Navigation – Plan du site
La littérature de l'immigration

Strategie e forme di rappresentazione di sé nella letteratura italiana della migrazione

Chiara Mengozzi
p. 381-399

Résumé

Nell’articolo ci si propone di esplorare la posta in gioco, ma anche le contraddizioni e gli equivoci, del discorso (auto)biografico che sembra connotare pervasivamente quell’insieme vasto ed eterogeneo di scritture e di iniziative che va sotto il nome di “letteratura italiana della migrazione” e che assume forme molto diverse, dalla testimonianza al reportage, dal récit de vie all’intervista, dall’autobiografia romanzata all’autofiction. Attraverso la scrittura e il racconto di sé si articola in questa letteratura la questione identitaria, non solo all’interno del testo per le tematiche affrontate e per le soggettività rappresentate, ma anche a livello di enunciazione. La costruzione narrativa dell’identità attraverso cui si veicola un auto-riconoscimento sociale, politico e letterario di nuovi soggetti di discorso deve però sempre fare i conti, da un lato, con l’ineludibile normatività della narrazione e, dall’altro, con il mercato editoriale che consente un accesso alla visibilità proprio mentre attua delle pratiche di normalizzazione e di catalogazione dei racconti di vita.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

1L’insieme vasto ed eterogeneo di scritture e di iniziative che oggi rientrano a vario titolo in quel fenomeno definito, secondo un’etichetta ormai ampiamente diffusa, “letteratura italiana della migrazione” sembra essere attraversato in tutte le direzioni da “pratiche” (auto)biografiche, le quali, pur assumendo forme ed espressioni di volta in volta diverse, sembrano essere in questo corpus estremamente pervasive.

  • 1  Mi riferisco in particolare a S. Methnani e M. Fortunato, Immigrato, Roma, Teoria, 1990 ; M. Bouch (...)
  • 2  F. D’Intino, L’autobiografia moderna. Storia, forme, problemi, Roma, Bulzoni, 2003, p. 285.

2All’inizio degli anni Novanta, le uniche voci alternative, se tralasciamo il mondo dell’associazionismo, rispetto al circuito di rappresentazioni ansiogene che la politica e i mass media cominciano ad alimentare, sono rappresentate dal sorgere di scritture collocate sul confine instabile tra la letteratura e il giornalismo e nate da un progetto di collaborazione tra un(’)autore/trice immigrato/a e un/a co-autore/trice, curatore/trice, traduttore/trice italiano/a1. Sono racconti di vita che escono dall’anonimato, denunce più o meno riuscite della difficile condizione dei/delle migranti nella società italiana e che si avvalgono di una collaborazione tra un/a portavoce e un/a mediatore/trice per trovare uno spazio da cui parlare. Questa è certamente una versione possibile : l’(auto)biografia, intesa non tanto come genere letterario consacrato nella tradizione letteraria occidentale, ma come un insieme di pratiche del “dare conto di sé”, che attraversa questi primi esempi di scrittura a quattro mani nella forma del diario, dell’autobiografia romanzata, del racconto testimonianza, del reportage, sarebbe « la più democratica repubblica delle lettere » (come scriveva già nel 1909 William Dean Howells), che consente agli individui che appartengono ad una categoria emergente da un conflitto di autorità (schiavi, etnie minoritarie, carcerati, donne, immigrati, ecc.) di prendere la parola in un contesto pubblico, dando a quella parola una valenza politica2. In realtà, questa versione piuttosto conciliante andrebbe integrata con uno studio accurato e meno consolatorio che legga le pratiche (auto)biografiche di questi/e scrittori/rici migranti come parte integrante di un circuito che non solo appartiene interamente alla società di arrivo e che si esprime nella sua lingua nazionale, l’italiano, ma che fornisce anche le sollecitazioni al discorso, stabilendo le modalità e le finalità della sua diffusione.

3Uno sguardo critico andrebbe forse gettato anche sull’idea piuttosto diffusa nell’ambito della critica di una progressiva “emancipazione” di queste scritture, le quali, grazie anche all’abbandono dell’autobiografismo iniziale, avrebbero progressivamente raggiunto nuovi livelli di complessità e una forma di indipendenza dal controllo esterno. Questa rappresentazione stadiale coglie degli aspetti senz’altro importanti, nel senso che la cosiddetta letteratura della migrazione, a ormai vent’anni dalla sua nascita, ha conosciuto un notevole sviluppo sia da un punto di vista quantitativo, sia da un punto di vista qualitativo. Tuttavia, a mio avviso, è necessario tener conto, da un lato, della modificazione della natura della collaborazione (dalla scrittura a quattro mani alle figure spesso molto determinanti dell’editore, del curatore o dell’editor), dall’altro, della permanenza di canali abbastanza precisi attraverso i quali la voce del/della migrante può passare, e infine del fatto che il carattere autobiografico continua a essere largamente presente anche in esempi di scrittura successivi a quei primi casi indicati ed anzi è estremamente pervasivo, soprattutto in una produzione che si colloca al confine stesso del letterario.

  • 3  J. Raabe, Le marché du vécu, in C. Delhez-Sarlet e M. Catani (a cura di), Individualisme et autobi (...)
  • 4  L’espressione è tratta dall’interessante saggio di J. Lotman, Il diritto alla biografia. Il rappor (...)
  • 5  Cfr. in particolare il capitolo L’archivio planetario dell’autobiografia. Ipotesi e prospettive di (...)
  • 6  Cfr. M. Schneider, Die erkaltete Herzensschrift. Der autobiographischer Text im 20. Jahrhundert, M (...)

4Ovvero, il panorama della letteratura italiana migrante sembra essere investito da una straordinaria “ipertrofia autobiografica” e in tal senso rientra a pieno titolo in un fenomeno di allargamento di quello che Juliette Raabe3 ha definito marché du vécu,in un articolo risalente ormai agli anni Ottanta ma che sembra cogliere in nuce alcune importanti pratiche culturali della contemporaneità che interessano trasversalmente vari media e che intendono consegnare all’utente un’impressione di vita vissuta e di aderenza alla “realtà”. Per la letteratura italiana della migrazione, è proprio attraverso questo “marché du vécu” che si veicola in qualche modo una sorta di (auto)-riconoscimento sociale, politico e letterario, non certo esente da contraddizioni ed equivoci. La posta in gioco sul piano etico e politico di un accesso alla parola e dunque di un ingresso nel mercato editoriale che sancisce il diritto all’(auto)biografia4 di un numero sempre più elevato di persone oscilla, come sottolinea Franco D’Intino5, tra l’idea di un’“utopia democratica” dei discorsi (auto)-biografici della contemporaneità, come uscita dall’anonimato e riconoscimento sociale di identità “minoritarie”, e il rischio sempre presente di una classificazione archivistico-poliziesca del vissuto, come ammonisce lo studioso Manfred Schneider6, il quale interpreta la storia dell’autobiografia grazie alla lettura di Michel Foucault e alle sue riflessioni sul potere e sul biopotere.

  • 7  È necessario precisare che per molti di questi/e scrittori/scrittrici ciò non implica una difficil (...)

5Sono proprio queste tensioni che intendo mettere al centro del mio intervento, nel tentativo di capire la posta in gioco del discorso autobiografico che attraversa in vario modo la letteratura italiana della migrazione, attribuendo a questa espressione, ormai entrata nel linguaggio corrente della critica, un’estensione maggiore rispetto a quella comunemente intesa. Trovo che sia più produttivo intendere con questa etichetta un ambito di studi che da una ventina di anni a questa parte si è venuto a costituire in Italia e che fa dell’immigrazione un significante attorno al quale si è messa in moto un’immensa macchina discorsiva che comprende testi e iniziative di vario genere : non solo quelle opere apparse nel contesto letterario nazionale italiano a partire dagli anni Novanta i cui autori e le cui autrici pur scegliendo come lingua d’espressione l’italiano non hanno (di solito) questo come lingua madre7 e sono inoltre variamente determinati/e nelle loro pratiche di scrittura dall’esperienza della migrazione ; ma anche tutta l’attività critica, interpretativa e formativa, nonché di carattere più marcatamente antropologico e sociologico che intorno a queste pratiche ha ruotato e continua a ruotare.

  • 8  Segnalo a questo proposito il sito www.storiemigranti.org. « Storie migranti – si legge nella home (...)
  • 9  Ph. Lejeune, Le pacte autobiographique, Paris, Éditions du Seuil, 1975 (1996), p. 45.

6Se è vero che in molti/e degli/delle autori/trici ormai “canonici/che” nell’ambito della letteratura italiana della migrazione si può constatare una certa pervasività del discorso autobiografico (senza dimenticare la presenza di numerosi segnali autobiografici anche nei testi etichettati come opere di finzione o romanzi), allargando il campo visivo, si deve riconoscere che le scritture più propriamente letterarie o che hanno un’ambizione di questo tipo rappresentano solo la punta dell’iceberg di un fenomeno estremamente capillare che può essere indicato come la creazione di un immenso archivio di storie personali che raccontano la migrazione e i percorsi più o meno riusciti di integrazione8. Ecco che, fin da subito, si pone il problema del corpus di testi da prendere in considerazione, per la definizione del quale è necessaria innanzitutto una certa elasticità, verso la quale, del resto, ci indirizzano gli studiosi più accreditati del “continente autobiografia” : Philippe Lejeune, già nell’ormai classico Le pacte autobiographique, scriveva che « réussir à donner une formule claire et totale de l’autobiographie, ce serait en réalité échouer »9, consapevolezza che lo indirizza nei suoi scritti successivi come Je est un autre. L’autobiographie de la littérature aux médias ad allargare il campo delle sue ricerche, nella convinzione che l’area testuale delle “scritture del sé” è estremamente estesa e ha una natura magmatica. Innanzitutto, è spesso difficile distinguere tra autobiografia in senso stresso e generi contigui come il diario, le memorie, gli scritti di viaggio, i libri di famiglia, se non addirittura il romanzo stesso ; in secondo luogo, negli ultimi decenni, il campo dell’autobiografia si sta allargando a grande velocità, in concomitanza con un forte protagonismo delle “masse” che porta all’enorme diffusione dei cosiddetti récits de vie, forme testuali ibride a metà tra l’intervista e l’(auto)biografia e nelle quali assumono grande rilievo le figure di mediazione (editore, curatore o collaboratore) che sollecitano, trascrivono, riscrivono il racconto. Questo riguarda molto da vicino il territorio delle scritture italiane della migrazione.

  • 10  A. Lonni, L’Africa in Italia / L’Africa degli immigrati, in M. Colin e E.R. Laforgia (a cura di), (...)
  • 11  Ibidem.
  • 12  S. R. Fazel, Lontano da Mogadiscio, Roma, Datanews, 1994 ; Datanews, 19992.
  • 13  M. P. Bagdadi, A piedi scalzi nel Kibbutz. Dalla Siria a Israele all’Italia : vita singolare di un (...)
  • 14  M. Nasibù, Memorie di una principessa etiope, Milano, Neri Pozza, 2005 ; Neri Pozza, 20062.
  • 15  Scrive Del Boca nell’introduzione : « libro di cui sono fiero di poter assumere in parte la patern (...)
  • 16  G. Pedercini (a cura di), Caciupa e Zichinì. Le donne del Terzo mondo raccontano la loro vita in I (...)
  • 17  Nato in Senegal, immigrato in Italia. Parlano i Senegalesi che vivono nel nostro paese, Milano, Ed (...)
  • 18  I. Mubiayi e I. Scego (a cura di), Quando nasci è una roulette. Giovani figli di migranti si racco (...)
  • 19  M. Mauro (a cura di), La mia casa è dove sono felice. Storie di emigrati e immigrati, Udine, Kappa (...)
  • 20  Scrive Alessandro Portelli in Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo,Roma, Donzelli, 2007, (...)
  • 21  F. Argento e A. Melandri, Pagine colorate : storie, racconti, poesie di immigrate e immigrati, Mau (...)
  • 22  D. Finocchi (a cura di), Lingua Madre Duemilasei. Racconti di donne straniere in Italia, Torino, E (...)

7Ada Lonni propone una bipartizione : dopo la fase che lei chiama della « penna in prestito »10 (quella in cui appunto i giornalisti trascrivono le storie degli immigrati dopo un’operazione di maquillage) « le penne si separano e ciascuno, italiano e immigrato, prosegue il cammino per conto proprio »11. Questa proposta applicata al nostro discorso ci porterebbe a separare, da un lato, testi autobiografici di carattere più letterario e firmati in copertina da un(’)autore/trice immigrato/a come : Lontano da Mogadiscio, di Sririn Ramzanali Fazel12, A piedi scalzi nel Kibbutz di Masal Pas Bagdadi13,Memorie di una principessa etiope di Martha Nasibù14 (testo incorniciato dalla prefazione di Angelo Del Boca, il quale chiarisce in questa sede di aver sollecitato la donna nella scrittura15), o ancora i numerosi testi della longeva collana I Mappamondi della casa editrice Sinnos che non sempre permettono di stabilire con precisione la responsabilità linguistica e formale del libro ; testi in cui scrittori e scrittrici come Igiaba Scego, Sandra Ammendola, Maria de Lourdes Jesus, Fuad Aziz e molti/e altri/e hanno raccontato se stessi/e in un testo dalla collocazione instabile per quanto riguarda il genere proposto – autobiografia romanzata, antropologia, saggio storico-geografico – ma molto codificato nelle griglie fisse adottate dalla collana come schemi da seguire nella narrazione ; e, dall’altro, testi nati sotto il segno di una ricerca più sociologica in cui un/a giornalista o un/a curatore/trice italiani/e sollecitano, raccolgono, registrano e trascrivono storie di vita come : Caciupa e Zichinì : le donne del terzo mondo si raccontano a cura di Giuseppe Pedercini16, Nato in Senegal, immigrato in Italia. Parlano i Senegalesi che vivono nel nostro paese17 (primo volume di una serie dedicata alle più significative comunità di immigrati che vivono in Italia), Quando nasci è una roulette. Giovani figli di migranti si raccontano a cura di Ingy Mubiayi e Igiaba Scego18, La mia casa è dove sono felice. Storie di emigrati e immigrati,a cura di Max Mauro19e numerose altre pubblicazioni, molte delle quali organizzano le testimonianze raccolte in testi che, facendo sparire le domande del ricercatore, danno l’impressione che si tratti di una narrazione quasi completamente libera da costrizioni, di un racconto autobiografico che mal si distingue dai testi sopracitati se non per la loro lunghezza o l’efficacia espositiva e linguistica20. Ma dove collocare un testo come Pagine colorate : storie, racconti, poesie di immigrate e immigrati, a cura di Francesco Argento e Alberto Melandri21,pubblicato nel 2001 ? Si tratta di una raccolta in cui sono affiancati racconti, poesie, pagine di diario, pagine tra l’autobiografico e la guida turistica del paese di provenienza di autori diversissimi tra loro per età, origine, classe sociale e familiarità con la scrittura. E dove i volumi che raccolgono una selezione dei testi delle partecipanti al concorso Lingua Madre avviato nel 2006 ? Si tratta di pubblicazioni22 dove brevi récits de vie (tipologia di scrittura caldamente incoraggiata dal concorso, come ha avuto modo di confermarmi Laila Wadia durante una conversazione) prodotti da scrittrici non professioniste e alle prime armi (anche se non sono certo delle “senza voce” come è affermato nell’introduzione, ma smentito dai cenni biografici che chiudono il volume), si affiancano ad altrettanto brevi racconti di scrittrici ormai famose nel panorama della letteratura italiana migrante come Igiaba Scego, Cristina Ali Farah o Laila Wadia, che anche per questo motivo possono più facilmente smarcarsi dal racconto di testimonianza.

  • 23  P. De Man, Autobiography as de-facement, « Modern Language Notes », XCIV (1979), 5, p. 920, cit. i (...)
  • 24  A. Portelli, Le origini della letteratura afroitaliana e l’esempio afroamericano, in L’ospite ingr (...)

8Detto altrimenti : sembra essere molto difficile procedere a una tipologizzazione rigorosa delle diverse forme di “scrittura di sé” come dimostrano gli esempi citati. Questa impossibilità di una chiara e netta classificazione risponde ad almeno due ordini di ragioni : una interna alle modalità della produzione e una che va invece ricercata nelle modalità della fruizione ; del resto sono gli studiosi dell’autobiografia a suggerirci che « l’autobiografia non è un genere o un modo, ma una figura della lettura o della comprensione che è presente in varia misura in tutti in testi »23, poiché a definire un racconto autobiografico interviene un patto e un impegno di referenzialità con il/la destinatario/a che si stabilisce a vari livelli del testo e del paratesto. Tale caratteristica qualifica tutti i testi portati come esempio e anzi riguarda gran parte della letteratura italiana della migrazione, non solo perché, come ci ricorda A. Portelli, la produzione degli/delle immigrati/e è stata letta inizialmente come comprensiva di ego-documenti privi di letterarietà come se « neri o immigrati non abbiano diritto a una ricerca estetica ma possano solo essere veicoli di trasparenti testimonianze »24, ma anche perché, pur essendo ormai assodato il valore letterario ed estetico di molta letteratura migrante e diffusa in questo quadro la produzione romanzesca, non si smette mai, vuoi attraverso le copertine, vuoi attraverso le presentazioni biografiche che indugiano sulla provenienza o l’origine allogena dello scrittore o della scrittrice, di stimolare una lettura di tipo referenziale che invita a leggere l’opera in stretta relazione al vissuto dell’autore o dell’autrice, come se l’autenticità potesse essere ricercata non tanto nei fatti narrati, ma nella figura autoriale presentata più o meno esplicitamente come una sorta di informante nativo/a autorizzato/a a parlare dell’“alterità” o dei soggetti subalterni, perché considerata portavoce o rappresentante di quella stessa alterità di cui si accinge a narrare. Quando in un volume come Pagine colorate i racconti autobiografici o di finzione sono raggruppati secondo il criterio della provenienza degli/delle scrittori/trici chiamati/e a collaborare al progetto e inoltre sono preceduti da una pagina introduttiva, stesa probabilmente dai curatori del volume stesso, con informazioni geografiche, antropologiche, politiche del paese di provenienza degli/delle scrittori/trici, non si tratta, a mio avviso, di un’operazione funzionale tanto a contestualizzare il testo, quanto a definire la presenza e la legittimità di questi nuovi soggetti che scrivono come portavoce di intere comunità e paesi. In tal modo il problema della rappresentazione, della rappresentabilità e della rappresentanza vengono discutibilmente confusi.

  • 25  Il rapporto tra ergon e parergon è fondamentale per analizzare i testi della letteratura italiana (...)

9In particolare, l’effetto di autenticità fattuale delle narrazioni si ottiene attraverso, come ho già avuto modo di anticipare, le varie cornici del testo in cui prende la parola il/la curatore/trice25. Per capire il fenomeno e la sua genealogia è utile rivolgere lo sguardo alle cosiddette Slave Narratives di cui Alessandro Portelli ci fornisce una brillante interpretazione :

  • 26  A. Portelli, Storie orali., op. cit., p. 85.

La maggior parte delle Slave Narratives sopprime ogni traccia del dialogo, separando le parole dello schiavo da quelle del curatore, come a proteggersi da un contatto contaminante : da una parte la narrazione dello schiavo come monologo in prima persona ; dall’altra, una cornice introduttiva che certifica l’esistenza del narratore, la verità del racconto, la fedeltà della trascrizione. Il fine dichiarato di questa separazione è di rafforzare l’effetto di autenticità fattuale delle narrazioni nere o native, minimizzando l’interferenza del curatore. Ma la separazione del racconto dalla cornice sopprime anche quel contatto tra alterità, quella (diseguale) collaborazione interrazziale da cui il testo ha avuto origine.26

10Focalizzandoci invece sulle modalità della produzione, è necessario segnalare una serie di aspetti significativi. Innanzitutto, gli/le scrittori/trici della letteratura italiana della migrazione sono spesso coinvolti/e nella realizzazione di quelle che per comodità chiamiamo raccolte di récits de vie : non dimentichiamo per esempio che Pap Khouma è stato chiamato come interlocutore privilegiato per la stesura del testo Nato in Senegal, immigrato in Italia, per completare o approfondire le informazioni tratte dagli intervistati e farsi in tal modo portavoce della propria comunità (operazione non dissimile a quella compiuta insieme a Oreste Pivetta con Io venditore di elefanti). Inoltre, autrici note come I. Scego o I. Mibiayi, pur distinguendo la loro attività di scrittrici di racconti e romanzi da quella di curatrici del già citato Quando nasci è una roulette, nella prefazione a questa raccolta di interviste, si preoccupano di dichiarare la continuità tra le loro diverse attività, precisando che :

  • 27  I. Mubiayi e I. Scego, op. cit., p. 7.

Questo libro arriva dopo la nostra esperienza con il volme Pecore nere […] una raccolta di racconti […] sull’identità e sulule seconde generazioni, su noi stesse in un certo senso, anche se si trattava di racconti non autobiografici. Dopo quell’esperienza abbiamo sentito la necessità di integrare con delle interviste sul campo le emozioni che ci hanno dato i numerosi incontri avuti dopo l’uscita del volume.27

  • 28  Salah Methnani in un’intervista pubblicata su « El ghibli » dichiara : « Mario aveva deciso di pas (...)
  • 29  S. Methnani e M. Fortunato, Immigrato, Milano, Bompiani, 2006, p. VI.
  • 30  M. Colloca e M. Z. Yosief, Dall’Etiopia a Roma. Lettere alla madre di una migrante in fuga, Milano (...)

11Infine, bisogna guardare ai “meccanismi” di produzione dei testi, meccanismi spesso analoghi a monte di operazioni giornalistiche, sociologiche o letterarie. Il caso della riedizione di Immigrato per Bompiani nel 2006 mi sembra molto significativo perché, a differenza delle precedenti edizioni, sono qui chiarite le procedure di ideazione, di compilazione e di stesura dell’opera. Nonostante i due nomi in copertina, vi è l’espunzione completa dell’autore immigrato28 : nell’introduzione prende la parola esclusivamente Mario Fortunato, il quale dichiara di aver scritto il testo autonomamente, in quattro settimane, dopo mesi di appunti e colloqui con Salah « come se si trattasse – scrive – di una storia interamente mia »29. Il segno che, da quei primi incerti ma determinanti passi della letteratura migrante, le modalità di produzione di molti testi non sono cambiate è dato da pubblicazioni molto recenti, dove si ha un’analoga forma di appropriazione di una storia che si vorrebbe soggettiva e autobiografica. Certo, i risultati sono spesso diversi dalla prova brillante di Immigrato, ma le differenze risiedono, a mio avviso, più nella bravura e nelle doti letterarie degli estensori che nei presupposti iniziali. Mi riferisco, scegliendo un esempio tra gli altri possibili, a una pubblicazione intitolata Dall’Etiopia a Roma. Lettere alla madre di una migrante in fuga30, la cui copertina riporta solo i nomi dei curatori, mentre la “migrante in fuga” nominata nel titolo rimane sempre anonima e indicata con un nome di finzione. Il testo si compone di una prima parte in cui la storia della giovane donna è esposta in forma di racconto hétérobiographique,dove si alterna l’uso della prima e della terza persona, tratto dalle interviste dei curatori e di una seconda in cui si riporta la traduzione delle presunte lettere scritte dalla donna in seguito alla morte della madre avvenuta durante il percorso migratorio e a lei idealmente indirizzate.

12Segnalando le somiglianze e indicando le aporie che si aprirebbero nel tentativo di piantare rigidi steccati tra le tipologie di testi sopraindicati, non si è inteso in alcun modo mettere tutto sullo stesso piano, sminuendo la specificità di ogni testo ; né tantomeno si è voluta portare avanti una critica aprioristica circa l’autenticità di queste “scritture di sé” che sarebbe inficiata dalle pratiche molteplici di collaborazione e di intervento esterno. Anzi, da un punto di vista teorico, sono esperienze di scrittura molto feconde per una riflessione problematica sull’autorialità e sull’identità. Come non manca di sottolineare Philippe Lejeune :

  • 31  Ph. Lejeune, Je est un autre, op. cit., pp. 235-236.

L’autobiographie composée en collaboration telle qu’elle est pratiquée aujourd’hui de manière plus ou moins avouée, […] rappelle que le “vrai” est lui-même un artefact et que “l’auteur” est un effet de contrat. La division du travail entre deux “personnes” (au moins) rélève la multiplicité des instances impliquées dans le travail d’écriture autobiographique comme dans toute écriture. Loin de mimer l’unité de l’autobiographie authentique, elle met en évidence son caractère indirect et calculé. […] En isolant relativement les rôles, l’autobiographie en collaboration remet en question la croyance en une unité qui sous-tend, dans le genre autobiographique, la notion d’auteur et celle de personne.31

13Ovvero, la collaborazione autobiografica potrebbe mettere in luce il carattere costruito, programmato e progettuale di ogni autobiografia, neutralizzando l’impressione di trasparenza che la scrittura autobiografica di solito suscita. Questo ci aiuta a riflettere sul modo in cui in Italia si costruiscono gli spazi e le modalità attraverso cui si esprimono le soggettività del/la migrante e del/la subalterno/a.

14Non si tratta dunque di gridare allo scandalo della non autenticità o della presenza/ingerenza di un collaboratore/curatore/coautore che andrebbe a erodere la corrispondenza tra autore, narratore e personaggio protagonista, lasciando forse intravedere l’istituzione di un nuovo “patto autobiografico”. Questa lunga discussione sul corpus attraverso vari esempi è innanzitutto funzionale a metter in luce come il significante “immigrazione” in Italia sia al centro di un crocevia di discorsi e di scritture orbitanti attorno alle pratiche autobiografiche. Quello che mi sembra significativo e che merita un impegno di tipo teorico è proprio questa sollecitazione alla “scrittura di sé”, questo investimento nella narrazione privata e nel racconto personale, con tutte le retoriche e a volte gli equivoci che a ciò sono collegate e che sono estremamente eloquenti sul modo in cui l’Italia costruisce i/le suoi/sue altri/e e i suoi margini.

  • 32  C. Brunelli e E. Montesi (a cura di), Storie narrate e storie di sé. Fiabe, narrazioni e autobiogr (...)
  • 33  M. Giusti, Ricerca interculturale e metodo autobiografico. Bambini e adulti immigrati. Un progetto (...)

15Non dimentichiamo inoltre che in questi ultimi anni in Italia ha conosciuto un certo sviluppo un ambito di studi che, sollecitato probabilmente dalla fondazione della Libera Università dell’Autobiografia nata nel 1998 grazie a Duccio Demetrio e a Saverio Tutino, fa dell’arte del raccontarsi il nucleo delle proprie ricerche, orientate non solo verso una speculazione teorica sull’argomento ma estese anche a una dimensione pragmatica data dall’attenzione con cui si guarda alla formazione di veri e propri “operatori dell’autobiografia” formati ad applicare il cosiddetto “metodo autobiografico” per la raccolta di storie personali con intento pedagogico e curativo (l’autobiografia come “cura di sé”) ; un’area di ricerca e di pratiche che recentemente ha incrociato la questione immigrazione e quella dell’educazione e della mediazione interculturali, incoraggiando numerosi progetti e iniziative di cui posso fornire solo alcuni esempi : Memorie Meticce, un progetto finalizzato alla formazione di raccoglitori di memorie in ambito migratorio con particolare attenzione ai giovani migranti o figli di migranti nel territorio della città di Torino e promosso appunto dal Centro Interculturale del Comune di Torino, o il progetto Mnemon sul volontariato autobiografico, o ancora i numerosi laboratori autobiografici diffusi piuttosto capillarmente sul territorio italiano e dei quali possiamo farci un’idea sfogliando, tra gli altri, il volume che raccoglie gli atti del quinto Incontro Nazionale dei Centri Interculturali e che ha come tema proprio Storie narrate e storie di sé32, oppure il volume curato da Mariangela Giusti33 che documenta e racconta un progetto di ricerca triennale intitolato Le culture dell’altro e condotto nelle scuole di Arezzo.

16Molto si è detto in ambito filosofico circa la costruzione narrativa dell’identità e penso in particolare ai lavori di Paul Ricœur o, in ambito femminista, a quelli di Adriana Cavarero, per citare solo alcuni degli intellettuali che hanno tentato di costruire una filosofia della narrazione ed è chiaro che queste ultime iniziative, ma anche quelle citate in apertura volte alla produzione e alla sollecitazione delle “scritture di sé” intorno ai percorsi della migrazione, guardano più o meno direttamente, o più o meno consapevolmente, a questi presupposti teorici, che possono avere dei risvolti interessanti nei percorsi della ricerca e della pratica interculturali. Molti/e scrittori/trici migranti affidano alla scrittura una sorta di valore terapeutico per ricomporre i frammenti dispersi della loro identità. Penso per esempio a Gabriella Ghermandi, quando afferma che :

  • 34  M. Ognisanti, Scrivere come cura del sé : intervista a Gabriella Ghermandi, in M. Traversi e M. Og (...)

la scrittura è stata la mia salvezza ho provato su di me come la scrittura sia stata una specie di catarsi che ha saputo togliere le barriere tra le mie varie identità, aiutando le mie tante differenze ad amalgamarsi. Soprattutto quando si è di tante culture, come me e tutti i giovani che si trovano a cavallo tra due e più mondi, credo che scrivere sia una cura.34

17Inoltre, quando scrittori professionisti e non sono sollecitati a raccontare la propria vita tramite la narrazione autobiografica, non solo vi è la fiducia che tramite la narrazione vi sia la possibilità di accedere a uno spazio per “dare conto di sé” nella società ospitante, ma anche che questa operazione possa facilitare il dialogo e lo scambio interculturali.

  • 35  J. Butler, Critica della violenza etica, trad. it. di F. Rahola, Milano, Feltrinelli, 2006, p. 18 (...)

18Tuttavia, se è vero che il “dare conto di sé” prende immancabilmente una forma narrativa e che, in un certo senso, la vita di ognuno di noi ha bisogno di una struttura narrativa perché, se i frammenti della nostra vita restano totalmente scollegati tra loro, questo può generare una profonda sofferenza per il soggetto ; è anche vero che, come argomenta brillantemente Judith Butler, la vita non può essere interamente restituita in una forma narrativa. Ogni narrazione ha le sue norme, è una costruzione/costrizione che dà la misura di quanto sia impossibile rendere pienamente conto di sé, anche perché l’accesso stesso alla narrazione è codificato da norme nelle quali il soggetto è sempre preso e che addirittura « decidono in anticipo chi diventerà o meno un soggetto »35. Quando penso alle strategie e alle forme di rappresentazione di sé nell’ambito della letteratura italiana migrante non riesco a non tenere conto di questa tensione che è sempre all’opera e che traduce in un linguaggio diverso quello di cui parlavo in apertura. La costruzione narrativa dell’identità si può infatti scontrare con ciò che, nella singolarità di ogni esistenza, eccede l’ineludibile “normatività” della narrazione. Assieme ai meccanismi di incorniciamento del testo letterario, ciò rischia di consegnare al/la lettore/trice delle “versioni autorizzate dell’alterità”, all’interno di un mercato editoriale che consente un accesso alla visibilità proprio mentre attua inevitabilmente delle pratiche di normalizzazione e di catalogazione dei racconti di vita.

  • 36  B. Waldenfels, Fenomenologia dell’estraneità, Napoli, Vivarium, 2002, p. 117.
  • 37  J. Butler, op. cit., p. 28.
  • 38  Ibidem.
  • 39  Ph. Lejeune, Je est un autre, cit., p. 209.

19Eppure questo non costituisce necessariamente un’impasse. Se è vero che, come sottolinea Bernhard Waldenfels « l’accessibilità condizionata della cultura estranea richiede un processo volto a renderla comprensibile »36 e che, come dimostra Judith Butler, non si dà « nessuna costruzione di sé al di fuori delle norme che orchestrano le forme possibili che un soggetto può assumere »37, è anche vero che le norme ci determinano e al tempo stesso sono da noi determinate. Ovvero, parafrasando Judith Butler, portare alla luce « l’orizzonte epistemologico e ontologico al cui interno i soggetti sono interamente costituiti » significa « impegnarsi in un’estetica del sé che mantiene una relazione critica con le norme esistenti »38. Detto altrimenti, vi è sempre un modo per “giocare” con le norme e con i dispositivi del potere, attraverso le pratiche e le tattiche del quotidiano, direbbe Michel de Certeau. Se, come ci ricorda Philippe Lejeune « la stratégie du vécu consiste à paralyser l’envie critique, en occultant le texte comme texte »39, rischiando di veicolare in tal modo una costruzione egemonica dei soggetti subalterni, allora la messa in scena delle griglie di pensiero e delle cornici attraverso cui si costruisce l’io autobiografico rappresenta una resistenza al rischio sempre presente di consegnare al lettore una “versione autorizzata dell’alterità”, attraverso la quale si mette in atto una forclusione dei soggetti subalterni, legittimando quelle pratiche di ignoranza sanzionata di cui parla Gayatri C. Spivak.

  • 40  G. Makaping, P. Tabet, Voglio essere io a dire come mi chiamo. Note di terreno di un soggetto ecce (...)
  • 41  G. Makaping, Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi ?, Catanzaro, Rubettino, 2001, p. 30

20Geneviève Makaping40 si impegna proprio in questa operazione critica : invece di neutralizzare la percezione della scrittura, di renderla trasparente, Makaping manifesta e accentua il carattere costruito, strategico e contestuale del suo « diario non molto personale », come di ogni impresa autobiografica. Per rendere conto di sé opera un assemblaggio di materiali diversi, alternando aneddoti, pagine saggistiche, considerazioni etnoantropologiche. La sua scrittura insieme autobiografica, aneddotica, saggistica, diaristica, ecc. non ha il sapore di un resoconto statico e descrittivo di sé ; è piuttosto un esercizio : « mi piace molto – scrive – anche l’idea di considerare questo diario un grande esercizio. Credo che tornerà molto utile al continuo costruirsi della mia identità »41, e continua dicendo :

  • 42  Op. cit., p. 66.

Credo che questo mio esercizio non sia pura ricerca sul campo, di quelle che mettono in atto gli antropologi con la suggestiva metodologia dell’osservazione partecipante. Il fatto è che parte della mia vita si confonde con la mia ricerca. Non vi è una vera linea di demarcazione tra la mia vita e le mie osservazioni.42

  • 43  Ibidem, p. 9.

21Non si tratta per lei di documentare, testimoniare, ma soprattutto oggettivare la sua esperienza personale per ridurre il suo discorso al rango di un’informante nativa, ma di lavorare con e mettere in scena le cornici e le griglie di pensiero che hanno fatto di lei un soggetto determinato nel suo percorso prima e dopo la migrazione, dichiarando la condizione paradossale di chi deve capire e denunciare quei meccanismi e quelle costruzioni sociali, culturali, politiche che fanno e hanno fatto di lei “l’altra” e che l’hanno segnata con un doppio stigma (l’essere “negra”, termine del quale si riappropria volontariamente, e l’essere donna), attraverso il linguaggio e gli strumenti che hanno permesso di elaborare queste stesse costruzioni : « non avevo degli strumenti – scrive – per decodificare o codificare quanto veniva detto o fatto attorno a me, rispetto a me o agli altri. Paradossalmente proprio l’Europa, in seguito, mi avrebbe fornito il materiale e gli strumenti per osservare e studiare me e lo stesso Occidente »43. Nell’articolato dispositivo narrativo che Makaping elabora, emerge in tutta la sua complessità la questione della rappresentazione, della rappresentanza e della rappresentabilità senza facili sovrapposizioni.

Haut de page

Notes

1  Mi riferisco in particolare a S. Methnani e M. Fortunato, Immigrato, Roma, Teoria, 1990 ; M. Bouchane, C. Di Girolamo e D. Miccione, Chiamatemi Alì, Milano, Leonardo, 1990 ; P. Khouma e O. Pivetta, Io venditore di elefanti, Milano, Garzanti, 1990 ; I. Hassan e R. Curcio, La tana della iena, Roma, Sensibili alle foglie, 1991 ; N. Chora e A. Atti di Sarro, Volevo diventare bianca, Roma, Edizioni e/o, 1993 ; F. Farías de Albuquerque e M. Jannelli, Pricesa, Roma, Sensibili alle foglie, 1994.

2  F. D’Intino, L’autobiografia moderna. Storia, forme, problemi, Roma, Bulzoni, 2003, p. 285.

3  J. Raabe, Le marché du vécu, in C. Delhez-Sarlet e M. Catani (a cura di), Individualisme et autobiographie en Occident, Bruxelles, Éditions de l’Université de Bruxelles, 1983, pp. 235-248.

4  L’espressione è tratta dall’interessante saggio di J. Lotman, Il diritto alla biografia. Il rapporto tipologico tra il testo e la personalità dell’autore, in Id., La semiosfera, trad. it di S. Salvestroni, Venezia, Marsilio, 1985, pp. 181-199 [Pravo na biografiju, 1984].

5  Cfr. in particolare il capitolo L’archivio planetario dell’autobiografia. Ipotesi e prospettive di fine secolo, in F. D’Intino, op. cit., pp. 267-290.

6  Cfr. M. Schneider, Die erkaltete Herzensschrift. Der autobiographischer Text im 20. Jahrhundert, München, Hanser, 1986.

7  È necessario precisare che per molti di questi/e scrittori/scrittrici ciò non implica una difficile padronanza dell’italiano per diverse ragioni : per alcuni/e si tratta di una lingua appresa prima della “diaspora” (è il caso di molti/e provenienti dal corno d’Africa), per altri/e l’italiano è una lingua appresa in un contesto familiare “misto”, altri/e ancora hanno avuto modo di studiarlo nel percorso universitario, altri/e sono immigrati/e in Italia in tenera età, e infine molti/e risiedono in Italia ormai da decenni.

8  Segnalo a questo proposito il sito www.storiemigranti.org. « Storie migranti – si legge nella home pag – è un archivio di storie di migrazione, una storia del nostro presente attraverso i racconti dei/delle migranti. Non un sito di dibattito sulle migrazioni ma un luogo in cui depositare esperienze dirette di migrazione. La redazione è impegnata nella raccolta di questi racconti e nella loro diffusione ».

9  Ph. Lejeune, Le pacte autobiographique, Paris, Éditions du Seuil, 1975 (1996), p. 45.

10  A. Lonni, L’Africa in Italia / L’Africa degli immigrati, in M. Colin e E.R. Laforgia (a cura di), L’Afrique coloniale et postcoloniale, dans la culture, la littérature et la société italienne. Représentations et témoignages, Caen, Presses Universitaires de Caen, 2003, p. 197.

11  Ibidem.

12  S. R. Fazel, Lontano da Mogadiscio, Roma, Datanews, 1994 ; Datanews, 19992.

13  M. P. Bagdadi, A piedi scalzi nel Kibbutz. Dalla Siria a Israele all’Italia : vita singolare di un’ebrea araba diventata psicologa dell’infanzia, Milano, Bompiani, 2002.

14  M. Nasibù, Memorie di una principessa etiope, Milano, Neri Pozza, 2005 ; Neri Pozza, 20062.

15  Scrive Del Boca nell’introduzione : « libro di cui sono fiero di poter assumere in parte la paternità, avendo io persuaso la marchesa Martha Nasibù a vincere ogni riluttanza a esplorare il passato e a ripercorrere vicende in gran parte tristissime », op. cit., p. 9.

16  G. Pedercini (a cura di), Caciupa e Zichinì. Le donne del Terzo mondo raccontano la loro vita in Italia, Galzerano Editore, 1994.

17  Nato in Senegal, immigrato in Italia. Parlano i Senegalesi che vivono nel nostro paese, Milano, Edizoni Ambiente, 1994.

18  I. Mubiayi e I. Scego (a cura di), Quando nasci è una roulette. Giovani figli di migranti si raccontano, Milano, Terre di Mezzo, 2007.

19  M. Mauro (a cura di), La mia casa è dove sono felice. Storie di emigrati e immigrati, Udine, Kappa Vu, 2005.

20  Scrive Alessandro Portelli in Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo,Roma, Donzelli, 2007, p. 18: « Se l’intervista è il prodotto di due autori, questo deve emergere al momento della pubblicazione. Gran parte delle raccolte scritte o audiovisive di testimonianze orali organizzano i testi in modo da dare l’impressione che si tratti di un flusso ininterrotto di narrazione spontanea, facendo sparire gli interventi e le domande del ricercatore. In questo modo, compiono una pesante manipolazione, perché forniscono le risposte del narratore ma non le domande cui risponde, e tendono a dare l’impressione che quella persona darebbe sempre quel racconto con quelle parole, nello stesso modo ». Molti testi (anche fra quelli citati) che si compongono di trascrizioni di storie di vita raccolte dalla voce degli/delle intervistati/e presentano questo problema. Tuttavia, non si può generalizzare: un’analisi più accurata ci porta a individuare alcune pubblicazioni in cui il problema individuato da Portelli viene esplicitamente messo in scena, come è il caso di Max Mauro, La mia casa è dove sono felice, in cui, come sottolinea anche Leonardo Zanier nella postfazione, l’ottica di chi racconta è sempre contestualizzata e il suo intervento, invece di essere neutralizzato per fornire un’impressione di aderenza alla “voce” autentica degli intervistati, è al contrario marcato in modo da mostrare i meccanismi stessi di costruzione del testo.

21  F. Argento e A. Melandri, Pagine colorate : storie, racconti, poesie di immigrate e immigrati, Maurizio Toso Editore, 2001 (lavoro realizzato in collaborazione dal CIES e dall’associazione Cittadini del Mondo di Ferrara).

22  D. Finocchi (a cura di), Lingua Madre Duemilasei. Racconti di donne straniere in Italia, Torino, Edizioni SEB 27, 2006. Il concorso e la pubblicazione di Lingua Madre hanno proseguito la loro attività annualmente fino ad oggi.

23  P. De Man, Autobiography as de-facement, « Modern Language Notes », XCIV (1979), 5, p. 920, cit. in F. D’Intino, op. cit., p. 240.

24  A. Portelli, Le origini della letteratura afroitaliana e l’esempio afroamericano, in L’ospite ingrato. Globalizzazione e identità, III, 2000, Macerata, Quodlibet, 2001, p. 71.

25  Il rapporto tra ergon e parergon è fondamentale per analizzare i testi della letteratura italiana della migrazione, ma lo è anche per lo studio dei testi autobiografici in generale, per i quali le circostanze di pubblicazione sono sempre di grande rilevanza dato che, come ricorda D’Intino, « l’inizio vero e proprio di un’autobiografia è effettivamente quasi sempre un ‘fuori-testo’«  (op. cit., p. 226), funzionale a sottolineare che al di là del testo c’è un soggetto ‘reale’ irriducibile alla narrazione stessa attraverso la quale tuttavia tale “io” si “costruisce” e si presenta al/alla lettore/trice.

26  A. Portelli, Storie orali., op. cit., p. 85.

27  I. Mubiayi e I. Scego, op. cit., p. 7.

28  Salah Methnani in un’intervista pubblicata su « El ghibli » dichiara : « Mario aveva deciso di passare dalla Rizzoli alla Bompiani, e aveva incluso anche Immigrato nel pacchetto dei libri che dovevano essere pubblicati. A Bompiani non importava nulla di Salah Methnani, perché non aveva voce in capitolo. Si trattava di accontentare un autore, Mario Fortunato, e convincerlo a pubblicare con loro ». (A colloquio con Salah Methnani, « El ghibli », anno 3, n. 14, 2006).

29  S. Methnani e M. Fortunato, Immigrato, Milano, Bompiani, 2006, p. VI.

30  M. Colloca e M. Z. Yosief, Dall’Etiopia a Roma. Lettere alla madre di una migrante in fuga, Milano, Terre di Mezzo, 2009.

31  Ph. Lejeune, Je est un autre, op. cit., pp. 235-236.

32  C. Brunelli e E. Montesi (a cura di), Storie narrate e storie di sé. Fiabe, narrazioni e autobiografia nell’incontro tra culture, V° Incontro Nazionale dei Centri Interculturali, Atti del Convegno, Fano, C.R.E.M.I, 2002.

33  M. Giusti, Ricerca interculturale e metodo autobiografico. Bambini e adulti immigrati. Un progetto, molte storie, Firenze, La Nuova Italia, 1998.

34  M. Ognisanti, Scrivere come cura del sé : intervista a Gabriella Ghermandi, in M. Traversi e M. Ognisanti, op. cit., p. 166. L’idea della scrittura e in particolare della “scrittura di sé” come forma di autoterapia per ricomporre i frammenti dispersi della propria identità è tematizzato in alcune opere della letteratura italiana migrante non autobiografiche (anche se hanno una chiara matrice autobiografica). Penso in particolare al romanzo Madre piccola di Cristina Ali Farah, in cui il personaggio di Domenica (quello che può essere più facimente letto in chiave autobiografica), prima dell’epilogo finale affidato invece a Barni, prende la penna in mano, su consiglio della sua psicologa, per impegnarsi in una narrazione che dia ordine al suo vissuto percepito come caotico e scomposto anche a causa dei percorsi migratori che hanno segnato la sua vita.

35  J. Butler, Critica della violenza etica, trad. it. di F. Rahola, Milano, Feltrinelli, 2006, p. 18 [Giving an Account of Oneself, New York, Fordham University Press, 2005].

36  B. Waldenfels, Fenomenologia dell’estraneità, Napoli, Vivarium, 2002, p. 117.

37  J. Butler, op. cit., p. 28.

38  Ibidem.

39  Ph. Lejeune, Je est un autre, cit., p. 209.

40  G. Makaping, P. Tabet, Voglio essere io a dire come mi chiamo. Note di terreno di un soggetto eccentrico, in P. Tabet, S. Di Bella (a cura di), Io non sono razzista, ma… Strumenti per disimparare il razzismo, Roma, Anicia, 1998.

41  G. Makaping, Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi ?, Catanzaro, Rubettino, 2001, p. 30.

42  Op. cit., p. 66.

43  Ibidem, p. 9.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’Études Italiennes, Université de Provence, n° 14, Les mouvements migratoires entre réalité et représentation

Référence électronique

Chiara Mengozzi, « Strategie e forme di rappresentazione di sé nella letteratura italiana della migrazione », Italies [En ligne], 14 | 2010, mis en ligne le 01 décembre 2012, consulté le 26 mars 2017. URL : http://italies.revues.org/3341 ; DOI : 10.4000/italies.3341

Haut de page

Auteur

Chiara Mengozzi

Università di Trieste

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org