Navigation – Plan du site
Comptes rendus

Ilaria Splendorini, « Menzogna e sortilegio » di Elsa Morante. Una scrittura delle origini

Firenze, Le lettere, 2010, 391 p.
Matteo Palumbo
p. 652-654
Référence(s) :

Ilaria Splendorini, « Menzogna e sortilegio » di Elsa Morante. Una scrittura delle origini, Firenze, Le lettere, 2010, 391 p.

Texte intégral

1Attraverso un viaggio di 391 pagine, Ilaria Splendorini ci guida nell’universo di Menzogna e sortilegio, il libro capitale di Elsa Morante, che costituisce un punto di riferimento della moderna tradizione letteraria. Il saggio ha il proprio presupposto nell’idea di « romanzo familiare », precisamente nell’accezione con cui Freud impiega questa formula e come essa è stata ripresa e riutilizzata da Marthe Robert. Menzogna e sortilegio si presenta, infatti, agli occhi della sua interprete, come una « scrittura delle origini » : un viaggio all’indietro, nel tempo delle memorie, personali e collettive, alla ricerca delle ragioni che hanno condizionato e oscurato la vita. Il racconto di Elisa, la protagonista-narratrice del romanzo, costituisce una poderosa anamnesi del mondo dentro cui si è sviluppata la sua esistenza : tenebrosa e repressa, condizionata da ossessioni implacabili e marchiata da un male che a lei pare irresistibile.

2Il libro di Ilaria Splendorini si articola in tre parti e una conclusione, che compongono, nel loro insieme, un disegno interpretativo unitario e compatto. Il saggio procede dal racconto delle origini familiari alla finale scoperta di una vocazione letteraria, che costituisce l’approdo dell’avventura di Elisa. La prima parte, Il romanzo familiare di una nevrotica, (pp. 27-126), analizza il confronto con l’« enigma » in cui si avvolge la « torrida stagione » del passato. Si tratta di un mistero da interrogare e da sciogliere, e la scrittura rappresenta il medium attraverso cui si consuma questo sforzo audace e, insieme, disperato. Il primo, più resistente nemico di Elisa è il « male velenoso della menzogna », che infetta tutta intera la sua interiorità. La battaglia che si svolge contro di esso non autorizza nessuna redenzione o liberazione. Splendorini descrive, fase dopo fase, i modi attraverso cui il soggetto rievoca e trasforma il proprio passato. I suoi familiari diventano gli eroi di una nuova realtà nobilitata e trasfigurata, completamente opposta alla verità del ruolo che essi hanno veritabilmente incarnato. « Mille fole » prendono il posto del « dramma borghese » in cui la vita è stata soffocata. E un’immensa teatralizzazione trasporta l’esperienza in un universo fantastico e gratificante. Secondo la formula di Marthe Robert è una « fable biographique » quella che la protagonista racconta a sé e ai suoi lettori.

3La seconda parte del saggio, Le mistificazioni della scrittura di Elisa : le « cronache familiari » (pp. 129-229), sposta l’attenzione sui modi con cui Elisa passa dalla dimensione fantastica delle « familiari leggende » alla volontà di una cronaca fedele degli avvenimenti accaduti. Anche in questo caso, tuttavia, la diagnosi della propria malattia si fa oscura e mistificante. Riprendendo il giudizio di Lucio Lugnani, Ilaria Splendorini descrive l’impossibilità di una « indagine eziologica » che porterebbe alla scoperta delle autentiche origini del male. Il racconto non diventa mai un modo per guarire. Piuttosto aggiunge menzogna a menzogna, cancellando ogni illusione di terapia. La cronista fedele conserva rancore e risentimento. Getta sulla propria testimonianza la luce amara di una parodia, che attinge al linguaggio e al pathos del melodramma.

4La terza parte del saggio, Dal « teatro visionario » al « teatro narrativo » : il vero significato di una scrittura delle origini (pp. 233-327), affronta la maggiore mistificazione a cui Elisa vota il proprio destino. Si tratta della scrittura, a cui ricorre per dare consistenza e realtà alle finzioni che l’assediano. Il romanzo della Morante diventa, perciò, « come la rivelazione in filigrana di una menzogna letteraria, di una mistificazione concepita da Elisa per essere destinata ai suoi lettori » (p. 244). In questo senso la stessa magnificenza della lingua, adottata dalla Morante, è il mezzo attraverso cui passano la pratica letteraria e la rivelazione del suo potere. Perciò Menzogna e sortilegio diventa esso stesso un libro delle origini, che contiene, nelle sue trame, la traccia delle opere successive della Morante, fino alla straziante recherche di Aracoeli.

5Saranno storie di famiglie, di relazioni tra padri o madri e figli, grandi affreschi che disegneranno un mondo in tutta la coralità delle sue voci. Storie comunque aspre e addolorate, che percorreranno la vita come un’esperienza risentita e amara. Come ha scritto una volta Cesare Garboli, « la sua arte ha cognizione al tempo stessa romanzesca e precisa, lucidissima e mitica, quale nessuno altro scrittore contemporaneo può vantare ».

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Matteo Palumbo, « Ilaria Splendorini, « Menzogna e sortilegio » di Elsa Morante. Una scrittura delle origini », Italies, 16 | 2012, 652-654.

Référence électronique

Matteo Palumbo, « Ilaria Splendorini, « Menzogna e sortilegio » di Elsa Morante. Una scrittura delle origini », Italies [En ligne], 16 | 2012, mis en ligne le 01 janvier 2014, consulté le 25 avril 2014. URL : http://italies.revues.org/4609

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
  • Les cahiers de Revues.org