Navigation – Plan du site
Aspects générationnels

Verso la società multiculturale. L’integrazione delle seconde generazioni di immigrati

Grazia Tatarella
p. 149-167

Résumé

Da qualche tempo anche in Italia stiamo assistendo al lento e costante insediamento definitivo degli immigrati. I figli degli immigrati, le cosiddette seconde generazioni, nati in Italia o giunti per ricongiungimento, si trovano a vivere “tra due mondi” in una condizione di pendolarismo perenne, e devono continuamente conciliare condizioni e status spesso troppo diversi. Vivono talvolta situazioni conflittuali sia coi genitori, spesso più legati ai valori culturali della terra di origine, sia con la società d’accoglienza, dove sono visti come stranieri anche quando – essendo nati in Italia o essendovi arrivati nella prima infanzia – di fatto non lo sono. In questo contesto l’articolo analizza le biografie dei figli degli immigrati a Napoli. Il modello di integrazione secondo il quale, attraverso una progressiva acculturazione, gli immigrati perdono progressivamente i tratti culturali del paese di origine, sembra essere entrato in crisi. Le traiettorie di assimilazione, che la maggior parte degli studiosi avevano ipotizzato lineari, appaiono invece poco prevedibili : i tratti etnici della cultura di origine sembrano non scomparire, ma piuttosto rigenerarsi in forme inedite, dando vita a nuove modalità di integrazione.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

Premessa

  • 1  In effetti questa categoria sociale comprende da un lato bambini nati e cresciuti nella società ri (...)
  • 2  G. Favaro, op. cit.

1Da qualche tempo anche in Italia – tradizionale paese d’emigrazione, trasformatosi poi in terra d’accoglienza – stiamo assistendo al lento e costante insediamento definitivo degli immigrati : basta guardare ai dati sui ricongiungimenti familiari ed al numero dei minori stranieri presenti nel nostro paese, per rendersi conto della portata del fenomeno. I figli degli immigrati, le cosiddette seconde generazioni1, nati in Italia o giuntivi per ricongiungimento, si trovano a vivere “tra due mondi”2 in una condizione di pendolarismo perenne, e devono continuamente conciliare condizioni e status spesso troppo diversi. Vivono talvolta situazioni conflittuali sia coi genitori, spesso più legati ai valori culturali della terra di origine, sia con la società d’accoglienza, dove sono visti come stranieri anche quando – essendo nati in Italia o essendovi arrivati nella prima infanzia – di fatto non lo sono.

  • 3  M. Ambrosini, Sociologia delle migrazioni, Bologna, Il Mulino, 2005.

2In questo contesto ci è sembrato utile analizzare le biografie dei figli degli immigrati, soprattutto perché, attraverso i loro racconti, è possibile cogliere le difficoltà alle quali essi vanno incontro, e comprendere in che misura si tratta di difficoltà insite nella condizione di straniero ed in che misura invece sono legate al loro essere adolescenti. La questione sullo sfondo è quella dell’integrazione delle seconde generazioni, una questione che si rivela cruciale sia per comprendere i mutamenti dei processi migratori attuali, sia per cogliere le trasformazioni che interessano le società riceventi, considerando che l’integrazione delle seconde generazioni rappresenta una vera e propria sfida per la coesione sociale3.

  • 4  Si tratta del progetto di ricerca MIUR-PRIN 2006, Adolescenti figli di migranti in Italia : valori (...)

3In questo contributo si intende presentare alcuni risultati di una ricerca condotta a Napoli su giovani studenti, figli di immigrati, appartenenti alle tre comunità più numerose in Campania : Cina, Sri-Lanka e Ucraina4. Nello studio particolare attenzione è stata dedicata alle modalità attraverso le quali i giovani appartenenti alla seconda generazione, siano essi nati in Italia o arrivati durante l’infanzia o l’adolescenza, si inseriscono nella società di arrivo ; ed inoltre alle interazioni attraverso le quali si costruiscono nuove forme di appartenenza, partendo dal presupposto che tale costruzione non è mai definitiva, ma sempre in divenire, continuamente negoziata in relazione a specifici contesti d’azione.

Il contesto teorico

  • 5 M. Tognetti Bordogna, Ricongiungere la famiglia altrove, Milano, FrancoAngeli, 2005.
  • 6  R. Alba, Remaking the American Mainstream : Assimilation and Contemporary Immigration, Londra, Har (...)
  • 7  A. Portes, P. Fernàndez-Kelly e W. Haller,Segmented Assimilation on the Ground : The New Second Ge (...)
  • 8  A. Portes e M. Zhou, The New Second Generation : Segmented Assimilation and its Variant, « Annals (...)
  • 9  A. Portes, P. Fernàndez-Kelly e W. Haller, op. cit.

4Anche in Italia stiamo assistendo al processo di familizzazione della presenza immigrata5, tant’è vero che coloro che inizialmente giungevano in Italia per motivi esclusivamente lavorativi, stanno ricongiungendo la famiglia nel nostro Paese. In questo contesto, la famiglia immigrata comincia ad essere oggetto di studio da parte della comunità di studiosi, la quale per molto tempo e per motivazioni diverse, ha trascurato il fenomeno, considerandolo secondario rispetto alle migrazioni da lavoro. L’arrivo della famiglia dell’immigrato naturalmente comporta anche la presenza di minori, le cosidette seconde generazioni, che affrontano il processo di integrazione – a dire il vero non sempre facile – nel contesto ricevente. Lo studio delle seconde generazioni di immigrati, però, non è nuovo in letteratura, dal momento che c’è stata un’ingente produzione relativa ai processi di integrazione delle seconde generazioni e alle migrazioni europee negli Stati Uniti d’America degli inizi del Novecento. In quella fase, come sappiamo, la tesi che ha tenuto a lungo banco è stata la teoria dell’assimilazione lineare, secondo la quale gli immigrati dovevano abbandonare la propria cultura di origine e inserirsi nel contesto di ricezione, acquisendone anche i tratti culturali. Con la ripresa delle nuove migrazioni abbiamo assistito ad una ripresa del dibattito sull’integrazione degli immigrati, incentrato da un lato sul recupero, almeno parziale, del concetto di assimilazione, attraverso lo sviluppo della prospettiva neo-assimilazionista6. Secondo questa prospettiva l’assimilazione continua ad avvenire sempre e comunque, anche inintenzionalmente, in un contesto diverso e con modalità differenti rispetto al passato. Dall’altro lato, il dibattito è stato anche centrato nello sviluppo di teorie più articolate, che vanno al di là del determinismo e del linearismo proprio della prospettiva assimilazionista. Tra queste teorie ricordiamo i contributi più importanti, quali quelli di A. Portes7, che ha avanzato il concetto di « assimilazione segmentata »8 e di « acculturazione selettiva »9. Nella prima prospettiva, quella dell’« assimilazione segmentata », gli studiosi si concentrano sull’integrazione dei giovani stranieri a partire dalle caratteristiche dei singoli gruppi etnici, sottolineando che l’integrazione è strettamente correlata alla dotazione individuale, ovvero alle proprie competenze e al capitale sociale a disposizione di ogni individuo. Secondo i teorici dell’assimilazione segmentata infatti, le persone dotate di scarse capacità individuali (scarse competenze linguistiche, formative, professionali e relazionali) hanno sicuramente maggiori difficoltà di inserimento. La seconda prospettiva, quella dell’« acculturazione selettiva », prevede invece che l’apprendimento delle abilità necessarie per inserirsi nel nuovo contesto non entra in contrasto con il mantenimento della propria cultura. Genitori e figli dunque, si muovono di comune accordo sui due binari, riducendo il rischio di conflitti, salvaguardando l’autorità genitoriale e promuovendo un efficace bilinguismo nelle nuove generazioni.

  • 10  N. Glick Schiller, L. Basch e C. Szanton Blanc, Towards a Transnational Perspective on Migration, (...)

5In tempi più recenti i processi di globalizzazione e le trasformazioni economiche rimettono in discussione questi modelli. La possibilità di trasporto a basso costo, lo sviluppo tecnologico che rende più semplici le comunicazioni, nonché l’inserimento nel mercato del lavoro post-fordista e quindi connotato da maggiore precarietà, infatti, portano molti studiosi a formulare una serie di contributi che hanno analizzato i processi migratori in un contesto globale, provando in questo modo a superare l’idea che l’integrazione possa risolversi esclusivamente nel binomio assimilazione/non assimilazione. In questo scenario maturano la prospettiva « transnazionale », e quella del « cosmopolitismo ». Nella prima prospettiva i migranti diventano “transmigranti”, ovvero persone che mantengono relazioni sociali ed affettive che travalicano i confini nazionali. Tale teoria prevede appunto una dimensione relazionale che tende a tenere congiunti elementi appartenenti ad un tempo (il passato) ed un luogo (il paese di origine) con altri elementi appartenenti ad un altro tempo (il presente) ed un altro luogo (il paese di destinazione). In questa prospettiva i giovani figli dei migranti assumono forme di identificazione indipendenti sia dalla propria dimensione etnica sia dal modello proposto dal contesto d’accoglienza10.

  • 11  E. Colombo, Molto più che stranieri, molto più che italiani. Modi diversi di guardare ai destini d (...)
  • 12  A. Appadurai, Mondialisation, recherche, imagination,« Revue Internationale de Sciences Sociales » (...)

6La prospettiva cosmopolita sottolinea invece come la molteplicità di esperienze, di luoghi e di culture che appartiene a questi giovani, in virtù del loro essere migranti, rinforzi la loro capacità di adeguare le conoscenze accumulate precedentemente ai contesti che vivono nel presente e ai loro progetti futuri11. Le identità personali e collettive sarebbero quindi frutto di mescolamento di identità ed esperienze che forgiano la personalità cosmopolita12.

  • 13  Naturalmente i contributi italiani allo studio dei processi di identificazione dei minori stranier (...)
  • 14  R. Bosisio, E. Colombo, L. Leonini e P. Rebughini, Stranieri e italiani. Una ricerca tra gli adole (...)
  • 15  Ibidem.

7Nell’ambito del recente dibattito sviluppatosi in opposizione all’unilinearismo della teoria dell’assimilazione, è andato via via crescendo un importante filone di studi sulle forme di identificazione plurima. Su questo tema la letteratura sociologica italiana ha dato molti contributi interessanti13. Degno di nota è sicuramente il lavoro diretto da Luisa Leonini14 che, in una ricerca tra gli adolescenti figli di immigrati nelle scuole superiori a Milano, giunge ad individuare quattro differenti strategie identitarie. La prima è il “mimetismo”, che caratterizza coloro che aderiscono totalmente ai modelli culturali e agli stili di vita della società ospitante. La seconda strategia è quella del “ritorno alle origini”, dove i ragazzi sono contrassegnati dal rifiuto della cultura della società ricevente e si rinchiudono nelle comunità di appartenenza, frequentando esclusivamente giovani connazionali e seguendo le pratiche culturali del paese di origine. L’“isolamento” invece è la terza strategia e riguarda coloro che si sentono estranei sia alla famiglia di origine che al contesto di ricezione, per questo motivo vivono la maggior parte del loro tempo soli in casa e hanno rapporti sociali molto limitati. La quarta ed ultima strategia, quella del “cosmopolitismo”, connota quei ragazzi che esprimono il desiderio di vivere in un contesto diverso, dove siano superati i nazionalismi e le appartenenze etniche ; per questo motivo, coloro che adottano questa strategia vivono una situazione che, la stessa L. Leonini, ha definito di “incertezza identitaria”15.

  • 16  L. Queirolo Palmas, Prove di seconda generazione. Giovani di origine immigrata tra scuola e spazi (...)

8Oltre agli studi sui processi di costruzione identitaria, alcuni autori si sono concentrati sul rapporto tra seconde generazioni e contesto di ricezione, come, per esempio, lo studio di Luca Queirolo Palmas che ha preso in considerazione la “relazione politica e simbolica” con lo spazio pubblico di ricezione16. Analizzando le interviste condotte sui govani ecuadoriani di seconda generazione a Genova, l’autore ha indagato il rapporto tra i giovani immigrati e la dimensione giuridica della cittadinanza, pervenendo all’individuazione di tre gruppi. Il primo è quello che lo stesso autore definisce come composto da “soggetti ancorati alle origini” e riguarda coloro che hanno deciso di mantenere la cittadinanza di origine. Il secondo gruppo è quello dei “soggetti al guado”, coloro che appaiono ancora indecisi se mantenere la cittadinanza di origine o chiedere quella italiana ; il terzo e ultimo gruppo è quello dei “soggetti ormai proiettati in Italia”, coloro che sono orientati all’acquisizione della cittadinanza italiana.

  • 17  Anche Maurizio Ambrosini, Seconde Generazioni, op. cit.,ha messo a punto un modello bidimensionale (...)
  • 18  J. Berry, J. Phinney, D. Sam e P. Vedder, Immigrant Youth. Acculturation, Identity and Adaptation, (...)
  • 19  J. Berry spiega inoltre che possono aver luogo mutamenti di comportamento come risultato dell’accu (...)

9Mentre le tipologie menzionate fino a questo momento prendono in considerazione da un lato, i processi di acculturazione e quindi di interiorizzazione della cultura del paese ospitante e, dall’altro, il rapporto con il contesto di ricezione, altri autori sono pervenuti alla formulazione di modelli bidimensionali, che prendono in considerazione entrambe le dimensioni17. J. Berry propone un modello complessivo basato su due variabili e si concentra da un lato sull’acculturazione, cioè l’accettazione della cultura del paese ospitante, e dall’altro sull’elemento relazionale, cioè le relazioni mantenute con la rete etnica o con gli autoctoni18. Nel mettere a punto il suo modello, l’autore prende dunque in considerazione due dimensioni. La prima dimensione rappresenta un continuum che va dall’immersione totale nella cultura di origine fino alla completa opposizione e rifiuto di essa. La seconda dimensione, invece, valuta l’adesione alla cultura dominante in base al livello di partecipazione e al tipo di contatto che i soggetti hanno con gli autoctoni. Sulla base di queste dimensioni J. Berry ha elaborato quattro traiettorie : l’integrazione, la separazione, l’assimilazione e la marginalizzazione. La traiettoria di “integrazione” è caratterizzata dalla tendenza a mantenere la cultura del paese di origine ma, nello stesso tempo, ad entrare in contatto con la cultura e con i membri del paese di accoglienza. Quando i membri del gruppo etnico scelgono di mantenere la propria cultura di origine e di avere relazioni esclusivamente all’interno del proprio gruppo etnico, rifiutando qualsiasi contatto con la società di accoglienza, si configura poi una traiettoria di “separazione”. La traiettoria di “assimilazione” viene invece perseguita quando gli immigrati decidono di uniformarsi completamente alla cultura del paese di origine, rifiutando i contatti con il gruppo etnico di riferimento e allontanandosi dalla cultura di origine. Infine, la traiettoria di “marginalizzazione” è caratterizzata dalla mancanza di contatto sia con il gruppo di origine che con il gruppo ospitante e dal rifiuto della cultura del paese di arrivo, ma anche di quella di origine. La scelta di una delle strategie di acculturazione – secondo J. Berry – dipende da alcuni elementi cruciali : il primo elemento fa riferimento alle politiche in materia di immigrazione adottate nella società ricevente, che in molti casi incidono in maniera decisiva sul processo di inclusione degli immigrati ; il secondo elemento riguarda le caratteristiche della società di origine e del contesto sociale di provenienza degli immigrati, dal momento che gli immigrati provenienti da culture molto diverse da quella del paese di arrivo saranno più propensi a scegliere le strategie di separazione. Il terzo ed ultimo elemento riguarda infine le motivazioni personali che inducono un soggetto a emigrare, tenendo ben presente che alcune persone possono essere emigrate volontariamente oppure costrette da eventi drammatici (come ad esempio una guerra civile)19.

10Tutti questi studi hanno messo in luce l’influenza di alcuni fattori basilari che influiscono sia sui processi di identificazione che sui percorsi di integrazione. Il tempo di permanenza, l’appartenenza etnica, i tempi e le modalità di arrivo in Italia, l’inserimento lavorativo dei genitori, il capitale culturale e sociale della famiglia sono tutti elementi che, direttamente o indirettamente, agiscono sulla costruzione identitaria e sui percorsi di integrazione dei giovani immigrati.

  

Mantenere le caratteristiche della propria identità culturale è considerato come un valore positivo ?

Mantenere delle relazioni con altri gruppi è considerato come un valore positivo ?

  

No

integrato

assimilato

No

separato

marginalizzato

J. Berry, J. Phinney, D. Sam e P. Vedder, Immigrant Youth. Acculturation, Identity and Adaptation, « Applied Psychology : an International Review », n. 5, 2006.

Profili e percorsi di inserimento dei giovani figli di immigrati a Napoli

11Il presente lavoro, rifacendosi ai modelli che abbiamo definito bidimensionali, e cioè quelli che cercano di mettere in relazione gli elementi di acculturazione con gli elementi di integrazione e relazionali, si propone di aggiungere un ulteriore tassello all’analisi, in particolare mettendo in luce come i processi di integrazione dei giovani immigrati – oltre a tutti i fattori che la letteratura in materia ha già evidenziato – siano collegati ai processi di acculturazione e di inserimento, alle aspettative e alla posizione sociale dei genitori. Lo scopo del lavoro è quello di mostrare che il processo di integrazione dei figli degli immigrati è un processo individuale e familiare al tempo stesso, e che pertanto le modalità con cui i giovani si rapportano al paese di accoglienza sono strettamente legate alle modalità con cui gli altri membri della famiglia – ed in particolare i genitori – affrontano il rapporto con la società ricevente.

  • 20  All’interno della traccia di intervista messa a punto dal gruppo di ricerca era presente una batte (...)

12Per indagare questo aspetto sono stati presi in considerazione diversi indicatori, e cioè il tempo di permanenza in Italia, le relazioni (le amicizie e le relazioni amorose), i consumi culturali20, la lingua parlata, l’auto-identificazione etnica e le prospettive future. Dall’analisi di questi indicatori chi scrive è pervenuta all’individuazione di quattro diverse traiettorie di inserimento, traiettorie che esprimono da un lato il processo di acculturazione, dall’altro quello di integrazione. Tali traiettorie sembrano riconfermare il modello individuato da J. Berry, nel quale, come si è visto, sono emersi quattro modelli di acculturazione e cioè : l’integrazione, la separazione, l’assimilazione e la marginalizzazione. Il maggior numero di elementi considerati rispetto a quelli utilizzati da J. Berry consente di descrivere più diffusamente le caratteristiche di ciascun gruppo.

13Nella prima traiettoria, quella dell’“integrazione”, che a dire il vero riguarda la maggior parte dei casi (ben 17 casi : 4 Cinesi, 7 Srilankesi e 5 Ucraini), troviamo ragazzi che sono orientati ad inserirsi nel contesto ospitante, ma senza tralasciare la cultura di origine. Si tratta da un lato di giovani nati in Italia (2 casi), ma che mantengono costantemente rapporti con la comunità di appartenenza, e dall’altro, di ragazzi ricongiunti ai genitori durante l’infanzia (15 casi). In tutti i casi questi giovani stanno seguendo un percorso formativo e prospettano di frequentare l’università e di inserirsi nel mercato del lavoro italiano. Tutti quelli che rientrano in questa traiettoria, infatti, prevedono per un motivo o per un altro di restare in Italia. Il maggior numero di elementi considerati rispetto a J. Berry, ha consentito anche di distinguere due sottocategorie appartenenti a questa traiettoria : possiamo parlare infatti di giovani che seguono una traiettoria di integrazione per forza, e giovani che invece seguono la stessa traiettoria per amore. Nel primo caso (6 su 17) ci si trova di fronte a quei ragazzi che restano ancorati al paese di origine dei genitori, hanno il desiderio di tornare a vivere in quel contesto, ma, allo stesso tempo, sono consapevoli delle scarse opportunità offerte ai giovani in quei paesi, come ci spiega R. :

La prima cosa che dovrei chiarire è se questa laurea che prendo qua in Italia è… viene riconosciuta in Sri Lanka, poi non so se in Sri Lanka riuscirò a trovare un lavoro decente perché pure lì c’è la disoccupazione, non soltanto in Italia (R. 21 anni, Sri Lanka).

14Coloro invece che rientrano nel secondo gruppo – integrati per amore, i restanti 10 casi – sono quelli che hanno trovato in Italia la propria dimensione e hanno deciso di restare nel nostro Paese, anche se i genitori prevedono di tornare al paese di origine :

Loro possono, comunque, andare in Sri Lanka, io comunque faccio andata e ritorno (sorride) comunque, penso di trovarmi il lavoro, penso di continuare a studiare e vivere qui (L., 17 anni, Sri Lanka).

15Questa traiettoria di integrazione non sembra associata all’età o all’appartenenza etnica, mentre molto significativa appare la variabile del genere, dal momento che molte ragazze (perlopiù di origine srilankese) sembrano coinvolte in un processo di progressiva autonomizzazione dall’autorità genitoriale. Oltre al genere, appaiono rilevanti il tempo di permanenza, il percorso scolastico e formativo, le relazioni, i consumi culturali e, infine, l’auto-identificazione etnica. I ragazzi che seguono questa traiettoria infatti sono nati in Italia o giunti per ricongiungimento durante l’infanzia, frequentano la scuola e hanno amicizie sia con i connazionali che con gli autoctoni (spesso amici conosciuti in ambito scolastico). Rientrano in questo gruppo, inoltre, coloro che dichiarano di fruire sia dei consumi culturali italiani che di quelli del paese di origine. Un ultimo fattore che è stato preso in considerazione è quello dell’autoidentificazione etnica : i ragazzi che rientrano tra gli integrati sono coloro che dichiarano di sentirsi “metà e metà”, non rinnegano le proprie origini, ma si sentono italiani (sono i cosiddetti “italiani col trattino”).

16La seconda traiettoria è quella della “separazione”, che prevede relazioni esclusive all’interno del proprio gruppo etnico. Rientrano in questa traiettoria 12 casi (di cui 7 Cinesi, 3 Srilankesi e 2 Ucraini), di soggetti giunti in Italia da poco e controvoglia :

[…] io non è piaciuto venire qua e quindi non mi ricordo (sorride) a me non è piaciuto lasciare la mia nonna e miei amici (Y. 17 anni, Sri Lanka)

17Questo è anche il caso di ragazzi – soprattutto dei cinesi – che pur essendo in Italia da molti anni, non sono riusciti ad integrarsi e hanno scarse relazioni sociali, dal momento che oltre a studiare collaborano alle attività lavorative dei genitori. È emblematico il caso di C. C. :

Essendo sempre qua al negozio non puoi muoverti, cioè non puoi entrare, però qui un’altra cosa che abbiamo anche paura di entrare, perché qui a Napoli… sai è un po’ diverso rispetto altre città, non è che sia così tranquillo, che puoi andare in giro la sera tranquillamente da sola, soprattutto una donna (tono affermativo). E… perciò, però noi siccome lavoriamo da giorno fino… dalle sette fino alle sette, dopo ti senti stanco poi non è che dopo hai voglia di uscire (C. C., 24 anni, Cina).

18I ragazzi che rientrano in questa traiettoria mostrano alcuni tratti specifici come il fatto di avere tutti gli amici fra i connazionali :

Amici italiani no... solo Andrea e Gabriella ma lei è stata bocciata e quindi ha cambiato scuola. Conoscono più ragazzi e più ragazze ucraine (Z., 16 anni, Ucraina).

19Hanno anche una forte percezione del proprio grado di esclusione da parte degli italiani :

Però io detto che ragazzi molto cattivi, sono picchiare qualche cinese, quindi io non voglio andare in piazza(Y., 16 anni, Cina).

20Le poche occasioni di incontro sono legate per lo più a contesti delimitati, quali il luogo di lavoro, gli internet point e la scuola :

Io ce li ho gli amici solo nella classe, non c’è nella scuola, però fuori classe non ce li ho, solo ce li ho gli amici della chiesa(I., 18 anni Sri Lanka).

21La descrizione dei ragazzi proposta in questa parte ci rimanda all’idea di giovani alquanto isolati e legati alla comunità di appartenenza, una sorta di “resistenza culturale” che vede questi giovani limitare l’uso della lingua italiana al contesto scolastico, leggere libri e ascoltare musica del proprio paese, frequentare i luoghi di ritrovo “etnici”. Inoltre, com’è prevedibile, gli intervistati che rientrano in questa traiettoria auspicano di ritornare nel proprio paese di origine :

[…] devo ritornare a Cina, io parlo sempre, la Cina è mia madre, io ho bisogno di ritornare(Y., 16 anni, cinese).

22L’obiettivo è continuare a studiare lì e trovare un lavoro sfruttando la conoscenza di più lingue, come ci racconta L. :

mi piacerebbe fare… non lo so… forse l’interprete… perché conosco già una lingua, e quindi sono diciamo avvantaggiata (L., 16 anni, cinese).

oppure semplicemente :

avere una vita tranquilla, stare con i miei, con la mia famiglia, con mio marito, con i miei e basta (C.C., 24 anni, cinese).

23Diversamente dalla traiettoria di integrazione, quella della separazione appare maggiormente legata alla nazionalità, dal momento che la maggior parte dei casi appartenenti a questo gruppo sono Cinesi, i quali, sia per il coinvolgimento nelle attività lavorative dei genitori, sia per le maggiori difficoltà linguistiche o ancora per gli episodi di discriminazione che spesso li vedono protagonisti, hanno maggiori difficoltà a stringere relazioni con gli autoctoni. Negli altri casi (3 Srilankesi e 2 Ucraini) non sembra tanto rilevante l’appartenenza comunitaria quanto il tempo di permanenza, dal momento che si tratta di ragazzi giunti in Italia durante l’adolescenza e che stanno attraversando una fase abbastanza traumatica. Pertanto tutti i casi rientranti nella traiettoria di separazione proiettano il proprio futuro nel paese di origine.

24La terza traiettoria è quella dell’“assimilazione” che, nel nostro campione, riguarda 6 casi (1 cinese, 2 srylankesi e 3 ucraini). Da un lato troviamo ragazzi che, essendo nati in Italia, non hanno mai conosciuto il paese di origine :

non sono mai andato in Sri Lanka, non mi sono mai interessato [...] E non sono, non ho avuto mai la possibilità di andarci di persona però penso che dopo, penso che ci andrò, non so come, un po’ più avanti diciamo (L., 18 anni, Sri Lanka).

E pertanto si sentono italiani :

Sono nata a Napoli e mi sento italiana, non dello Sri Lanka. Essere italiana, io sono come tutti quanti, solo il colore cambia(A., 16 anni, Sri-Lanka).

25Dall’altro invece, troviamo ragazzi che, giunti per ricongiungimento familiare, sono riusciti ad integrarsi bene nel contesto ospitante, al punto che parlano fluentemente e quasi esclusivamente la lingua italiana :

Sì, ormai quando torno in Ucraina trovo difficoltà ad esprimermi, quando parlo con il mio fidanzato non mi trovo ad esprimere una certa cosa, dopo un mese in Ucraina riprendo a parlare velocemente, i primi due giorni non esco mai per esempio se devo andare a comprare una cosa nei negozi se no mi prendono per pazza, esco sempre con mie amiche (A., 15 anni, Ucraina).

Questi frequentano esclusivamente coetanei autoctoni :

No, praticamente dei miei compatrioti non c’era nessuno, non conosco nessuno e non voglio averci niente a che fare (S., 17 anni, Ucraino).

26Inoltre, questa parte del campione che possiamo definire “assimilata”, guarda la televisione italiana e ascolta musica italiana ed internazionale, prospettando il proprio futuro nel nostro Paese :

Dopo il liceo vado via, anche se mamma non sarà d’accordo, voglio studiare o a Milano o a Torino, è sempre Italia ma non è Napoli, posso anche lavorare in Italia, a Torino o Milano, questi due paesi, o Genova (D., 15 anni, Ucraina).

Perché, come afferma Alberto :

Non c’è bisogno di trasferirsi da qualche parte... qua sta bene… parlo il dialetto (sorride) (A., 15 anni, Cinese).

27Questa traiettoria di assimilazione sembra associata soprattutto al tempo di permanenza, dal momento che gli intervistati che rientrano in questa categoria sono nati in Italia o vi sono giunti durante l’infanzia. A differenza però di coloro che seguono la traiettoria dell’integrazione – per i quali avevamo sottolineanto ugualmente l’importanza del lungo tempo di permanenza –, i ragazzi che rientrano nella traiettoria dell’assimilazione, per un motivo o per un altro, hanno vissuto un distacco dalla comunità di appartenenza. Basta osservare le relazioni sociali di questi intervistati per capire che hanno rapporti esclusivamente con gli autoctoni e i loro consumi culturali sono molto simili a quelli degli amici italiani. Anche l’auto-identificazione etnica appare orientata all’acquisizione di una identità diversa da quella di origine (tutti dicono di sentirsi italiani).

  • 21 A. Sayad, La doppia assenza. Dalle illusioni dell’emigrato alle sofferenze dell’immigrato, Milano, (...)

28La quarta ed ultima traiettoriaè quella della “marginalizzazione”, che prevede l’assenza di contatto sia con il gruppo etnico di riferimento che con il gruppo del contesto di ricezione, e riguarda fortunatamente un solo caso. Si tratta di M., un ragazzo cinese, che – riprendendo A. Sayad21 – vive in una condizione di “doppia assenza”. Dall’analisi dell’intervista, infatti, emerge chiaramente il suo distacco sia dai connazionali che dai compagni di classe italiani :

Molti cinesi spesso vanno negli Internet Point… Allora giocano in Internet… giocano… navigano… parlano tra di loro… invece io non so niente […] Quando sto insieme a loro [mi sento] ignorante… ignorante.

Quanto agli italiani, racconta M. :

Sì, mi metto in parte, faccio lezioni da solo, sempre le cose da solo, anche… non ci tengo a copiare […] Io e uno dei due, nelle materie vado bene, invece gli altri piace copiare, soprattutto quando fa il compito, invece io no (M., 17 anni, Cinese).

29M. intrattiene esclusivamente rapporti epistolari e telefonici con i parenti rimasti in Cina, che, a ben vedere, rievocano in lui una dimensione dell’essere cinese diversa da quella – deludente – che lo stesso M. ha trovato in Italia. Questo intervistato sembra aver subito uno shock quando, giunto in Italia, si è reso conto della realtà che riguardava il popolo cinese in emigrazione, non a caso dice :

(i cinesi in Italia) mangiano come i maiali, dormono come i cani e lavorano come le mucche.

30M. infatti, deluso nelle aspettative, pare erigere un muro tra sé e la comunità cinese in Italia, anche se, come emerge chiaramente dall’intervista, il ragazzo non rinnega le sue origini, tant’è vero che parla diffusamente della cultura e della scuola cinese, richiamando di continuo le differenze con l’Italia. Alla domanda sul significato dell’essere italiano o cinese però risponde :

Per me non fa tanta differenza, comunque anche se c’ho la cittadinanza italiana, no ?

31Quasi a voler sottolineare la differenza tra il cinese che vive ancora nel suo paese e il cinese emigrato che, secondo lui, ha perso la dignità dell’essere cinese a tal punto che anche perdere la cittadinanza cinese non costituirebbe un problema. M. vuole dimostrare che non tutti i cinesi emigrati sono destinati a vivere in modo poco dignitoso e infatti desidera realizzarsi economicamente in un paese diverso, sicuramente non in Italia dove i suoi connazionali vengono continuamente discriminati e mortificati.M. infatti, seguendo il desiderio di realizzarsi economicamente, (che, ad essere sinceri, riguarda la maggior parte dei cinesi) prospetta il suo futuro :

in altri paesi, paesi orientali, d’Europa, dell’unione, altri paesi a visitare o proprio ad inserirmi negli altri paesi, a provare la vita là, anche… come dico mia mamma spesso quando farò diciotto anni non… soltanto e sempre qua nel magazzino, o a imparare, che faccio delle cose soltanto con le mie mani, oppure andare all’estero a vedere. Mio padre, lui è stato in Belgio, in Grecia, a lavorare sempre ambulante(M., 17 anni, Cinese).

32M. quindi rientra nella tipologia della marginalizzazione e sembra essere lontano sia dalla comunità di riferimento che dal contesto di ricezione. In questa traiettoria, che come abbiamo detto riguarda un unico intervistato cinese, interviene soprattutto la sfera relazionale ; l’intervistato che segue il percorso di marginalizzazione è infatti caratterizzato dalla significativa assenza di relazioni sociali, vuoi perché impegnato nel lavoro con i genitori, vuoi perché fondamentalmente deluso nelle sue aspettative.

33Se guardiamo complessivamente alle traiettorie individuate, possiamo notare come esse indichino chiaramente la diversità dei percorsi che i ragazzi di seconda generazione possono seguire nel loro inserimento in Italia. Naturalmente in questo processo entrano in gioco diversi fattori, sia di tipo individuale, legati cioè al soggetto in quanto attore sociale, sia di tipo strutturale. Le storie di vita raccolte ci hanno permesso di comprendere come le capacità individuali, ma anche e soprattutto la disponibilità di un buon capitale sociale, culturale e familiare, siano degli ingredienti fondamentali per permettere ad un giovane di origini non italiane di integrarsi bene nel contesto di ricezione. I ragazzi appartenenti a famiglie in cui i genitori hanno un titolo di studio medio alto e viene dato valore all’istruzione, sono quelli che vengono maggiormente aiutati e facilitati nel loro inserimento. Ma è evidente che anche il contesto ricevente gioca un ruolo importante. La presenza di politiche atte a favorire l’inserimento, nonché la trasmissione di valori volti all’accettazione, piuttosto che al rifiuto oppositivo, delle diversità, produce sicuramente una maggiore disponibilità ed apertura degli autoctoni nei confronti delle minoranze etniche.

Haut de page

Notes

1  In effetti questa categoria sociale comprende da un lato bambini nati e cresciuti nella società ricevente o giunti nei primi anni di vita, e dall’altro ragazzi ricongiunti dopo aver trascorso parte della loro vita nel paese di origine. Cf. E. Besozzi e G. Giovannini, Alunni italiani e stranieri in una scuola comune, Torino, FGA, 2002. A complicare il quadro vi sono infine i casi di bambini nati in Italia e mandati nel paese di origine per studiare, accuditi, nella maggior parte dei casi, dai nonni ; oppure di figli delle coppie miste, che vengono comunque considerati minori stranieri. A tal proposito si vedano i lavori di M. Ambrosini e S. Molina, Seconde Generazioni. Un’introduzione al futuro dell’immigrazione in Italia, Torino, Fond. Agnelli, 2004 e di G. Favaro, Mettere radici nel paese di immigrazione, Movimento di Volontariato Italiano, « Mo.V.I. Fogli di informazione e di coordinamento », n. 1, anno XVI, gennaio/febbraio 2001.

2  G. Favaro, op. cit.

3  M. Ambrosini, Sociologia delle migrazioni, Bologna, Il Mulino, 2005.

4  Si tratta del progetto di ricerca MIUR-PRIN 2006, Adolescenti figli di migranti in Italia : valori, identificazioni, consumi, progetti futuri. Ipotesi teoriche a confronto sul percorso di integrazione/esclusione delle "nuove seconde generazioni" (coordinatore scientifico prof. Enzo Colombo, Università degli Studi di Milano ; responsabile scientifico dell’unità di Napoli Federico II, prof.ssa Antonella Spanò). Nell’indagine sul campo, sono state effettuate interviste biografiche che hanno coinvolto 42 ragazzi dai 16 ai 24 anni, figli di immigrati, e 16 genitori.

5 M. Tognetti Bordogna, Ricongiungere la famiglia altrove, Milano, FrancoAngeli, 2005.

6  R. Alba, Remaking the American Mainstream : Assimilation and Contemporary Immigration, Londra, Harvard U. P, 2005 ; R. Brubacker, The return of Assimilation. Changing Prospectives of Immigration and its Sequel in France, Germany and United States, « Ethnic and Racial Studies », 2001 ; H. Gans, Second-generation Decline : Scenaries for the Economic and Ethnic Futures of the post-1965 American Immigrants, « Ethnic and Racial Studies », 1992.

7  A. Portes, P. Fernàndez-Kelly e W. Haller,Segmented Assimilation on the Ground : The New Second Generation in Early Adulthood, « Ethnic and Racial Studies », 2005.

8  A. Portes e M. Zhou, The New Second Generation : Segmented Assimilation and its Variant, « Annals of the American Academy of Political and Social Science », 1993 ; A. Portes e R. G. Rumbaut, Legacies. The Story of the Immigrant Second Generation, University of California Press, 2001, Berkeley.

9  A. Portes, P. Fernàndez-Kelly e W. Haller, op. cit.

10  N. Glick Schiller, L. Basch e C. Szanton Blanc, Towards a Transnational Perspective on Migration, New York Academy of Sciences, 1992, New York.

11  E. Colombo, Molto più che stranieri, molto più che italiani. Modi diversi di guardare ai destini dei figli di immigrati in un contesto di crescente globalizzazione, « Mondi migranti », n. 1, Milano, FrancoAngeli, 2007.

12  A. Appadurai, Mondialisation, recherche, imagination,« Revue Internationale de Sciences Sociales », n. 160, 1999.

13  Naturalmente i contributi italiani allo studio dei processi di identificazione dei minori stranieri sono molteplici, ma in questa sede per ragioni di spazio facciamo riferimento solo alla ricerca coordinata da L. Leonini. Degne di nota sono anche le ricerche di Enzo Colombo (2005) e dell’Istituto degli Innocenti (1997).

14  R. Bosisio, E. Colombo, L. Leonini e P. Rebughini, Stranieri e italiani. Una ricerca tra gli adolescenti figli di immigrati nella scuola superiore, Roma, Donzelli, 2005.

15  Ibidem.

16  L. Queirolo Palmas, Prove di seconda generazione. Giovani di origine immigrata tra scuola e spazi urbani, Milano, FrancoAngeli, 2006.

17  Anche Maurizio Ambrosini, Seconde Generazioni, op. cit.,ha messo a punto un modello bidimensionale che considera da un lato l’integrazione economica e dall’altro l’acculturazione.

18  J. Berry, J. Phinney, D. Sam e P. Vedder, Immigrant Youth. Acculturation, Identity and Adaptation, « Applied Psychology : an International Review »,n. 5, 2006.

19  J. Berry spiega inoltre che possono aver luogo mutamenti di comportamento come risultato dell’acculturazione. In letteratura, si può trovare una distinzione tra due tipi di effetti : il primo è collegato ai cosiddetti “spostamenti comportamentali” ; il secondo si riferisce a nuovi fenomeni che accompagnano l’acculturazione, i quali sembrano risultare da conflitti psicologici e da disgregazioni sociali, come aumento degli omicidi, violenze sessuali o declino dello stato di salute mentale. Questo tipo di conseguenze è denominato “stress di acculturazione”. Cf. J. Berry, J. Phinney, D. Sam e P. Vedder, op. cit. Quest’ultimo, a differenza del primo esito, rappresenta un adattamento negativo al processo di acculturazione e implica una diminuzione dello stato di salute mentale (depressione, ansia ecc.), sentimenti di emarginazione, confusione d’identità, vari sintomi psicosomatici, oltre che fenomeni di disgregazione sociale. Non a caso alcuni studiosi hanno definito la seconda generazione come “generazione del sacrificio”, quella cioè che paga i costi psicologici dell’immigrazione senza goderne i benefici. Cf. M. Valeri, Le politiche sociali a favore di bambini e adolescenti stranieri, « Cittadini in Crescita », n. 4, anno 1, Istituto degli Innocenti, Firenze, 2000.

20  All’interno della traccia di intervista messa a punto dal gruppo di ricerca era presente una batteria di domande circa i consumi musicali, le letture e i programmi televisivi fruiti dall’intervistato.

21 A. Sayad, La doppia assenza. Dalle illusioni dell’emigrato alle sofferenze dell’immigrato, Milano, Cortina Editore, 2002.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’Études Italiennes, Université de Provence, n° 14, Les mouvements migratoires entre réalité et représentation

Référence électronique

Grazia Tatarella, « Verso la società multiculturale. L’integrazione delle seconde generazioni di immigrati », Italies [En ligne], 14 | 2010, mis en ligne le 01 décembre 2012, consulté le 28 avril 2017. URL : http://italies.revues.org/3258 ; DOI : 10.4000/italies.3258

Haut de page

Auteur

Grazia Tatarella

Università degli Studi di Napoli Federico II

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org