe sembrare un falso d’autore, non fosse che già di per sé l’autore è (s’è visto) un falso, per di più autentico.

76  Che ritroviamo, modificato, nel « Prose Sélavy » di 2., in Passacaglia (Àlcali, cit., p. 15), dove il senso duchampiano di “Rosa / Eros è la vita” muta in “Prosa è la vita”, che Ottonieri (/ Durante) tradurrà poi in “purissima Entità Testuale”.

77  « È la pratica della riscrittura contaminante […], la quale trasferisce sempre altrove, sempre alibi, il fuoco lirico, di un soggetto / passione che si estrania e si raffredda (così come la materia vulcanica si raffredda, tratta dal suo fuoco) » (Tommaso Ottonieri, Fuori centro : un’arte della fuga, in La Plastica della Lingua, cit., pp. 104-105).

78  « O culto di coltivato incolto, / o manifesto di manifestato porco ! / o cosa mai fece bifronte otriforo / in quell’infenice di porco nastro ? G. Bataille, La belle Haleine». I primi due versi sono di Antonin Artaud, il folle internato più volte, esempio d’autore maledetto e inclassificabile, di “marginalità”, insieme a Georges Bataille (indicato come autore dell’epigrafe), traghettatore di De Sade nel ’900 e dei concetti cruciali di eccesso e dépense in letteratura (« ma il sacro è nel massacro » – con riferimento anche al Tempo di màssacro (1970) di Sebastiano Vassalli – e « l’economia dell’estasi è : dissipazione » sono allora i Principia di uno pseudo-Bataille), che in Durante ha una « funzione correttiva-corruttiva […] in una estrema irreducibilità del dato corporeo, posto al termine del tragitto di decantazione culturale intrapreso da questo autore » (Tommaso Pomilio, Nota a Lorenzo Durante, in Il nuovo stile genovese, “Novilunio” 2, 1992, pp. 59-61, pp. 60-61). Gli ultimi due versi sono invece tratti dalla versione italiana di Anna Livia Plurabella (dal Finnegans Wake) dello stesso James Joyce, l’intraducibile per eccellenza, modello di intraverbalità e non-sense, del gioco linguistico che [con]fonde e reinventa le parole. E infine La belle Haleine (1921) citata, esempio ante litteram di body art, in cui Marcel Duchamp, attraverso un fotomontaggio di Man Ray, dopo aver già sdoppiato se stesso in un altro da sé femminile (Rrose Sélavy), sdoppia anche l’alter ego sull’etichetta di una raffinata boccetta di profumo (Belle Haleine. Eau de Voilette) : Rrose / Haleine, fissata bidimensionalmente su pellicola e occhio (complice) di chi guarda, ha così il suo certificato di esistenza [in]alterabile, e dunque duraturo.

79  La pietra gli àlcali, cit., p. 30. Ma è il complesso di titoli ed epigrafi (contraffatte) in Àlcali ad essere programmatico.

80  Monografia comprendente tutti i testi scritti tra il 1978 e il 1995.

81  Àlcoli (haiku 1991 – 2001), Fara D’Adda, Bacacay, 2001, con i primi non ancora ben definiti gruppi di haiku.

82  Altri dieci gruppi di haiku : compaiono le prime definite haiku-strutture (haiku-quartina, haiku-quintetto, haiku-sonetto, haiku-sestina maggiore / minore), per cui cfr. i miei Càlcoli (Poliàlcoli, cit., p. 23).

83  La citata raccolta completa (e ancora inedita) degli haiku, con haiku-strutture vecchie e nuove (haiku-trio, haiku-terzina, haiku-madrigale, haiku-canzone, haiku-canzonette), rispetto a quelle già esistenti dei Poliàcoli.

84  Raccolta inedita dell’opera durantiana (ad oggi) completa, che l’autore distribuisce alla cerchia di amici in file pdf.

85  Come mostrano Fabulae sine persona e Fabulae sine personis (cfr. Lector in fabula di Umberto Eco, 1979), altre due sezioni di Àlcali (cit., pp. 29-34 e 49-53), serie di (quattro e tre) prosette (batailljoyceane) tripartite, in cui la narrazione si dispiega come nuda sequenza di fatti secondo rapporti [ana]logici (appunto, la fabula). Nessun narratore, né alcun personaggio-soggetto dell’azione o personaggi-oggetto dell’azione (e dunque, complessivamente, nessun messaggio : nessuno dice niente insomma, se non il testo). Non v’è cioè, tecnicamente, verbo che si riferisca ad azioni di persone : ci sono implicitamente personaggi, ma si verbalizzano solo oggetti. Con una significativa eccezione (che costituisce perciò la regola), « lontano, vicino, il poeta », che prima « offriva il costato », quindi « era bendato » e infine « cade […] fulminato » (Àlcali, cit., p. 51) : la reificazione del soggetto poetante, in volontaria offerta sacrificale, non personaggio ma oggetto esibito in scena (sulla scorta di una pièce teatrale su Federico Garcia Lorca associato al Cristo).

86  Nel citato Tape Mark di Balestrini la riduzione dell’io (sostituito con un elaboratore elettronico) porta a un’ambigua non-significazione, Lorenzo Durante invece (in quanto principio ordinatore di macchine poetanti) produce senso aperto a (/ da) semiosi illimitata. Là opera un non-intento / intento per una autorialità / non-autorialità, qui un intento / non-intento per una non-autorialità / autorialità. Il modello semmai (da aggiungere al citato quartetto) è Impressioni d’Africa di Raymond Roussel (date due frasi, il libro è un ponte narrativo che dall’una porta all’altra), in particolare per le Violazioni Carducci, anche se già Mire (Àlcali, cit., p. 61) « si pone […] ai confini della scrittura automatica, ricondotta […] alla sua prima severa radice rousseliana : sono qui gli apparati formali medesimi (si tratta della ripresa e ricombinazione delle parole-rima della sestina sestupla Poesie da tavola di Gabriele Frasca) a porre i vincoli per la composizione ma ancor più per la sfera di significazione » (Nota a Lorenzo Durante, cit., p. 60). Roussel allora come esempio di non-autoriale, misoneista macchina definita dal suo funzionamento, in cui modello e prodotto coincidono nella produzione [in]generata dal linguaggio, in una meccanica gratuita che trasloca nell’inventio l’elocutio, rappresentando in oggetti reali il gioco linguistico (e ribaltando il concetto di mimesi), con barocchi effetti di trompe l’oeil, manierismi formali e l’autore ridotto a ratio ottimale nella combinazione alchemico-sintetica degli elementi.

87  Ultimo verso di Nino e Ğino ed Jo, testo d’apertura di Beat.

88 « Non jo, non jo / brucare, non vo’ brucare », dice ancora il giovane Durante in Strillone, secondo suo testo di Beat.

89  « La sopravvivenza si fonda dunque sulla sistematica distruzione di ogni passione non strettamente razionalizzabile ai fini della conservazione dell’individuo », scrive un giovane Durante nell’epigrafe a Passacaglia, tratta da non precisati Prolegomena, stanza finale di testo ancor più precoce, mi confida, di cui sopravvive solo questo frammento. Lo stesso Mesa osservava : « la tua poesia è tra le più crudelmente aliene da “pathos” che io conosca » (Un Carteggio, cit., p. 3).

90  « Niente sostanza, […] o forse solo sua dissipazione, in una ricerca di estenuante sottrazione progressiva che infine (non è paradosso) si traduce in un modo dell’amplificatio, secondo un’ispirazione, propriamente, manieristica », scrive Alfano nella citata recensione inedita ad Àlcali, nel senso di una « mania che addomestica la mano in una specifica maniera », individuando « un principio generale che dev’esser poi ripetuto nelle sue variazioni ». Se la non-autorialità di Balestrini è vezzo d’autore, Durante è invece un non-autore profondamente “autoriale”, riconoscibile cioè nella sua maniera.

91 « I materiali della tradizione così come i sentimenti adombrati vengono sottoposti ad un lucido processo di decantamento », appunto « dissipazione. Della passione : della tradizione : del sé-lirico come agente di entrambe », un « soggetto dell’enunciazione e della percezione riportato a una pura, opaca residualità – proprio – di àlcali » (Fuori centro, cit., pp. 104-105). « Straniata versificazione […], quintessenziale », questo « liricare algido come su una tundra eliotiana dove tutti i frammenti fossero giunti a scarnificazione ulteriore » (La pietra gli àlcali, cit., p. 27).

92  « Il tuo atto si applica sempre sulla carta ; poiché il meditare, senza tracce, diviene evanescente », epigrafe a In Albis, seconda sottosezione di Cronopea (Àlcali, cit., pp. 17-20, p. 17). « Dal Libro » allude a Le livre di Stéphane Mallarmé, che doveva essere letto variando all’infinito le combinazioni dei fogli.

93  Cui allude per contrasto In Albis (la “domenica in albis”) nel rimando a L’Opera al nero di Marguerite Yourcenar.

94  Se nella citata epigrafe « forme, non substance » Durante avesse scritto “dal Cours di Ferdinand de Saussure”, invece che « dal Corso », avrebbe escluso altre potenziali interpretazioni, ad esempio il Gregory Corso della Beat generation, con allusione al lisergico, al substance come sostanza stupefacente, a dire che è la forma che [stupe]fa.

95  « Universi fittizi, “stilizzati”, chiusi in una ampolla », in una « barocca vertigine, sospesa tra infinitamente grande e infinitamente piccolo » (L’haikuizzarsi del lucore, cit.).

96  Si prende un sonetto e lo si cancella, conservando le sezioni in rima e aggiungendovi una punteggiatura soggettiva.

97  Scrive Alfano nella citata recensione. Decisiva dunque « per la definizione del percorso di Durante l’astrazione […] gelidamente (mineralmente) lirica inerente alla condensazione-haiku» (Nota a Lorenzo Durante, cit., p. 61).

98  Àlcali, cit., pp. 63-72, pp. 70-71 e 72. Minuziosi plastici quindi, che [con]fondono organico e inorganico nel feticcio, concentrando (con modalità neo-barocche) lo sguardo sull’infinitesimale, il particolare trascurabile, ingrandito a dismisura. Proprio come gli « haiku-[ri]tratti » di The Cal2 – “LoSca” (Lorenzo Durante, Federico Scaramuccia), The Cal2 ovvero Il Calendario delle Calzature, presentazione di Marco Simonelli, ideogrammi di Sara Davidovics, “Absolute Poetry”, 2008 – , « brandelli di carne ottenuti per macellazione […], ulteriormente sottoposti a essiccamento, fino alla bidimensionalità, senza alcuna distinzione fra organico e inorganico. Feticcio insomma, che si concentra sul particolare per via di una contrazione metonimica (ossia : una parte per il tutto) » (Parafernalia, dichiarazione di poetica di “LoSca” in quarta di copertina). Già Tommaso Lisa, a proposito delle citate Ninja Nymphae Gestorum (non a caso, altra serie di haiku), parlava di « caduta del confine tra organico e inorganico, tra reale e virtuale, sfumando il confine tra uomo e macchina, tra manichino e essere vivente, in una osmosi che supera i concetti di reificazione e mercificazione, spingendosi alle soglie della filosofia del post-umano ». Evidenziandone l’« aspetto simulacrale […] nella sovra-esposizione del simbolo della merce, come nella mercificazione feticistica, quasi pornografica talvolta » (Le ninfe di plastica, cit.). Tra i citati Nei del resto, c’è anche il « gioiello » (Àlcali, cit., p. 66), parola-rima o idea fissa anche della riscrittura della sestina dantesca (Àlcali, cit., pp. 68-69), come di tutte le riscritture dell’Ipersestina, con riferimento a I gioielli indiscreti di Denis Diderot, in cui sono i genitali femminili “a parlare”.

99 « Del ’l klasso che ffacemmo / klasso che ffacemmo », da Battikwore, ultimo testo durantiano di Beat.

100  Nei paesini di montagna le “pluriclassi” erano chiamate dalle maestre “pruriclassi” per i grattacapi che davano.

101  Pandemia vociferante del resto è il sottotitolo dello Sconcerto TriploSconcerto Triplo. Pandemia vociferante, di / per “DaDuSka” (Sara Davidovics, Lorenzo Durante, Federico Scaramuccia) “poli]po[eta & fal]si[rena”, al triangolo Massimiliano Manganelli, Roma, Polìmata, 2009-, di recente pubblicazione come il Discazzo amoroso coatto : a distanza di trent’anni dunque, ancora una volta, la medesima dichiarazione di poetica di questo “poli]po[eta”.

102  Di kingcrimsoniana memoria, ovvero – si diceva – senza una personalità dominante.

103  È il pluricitato Paolo Rossi del Discazzo amoroso coatto a dirci che non v’è proprietà, non essendoci proprietario.

104  « Oggetto esclusivamente digitale » (consultabile e scaricabile su http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1188), The Cal2 è « il primo calendario virtuale (trasparente e senza tempo) » (dalla descrizione del testo di “LoSca”, “Un diamante è per sempre”) : quelli che Paolo Rossi chiama « segni astratti » del resto, ovvero ogni « letterale ideogramma » o « haiku-[ri]tratto (come in origine, in multiproprietà) » (Parafernalia, cit.), non potevano che “co-struire” un oggetto virtuale.

105  “Duca Scalisi” (Lorenzo Durante, Guido Caserza, Federico Scaramuccia, Tommaso Lisa, Marco Simonelli), BondAge. Viluppo di voci in camera oscura, progetto d’allargamento di Trilorgìa a Guido Caserza e Marco Simonelli.

106  Con riferimento al mio ResiDuale, nota di accompagnamento al primo lavoro di “Duale”, guarda caso intitolato Varianti, in AA. VV., Sperimentareil plurale, a cura di Carla Subrizi, Maura Favero, Caterina Iaquinta, Roma, Fondazione Baruchello, 2007, pp. 88-95, p. 95.

107  Per un primo (appena abbozzato) consuntivo sui collettivi poetici negli ultimi trent’anni, rimando al mio Perversioni del plurale (http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1314).

108  Cito dalla filastrocca incipitaria delle Violazioni Carducci, cit., p. 9.

109  L’omonimo e celebre madrigale di Tommaso Stigliani.

110  Progettare l’opera plurale è il titolo della prima delle due parti di Sperimentare il plurale, cit. (quella teorica, per cui cfr., in particolare, Giovanni Fontana, Per una linea intermediale, in Ibidem, pp. 34-36, ora consultabile anche in versione plenior sul sito internet http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1160, resoconto dei due omonimi eventi realizzati dalla Fondazione Baruchello nell’ottobre 2006, nell’ambito della collaborazione con il “Festival RomaPoesia” 2006. La seconda parte, dedicata alla sperimentazione (in cui compare, s’è visto, l’esordiente “Duale”), si intitola altrettanto significativamente 1 + 1 + 1…, ovvero pluralità d’autori, voci e media. Non certo le generiche (non autoriali infatti, ma editoriali) multimedialità di disegno che accompagna segno in Alcòli e Poliàlcoli (rispettivamente « con 5 immagini di Silvano Rutigliano » e con « Disegni di Dino Patanè »), semmai la già compiuta intermedialità di-segno in The Cal2.

111  Ora divenuto mediometraggio “fuori sincrono”, in un dvd a tutt’oggi inedito, per la cura di Silvia Tarquini (per un’anteprima, rimando a http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=zbu0nOFBwNM).

112  Per informazioni dettagliate sulla formazione dell’ensemble / laboratorio, i singoli spettacoli e gli interventi critici, cfr. il sito ufficiale di “Duale” (http://duale-ensemble.blogspot.com) ; Sara Davidovics – Lorenzo Durante, Dalla pagina alla ‘messa in scena polifonica’ http://www.retididedalus.it/Archivi/2006/autunno/SPAZIO_LIBERO/corrente.htm ; ResiDuale, cit. ; la Nota di “Duale” a Bonzai e il mio In DiViDì (http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1266 e http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1349) ; Fabio Orecchini – Meddletv,Le riscritture vocali dell’ensemble Duale (http://www.omero.it/?itemid=1925&catid=157).

113  Meritando l’appellativo di « genio miniaturistico ad altissimo tasso di gioco intraverbale» (“Explicit parodia”, cit.).

114  Scioglinguagnoli (2001-2004). Prosette per esercizi di dizione, si intitola del resto (pescando dal « scioglilinguagnolo » del citato Joyce di Anna Livia Plurabella) la serie di “prosette” contenute in Potassa, per ora edite parzialmente ne L’età dell’Inox (di macchine, bestie e dèi). Prosette per voce danzante (Almanacco Odradek 2006 di scritture antagoniste, a cura di Mario Lunetta e Francesco Muzzioli, Roma, Odradek, 2005, pp. 204-206).

115  A “trobar” le parole servendosi indistintamente di legami fonici e / o semantici, come ne “Il Bersaglio”, celebre gioco-rubrica de “La Settimana Enigmistica” : rime e assonanze d’ogni genere, allitterazioni, omoteleuti, paragrammi, paronimi e sinonimi, paronomasie, bisticci, calembour, etc., sdoganando anche la rima per così dire semantica, per cui cfr. ne I tre haiku delle città americane (Àlcoli, cit., pp. 21-22, p. 22) il caso estremo « quarantanove » : « sessantotto più uno », rima incompiuta nel suono che si risolve semanticamente, ossia dopo aver sommato « sessantotto » a « uno », appunto ‘sessantanove’. La rima è del resto un’eco, poco importa se sia un ritorno di suono o di senso, come nel mantra [intra]verbale durantiano che orchestra imprevedibili spirali di suoni ad alta frequenza di [s]passo, accordando ben più arditi accostamenti rispetto ai barocchi trompe l’oeil od alle parolibere futuriste. Fino al rumorismo (a mo’ di intonarumori dalla cui centrifuga escano [de]composti impazziti e [re]vertiginosi), ad un discorso che si costruisca per frammenti e senza alcun filo logico, se non quello teso a produrre distorsioni acustiche, arrivando persino a mangiarsi le parole, sminuzzate in un [im]pasto che ne metta in sequenza anche i mozziconi, simulando una balbuzie [in]dotta fino alla lallazione e all’afasia. Barocco dunque (moltiplicazione dei piani, cozzo d’aulico e prosaico, etc.) e futurismo (abolizione della punteggiatura, uso del trattino, disgregazione del testo in cellule vocali mimime, etc. ; praticato direttamente ne I sette haiku del golfo e ne I sette haiku dell’aviatore nato – in Àlcoli, cit., pp. 7-9, 37-39 – , haikuizzazioni di Battaglia Peso + Odore e L’aeroplano del Papa di Marinetti ; o nel citato Nero. Riscrittura del futurismo italiano in 60 cellule sonore, ideato in occasione del centenario), prima ed ultima grande avanguardia (felici sintesi, l’Haiku-sonetto futureambo : la Notte della Quaranta – via Leporeo, prossimo a uscire ne “Il verri” n° 40, giugno 2009 – e Bonzai).

116 Caratteristica di tutti i “k.b.”. È Durante stesso (s’è visto) a definire in vario modo la propria tecnica in termini musicali, fin da Beat con la scelta di riscrivere l’album di una band e col ricorso nella grafia ai segni di un alfabeto parafonetico, mut[u]ato da Giorgio Pasquali (così come spesso accent[u]a le parole, marcandone la pronuncia) : ne siano traccia, oltre a Beat, i citati Passacaglia, Musica d’accesso, Variazioni D’Annunzio, Sestina fugata, Fuga di Guazza, Discazzo amoroso coatto, etc.

117  Questo l’ultimo, sorprendente lirismo [in]organico di Durante, ora strumento, corda di lira variamente vibrante.

118 Sconcerto Triplo, cit., p. 41.

119 Per una linea intermediale, cit. (telematico). Le già descritte “singolarità comunicanti in reciproca riformulazione”.

120 Dalla pagina alla ‘messa in scena polifonica’, cit.

121 La galassia metrica, cit., p. 40.

122  Massimiliano Manganelli, The Art of the Triangle, in Sconcerto Triplo, cit., pp. 37-39, p. 38.

123  Tommaso Ottonieri, in occasione della “prima” di Bonzai alla Biblioteca Vallicelliana di Roma il 4 marzo 2008.

124  Le riscritture vocali dell’ensemble Duale, cit.

125  Razo di Potassa (risalente al ’99) : vi si dice del legame della poesia col suo « strumento naturale, la voce » ; che non è solo « questione di ispirazione » o « traspirazione », ma di « inspirazione ed espirazione » ; che bisogna « balbettare » e « incespicare », « sentire le sillabe tagliare e gli accenti colpire » ; che « non esìstono due attività più simili di lèggere poesìa e degustare vino », con « l’ùnica differenza […] che il vino si consuma per degustarlo », mentre « la poesìa invece non si consuma », perché « infinitamente riproducìbile ». L’invito (imperativo) è allora un « impara a degustare ! », giacché « la poesìa è vino digitale » (ricordo che chi si nasconde dietro Lorenzo Durante è anche fine sommelier).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n° 13, Poètes italiens d’aujourd’hui, 2009

Référence électronique

Federico Scaramuccia, « Chi l’ha visto ? Profilo di Lorenzo Durante », Italies [En ligne], 13 | 2009, mis en ligne le 01 décembre 2011, consulté le 21 juillet 2017. URL : http://italies.revues.org/2955 ; DOI : 10.4000/italies.2955

Haut de page

Auteur

Federico Scaramuccia

Vive tra Chiavari e Firenze. Laureato in Lettere a Genova con una tesi sulla sestina novecentesca italiana, è dottorando in Italianistica a Firenze con il progetto di edizione critica delle Rime di Gaspara Stampa. Redattore di Absolute Poetry e Smerilliana, è presente con testi poetici e critici in numerosi volumi e riviste (tra cui AnticoModerno eIl Verri).

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org