Navigation – Plan du site
Médias, cinéma et migrations

Pane e cioccolata. Cronaca ordinaria di una straordinaria emigrazione. La ristorazione italiana nella Svizzera anni ’70

Domenico Guzzo
p. 485-502

Résumé

Negli anni Settanta ed Ottanta, la ristorazione italiana ha rappresentato la punta di diamante dell’industria alimentare in Svizzera, e questo in ragione dell’ottimo rapporto qualità/prezzo proposto, della popolarità della sua gastronomia e dell’assimilazione della maggioranza degli svizzeri alla minoranza italiana ; ma gli albori di un tale successo, ficcano le radici in contesti di surrettizia o palese xenofobia, di precariato professionale e sociale, di disadattamento, di depressione nostalgica, di emarginazione, e di alienazione che si cristallizzavano lungo faglie di sfruttamento economico e di reciproca impreparazione morale alla diversità.
La storia di Giovanni (Nino) Garofoli (Pane e Cioccolata,di Franco Brusati, con Nino Manfredi, 1973), apprendista cameriere stagionale in un ristorante della Svizzera tedesca a metà degli anni Settanta, incarna l’incipit ricorrente di buona parte di quei futuri ristoratori che sapranno schiudere atti di dignità e soddisfazione da iniziali crisalidi di disagio e sconforto.

Haut de page

Texte intégral

Italiano ? !
Beh… nessuno è perfetto, signor Commissario
Pane e Cioccolata, 1974

Quadro storico

1Quando, nel giugno del 1948, la Repubblica Italiana e la Confederazione Elvetica giunsero a stipulare il loro primo accordo bi-laterale sull’emigrazione, il settore alberghiero-ristorativo era già in cima, assieme ai settori edilizi e manifatturieri, all’agenda programmatica del padronato svizzero.

  • 1  Cfr. M. Perrenoud, Attitudes suisse vis-à-vis de l’immigration italienne après 1945, « Revue Syndi (...)

2In virtù di tale accordo, l’imprenditoria elvetica ottiene accesso ad un vasto serbatoio di manodopera sommessa e malleabile, addomesticabile attraverso un complesso sistema di accesso precario al mercato del lavoro1.

  • 2  Cfr. A. S. Matasar, Labor Transfer in Western Europe : The Problem of Italian Migrant Workers in S (...)

3Le imprese svizzere, difatti, dall’alto di un sistema industriale ed economico intatti, intendevano sfruttare appieno le possibilità offerte dagli sforzi post-bellici di ricostruzione europea : la manodopera indigena si dimostrava essere, tuttavia, insufficiente quantitativamente ed ipertrofica qualitativamente (costo del lavoro), e la sola Italia pareva profilarsi quale adeguato surrogato2 :

  • 3  K. B. Mayer, Postwar Migration from Italy to Switzerland,« International Migration Digest », vol.  (...)

L’economia italiana era stata devastata dalla guerra : nel nord industrializzato la disoccupazione era galoppante, mentre nel resto del Paese la tradizionale sottoccupazione rurale persisteva pesantemente. Inoltre, nell’immediato dopoguerra, l’Italia era l’unico Paese limitrofo capace di fornire manodopera alla Svizzera, poiché le Potenze di occupazione non permettevano ai cittadini tedeschi ed austriaci di lasciare i rispettivi Paesi. In virtù di ciò, i bisogni dei due Stati risultavano complementari e la migrazione italiana verso la Svizzera venne ad assumere proporzioni senza precedenti.3

  • 4  Specifico istituto elvetico, volto al controllo ed alla gestione dei lavoratori stranieri, residen (...)

4Su tali basi, e in seguito al combinato disposto del sindacato elvetico e delle autorità federali (impauriti dall’ipotesi di importare, nella gran massa di lavoratori italiani, anche elementi estremisti e/o fortemente politicizzati), viene messo in piedi un meccanismo di reclutamento asettico, flessibile e reversibile : partendo dall’assunto che l’unica modalità di immigrazione permessa debba avere carattere temporaneo e revocabile, le richieste di assunzione devono essere indirizzate alla Legazione d’Italia a Berna, che a sua volta le gira agli Uffici del lavoro locali, preventivamente indicati dal Ministero del Lavoro italiano. Le ditte svizzere possono, altresì, presentare domande nominative per operai italiani (massimo 5) con cui siano in relazione personale. Il datore di lavoro s’incaricherà dell’invio del contratto, del permesso di soggiorno stagionale, dell’alloggio (di solito baracche e capanne, a volte addirittura pollai e garages), delle spese e dell’itinerario di viaggio ; l’operaio di ottenere il Passaporto. L’ingresso è permesso solo a seguito di una visita sanitaria alla frontiera. L’operaio paga tasse e contributi in Svizzera, gode solo di alcuni diritti giuslavorativi di un normale lavoratore indigeno (due specifiche convenzioni in materia di sicurezza sociale, saranno messe in piedi fra il 1949 e il 1951), può chiedere assistenza alle rappresentanze diplomatiche italiane (solo per i contratti stipulati secondo le regole dell’accordo) o alle organizzazioni sindacali svizzere, ma non può cambiare né professione né cantone di residenza, se non dietro espressa autorizzazione della Polizia degli Stranieri4. Alla fine del contratto di lavoro (massimo 9 mesi), si è costretti a lasciare la Svizzera, in attesa di un eventuale nuovo permesso stagionale, per l’anno successivo ; sia il ricongiungimento famigliare che l’ottenimento di un permesso di soggiorno annuale sono sottomessi a insindacabile vaglio cantonale. Uno specifico accordo del 1960, permetterà l’ingresso in Svizzera senza bisogno del Visto (permettendo una ricerca autonoma ed in loco di un posto di lavoro, da parte del lavoratore italiano), il ricongiungimento famigliare a partire dal trentaseiesimo mese di lavoro in Svizzera, ed una nuova Convenzione in materia di sicurezza sociale (14 dicembre 1962) estenderà la quasi totalità dei diritti giuslavorativi anche alla manodopera italiana.

  • 5  Difatti, l’entrata in vigore del secondo accordo con l’Italia, coinciderà con l’emanazione di una (...)

5Il 10 agosto 1964, un secondo accordo di emigrazione viene firmato fra Italia e Svizzera. L’accordo è il frutto di una serie di pressioni italo-europee (CEE), riguardanti soprattutto agevolazioni nel campo del ricongiungimento famigliare e nel rinnovo dei permessi di soggiorno, e di una presa di coscienza delle autorità elvetiche, ormai convinte dell’impossibilità di continuare a sostenere un inaspettato e continuo boom economico, con una manodopera non qualificata, precaria ed alienata. Le prime modificazioni di composizione all’interno della manodopera straniera (aumento delle percentuali di italiani meridionali, spagnoli, turchi e yugoslavi), spingono le istituzioni svizzere a sedentarizzare quelle quote di migranti che avevano ormai dato piena assicurazione di efficienza lavorativa e tollerabilità sociale5.

  • 6  Cfr. G. Blumer, L’emigrazione italiana in Europa,Milano, Feltrinelli, 1970 ; D. Castelnuovo Friges (...)

6Il secondo accordo di emigrazione italo-svizzero, che verrà poi completato da una nuova Convenzione in materia di sicurezza sociale nel 1974, prevede tutta una serie di miglioramenti : le condizioni di reclutamento restano le stesse del 1948, mentre viene confermata la possibilità di ingresso in Svizzera senza visto, e di cercare autonomamente un impiego in loco ; l’ottenimento di un permesso di soggiorno annuale (B) e la possibilità di cambiar lavoro e cantone a piacimento, vengono, ora, concessi dopo 5 anni di lavoro continuato in Svizzera ; l’ottenimento di un permesso di soggiorno permanente (C), si ottiene adesso dopo 10 anni di lavoro continuato ; l’indennità di disoccupazione è estesa anche ai lavoratori italiani ; il ricongiungimento famigliare diviene possibile dopo 18 mesi, mentre viene reso immediato per i lavoratori specializzati ed altamente qualificati6.

La ristorazione italiana in Svizzera

  • 7  Cfr. Direzione Generale Emigrazione e Affari Sociali, Aspetti e problemi dell’emigrazione italiana (...)

7Nella galassia del flusso migratorio italiano verso la Svizzera (600mila presenze a metà degli anni Settanta), il settore alberghiero-ristorativo occupa, per tutti gli anni Settanta, una quota di lavoratori prossima al 10 % degli attivi, e si vede scavalcato in termini quantitativi solo dal mercato dell’edilizia (35 % circa) e dell’industria metalmeccanica (18 % circa)7.

  • 8  Cfr. R. Fibbi, Italiani in Svizzera : da Tschingg a persone frequentabili,« Studi Emigrazione », X (...)
  • 9  Si veda in tal senso, l’indissolubilità del rapporto immigrazione/crescita economica in riferiment (...)

8La ristorazione si ritrova, pertanto, pienamente inserita in quel processo di sedentarizzazione virtuosa che ha progressivamente trasformato i “cinesi d’Europa” in rispettabili membri del tessuto socio-economico della Svizzera odierna8. La comunità italiana in Svizzera, difatti, ha saputo, in un trentennio, farsi strada nel mercato del lavoro elvetico, capitalizzando i primi duri anni di sfruttamento professionale attraverso un portentoso attivismo imprenditoriale9. Da insostituibili pedine manovali, i lavoratori italiani in Svizzera passano così, nell’arco di una generazione, ad esercizi dirigenziali, finendo per imporsi quale gruppo migrante maggiormente emancipato, anche se con soglie di specializzazione settoriale molto evidenti :

  • 10  E. Piguet, Les migrations créatrices. Étude de l’entreprenariat des étrangers en Suisse,Paris, L’H (...)

En conclusion, nous pouvons utiliser pour décrire le cas italien le terme de « convergence orientée » dans la mesure où, si les taux d’indépendance des Italiens se rapprochent de ceux des Suisses, la structure d’activité reste largement déterminée par la structure générale d’activité dépendante des Italiens, elle-même conditionnée par le recrutement ciblé sur certaines activités dont la main-d’œuvre italienne a fait l’objet dès l’après-guerre.10

  • 11  G. Meyer Sabino, In Svizzera, in P. Bevilacqua, A. De Clementi e E. Franzina (a cura di), Storia d (...)

9E dunque, « a livello professionale avviene spesso un salto di qualità : i muratori italiani diverranno capicantieri, i metalmeccanici spesso apriranno officine in proprio, i camerieri gestiranno ristoranti e pizzerie »11.

10Se al giorno d’oggi, i ristoratori italiani in Svizzera stanno cedendo il passo ad imprenditori turchi e portoghesi (che spesso, si limitano a rilevare la proprietà, senza intaccare i menus italici), restano innegabili lo spirito e lo sforzo pionieristico degli anni Settanta.

11Il successo della ristorazione italiana in Svizzera, messo in piedi da ex-lavapiatti, da ex-cuochi e da ex-camerieri, si deve ad una concausa di fattori contingenti, i quali, avveratisi in contemporanea, hanno permesso di spendere in terra straniera il più grande capitale culturale, di cui i migranti nostrani erano atavici portatori : la tradizione culinaria.

  • 12  Si vedano in tal senso, i problemi d’integrazione alimentare riscontrati nelle altre categorie di (...)
  • 13  C. Bernasconi, Dalla pancetta rancida al tartufo bianco. Piatti e portate della cucina italiana in (...)

12In primo luogo, la decisività degli anni Settanta si spiega in virtù di mere esigenze fisiologiche : l’emigrazione italiana in Svizzera ha conosciuto tassi crescenti dall’immediato dopoguerra, ma ha iniziato a diversificare i propri settori d’attività solo dai primi anni Sessanta ; sono di questi anni, infatti, le prime stratificazioni apprezzabili in ambiti diversi da quello manifatturiero ed edilizio. Il decennio che separa tali inizi dall’esplosione dell’imprenditoria italiana nella ristorazione è, per l’appunto, il tempo necessario a creare un’adeguata formazione professionale ed una solida visione gestionale. Con l’arrivo degli anni Settanta, gli operatori italiani del settore alberghiero e ristorativo, si ritrovano, così, con discrete risorse economiche (frutto di anni di privazioni, e di un sistema bancario ipertrofico), con apprezzate competenze lavorative e con una pressante voglia di trasformare un esilio forzoso (l’emigrazione per bisogno) in una possibilità di rinascita e di riscatto sociale (l’essere padroni in terra straniera). Il loro elevato grado di integrazione (frutto di una quotidiana ginnastica di dialettica, non solo linguistica, con la clientela elvetica12) poi, unito alla constatazione « che nel dopoguerra la cucina italiana cominciò a essere apprezzata dai ceti medi e bassi della popolazione svizzera »13, e ad una nuova legislazione che permetteva di ottenere più facilmente le licenze d’esercizio (che in ogni caso comportavano un costo pari a 5-6 mesi di salario), portò molti cuochi e camerieri a tentare il grande salto :

  • 14 Ibidem.

Dopo un unico investimento di una certa entità per l’installazione di un forno da pizza, la produzione di quest’ultima è più economica di quella delle altre specialità italiane… La diffusione delle pizzerie valse a integrare definitivamente la cucina italiana nella realtà svizzera, rendendola accessibile a tutti, visto che esse erano decisamente più economiche dei tradizionali ristoranti.14

13Saranno, infatti, le pizzerie i cavalli di Troia che apriranno la strada ad autentici ristoranti a tutto tondo (che quasi mai si priveranno d’includere specialità locali nella più ampia panoplia delle specialità regionali italiane), aperti inizialmente da migranti di origine settentrionale, poi progressivamente soppiantati da migranti meridionali e sardi (i primi ad esportare la pasta saltata in padella).

14Negli anni Settanta ed Ottanta, la ristorazione italiana ha rappresentato, pertanto, la punta di diamante dell’industria alimentare in Svizzera, e questo in ragione dell’ottimo rapporto qualità/prezzo proposto, della popolarità della sua gastronomia e dell’assimilazione della maggioranza degli svizzeri alla minoranza italiana ; ma gli albori di un tale successo, ficcano le radici in contesti di surrettizia o palese xenofobia, di precariato professionale e sociale, di disadattamento, di depressione nostalgica, di emarginazione, e di alienazione, che si cristallizzavano lungo faglie di sfruttamento economico e d’impreparazione morale alla diversità.

  • 15  Per la regia di Franco Brusati e interpretato da Nino Manfredi (1973).

15La storia di Giovanni (Nino) Garofoli, protagonista del film Pane e Cioccolata15,apprendista cameriere stagionale in un ristorante della Svizzera tedesca a metà degli anni Settanta, incarna l’incipit ricorrente del percorso di buona parte di quei futuri ristoratori che sapranno schiudere atti di dignità e soddisfazione da iniziali crisalidi di disagio e sconforto.

Pane e cioccolata

16L’opera cinematografica in questione, si pone come il solo tentativo, da parte italiana, di raccontare ed indagare l’esperienza migratoria italiana in Svizzera. L’eclettico F. Brusati decide di calare la macchina da presa in un ambiente al contempo grottesco e didascalico, che riesce a tenere assieme le frizioni maggiori di uno iato culturale, sociale, a tratti si potrebbe dire umano, fra la ricerca di un’autentica dignità e i bisogni asettici di un sistema economico efficiente. Il protagonista, uno stratosferico N. Manfredi, condensa in sé le drammatiche problematiche dell’espatrio in terra elvetica (su tutte il confrontarsi con l’anima più dura della Confederazione Elvetica, quella teutonica), cui vanno sommate le difficoltà d’inserimento nel mercato del lavoro più interattivo ed esposto che la Svizzera dell’epoca potesse offrire ad un migrante stagionale : il servire una clientela indigena, altera e padrona.

  • 16  F. Buache, Le Cinéma italien (1945-1979),Lausanne, L’Âge d’Homme, 1980, p. 332.

Sans aborder le sujet sous l’angle directement politique Brusati décrit les problèmes principaux d’un travailleur italien mal à l’aise dans une Helvétie trop propre, trop riche et peu généreuse. Ses aventures, multiples et farfelues, sont narrées sur le ton de la farce ; les situations, souvent, sont exagérément grossies, mais par le rire, des tares sociales cachées sont exposées en pleine lumière. Grâce à ce personnage indécis et flegmatique, ce n’est pas seulement la Suisse qui est visée, mais la destinée malheureuse de « l’étrange étranger » dont parle Jacques Prévert : sans possibilité d’emploi dans son propre pays, il fut contraint de s’expatrier. Traité comme un « Autre », c’est-à-dire comme une sorte de sous-homme par les blonds managers du capitalisme opulent, il songe sans cesse à rentrer chez lui. À diverses reprises, il se rend à la gare et chaque fois, en rencontrant ses concitoyens qui eux aussi entreprennent le voyage de retour, en les entendant s’attendrir sur leur patrie et vocalise « O sole mio », il redescend du train. Il revient sur cette terre d’exil où tous ses gestes (et d’abord tous ceux qu’il n’ose pas accomplir !) lui donnent le sentiment d’être coupable.16

17Della tragicomica vicenda di Nino Garofoli, che potrebbe essere la storia idealtipica di un qualsivoglia migrante meridionale che tenti l’avventura della ristorazione in Svizzera, si vogliono qui porre in rilievo tre elementi di tensione etica : a) lo scontro etnico ; b) la precarietà stagionale ; c) lo scontro socio-culturale.

Lo scontro etnico

18Dell’impatto con la quotidianità lavorativa nel mondo della ristorazione, la Svizzera degli anni Settanta faceva facilmente risaltare una latente, quanto attiva, frizione fra le diverse componenti etniche del contingente di manodopera straniera. Nino Garofoli aspira ad un posto da cameriere, che gli è conteso da un turco assertivo, in un ristorante di lusso, gestito da uno svizzero tedesco, ma portato avanti da manovalanza italiana e spagnola.

  • 17  E. Piguet, Les migrations créatrices, op. cit.,pp. 134-138.

19La scelta d’inserire nella sceneggiatura dei colleghi, o meglio dei rivali professionali, nelle esperienze del Garofoli, rispecchia un’effettuale realtà di quegli anni : spagnoli e turchi, difatti, si stavano imponendo nel settore ristorativo come manovalanza maggiormente economica e disciplinata, benché meno efficace e qualificata, rispetto al serbatoio italiano. Spagnoli e turchi, che arriveranno ad occupare, alla fine degli anni Ottanta, il 30 % del mercato17, ponevano, pertanto, una seria minaccia concorrenziale alle ambizioni dei migranti italiani, i quali si vedevano scavalcati proprio nei loro antichi punti di forza : il basso costo del lavoro e le basse pretese.

20In Pane e Cioccolata, Nino Garofoli dona riflesso delle tipiche percezioni, cui la comunità italiana in Svizzera faceva mostra, nei confronti dei nuovi arrivati, di migranti inaspettati, vale a dire, giunti ad erodere i sogni italici di benessere materiale e di soddisfazione personale.

  • 18  Cfr. T. Kaestli, Le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori stranieri del tunnel del Gottard (...)
  • 19 Pane e Cioccolata,min. 00 :05 :00 – 00 :05 :13.
  • 20 Ibidem,min. 00 :17 :09 – 00 :17 :15.
  • 21 Ibidem,min. 00 :12 :03 – 00 :12 :21.
  • 22 Ibidem,min. 00 :08 :51 – 00 :09 :06 ; 00 :17 :34 – 00 :17 :44.

21Gli italiani emigravano, sin dal secondo dopoguerra, nella convinzione di essere le ultime ruote del carro, gli stranieri perenni, cui affibbiare i lavori più duri e malsani (venivano definiti, per l’appunto, i cinesi d’Europa) in quei Paesi ove le economie parevano maggiormente floride e stabili. In tale quadro identitario, si arrivava ad accettare qualsivoglia malversazione e connotazione, nell’idea che il duro esilio per bisogno (si vedano, a puro titolo esemplicativo, le allucinanti condizioni di vita nei cantieri dei trafori alpini e nelle miniere belghe)18, fosse sempre da preferire agli schiaffi ed alle angherie elargiti a piene mani dalla propria terra. Garofoli razionalizza la sua scelta di migrazione elvetica evidenziando come « qua è pulita l’aria, l’erba ; la gente non dà confidenza e non s’impiccia ; dice so freddi ! Eh no ! Non so freddi : so civili, che è diverso ! »19, e come la cosa vada paragonata alle condizioni di vita dei migranti meridionali nelle grandi città del Nord Italia (« va un po’ a vedé a Milano e a Torino, come trattano i meridionali »20). Si è quindi pronti, in quanto migranti, ad affrontare gli strali xenofobi delle popolazioni indigene (« sono stato all’ospedale si’or Nino…parlavano male degli italiani…ne ho preso uno per il collo…m’han dato tre punti, si’or Nino »21), ma ci si ritrova quasi totalmente indifesi nei confronti della fame, dell’arrivismo e delle esigenze di novelli gruppi di popolazione, più italiane degli italiani nelle loro condizioni di partenza (« il turco mi passa davanti, è la fine… Al Beau Rivage in prova siamo in due, io e sto turco… L’artri, spagnoli, greci, slavi, c’hanno meno pretese e non fanno perde tempo all’ospedali : guarda al turco, quello lavora pure se glie’ tajiano le mani »22).

22Per tutta quella quota di lavoratori italiani che si era impegnata nell’attività ristorativa, il problema etnico si poneva, dunque, con caratteri maggiormente parossistici, rispetto alla routine dei cantieri e della catena di montaggio : il servizio ai tavoli presuppone interazione multipla e continua, e l’esternazione evidente dei disagi della propria condizione di estraneità può facilmente inficiare il prosieguo di una carriera ortodossa.

23I camerieri, saranno i gruppi di lavoratori italiani, su tali basi, a subire le ripercussioni di una trasformazione dei flussi migratori verso la Svizzera, a partire dagli ultimi anni Sessanta ; turchi, spagnoli, portoghesi, greci, slavi, egiziani si incaricheranno di rimpiazzare gli antichi migranti italici, saliti nel frattempo lungo la scala sociale, accettando condizioni lavorative e sociali estreme. Così, sotto il cappello dell’istrionico stereotipo sugli italiani, che sino ad allora avevano rappresentato la quintessenza, quasi il sinonimo, dello straniero, il turco diviene moderno caruso da sala, e lo spagnolo maldestro ladruncolo di derrate, mentre l’italiano si perde in un anonimato umano, che lo lascia privo sinanche delle stimmate di dannato della società.

La precarietà stagionale

  • 23  AA.VV., Passaporti, prego ! Ricordi e testimonianze di emigrati italiani, Zurigo, FCLI, 1985, p. 1 (...)

24In quanto cameriere in prova, Nino Garofani gode, o meglio soffre, dello statuto di stagionale : « lo stagionale è quel lavoratore che per i doveri è sempre posto in prima fila e per i diritti sempre in ultima. Insomma è un cittadino di infima serie »23.

  • 24  Cfr. R. Braun, Sozio-kulturelle Probleme der Eingliederung Italianischer Arbeitskrafte in der Schw (...)

25La condizione di stagionalità rappresenta, infatti, il locus emotivo ove finiva, ineluttabilmente, per posarsi il sentire dei lavoratori italiani, da poco giunti nella quotidianità elvetica. La stagionalità si opponeva, per l’appunto, all’annualità del permesso di soggiorno, nella misura in cui un permesso di soggiorno B era ottenibile solo su richiesta personale (e non più del datore di lavoro) e dopo molti anni di lavoro continuato (almeno 5 anni) : il passaggio dalla prima alla seconda forma giuridica incarnava, pertanto, il superamento di una precarietà degli intenti e dei desiderata, a favore di una stabilizzazione delle condizioni di vita e di lavoro su suolo straniero24.

  • 25  Cfr. V. Bory-Lugon, Immigration et xénophobie dans la société suisse, Lausanne, Institut de Scienc (...)

26Per quanto detto, la razionalizzazione di un sentimento di estraneità, trova primigenia concretizzazione nello statuto di stagionale,in virtù della capacità di quest’ultimo a riflettere le tendenze xenofobe e culturalmente idiosincratiche del contesto elvetico, in rapporto ai fenomeni di immigrazione25.

  • 26  M. Cerutti, Un secolo di emigrazione italiana in Svizzera, op. cit., p. 45.

27In un quadro post-bellico di politica economica, ove il padronato locale intende sfruttare gli sforzi di ricostruzione europea, dall’alto di un sistema industriale intatto, « gli industriali svizzeri non hanno motivo di procedere a costosi ammodernamenti d’impianti, preferendo il più comodo ricorso alla manodopera immigrata »26.

  • 27  A. S. Matasar, Labor Transfer in Western Europe, op. cit., p. 43.

Ciò risulta particolarmente vero fra le piccole imprese che usano i lavoratori stranieri per sostituire i lavoratori svizzeri in partenza : in tal modo, esse possono restare nel mercato anche quando non sarebbero più competitive, evitando d’investire in macchinari, che non potrebbero permettersi.27

28Lo stagionale diviene, su tali basi, mera funzione del lavoro ; semplice ed oggettivata pedina umana delle contingenze di mercato. Le aspettative e la lotta per un futuro maggiormente degno ed affidabile del lavoratore migrante, finiscono per cozzare fortemente con i meccanismi di un apparato industriale in crescita inesorabile (di cui la ristorazione non fa eccezione), e totalmente avulso da istanze di carattere sociale.

29Come chiaramente emerge dalla vicenda del Garofoli, lo statuto di stagionale si accompagnava, ineluttabilmente, a tutta una serie di degenerazioni, che coinvolgevano sfere altre, dal singolo contesto professionale, quali le sfere famigliari, abitative, alimentari e linguistico-culturali.

30Sotto il profilo sindacale, lo statuto stagionale veniva percepito come

  • 28  D. Castelnuovo Frigessi, Elvezia, il tuo Governo !, op. cit., p. XXXV.

l’esempio più clamoroso dell’uso imperialista dell’esercito industriale di riserva,[…] l’esempio di un colonialismo a domicilio che costringe il proletario straniero alla non-esistenza politica, alla discriminazione economica, alla segregazione sociale e lo sfrutta assegnandogli un ruolo preciso (i lavori più pesanti e umilianti, meno retribuiti) nei rapporti produttivi in cambio di una permanenza instabile e di un lavoro in ogni momento revocabile nel paese.28

  • 29  Cfr. C. Calvaruso, Sous-prolétariat en Suisse,Yverdon, Editions de la Thièle, 1974.
  • 30  G. Blumer, L’emigrazione italiana in Europa, op. cit., p. 93.

31Questoal punto da far parlare di un enorme « esercito sotto-proletario »29 addomesticato attraverso un borghese « divide et impera spoliticizzante »30.

32Ciò che sembra tuttavia davvero aver impedito un limpido e graduale processo di integrazione, acuendo la percezione di estraneità e alienazione, pare sia stata soprattutto l’assenza di un diritto alla famiglia, ad un focolaio domestico, ad una concreta possibilità di promozione professionale.

33Le tragicomiche peregrinazioni del protagonista, stretto fra imbarazzi d’italianità, conati d’assimilazione e necessità morali, rappresentano solo alcune delle variegate espressioni delle strategie e dei conflitti identitari di quegli italiani in Svizzera, ancora impossibilitati a decidere sul proprio futuro.

  • 31  Cfr. A. Niederer, Recherches sur le comportement alimentaire des travailleurs immigrés, op. cit.
  • 32  Cfr. J. L. Villa, Les difficultés d’adaptation du travailleur italien, « International Journal of (...)

34Lo stagionale, per quanto detto, è un lavoratore che intende sfruttare al massimo le opportunità offerte dal mercato del lavoro elvetico, senza però abbandonare l’idea di un prossimo rientro in patria : i suoi problemi vanno dall’incompetenza linguistica, all’idiosincrasia culturale e religiosa, all’inesistenza, o quasi, di un’unità famigliare, alla fatiscenza abitativa, all’incompatibilità alimentare31, alla sofferenza metereopatica, alla potenziale onta di un mesto rientro al paese natìo, allo sfruttamento ed alla precarietà lavorativa, alla palese o surrettizia xenofobia32.

35Emblematici paiono essere in tal senso, gli affreschi di vita sulla locazione in baracche, piccole stanzette e addirittura pollai, che Nino Garofoli attraversa nei suoi erramenti ; esemplare appare la difficoltà d’inserimento in un contesto ad altissima specializzazione, come la ristorazione di lusso, fatta di lingue sconosciute, pietanze aliene e di un galateo manierista prossimo al parossismo ; e sottilmente significativi si dimostrano, infine, la costante ossessione per l’ottenimento di un permesso di soggiorno annuale, e la conseguente possibilità di ricongiungimento famigliare, che sottragga dai rischiosi intermezzi di clandestinità, spesso tristemente solitaria.

Lo scontro socio-culturale

36Come il dantesco ciuco, morto di fame nell’impossibilità di decidersi su quale boccone addentare per primo, fra due posti ad eguale distanza, il cameriere stagionale si ritrova inserito nella più alta e complessa forma lavorativa, cui un migrante italiano possa inizialmente incontrare, e, di conseguenza, più drammaticamente è costretto a risolvere l’annoso dilemma fra sciovinismo di resistenza ed assimilazione incondizionata.

37Il suo scoprire quotidianamente, attraverso la frequentazione forzosa dei clienti indigeni, le sfaccettature degli usi e dei costumi locali, lo costringe, difatti, ad una riesamina critica della propria identità e dei motivi che hanno fatto della propria terra, un luogo inospitale.

38La Svizzera è una bomboniera di efficienza, che offre lavoro e buoni guadagni ; al contempo è un autentico mortorio, ove gli elementi maggiormente meritevoli di un certo stile di vita italiano, paiono non poter trovare albergo : nel Garofoli si insinua, allora, il tarlo gordiano, operante lungo una ricerca della felicità che si barcamena fra istanze italiche ed opportunità elvetiche.

  • 33 Pane e Cioccolata, min. 01 :25 :26 – 01 :25 :44.

39L’intero film si adagia, per quanto detto, sulla ricerca auto-identitaria del protagonista, e dei migranti italiani in genere : « Solo una domanda… Chi so’ io ?... Mi spiego : voi siete italiani, io so’ italiano… Ma basta questo pe’ esse uguali ? Io so’ come voi ?... Ma dico voi come mi vedete ? »33. Nino Garofoli è un costante fuori-luogo, in una miriade di variabili che lo sospingono, progressivamente, ai margini della storia.

  • 34 Ibidem, min. 01 :03 :21 – 01 :03 :23.
  • 35 Ibidem, min. 01 :14 :51 – 01 :14 :58.
  • 36 Ibidem, min. 00 :09 :24 – 00 :09 :29.
  • 37 Ibidem, min. 00 :26 :24 – 00 :26 :31.

40Sin dalle primissime scene, quelle in cui il protagonista cerca di godersi il suo giorno di risposo in un parco cittadino, i contesti asettici ed arcadici della Svizzera interna, si incrinano e temporaneamente deperiscono al semplice contatto con l’italiano, ineluttabilmente troppo rumoroso, troppo indelicato, troppo invadente, troppo ciarliero, troppo socievole. Così, l’immigrato transalpino, benché perfettamente avvolto in giacca e cravatta domenicali, si ritrova respinto financo nella mera discussione da una madre altera, e da un ragazzino solitario, nell’universale gioco col pallone. Respinto perché alieno alla koiné elvetica, perché talmente prono al bisogno da accettare le più ardite forme compromissorie, come il « pane e cioccolata », sineddoche delle rispettive tradizioni alimentari, è sublime fusione idiosincrasica. Il pane, in quanto sostanza italiana, che nell’emigrazione tende a scomporsi fra l’immagine del tronfio e depresso evasore miliardario che « pure quanno more deve fregà a quarcuno »34, e i bruti manovali addomesticati da sempre col folclore goliardico (« E’ tutta na vita che ci fregano colla chitarra e col mandolino… Ancora cantamo… Bisogna cambiarle le cose, non cantarci sopra »35) ; e la cioccolata, in quanto prospettiva elvetica, civile (« Sono fiero di lavorare in un paese, in cui un uomo è creduto sulla parola, solo perché è un uomo »36), ma fredda e morigerata (« Paura ? !, ma non sente che pace ? ! Pare de sta in un camposanto »37).

41È la storia, in sintesi, di una pregiudiziale dei percorsi di migrazione, che livella ogni singolo lavoratore italiano verso il basso, amalgamandolo in un abnorme pastrocchio di sudici mafiosi truffaldini ed oscure bestie da soma : Nino Garofoli scivola, così, in una spirale a tratti schizofrenica, ove gli opposti estremismi trovano o rappresentazione grottesca (gli abitanti sub-umani del pollaio adoranti gli ariani e puristi figli del padrone), o drammatico precipitato morale (la solitaria esultanza, in un pub di svizzeri tedeschi, al gol della propria nazionale di un ossigenato italiano, pronto, sino a pochi secondi prima, a gettare alle ortiche fino all’ultima vestigia delle proprie radici).

  • 38  Ibidem, min. 01 :44 :28 – 01 :44 :42.

42Lo stagionale Nino Garofoli è, dunque, straniero essenziale che non può e non vuole tornare a casa da perdente, e che all’estero non riesce ad adeguarsi, nonostante estreme variazioni della propria maschera sociale : « Ascolta Nino : Italia o Svizzera, il problema non cambia ; scegli un altro paese se vuoi, scegli quello che ti pare, ma scegli di vivere, non arrenderti adesso, eh, non arrenderti mai »38.

Conclusioni

43La bizzarra, catartica e didascalica avventura esistenziale del migrante stagionale Nino Garofoli, nella Svizzera tedesca degli anni Settanta, incarna l’unico momento di riflessione cinematografica, che il mondo artistico italiano abbia dedicato, ai grandi flussi di espatrio verso la Confederazione Elvetica, dal secondo dopoguerra in avanti.

44Una sapiente sceneggiatura, ne ha calato le gesta nel settore professionale (il terzo per importanza) più complesso ed impegnativo, al quale la manovalanza generica italiana potesse accedere : in esso, si rendevano obbligatori, difatti, l’apprendimento della lingua locale (cosa non necessaria in altri mercati, come quello edilizio o manifatturiero), l’assimilazione di usi e costumi indigeni ed un costante esercizio di disponibilità.

45Pane e Cioccolata ci mostra, in tal maniera, i macroelementi che accompagnavano i primi periodi di migrazione in Svizzera, focalizzandosi in parte sui primigeni vissuti di un particolare gruppo di migranti, che diverrà, nell’arco di un decennio, pilastro imprescindibile dell’imprenditoria alimentare elvetica.

46Nino Garofoli è, pertanto, al contempo archetipo di ogni singolo futuro ristoratore italiano in Svizzera e condensazione grottesca di ogni straniero che abbia l’esigenza di realizzare la propria diversità ed i propri bisogni materiali. Le sue esperienze, che si srotolano in contesti di prosperità economica e latenti alterigie, ricalcano gli attriti delle fratture e dei pregiudizi etnici, della precarietà stagionale, e delle incommensurabilità culturali, tradotte spesso in cifre nazionalistico-patriottiche.

  • 39  J. Chessex, Portrait des Vaudois, Vevey, Bertil Galland, 1969, p. 33.

47Il film di F. Brusati è, dunque, la rappresentazione di una realtà colpevole, ove la gravità delle situazioni scivola dietro abbozzi scherzosi, che altro non producono, se non accentuare le spigolosità di una storica ondata migratoria passata rasente all’incubo della moderna schiavitù : « Je veux parler des Italiens. Est-ce que vous avez remarqué qu’il y a toujours un Italien dans ce pays, à table, au café, au champ, dans la cour ? C’est un personnage du drame. Il a un joli nom : saisonnier, et le travail le plus dur. Le saisonnier se tient derrière le maître. Il obéit. Il est le valet : on le paie, il travaille comme un cheval, mais on le considère bien moins. On le paie ! Ça suffit. On ne va pas encenser les spaghettis ! »39

Haut de page

Notes

1  Cfr. M. Perrenoud, Attitudes suisse vis-à-vis de l’immigration italienne après 1945, « Revue Syndicale Suisse », vol. 82, n. 4, 1990.

2  Cfr. A. S. Matasar, Labor Transfer in Western Europe : The Problem of Italian Migrant Workers in Switzerland,Ph.D. Thesis, Columbia University, 1968 ; M. Cerutti, Un secolo di emigrazione italiana in Svizzera (1870-1970), attraverso le fonti dell’Archivio federale,« Studi e Fonti », n. 20, 1994.

3  K. B. Mayer, Postwar Migration from Italy to Switzerland,« International Migration Digest », vol. 2, n. 1, 1965, pp. 6-7.

4  Specifico istituto elvetico, volto al controllo ed alla gestione dei lavoratori stranieri, residenti sul suolo svizzero.

5  Difatti, l’entrata in vigore del secondo accordo con l’Italia, coinciderà con l’emanazione di una normativa maggiormente restrittiva sul resto dell’immigrazione straniera.

6  Cfr. G. Blumer, L’emigrazione italiana in Europa,Milano, Feltrinelli, 1970 ; D. Castelnuovo Frigessi, Elvezia, il tuo governo ! Operai italiani in Svizzera,Torino, Einaudi, 1977 ; F. Pittau, Emigrazione italiana in Svizzera. Problemi del lavoro e della sicurezza sociale,Milano, FrancoAngeli, 1984.

7  Cfr. Direzione Generale Emigrazione e Affari Sociali, Aspetti e problemi dell’emigrazione italiana all’estero nel 1974,Roma, MAE, 1975 ; AA.VV., Mercato del lavoro e manodopera straniera in Svizzera negli anni ’80,Atti del Convegno, Zurigo, 1984, p. 123

8  Cfr. R. Fibbi, Italiani in Svizzera : da Tschingg a persone frequentabili,« Studi Emigrazione », XLII, n. 160, 2005, pp. 733-761.

9  Si veda in tal senso, l’indissolubilità del rapporto immigrazione/crescita economica in riferimento all’esperienza elvetica : J.-Ph. Widmer, Le rôle de la main-d’œuvre étrangère dans l’évolution du marché suisse du travail de 1945-1976, Université de Neûchatel, 1978.

10  E. Piguet, Les migrations créatrices. Étude de l’entreprenariat des étrangers en Suisse,Paris, L’Harmattan, 1999, p. 134.

11  G. Meyer Sabino, In Svizzera, in P. Bevilacqua, A. De Clementi e E. Franzina (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana, Roma, Donzelli, 2002, p. 155.

12  Si vedano in tal senso, i problemi d’integrazione alimentare riscontrati nelle altre categorie di lavoratori italiani in Svizzera. Cfr. A. Niederer, Recherches sur le comportement alimentaire des travailleurs immigrés italiens et turc. Identité alimentaire et alterité culturelle, Neûchatel, « Recherches et Travaux de l’Institut d’Ethnologie », n. 6, 1985.

13  C. Bernasconi, Dalla pancetta rancida al tartufo bianco. Piatti e portate della cucina italiana in Svizzera, inE. Halter (a cura di), Gli italiani in Svizzera, Bellinzona, Casagrande, 2004, p. 181.

14 Ibidem.

15  Per la regia di Franco Brusati e interpretato da Nino Manfredi (1973).

16  F. Buache, Le Cinéma italien (1945-1979),Lausanne, L’Âge d’Homme, 1980, p. 332.

17  E. Piguet, Les migrations créatrices, op. cit.,pp. 134-138.

18  Cfr. T. Kaestli, Le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori stranieri del tunnel del Gottardo, in Gli Italiani in Svizzera, op. cit., pp. 27-34 ; F. Dassetto e M. Dumoulin (a cura di), Mémoires d’une catastrophe : Marcinelle, 8 août 1956,Louvain-la-Neuve, Ciaco, 1986.

19 Pane e Cioccolata,min. 00 :05 :00 – 00 :05 :13.

20 Ibidem,min. 00 :17 :09 – 00 :17 :15.

21 Ibidem,min. 00 :12 :03 – 00 :12 :21.

22 Ibidem,min. 00 :08 :51 – 00 :09 :06 ; 00 :17 :34 – 00 :17 :44.

23  AA.VV., Passaporti, prego ! Ricordi e testimonianze di emigrati italiani, Zurigo, FCLI, 1985, p. 113.

24  Cfr. R. Braun, Sozio-kulturelle Probleme der Eingliederung Italianischer Arbeitskrafte in der Schweiz, Zürich, Reutsch Verlag, 1970 ; N. Cibella et al., Principali caratteristiche e inserimento lavorativo dei naturalizzati e degli stranieri di prima e seconda generazione in Svizzera, Torino, Fondazione Agnelli, 2005.

25  Cfr. V. Bory-Lugon, Immigration et xénophobie dans la société suisse, Lausanne, Institut de Science Politique, 1977 ; D. Castelnuovo Frigessi, Elvezia, il tuo governo !, op. cit.

26  M. Cerutti, Un secolo di emigrazione italiana in Svizzera, op. cit., p. 45.

27  A. S. Matasar, Labor Transfer in Western Europe, op. cit., p. 43.

28  D. Castelnuovo Frigessi, Elvezia, il tuo Governo !, op. cit., p. XXXV.

29  Cfr. C. Calvaruso, Sous-prolétariat en Suisse,Yverdon, Editions de la Thièle, 1974.

30  G. Blumer, L’emigrazione italiana in Europa, op. cit., p. 93.

31  Cfr. A. Niederer, Recherches sur le comportement alimentaire des travailleurs immigrés, op. cit.

32  Cfr. J. L. Villa, Les difficultés d’adaptation du travailleur italien, « International Journal of Public Health », vol. 8, n. 1, 1963, pp. 393-402 ; A. S. Matasar, Labor Transfer in Western Europe, op. cit.,pp. 54-83 ; D. Castelnuovo Frigessi, A mezza parete. Emigrazione, nostalgia, malattia mentale,Torino, Einaudi, 1982 ; H. Meyer e E. Modena, Immigrazione, cambio di paradigma e stress psichico,in Gli Italiani in Svizzera, op. cit., pp. 191-201.

33 Pane e Cioccolata, min. 01 :25 :26 – 01 :25 :44.

34 Ibidem, min. 01 :03 :21 – 01 :03 :23.

35 Ibidem, min. 01 :14 :51 – 01 :14 :58.

36 Ibidem, min. 00 :09 :24 – 00 :09 :29.

37 Ibidem, min. 00 :26 :24 – 00 :26 :31.

38  Ibidem, min. 01 :44 :28 – 01 :44 :42.

39  J. Chessex, Portrait des Vaudois, Vevey, Bertil Galland, 1969, p. 33.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’Études Italiennes, Université de Provence, n° 14, Les mouvements migratoires entre réalité et représentation

Référence électronique

Domenico Guzzo, « Pane e cioccolata. Cronaca ordinaria di una straordinaria emigrazione. La ristorazione italiana nella Svizzera anni ’70 », Italies [En ligne], 14 | 2010, mis en ligne le 01 décembre 2012, consulté le 23 novembre 2017. URL : http://italies.revues.org/3375 ; DOI : 10.4000/italies.3375

Haut de page

Auteur

Domenico Guzzo

Université de Lausanne

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org