Navigation – Plan du site

Appunti per una storia, e una morfologia, del “viaggio negli Stati Uniti d’America”

Marco Cerruti
p. 257-274

Résumé

L’articolo tratta del viaggio negli Stati Uniti di Luigi Castiglioni, nipote del noto illuminista Pietro Verri, negli anni 1785-87, e dello sguardo ora affascinato ora critico, sempre interessato, del giovane intellettuale – un viaggio che viene messo in relazione con quello che fece, nel 1780, il nobile francese François-Jean de Chatellux. Accanto all’entusiasmo per i nuovi stati appena costituiti in confederazione e per « l’eroe » George Washington, accanto all’interesse per i paesaggi e le città, non mancano le zone d’ombra, fra cui la condizione dei « negri », schiavi dei bianchi, e quella dei « selvaggi », per i quali il giovane illuminista mostra di preoccuparsi sinceramente, più di quanto non fece il suo predecessore francese.

Haut de page

Entrées d’index

Géographique :

Amérique, États-Unis

Chronologie :

XIXe, XXe, XVIIIe
Haut de page

Texte intégral

1Una premessa. Le osservazioni che seguiranno intendono porsi come un contributo parziale, in prospettiva prevalentemente franco-italiana e con prevalente attenzione agli ultimi anni del Settecento, ad una “storia” appunto, e a una “morfologia”, ancora tutte da elaborarsi, di quel particolare tipo di “viaggio”, inteso s’intende come memoria di viaggio, che è quello di tanti “intellettuali”, e più in genere uomini di cultura europei negli Stati Uniti d’America. Storia, nel senso che l’esperienza di visitare questo Paese e scriverne si alimenta – di tempo in tempo, nel volgere dei tempi – di ragioni, esigenze conoscitive, preoccupazioni politico-civili, economiche, religiose ecc. di chi viaggia legate alle diverse congiunture storiche : ad esempio, l’attenzione con cui si guarda agli Stati Uniti nel momento e all’ indomani del loro costituirsi è cosa ben altra dall’interesse che cento anni dopo si vien manifestando nei loro confronti per l’impetuoso sviluppo tecnico-industriale. E però anche morfologia, nella misura e in quanto si verifica il permanere, il modificarsi/trasformarsi, il venir meno di certe forme e modalità del viaggio : poniamo la traversata dell’Atlantico, almeno sino ai libri di Emilio Cecchi e di Mario Soldati (anni Trenta del Novecento) e poi al crescente e definitivo prevalere del mezzo aereo ; o l’incontro con città-chiave come Boston o New York, ovvero con realtà incuriosenti e al tempo stesso problematiche : i pellerossa sino al maturo Ottocento, i neri specialmente del Sud, le varie “sette” religiose e così via. Evidente, da questi pochi cenni, il costante e complesso interagire di morfologia e di storia. Vorrei infine precisare, sempre preliminarmente, che queste riflessioni sono nate in margine e s’intende sullo stimolo del mio recente lavoro di riedizione di un notevole libro comparso sullo scorcio del Settecento, il Viaggio negli Stati Uniti dell America Settentrionale del milanese Luigi Castiglioni.

2Come quest’opera – che apparve a Milano nel 1790 ed ebbe poco dopo una parziale traduzione in tedesco – rivela con molta chiarezza, il viaggio che si compie negli Stati Uniti sùbito dopo la pace di Versailles (1783), o già anche nell’imminenza, insorge in un quadro di cultura illuministica, di uomini particolarmente attenti a quanto stava avvenendo, in termini soprattutto politico-istituzionali, nel Nordamerica, e curiosi di vedere, conoscere da vicino, controllare di persona l’effettualità e il corso delle cose.

3Nato nel 1757, nipote del noto illuminista Pietro Verri e cresciuto fra Milano e Pavia, sede quest’ultima di un’importante Università, nell’ambiente illuminato-riformatore della Lombardia teresiana, Luigi Castiglioni aveva maturato proprio intorno all’ ’84 il proposito di visitare i nuovi Stati che si erano appena costituiti in confederazione al di là dell’Oceano. Il viaggio si svolse fra il maggio dell’ anno seguente e lo stesso mese dell’87, e il libro – sulla scorta degli appunti presi, disegni ecc. e, s’intende, di un immaginoso rammemorare – fu realizzato immediatamente dopo.

4Già nella “Prefazione” Castiglioni volle essere molto esplicito sulle motivazioni “politiche” che lo avevano, almeno in parte, indotto all’impresa :

La rivoluzione seguita negli anni scorsi nell’America Settentrionale è uno de’ più memorandi avvenimenti di questo secolo, e può col tempo produrre importanti conseguenze riguardo all’ Europa. Non è quindi meraviglia, se dopo tal’ epoca le relazioni delle cose attinenti agli Stati Uniti siano più ricercate di quello che prima lo fossero, e se vari viaggiatori abbiano visitato questo Paese in addietro poco da essi frequentato. Fra questi io pure fui mosso dalla curiosità di vedere il politico nascimento d’una Repubblica composta di diverse nazioni, sparsa in vaste provincie molto fra loro distanti, e varie nel clima, e nelle produzioni

5E non è improbabile che tali motivazioni, che poi si traducevano in un franco e “progressivo” apprezzamento della nuova realtà americana (l’assetto repubblicano e tendenzialmente democratico di quegli Stati, lo spirito di tolleranza religiosa e così via), sarebbero poi state fondamentalmente all’origine del silenzio che sin quasi da subito calerà sull’opera.

6Quanto ancora al viaggio, come sempre si legge nella “Prefazione”, il giovane intellettuale milanese vi era stato spinto – lui esperto di Botanica, scienza allora in grande sviluppo sullo stimolo di Linneo, Buffon e altri cultori oggi meno noti – anche dall’esigenza di conoscere la flora dell’America del Nord e, secondo una forma mentale essa pure riconducibile ai Lumi, tentar di acclimatarla in Europa, in Lombardia, entro una prospettiva di “pubblica utilità” e, in particolare, di “progresso” economico e civile.

7Illuministico dunque, per più riguardi e a una considerazione d’insieme, lo spirito del viaggio intrapreso da Castiglioni e poi della ricca memoria che ne sarebbe derivata. E sarebbe davvero tentante, benché qui inopportuno, indugiare sul tema, inserendo per esempio quest’ultima per certe comuni peculiarità (l’atteggiamento critico nei confronti delle società visitate, i valori e disvalori di riferimento, la ricerca di una scrittura nitida e altamente comunicativa, e altro ancora) nel quadro assai ampio dei “viaggi” che press’a poco nell’ultimo quarantennio del Settecento si producono, al di qua e al di là delle Alpi, con un vario richiamo alle Lumières. Più utile invece veder di fissare, molto in sintesi, i modi emergenti di quel che fu l’illuministico rapportarsi di Castiglioni al nuovo e affascinante Paese.

8Ho già accennato all’interesse, enunciato nella “Prefazione” e che percorre tutto il libro, rivolto all’inedita realtà di ordine politico-istituzionale, ma anche concernente l’assetto sociale, i rapporti fra individui e gruppi, i criteri di tolleranza, che con la recente “rivoluzione” si sarebbe ingenerata e sempre più si starebbe affermando. Un interesse, un attento e perlustratore interesse, potrei aggiungere, che anche si estende, diffusamente, all’economia considerata nei suoi vari settori (agricoltura, pesca, commercio, attività minerarie e metallurgiche ecc.), e nella prospettiva di chi guarda ammirato alla serena operosità che sembra caratterizzare buona parte degli Stati, con varie eccezioni s’intende, e nutre fiducia, come si trova detto esplicitamente nelle pagine conclusive, in un loro futuro di sicuro “progresso”.

9È l’occhio, non si può non pensare, dell’uomo di cultura europeo che appunto credendo in certi valori illuministici e in un possibile miglioramento della società, e in qualche misura (ma non più di tanto : Castiglioni è lontano dal radicalismo palingenetico del contemporaneo e quasi coetaneo Alfieri e poi di taluni giacobini) dell’umanità, del mondo, ha visto e vede realizzarsi oltre l’Atlantico un’esperienza collettiva sino a pochi anni prima imprevedibile e non priva, come osa scrivere e stampare nel delicatissimo anno 1790, virtualmente non priva di « importanti conseguenze riguardo all’Europa ». Viaggio negli Stati Uniti, vorrei qui suggerire per richiamarmi al titolo del nostro Convegno, come viaggio in un’alterità esemplarmente costruttiva.

10Ora, in questo scenario di un’ “America felix” (pur, ripeto, con le sue ombre), presenza eminente, centrale e in certa misura simbolica è quella dell’ “eroe” George Washington, che Castiglioni va a conoscere di persona – così racconta nel capo VII – nel suo “delizioso riposo” di Mount Vernon. Inutile forse dire come il generale e poi, terminato il conflitto, “immortale Cincinnato d’America” (son sempre parole di Castiglioni) divenisse ben presto un mito nella letteratura degli anni Ottanta (basti pensare ad Alfieri, che gli dedicava il Bruto primo), così come nelle arti figurative, con un vario diramarsi, almeno in America, sino all’Ottocento inoltrato : ricordo appena, a questo proposito, il bel ritratto di Gilbert Stuart (1795) o il suggestivo Washington Crossing the Delaware (1851) di Emanuel Gottlieb Leutze, l’uno e l’altro al Metropolitan Museum di New York. E alta e commossa, mitizzante appunto, era la presentazione che ne faceva il viaggiatore italiano :

Ivi ( = nella casa/tenuta di Mount Vernon) passai quattro giorni favorito dal Generale colla maggiore ospitalità, com’egli usa di fare coi forastieri, che in gran numero vengono ad ammirare un tanto celebre personaggio. Il General Washington ha circa 57 anni, è grande di statura, di robusta complessione, di aspetto maestoso, e piacevole, e benché incallito nel servizio militare sembra ancora di età non avanzata. Quest’uomo illustre, che incominciò, e condusse felicemente a fine la guerra americana sembrò dalla natura prodotto per liberar l’America dalla soggezione europea, e formare un’epoca nella storia delle umane rivoluzioni.

11Fra i tanti visitatori/ospiti che avevano preceduto, come si è appena letto, il ventottenne e quasi del tutto oscuro Castiglioni (di qui, ancor più apprezzabili l’umanità e cortesia del generale) era stato qualche anno prima, precisamente nel 1780, dunque ancora nel vivo della guerra, il nobile parigino François-Jean de Chastellux, allora alto ufficiale del contingente francese che operava in appoggio alle truppe americane. Chastellux, va qui ricordato, prendeva minutamente nota dei suoi vari incontri ed esperienze, in vista di un libro che sarebbe apparso a Parigi nell’ ‘86 col titolo di Voyages de M. Chastellux dans l’Amérique septentrionale. Non inutile aggiungere – data la scarsa notorietà oggi di questa figura – che il nobiluomo, nato nel ‘34 e marchese poi dall’ ‘84, si era già distinto come intellettuale avanzato, componendo per l’Encyclopédie un articolo sul tema “Bonheur public” e pubblicando nel ‘72, con data di Amsterdam, un coraggioso e utopico saggio De la Félicité publique. La sua presenza in Nordamerica, negli anni della Rivoluzione, non era dunque solo legata alla condizione di ufficiale, ma si radicava non in superficie in un serio convincimento “filosofico” e politico-civile. Di qui anche il taglio dei Voyages, calorosamente favorevoli alla “progressiva” causa americana e nei quali, per riprendere il discorso che si è prima accennato, già s’incontrano su Washington pagine intensamente ammirative. Come in questo passo :

Quelques verres de clairet et de madère accélerèrent les connaissances que j’avais à faire, et bientôt je me trouvai à mon aise près du plus grand et du meilleur de tous les hommes. La bonté et la bienveillance qui le caractérisent se font sentir dans tout ce qui l’environne ; et la confiance qu’il fait naître n’est jamais familière, parce que le sentiment qu’il inspire a dans tous les individus la même origine, une estime profonde pour ses vertus et une grande opinion de ses talents.

12Impressioni, che Chastellux confermava e arricchiva poco oltre, in pagine in cui Washington vien celebrato come responsabile e garante de « la gloire et le bonheur » dell’America e si insiste, come poi in Castiglioni ma con un più evidente retropensiero neoclassico, sulla perfezione psico-fisica del personaggio :

Je n’ai point exclu les formes extérieures, en parlant de cet ensemble parfait dont le général Washington offre l’idée. Sa taille est noble et élevée, bien prise et exactement proportionnée, sa physionomie douce et agréable, mais telle qu’on ne parlera en particulier d’aucun de ses traits, et qu’en le quittant, il restera seulement le souvenir d’une belle figure. Il n’a l’air ni grave ni familier ; on voit quelquefois sur son front l’impression de la pensée, mais jamais celle de l’inquiétude : en inspirant le respect il inspire la confiance, et son sourire est toujours celui de la bienveillance.

13Quanto a Chastellux, in questa prospettiva di “eroi” della Rivoluzione, dall’umanità eccezionale, non mancava, accanto a Washington, il marchese di La Fayette, non ricordato invece da Castiglioni (forse perché era ritornato in Francia già nell’ ‘82), ma idealmente presentissimo nell’Alfieri dell’America libera. Chastellux va dunque con lui e altri ufficiali a visitare il campo di battaglia di Brandy-Wine, e così con alte parole lo ricorderà :

M. de la Fayette ne l’avait ( = il campo) pas vu depuis qu’à l’âge de vingt ans, après s’être séparé de sa femme, de ses amis, des plaisirs du monde et de ceux de la jeunesse, il avait, à mille lieues de sa patrie, versé la première goutte de sang qu’il offrait à la gloire, ou plutôt à cette cause si noble qu’il a toujours soutenue depuis avec le même zèle, mais plus de bonheur.

14Accennavo prima ailealle “ombre” della nuova realtà americana, che Castiglioni rileva e non esita a segnalare. In effetti, se Chastellux, per continuare a tener d’occhio questo significativo riferimento, inclina in genere, entro quella prospettiva di “gioire” e di “bonheur” di cui si è detto, a sottolineare e magari anche enfatizzare la positività, nelle stesse piccole cose, del mondo in cui si viene muovendo (la cortese disponibilità delle persone, la propreté delle locande, l’efficienza dei servizi), Castiglioni spesso e dettagliamente si ferma a illustrare le cose che non vanno, o che ancora non vanno. Questo forse anche in forza e sullo stimolo della sua educazione scientifica, del suo essere “linneano” non solo in Botanica, ma più generalmente nella fedeltà alle indicazioni del maestro svedese sull’ esigenza di viaggiare registrando tutto quanto paia degno di venir registrato. Di qui, per far qualche esempio, nel Viaggio, le pagine sull’assurda brutalità nei comportamenti di tanti coloni dell’interno, sull’oziosità e le pessime abitudini di vita dei proprietari del Sud, sulle malattie, e in particolare la “consunzione”, cioè la tisi, che conduce prematuramente alla morte tante donne di città per altro ricche e progredite come Boston e Providence.

15E due sono massimamente le zone d’ombra, o meglio i problemi, le questioni aperte che destano l’attenzione e la riflessione dell’illuminista di Milano, forse più, se ha un senso dire così, e comunque diversamente, di quanto non avvenga in Chastellux. Si tratta della presenza, e condizione, dei “negri” e dei “selvaggi”.

16Quanto ai primi, e in particolare al loro stato di schiavi, il punto di vista di Castiglioni, verisimilmente ben consapevole del recente dibattito “sur l’esclavage des nègres” (Condorcet e tanti altri), è molto netto. Considerato che una tale deprecabile realtà non è per il momento eliminabile, mostra di apprezzare i rari casi, al Nord, in cui essi hanno modo di vivere di fatto liberi, rileva come encomiabile il comportamento umano e rispettoso di certi proprietari (Washington, naturalmente, anche in questo cittadino e personalità esemplare), stigmatizza con durezza l’uso, prevalente negli Stati meridionali, di trattarli come non più che merce, o animali da lavoro, e non di rado malissimo.

17In Chastellux – che, ricordo, viaggia e scrive pochi anni prima – il tema è affrontato in modo “filosoficamente” meno netto, e al tempo stesso più articolato. In un punto, incontrando un reggimento del Rhode-Island, il suo occhio è quello del militare, del tecnico : « La plus grande partie des soldats sont nègres ou mulâtres ; mais ce sont des hommes forts et robustes, et ceux que j’ai vus avaient très bonne apparence ». In un altro, ricorda di esser stato svegliato la notte di Capodanno da spari, botti vari e da gente che andava di casa in casa per festeggiare e benaugurare ; e,

en me levant, j’appris par mon hôte que l’usage du pays était que le premier jour de l’an, les jeunes gens, les valets, les nègres même, allaient dans toutes les tavernes et dans beaucoup d’autres maisons souhaiter la bonne année et demander à boire.

18« Les nègres même ! » Ma il nobiluomo si trovava nel New England, dove, come s’è appena letto, un nero poteva già anche servire nell’esercito.

19Occorre procedere però molto avanti nel libro per trovare affrontato, in particolare in rapporto agli schiavi della Virginia, il nodo problematico di fondo, quello appunto dell’“esclavage des nègres”, di una auspicabile o possibile abolizione, inoltre della peculiarità, in prospettiva antropologica, di questi infelici e ormai numerosi abitanti dell’America. Dei quali, per tale riguardo, Chastellux, a differenza di Castiglioni che non si pone la questione, inclina a rilevare la “diversità” :

Quoi qu’il en soit, il est heureux que différents motifs concourent à dégouter les hommes ( = i proprietari della Virginia) de cette tyrannie qu’ils exercent, du moins sur leur propre espèce, si on ne peut pas dire, dans la rigueur du terme, sur leurs semblables ; car plus on observe les nègres, plus on se persuade que la différence qui les distingue de nous ne consiste pas seulement dans la couleur.

20È una “diversità”, si può aggiungere, fondamentalmente in negativo : “insensibilité naturelle”, naturale, sempre, tendenza alla mariuòleria (fourberie) e al furto.

21Quanto alla schiavitù, il viaggiatore parigino ne depreca le forme più aspre, come avviene a Santo Domingo e in Giamaica (dove si odono « le bruit des fouets et les cris des malheureux dont on déchire le corps par lambeaux »), apprezza il comportamento dei padroni virginiani improntato a « beaucoup d’humanité », ne ritiene infine l’abolizione, alla luce di rilievi di ordine socio-economico, cosa al momento assai problematica :

Au reste, on ne peut pas se dissimuler que c’est un point extrêmement délicat que l’abolition de l’esclavage en Amérique.

22Non meno varia, e però meno scientificamente orientata, si direbbe, che in Castiglioni, l’attenzione di Chastellux agli indiani d’America, ai “selvaggi” che compaiono ovviamente non di rado nelle sue pagine. Come per esempio in quelle divertite e molto godibili iri cui si racconta di un loro incontro, in un’operazione di guerra, con un drappello di dragoni inglesi (fuga da ambo le parti, per il reciproco spavento di vedersi così diversi), o in quelle altre, in cui il viaggiatore ricorda la visita, da lui per altro non ricercata, a un « village indien », non lontano da Albany, che non gli pare « autre chose que l’assemblage de quelques misérables huttes construites dans le bois ». E in una di queste capanne egli incontra,

outre le sauvage qui parlait français, une squah (c’est le nom qu’on donne aux sauvagesses) qu’il avait épousée en secondes noces, et qui élevait un enfant de son premier mari ; deux vieillards composaient le reste de cette famille, qui avait l’air triste et pauvre. La squah était hideuse comme elles le sont toutes et son mari était stupide.

23Poco oltre infine Chastellux informa che questa gente è in parte mantenuta dallo Stato, e « qu’ils possèdent aussi quelques terres, où ils sèment du maïs, et qu’ils vont à la chasse pour avoir des peaux, qu’ils troquent contre du rhum ».

24Ben più elaborato e complesso, sul tema, era il discorso di Castiglioni. Informato sull’acceso dibattito intorno ai “selvaggi” che aveva animato la cultura europea fra gli anni Sessanta e i Settanta (esplicitamente richiamate nel Viaggio sono le celebri Recherches philosophiques sur les Américains di Cornelius De Pauw), egli dedicava parte del suo soggiorno negli Stati Uniti alla ricerca e alla visita di una comunità indiana nell’alto Massachussets, di cui accuratamente registrava, anche con disegni dal vero, le abitudini di vita e i costumi. L’impressione che si ricava dalle sue pagine, direi in breve, è che Castiglioni fosse persuaso e anche preso dalla naturale sanità di questo popolo, ben consapevole della sua non trascurabile presenza entro e oltre i confini del Paese che stava percorrendo, preoccupato della difficoltà dei suoi rapporti con i “bianchi” e della crisi, del decadimento indotti da questi ultimi. Di qui il motivo del rhum, cioè del crescente alcoolismo, toccato da Chastellux con una sorta di distaccato dédain, e che in Castiglioni avrebbe invece trovato quasi risentite declinazioni. Che per altro neanche il viaggiatore francese fosse animato, a parte e al di là delle impressioni sgradevoli suscitate dal « village indien », da una visione antropologicamente negativa, alla De Pauw appunto, dei nativi, fanno pensare le belle pagine dedicate alla “princesse sauvage Pocahunta, fille du roi Powhatan”, che in Virginia si comporta con eccezionale umanità e poi, sposata a un inglese e in Inghilterra trasferitasi per questo, « donna des preuves continuelles de vertu, de piété et d’attachement pour son mari. »

25Ampio spazio si trova infine concesso, in entrambi gli autori, alla realtà naturale del Paese visitato, cui essi dedicano alcune fra le pagine più felici e leggibili dei loro libri. Certo l’intelligenza europea dell’ultimo Settecento, così sensibile alle suggestioni del semplice, del naturale, della sauvagerie, e insieme sempre più attenta a scienze come la Botanica, la Zoologia, la Mineralogia trovava nel Nordamerica uno spazio privilegiato, e più di altri nel mondo in quegli anni accessibile, cui guardare, nel quale dare esito concreto, risposta alle proprie attese conoscitive, e insieme di piacevole, gratificante immersione, sperdimento anche.

26Chastellux, militare com’è, e per di più in servizio attivo, per la verità rivolge all’ambiente un’attenzione in prevalenza, e avant tout, tecnico-professionale. Dunque, frequenti visite, come nel passo che si è citato relativo all’incontro con La Fayette, a luoghi in cui si siano combattute importanti battaglie, radure valutate nella loro virtuale agibilità a sistemarvi un accampamento, colli da cui muovere un attacco e così via.

27Ciò che per altro non esclude, anzi, una varia attenzione al paesaggio nordamericano, còlto e “ritratto” di frequente nei suoi aspetti più pittoreschi e spettacolari. Come nel caso dello « spectacle magnifique » offerto nell’Alta Virginia dal Pont-Naturel, o della “grande Cataracte” conosciuta come Totohaw-Fall :

(...) Il me paraît impossible de donner une idée de cette chute d’eau, autrement que par un dessin figuré. Essayons cependant de commencer le tableau, et laissons à l’imagination le soin de l’achever (...). Qu’on se figure donc une rivière qui coule entre des montagnes couvertes de sapins, dont le vert foncé contraste avec la couleur de ses eaux et en rend le cours plus majestueux. (...)

28Questo rinvìo alla pittura era del resto frequentissimo nel colto viaggiatore francese, come con particolare evidenza in questo passo relativo allo Stratford River :

(...) Cette rivière n’est pas navigable, et on la passe aisément à gué près des forges de M. Bull (...). On tourne ensuite vers la gauche et on longe ses bords ; mais si l’on est sensible à la belle nature, si l’on a appris, en voyant les tableaux de Vernet et de Robert, à en admirer les modèles, on s’arrêtera, on s’oubliera même en regardant le charmant paysage que forme l’ensemble des forges, de la chute d’eau qui sert à les exploiter, et de tous les accessoires d’arbres et de rochers dont cette scène pittoresque est embellie.

29Assai rari invece nello scienziato Castiglioni i rinvii alle belle arti e alla tradizione letteraria, come in questo passo del capitolo iniziale, Passaggio dall’Inghilterra in America, in cui così descrive la baia di Boston :

Da Marble-head seguitando la costa al Sud-Ovest (...) entrasi nella baia di Boston, che è una delle più belle, ed amene situazioni, che abbia formato la natura. L’occasione d’un cielo puro, e sereno, del mare tranquillo, e d’un vento moderato e favorevole ci lasciò godere tutte le bellezze di questo luogo, simile a quelli descritti dai poeti per abitazione delle Naiadi, e delle Ninfe. Molte amene isolette quasi tutte coperte d’un verde vario, ma vivace, sopra le quali pascolavano pecore, ed altri armenti veggonsi collocate in quella baia, e fra l’una e l’altra di esse il mare è profondo a segno da sostenere i più grossi vascelli.

30Dove per altro la sintetica attenzione alle “bellezze” del luogo e il ricordo dei “poeti” idilliaci lascia sùbito spazio al rilievo sul bestiame di vario tipo pascolante sulle “isolette” e a quello successivo, decisamente tecnico, da esperto di marineria, sulla profondita del mare, che appare idoneo a « sostenere i più grossi vascelli ».

31E in effetti in prevalenza di tipo tecnico-scientifico è l’attenzione che il viaggiatore milanese rivolge alla natura del Nordamerica. Come risulta specialmente evidente in quest’altro passo, fra i tanti, relativo al Rhode Island, in cui l’ambiente nei pressi di Providence, la capitale, è osservato, e poi descritto, con l’occhio del botanico e del mineralologo :

Distante sette miglia da Previdenza verso l’Occidente evvi una ricca miniera di ferro, appartenente al Sig. Brown, situata in un fondo basso, circondato da picciole alture, sulle quali non si vedevano se non alcune giovani piante di Platano occidentale. Il terreno è sabbioso, coperto di grossi sassi alla superficie, ed a qualche profondità misto di marga, sotto cui trovasi la miniera. Si cava questa da un profondo pozzo (...)

32E però anche non mancano, nel Viaggio di Castiglioni, pagine in cui la realtà delle cose di natura vien còlta nella sua immediata e intensa suggestività. Così nella descrizione del viaggio (capo V) da Ticonderoga, nel Vermont, a Montreal :

Partendo da Savane si passano ancora alcune boscaglie, e quindi trovasi un’altra non men vasta, e coltivata pianura, che estendesi fino al fiume S. Lorenzo sulle sponde del quale è situato il villaggio detto la Prairie, a cui conduce la strada. Questa amena pianura è circoscritta al Settentrione da due alte montagne, ed all’Occidente ha per confine il S. Lorenzo, che precipitando da alcune cascate trascorre poscia maestosamente al lungo del villaggio la Prairie

33o, ancora nel primo capitolo, l’incontro, verso la fine della traversata, fra i ghiacci di Terranova, con i « Vitelli marini », giocato, nel testo, su un sottile e coltissimo rinvìo al grande motivo, nella sensibilità e nell’immaginario del tardo Settecento, delle “solitudini” piacevolmente inquietanti :

Erano circa due ore dopo il mezzogiorno, e il vento spirava da Nord-Ovest in nostro favore, quando fummo obbligati a calare quasi tutte le vele, affine di schivare per quanto era possibile di urtar contro quegli orribili massi. La sterminata estensione di ghiacci coperti di neve, che tutta occupavano la superficie del mare fin dove estendevasi la nostra vista, il chiarore dell’atmosfera in cui riflettevasi la bianchezza della neve, e la quantità de’ Vitelli marini, che sorgendo dall’acqua tranquillamente passeggiavano su quegli scogli di ghiaccio, offrivano ai nostri occhi gli orrori di una solitudine affatto nuova.

34Alcune osservazioni conclusive sul “viaggio negli Stati Uniti d’America” fra Otto- e Novecento. Si tratta, dirò sùbito, di un ambito estremamente ricco, anche solo per quanto riguarda l’area italiana, e ancora per molta parte da esplorare, anche alla luce dei numerosi testi, manoscritti o già apparsi a suo tempo, che si vanno riproponendo.

35Benché variamente permanga, nell’Europa coinvolta nell’esperienza rivoluzionaria e poi napoleonica, un sicuro interesse nei confronti delle vicende e le cose degli Stati Uniti (basti pensare alla celebre Guerra d’indipendenza di Carlo Botta, pubblicata a Parigi nel 1809), una svolta importante è rappresentata dalle prove di Alexander von Humboldt : viaggi nell’universo mondo e grandi opere che ne derivano, come il Voyage aux régions équinoxiales, pubblicato in 35 volumi a cominciare dal 1807. E allo straordinario Humboldt, che fondava una visione per molti aspetti nuova del viaggio inteso, vissuto e raccontato come avventura di conoscenza integrale della realtà, si richiamano esplicitamente in Italia le intense esperienze odeporiche del conte piemontese Carlo Vidua, nato nel 1785, che dal 1818 sino al 1830, anno della morte, compie une strepitosa serie di viaggi, prima in Europa, nel Medio Oriente e in Egitto, poi nelle Americhe e in particolare negli Stati Uniti, infine in India e nell’Estremo Oriente (morirà appunto, per un banale incidente, alle Molucche).

36Il viaggio/soggiorno nell’America del Nord – principalmente gli Stati Uniti, come s’è detto, ma anche Canada e Messico – del Vidua risale al biennio 1825/’27, un momento piuttosto delicato nella storia del suo Paese, il Regno di Sardegna, e al di là di questo dell’Italia preunitaria. E c’è motivo di pensare che negli incontri che il nobiluomo ricercò, ed ebbe, con personalità del mondo politico stratunitense come Adams, Jefferson, Monroe, e nelle riflessioni che ne seguirono, ci fosse, alle radici, oltre e indipendentemente dalle prospettive humboldtiane, un preciso e forte interesse per l’esperienza di crescita e maturazione di quei liberi Stati. Purtroppo il Vidua non trovò il tempo, nel giro dei rientri e delle nuove partenze o forse non fu persuaso dell’opportunità di riordinare e rielaborare, come usava fare Humboldt, in vista di un libro, gli appunti raccolti. Così le sue esperienze di viaggio restano affidate alle Lettere, che l’amico Cesare Balbo, un altro aristocratico subalpino, pubblicò a Torino nel 1834, poco dopo la sua morte. Un epistolario assai ricco e di notevole interesse, in cui il racconto delle circostanze anche minute del viaggiare si alterna gradevolmente alla descrizione dei luoghi visitati (ambienti naturali ma anche, come già in Chastellux e Castiglioni, città, strutture universitarie ecc.) e a riflessioni politico-civili. Non inutile aggiungere che per gli anni difficili in cui il libro apparve e la forte personalità del curatore, figura di spicco nel cosiddetto “risorgimento” italiano, queste Lettere vanno lette con qualche cautela, in attesa di un’auspicabile nuova edizione fondata sui manoscritti.

37Una testimonianza importante, oltre che testo di piacevolissima lettura, è rappresentata, sullo scorcio dell’Ottocento, dalle Impressioni d’America di Giuseppe Giacosa (1899). Nato nel 1847 in Piemonte, nei pressi di Torino, Giacosa si era affermato soprattutto come autore di libretti d’opera e drammaturgo, e appunto per curare la rappresentazione di una sua pièce andò negli Stati Uniti, di cui fondamentalmente conobbe New York e Chicago. Di queste città, e in una certa misura più in genere di quel Paese allora in una fase di intensissimo e spettacolare sviluppo, egli rileva, da osservatore attento, la « febbre novativa », l’avanzatezza tecnologica, la propensione alla grandiosità, e insieme l’« indifferenza all’estetica », o meglio, sottilmente, una tutt’affatto americana « idea del bello », come si legge in questo passo :

Fino a pochi anni addietro, l’America tutta intesa alla conquista delle proprie terre, parve riconoscere alle vecchie società europee il privilegio della bellezza (...). Conscia ora della sua integrità e della sua individualità, essa va rapidamente accogliendo e maturando una sua particolare idea del bello che, non disturbata da preconcetti storici e da tradizionali riverenze, ricava dalla osservazione diretta anzi dalla diretta fruizione della vita ! La sua è si può dire una estetica sociale, cioè non disgiunta mai dalle applicazioni al benessere e confacente allo sviluppo progressivo della razza umana.

38Di qui il « senso indefinibile di disagio intellettuale », che avvertirebbe T’artista“l’artista europeo” (e si potrebbe estendere all’uomo di cultura europeo), « quando egli è dimorato alcun tempo negli Stati Uniti ». È questo, della diversità culturale americana, un motivo che ricorrerà a lungo nei viaggiatori europei del Novecento. Così come l’attenzione al diffuso alcoolismo, presente ad ogni livello sociale, e, in prospettiva particolarmente italiana ma non solo, alla realtà complessa e penosa degli emigrati.

39E su due libri fortemente sensibili a questi temi, e al tempo stesso straordinariamente leggibili, credo si possano concludere queste osservazioni. Si tratta di America primo amore (1935) del torinese Mario Soldati, e di America amara (1939) del fiorentino Emilio Cecchi. Più complesso e articolato quest’ultimo, attento alla molteplicità del Paese anche nei suoi aspetti meno in vista (la situazione economica degli scrittori, il linciaggio dei neri coperto dalla polizia ecc.), giovanilmente diviso il secondo (Soldati era nato nel 1906, e il soggiorno statunitense fu tra il ’29 e il ’30) fra un’acuta insofferenza dei disagi e malesseri della “moderna Babele”, l’emblematica New York, e l’“esaltazione”, il senso eccitante di libertà che accompagna l’approdo e le prime esperienze :

Al primo apparire dei grattacieli il passato sfuma ; la patria, la casa, la madre, gli amici sono leggende lontane e quasi vaghi ricordi infantili. Non importa la stagione : appena toccato il suolo d’America (...), un’aspra primavera par che aizzi, un vento sollevi mentre si cammina. E la speranza, la certezza di rinnovarsi e ricominciare ; e anima chi è arrivato allora allora, come tutti gli altri che sono arrivati prima, forse anche un secolo o due ma in fondo così poco tempo prima...

Haut de page

Bibliographie

NOTA BIBLIOGRAFICA

I testi di cui si tratta in questo intervento sono citati dalle seguenti edizioni, alle quali in ogni caso si rinvìa anche per più minute indicazioni bio-bibliografiche : L. Castiglioni, Viaggio negli Stati Uniti dell’America Settentrionale, a cura e con introduzione di M. Cerniti, Modena, Mucchi, 1996 (edizione ridotta rispetto alla prima : Milano, Marelli, 1790) ; F. J. De Chastellux, Voyages dans l’Amérique septentrionale dans les années 1780, 1781 et 1782, présenté par le duc De Castries de l’Académie française, Paris, Librairie Jules Tallandier, 1980 ; Lettere del conte Carlo Vidua, pubblicate da C. Balbo, Torino, Pomba, 1834 ; G. Giacosa, Impressioni d’America. Firenze, Franco Muzzio Editore, 1994 ; E. Cecchi, America amara, ivi, 1995 ; M. Soldati, America primo amore, con introduzione di G. Raboni, Milano, Mondadori (la ristampa Oscar), 1981.

Per prospettive aggiornate su Vidua e gli altri autori successivamente richiamati si veda la Storia della civiltà letteraria italiana, diretta da G. Barberi Squarotti, Voll. IV e V, Torino, Utet, 1992-’94 (il secondo tomo del V è però ancora in corso di stampa).

Su Humboldt, ricordato a proposito di Vidua, cfr. J. P. Duviols et C. Minguet, Humbolt savant-citoyen du monde, Paris, Gallimard, 1994.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’Études Italiennes, Université de Provence, n° 1, Voyager à la découverte de… XVIIIe-XXe siècles, 1997

Référence électronique

Marco Cerruti, « Appunti per una storia, e una morfologia, del “viaggio negli Stati Uniti d’America” », Italies [En ligne], 1 | 1997, mis en ligne le 01 octobre 2011, consulté le 23 juin 2017. URL : http://italies.revues.org/3417 ; DOI : 10.4000/italies.3417

Haut de page

Auteur

Marco Cerruti

Università di Torino

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org