Navigation – Plan du site
Décrire les lieux, dire l'errance

Il viaggio settentrionale di Francesco Negri

La scoperta di Capo Nord e della Lapponia
da parte di un italiano del XVII secolo
Stefano Magni
p. 77-96

Résumés

Né en 1623, Francesco Negri est considéré comme le premier touriste à avoir atteint le Cap Nord motivé par une pure soif de connaissance. Il s’aventura jusque dans ces régions âpres à une époque où la mode considérait que l’exotique se trouvait en Extrême-Orient ou dans le Nouveau Monde et que les peuples méditerranéens étaient le centre de la culture, aux dépens des peuples nordiques, qui ne devaient être redécouverts que pendant la période romantique. Grâce à la valeur scientifique de son compte rendu il acquit une renommée internationale et son témoignage permit en partie de fonder le mythe des peuples nordiques. Le présent article présente ce voyage en relation avec la culture scientiste du siècle, puis avec quelques textes scientifiques qui avaient parlé de la zone arctique, et enfin avec la relation d’un voyage presque contemporain, celui du Français Jean-François Regnard.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 « Molti credono che la terra del Polo, sede del vento di tramontana, sia sepolta dal freddo etern (...)

Terram, quam regit summa arctos, ipsius aquilonis sedem, hyeme aeterna sepultam, incultam, sterilem, e inhabitabilem multi vererum credidere ; longe tamen mitiorem esse, longe suariorem beatioremque intellexere recentiores, suisque e hanc superbire naturae dotibus singularibus sibi soli propriis ostendat Flora tandem Lapponica1
Carl Von Linné, Flora Lapponica, 1737

  • 2 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, Bergamo, Leading edizioni, 2000 [Ferrara, 1700].

1Francesco Negri è considerato il primo turista ad aver raggiunto Capo Nord. Il suo viaggio è raccontato in una serie di lettere inviate ad alcuni conoscenti e fu mosso dalla sola sete spassionata di conoscenza2. Parafrasando una frase di Plinio da lui stesso citata, egli fu un individuo che viaggiò per amore della scienza e non del guadagno.

2Il primo interesse del suo viaggio risiede nel fatto che si spinse in quelle regioni aspre quando la moda riteneva che l’esotico si trovasse nell’Oriente o nel nuovo mondo e che i popoli mediterranei fossero il centro della cultura, a discapito di quelli nordici, riscoperti in seguito dal romanticismo. Negri parlò di una civiltà vicina, cioè europea, ma culturalmente lontana. Grazie al valore scientifico del suo resoconto egli divenne internazionalmente conosciuto e la sua testimonianza è servita in parte a fondare il mito dei popoli nordici.

3Per situare correttamente il suo testo e capirne l’importanza, bisogna tenere conto del fatto che egli non fu il primo autore che ha raccontato il mondo artico, ma che la sua opera ha apportato una nuova opinione dei popoli nordici, rivestendoli di una stima di cui fino a quel momento non avevano goduto.

  • 3 Joannis Schefferi, … Lapponia, id est, Religionis Lapponum et gentis nova et verissima descriptio(...)

4Per questo motivo, dopo aver presentato brevemente l’autore e il viaggio, cercherò di mostrare in che modo l’opera sia portatrice di un nuovo messaggio culturale. In un primo momento inserirò il pensiero di Negri all’interno della filosofia scientista seicentesca. Metterò in seguito la sua opera in relazione con alcuni testi scientifici coevi, come il testo enciclopedico di Jean Scheffer riguardante la cultura della Lapponia3. Terminerò paragonando il suo racconto con il resoconto del viaggio in Lapponia, di poco posteriore, dell’autore di teatro francese Jean-François Regnard. Mostrerò così che questi testi si soffermano sulle superstizioni, sulla miseria e semplicità culturale del popolo lappone, mentre Negri ne esalta la forza fisica e lavorativa, la morigeratezza e la generosità.

La vita, il viaggio

  • 4 Della riverenza dovuta a’ sacri tempii, e del modo più facile, et efficace per conseguirla, Disco (...)

5Proveniente da una famiglia dell’aristocrazia ravennate, Negri nacque il 27 marzo 1623. Figlio unico, scelse per vocazione di vestire l’abito religioso e visse il sacerdozio in modo rigoroso, stando vicino ai poveri. Di ritorno dal viaggio nordico, dove conobbe la morigeratezza della chiesa protestante, tentò una moralizzazione di quella cattolica. A questo proposito scrisse un discorso in cui preconizzava austerità e generosità nei ranghi del clero4.

  • 5 Cf. a questo proposito l’articolo di Vera Nigrisoli Wärnhjelm, Francesco Negri e le edizioni dell (...)
  • 6 Il nome della popolazione è Sami. Nei testi da me consultati si offrono diverse ipotesi sull’orig (...)

6Se si conosce la sua vita dopo il viaggio nordico, è molto più difficile ricostruire gli anni che precedettero il famoso resoconto, ma si può supporre che soggiornò in Francia e in Inghilterra. Con certezza si sa che nel giugno del 1663 fu a Danzica dove s’imbarcò per Stoccolma e che tre anni dopo, nell’agosto del 1666, ridiscese a Copenaghen dall’estremo Nord5. Sul finire dello stesso anno fu di ritorno a Ravenna. In quei tre anni, egli visitò la Svezia, dove soggiornò a lungo, e si spinse anche nelle regioni più inospitali del Nord, nella terra del popolo Sami (detto Lappone6), toccando perfino le ultime terre europee abitate, al settantaduesimo parallelo, nel Nord della Norvegia, raggiungendo il Capo Nord.

  • 7 Questa lettera è di gran lunga la più lunga di tutte ed è una continua lode dei meriti della nazi (...)
  • 8 Oggi la maggior parte del territorio lappone appartiene allo stato finlandese che all’epoca non e (...)

7Di tutto il viaggio ci ha lasciato una testimonianza ricca e appassionata composta di otto lettere di lunghezza disomogenea il cui soggetto è, nell’ordine : il viaggio in Lapponia e la scoperta del popolo Sami ; la permanenza nella Svezia civilizzata7 ; la descrizione della caccia alla foca, chiamata cane marino ; la descrizione di alcuni fenomeni naturali eccezionali e sconosciuti ; il viaggio in Norvegia fino a Berghen ; il seguito del viaggio in Norvegia, verso Trundem ; il raggiungimento di Capo Nord ; la descrizione della vita nell’ultimo baluardo abitato dagli umani. In questo articolo mi soffermerò soprattutto sulla descrizione del popolo Sami, la cui esistenza era allora ed è tuttora transnazionale, e la cui presenza si estendeva sul territorio svedese principalmente8, su quello russo e su quello norvegese.

Negri e lo spirito scientifico-empirico del ’600

8Le lettere di Negri non furono pubblicate nella loro prima stesura, ma furono accuratamente corrette sulla base di letture e dialoghi avuti con esperti della materia come Lorenzo Magalotti e Antonio Magliabechi.

  • 9 Si tratta dell’edizione anastatica di questa versione del 1883, con una lunga prefazione di Carlo (...)

9Per questa ragione la prima edizione a stampa data solo del 1700 e fu oltretutto postuma, poiché Negri, spinto da una grande precisione per l’esattezza dei fatti raccontati, ne interruppe la redazione solo nel 1698, anno della sua morte. Si attesero quasi duecento anni per avere un’altra edizione valida, quella bolognese del 1883, preceduta da una preziosa introduzione9.

10Leggendo le lettere, ci si rende subito conto che non abbiamo a che fare con un racconto di favolose epopee esotiche in cui ci si imbatte in numerosi casi di mirabilia, ma con un testo sorretto da un rigoroso spirito scientifico, sicuramente erede dello scientismo seicentesco e in particolare dell’empirismo inglese del XVII secolo, per cui ogni fenomeno sconosciuto o difficilmente comprensibile è analizzato razionalmente dall’autore.

  • 10 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 4, pp. 261-282.
  • 11 Secondo i testimoni, nel giro di qualche ora, il morto comincia a espellere l’acqua e ritorna all (...)
  • 12 Ibidem, lettera 4, p. 268.

11L’intera quarta lettera10 è una riflessione su alcuni fenomeni incredibili, cui l’autore cerca di dare una spiegazione razionale. In particolare, presentando i quattro tipi di rondine esistenti nel paese, annota che esse svernano immerse nel fondo dei laghi ghiacciati e che solo a primavera ne escono per tornare alla vita. Per risolvere questo dilemma, riflette su un altro caso eccezionale. Egli racconta che ha avuto più testimonianze del fatto che alcuni uomini affogati, anche da uno o due giorni, sono stati rimessi in vita grazie a una pratica che consiste nell’avvicinare il corpo ad una stufa calda11. Negri, oltre a presentare i fatti cerca di trovare una soluzione logica adducendo che, a differenza dei mari e laghi mediterranei, le acque nordiche sono ricche di metalli che in qualche sorta nutrono il corpo nel momento in cui affoga, mantenendolo in vita per qualche ora. Inoltre, «  la robustezza di questi nazionali è assai maggiore di quella degli abitanti delle province più meridionali  »12. Si tratta di una delle numerose volte in cui l’autore coglie l’occasione per sottolineare la prestanza e la superiorità di questi popoli rispetto alle civiltà mediterranee.

12La sua naturale inclinazione a spiegare ogni fatto a prima vista incredibile è supportata anche da un forte spirito empirico. Nell’ultima lettera, Negri si permette di criticare l’immagine canonica e mitologica della balena, avendone osservato un esemplare morto arenato su una spiaggia norvegese. L’attenta osservazione analitica permette all’autore di destrutturare tutta una serie di luoghi comuni, a partire dalle dimensioni del cetaceo :

  • 13 Ibidem, lettera 8, p. 385.

La sua grandezza e figura sono molto differenti dal supposto da alcuni scrittori, che esagerano, paragonandola all’isolette o agli scogli : una delle maggiori in Finmarkia avrà la lunghezza di quaranta in cinquanta piedi romani, la grossezza sarà alquanto più che un uomo possa eguagliare stando in piedi, e col braccio e mano alzati […]13

  • 14 Ibidem, p. 387.

13Egli rivisita anche le immagini tradizionali del cetaceo : «  Non getta l’acqua dunque ad alto per le orecchie, come vien rappresentato da molti anche con le figure, ma bensì per le narici  »14.

  • 15 Ibidem, p. 385.

14Questo episodio costituisce anche una delle rare occasioni in cui il suo spirito scientifico si scontra con la fede. Egli si permette infatti di riflettere sul mito religioso di Jonas che visse nel ventre della balena. In questo caso, senza contraddire la tradizione religiosa, Negri parla di vero miracolo : « […] la gola è così stretta che non può inghiottire un pesce stokfis, anzi né meno un’aringa […] onde il miracolo di Jona è maggiore, anzi può dirsi propriamente miracolo, per la compenetrazione de’ corpi  »15.

  • 16 Ibidem, lettera 7, p. 360 : « Parmi che sarebbe utile universale, che le carte geografiche si cor (...)
  • 17 Ibidem, p. 360 : « Si potrebbe far la prova con modelli artificiali ».

15Le sue acute osservazioni riguardano tutto il campo della scienza. Nella settima lettera preconizza perfino alcune modifiche alle carte geografiche16 ; e ancora, di fronte a fenomeni strani delle maree, nel più puro spirito empirista, propone di fare alcune verifiche attraverso l’uso di modelli riprodotti17.

16La sua passione per le scienze lo induce anche in errore, poiché, in certe occasioni, accorda la sua fiducia a teorie scientifiche moderne, ma erronee, come quando, sempre nella settima lettera, commenta l’apparizione nel cielo norvegese di una stella cometa. Dapprima, con spirito razionale, rassicura un interlocutore sulla diceria che tali fenomeni portino sciagure, ma poi, dandone la spiegazione scientifica, segue la teoria dell’astronomo danese cinquecentesco Tÿcho Brache, oggi considerata errata :

  • 18 Ibidem, pp. 362-363.

Ticho Brache, danese, principe degli astronomi moderni, è d’opinione che queste nuove stelle e comete si producano dalla sostanza dell’etere costipata, la quale termina e rimanda a noi la luce, che riceve dal sole, che prima la penetrava, quando non era costipata.18

  • 19 Ibidem, pp. 364-365.

17Interessato da tutti i fenomeni naturali e astrali, cerca anche una razionalizzazione del fenomeno oggi conosciuto come “aurora boreale”, cui egli non sa dare un nome. Affascinato dai giochi delle luci, tenta di spiegarli, ancora, a dire il vero, senza coglierne le reali ragioni fisiche19.

  • 20 Historia de gentibus septentrionalibus, authore Olao Magno, Gotho, archiepiscopo Vpsalensi, Sueti (...)
  • 21 Ibidem, « Annotazioni sopra l’opera di Olao Magno », p. 414.

18Per quanto le conoscenze scientifiche dell’epoca siano limitate, la sua forma mentis lo spinge costantemente all’analisi sistematica di ciò che incontra. Ciò lo induce anche a criticare il testo scientifico di Olaus Magnus20, autorità cinquecentesca sulla materia della Lapponia. In appendice alle otto lettere, egli aggiunge le « Annotazioni sopra l’opera di Olao Magno ». Con una serie di esempi, Negri constata come i fatti riferiti da Olaus Magnus non siano veritieri ma che si possano riferire spesso al gusto per il favoloso e che si giustifichino per una mancanza di vaglio critico da parte dell’autore. Parlando di pigmei che vanno in guerra e di grifoni che rapiscono cavalli e cavalieri, Negri annota rigoroso : « Le quali cose favolose, se bene egli le avrà lette appresso qualche autore, nondimeno parmi che potrebbe tacerle, o farne constar la verità […] »21. Nelle sue note, Negri attacca solo questo autore, come fosse l’unico che si è espresso sulla materia nordica, eppure un testo scientifico molto esaustivo ad opera di Jean Scheffer aveva visto la luce nel 1673, prima in latino, poi tradotto in tedesco, inglese e francese. Negri non si riferisce mai a questa fondamentale ricerca di cui, come spiegherò ora, doveva sicuramente essere a conoscenza.

Il confronto con il testo scientifico di Jean Scheffer

  • 22 Nel primo tomo compaiono undici testi che hanno per soggetto i paesi nordici, tra cui anche l’Ola (...)
  • 23 Aurelio degli Anzi, Il genio vagante. Biblioteca curiosa di cento e più viaggi stranieri de’ nost (...)
  • 24 Ibidem, vol. 1, p. 40.
  • 25 Il conte adopera la versione francese del testo, la stessa da me consultata : « Storia della Lapp (...)

19Mostrando la sua formazione umanista, Negri cita solo grandi autori classici, come Plinio o Tacito, oppure i testi religiosi, come i Salmi. Senza disperdermi nell’analisi delle possibili fonti del Viaggio Settentrionale, vorrei sottolineare che Negri deve essersi imbattuto nel testo di Scheffer, fondamentale per gli studi lapponi. Infatti, negli anni in cui egli rivede e corregge le sue lettere, nel 1691, a Parma viene pubblicata una raccolta di testi di argomento geografico. Si tratta di : Il genio vagante. Biblioteca curiosa di cento e più viaggi stranieri de’ nostri tempi. Raccolta dal signor Conte Aurelio degli Anzi. Il libro, in due volumi22, raccoglie i sunti di molte opere che si occupano di viaggi e di mondi lontani. Nel primo tomo, una decina di pagine sono dedicate al viaggio settentrionale di Negri, intitolato « Relazione della Lapponia avuta dal Sig. Francesco Negri di Ravenna, il quale penetrò in quelle parti »23, di cui l’autore fa un breve riassunto, basandosi più che su una lettura diretta delle lettere, su alcuni resoconti orali fattigli da Negri stesso in due occasioni, come specificato dall’autore : prima a Roma in occasione del Giubileo del 1675, e poi a Ravenna e a Bologna nel 1676. Forse a causa degli anni che intercorrono tra il racconto e la redazione, il riassunto comporta dei passi che non compaiono nelle lettere di Negri, soprattutto quando il Conte Aurelio degli Anzi si riferisce alle superstizioni locali24. Queste notizie paiono essere state piuttosto prese dal testo di Jean Scheffer di cui l’autore presenta la sintesi subito dopo aver presentato il viaggio di Francesco Negri25. A parte le considerazioni possibili sul carattere dubbiamente scientifico utilizzato dal conte Aurelio degli Anzi, la lettura di questo testo apparso nel 1691 fa pensare che Negri non potesse non essere a conoscenza del volume di Scheffer – recensito insieme al suo –, e che sicuramente ne abbia letto il contenuto per completare la redazione delle sue lettere. In qualche piccola misura si possono anche rintracciare dei passi somiglianti tra le due opere, soprattutto per quel che riguarda la descrizione degli abiti dei lapponi, ma in realtà sono le differenze che servono a far capire in che modo il testo di Negri cambi l’interpretazione delle popolazioni nordiche rispetto agli scritti del XVII secolo.

20Bisogna innanzitutto precisare che il testo di Scheffer ha sicuramente una base scientifica rigorosa e che si tratta di una ricerca che cerca di far luce sulle conoscenze dei popoli artici. Si tratta di uno studio vasto ed esaustivo che si basa su numerose fonti, citate rigorosamente a margine di ogni paragrafo, oltreché sull’esperienza personale dell’autore, come si precisa nella prefazione :

  • 26 La citazione continua : « Il a rapporté très fidèlement ce que les bons Auteurs tant Latins que S (...)

Il s’est servi de tous les moyens qu’il a crû être propres pour découvrir la vérité, ce qu’il a fait avec beaucoup de soin et d’exactitude, n’ayant rien avancé sans de bonnes preuves.26

  • 27 Ibidem, p. 15.

21Nel testo non vengono sostenute tesi incredibili e fantasiose, ma il contenuto è scientificamente attendibile. Ciononostante, questo studio è vittima di qualche pregiudizio : consacra per esempio tutta la prima parte alla presentazione del fisico dei lapponi e poi a quella delle loro superstizioni, traendone giudizi negativi. Già nella descrizione del corpo, l’autore affianca all’essenzialità dei fatti alcuni giudizi di valore soggettivi. Dopo aver specificato che si tratta del popolo più piccolo d’Europa, aggiunge « Les lapons sont laids et courbés »27. A questo commento si aggiunge la descrizione non certo magnanima dell’animo di quelle genti che comincia con i difetti, per approdare solo alla fine alle qualità :

  • 28 Ibidem, pp. 16-17.

Les Lapons sont superstitieux, lâches et craintifs […] Les Lapons sont fort colériques et fort brutaux. […] On ne les peut apaiser lorsqu’on les irrite. […] Les femmes principalement s’emportent jusque à l’excès. […] Les Lapons trompent et mentent. […] Les Lapons aiment à amasser du bien. […] Ils ne veulent pas même prendre soin de leurs troupeaux. […] Cette paresse est cause du peu de charité qu’ils ont pour leurs parents vieux ou malades.28

  • 29 Sul ruolo del Concilio di Trento nella cultura europea e sulla persecuzione delle streghe nel XVI (...)
  • 30 Jean Scheffer, op. cit., p. 61.

22Alle caratteristiche dell’animo seguono gli aspetti pagano-religiosi. Di questi si mette subito in evidenza ciò che deve sembrare riprovevole all’Europa cristiana che ha vissuto tra il XVI e il XVII secolo la distruzione delle forme di paganesimo attraverso la Controriforma del Concilio di Trento, e che sta inoltre conoscendo il secolo più buio per quel che riguarda la persecuzione delle streghe e dei riti considerati magici29. A proposito delle credenze locali, Scheffer precisa che il cristianesimo dei lapponi è solo formale, ma che in realtà in loro restano vivi la cultura della superstizione e il commercio con il demonio30. Ciò sarebbe dovuto alla lontananza fisica che essi hanno dalle chiese, che frequentano poco e con scarso interesse. L’autore cita tutta una serie di superstizioni, dalle più orrende alle più curiose : come quella per cui la donna non deve uscire dalla stessa porta da cui è uscito il marito per andare alla caccia. Ma soprattutto l’autore afferma che, al Dio cristiano, i Sami affiancano altre divinità di cui descrive, in molte pagine e con precisione, il ruolo nel pantheon locale, aggiungendo le forme di culto con cui sono venerate.

  • 31 Ibidem, p. 93.

23Non bastasse quest’elenco di eresie, nel capitolo seguente si affronta il tema dei riti magici, in cui si mette in rilievo l’importanza data alla divinazione ottenuta attraverso l’estasi sciamanica del tamburo, tecnica usata in tre tipi di situazione : per vedere luoghi lontani, per interpretare il futuro di certe situazioni come la caccia o il cambio di residenza, per guarire dalle malattie. In questi riti, secondo l’autore, « le Diable s’est tellement rendu maître de leur esprit, qu’ils voient ces choses, soit qu’ils les veuillent ou ne les veuillent pas voir »31. Per l’autore, l’associazione di pratica sciamanica e di presenza demoniaca è immediata.

24Il libro di Scheffer non presenta solo gli aspetti negativi di questo popolo, ma è chiaro che l’immagine che ne esce è macchiata da evidenti tare.

25Rispetto a queste posizioni, la descrizione di Negri è di tutt’altro tono. Egli, che pur ha vestito l’abito ecclesiastico, minimizza le pratiche sciamaniche dei lapponi : vi consacra poche righe, precisando oltretutto che sono esercitate da pochi e che stanno diminuendo con la diffusione del cristianesimo.

  • 32 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 1, p. 26.
  • 33 Ibidem, p. 79.

26Invece, fin dalla prima lettera, dopo aver presentato l’asprezza del territorio e la difficoltà che esso impone a chi voglia abitarlo, descrive la generosità del popolo che lo ha accolto in modo caloroso, mettendo a sua disposizione con amore e generosità quel poco di cui disponeva. La prima immagine è quindi molto positiva. Negri spende poi molte pagine per sottolineare l’onestà e la fiducia dei Sami. Per quel che riguarda il fisico, nota anche lui la piccolezza della statura, che però associa alla forza e all’ottima salute. Nonostante il freddo intenso, essi : « Mostrano il petto aperto in ogni stagione, come i nostri contadini »32. Egli annota decine di comportamenti che lo stupiscono : i lapponi si vestono di una sola pelle di renna e, in viaggio, con questa sola, dormono la notte sotto uno strato di neve, lasciando scoperti solo il naso e la bocca. Non conoscono le malattie e arrivano sani alla vecchiaia grazie alla morigeratezza dell’alimentazione. Tutto in loro è degno di lode. Se per Scheffer essi sono inclini all’ira, per Negri « […] sono umili e mansueti ; l’umiltà si oppone alla superbia, e la mansuetudine all’ira »33. Questa condizione sarebbe per l’autore non solo una caratteristica del popolo, ma una conseguenza del clima freddo che crea la pace, mentre quello caldo fomenta l’odio e i veleni :

  • 34 Ibidem, p. 80.

[…] faccio riflessione sopra l’eccesso del calore della zona torrida, e l’eccesso del freddo della zona glaciale, e ritrovo che fanno anche contrari gli effetti negli animali : produce quella le tigri, i leoni, le pantere, ed altri animali feroci, draghi e serpenti velenosi ; gli uomini similmente fieri e crudeli sino a mangiarsi gli uni con gli altri : produce questa gli animali piacevoli ; non ci sono i velenosi ; e gli uomini sono pacifici.34

  • 35 Ibidem, p. 80.

27Con questo e altri concetti, Negri introduce nella nostra cultura il mito di questi popoli nordici in cui potrebbe manifestarsi una superiorità etica e civica, tanto da condurlo al commento che : « Pare in un certo modo, che goda delle qualità del secolo d’oro questa nazione, che poco o nulla ha notizia dell’oro »35. La semplicità e la povertà hanno elevato lo spirito di queste genti conducendole a un livello di vita quasi mitologico.

28Negri ne vanta la bontà, il coraggio, la forza di volontà che hanno nell’andare alla caccia della foca, attività che li impegna per mesi in un’impresa lunga e ardua in cui facilmente potrebbero perdere la vita e il cui racconto, che occupa un’intera lettera, ha toni epici ed eroici. L’autore vanta anche la loro straordinaria tempra nell’usare un arco che nessun altro uomo avrebbe la forza di piegare, e loda anche la loro impareggiabile abilità nel colpire il bersaglio.

29Negri ammira estasiato le genti e i luoghi. Davanti ad un paesaggio ostile nota come la Provvidenza divina abbia dato comunque all’uomo i beni sufficienti di cui vivere : in mancanza di alberi da frutto e di campi coltivati ha offerto abbondanza di pesce e la renna, animale che si adatta al territorio e che offre agli abitanti carne, latte e abiti. Lo sguardo di Negri è sempre quello incantato di chi loda l’immensità del Creatore che ha saputo offrire nutrimento ai suoi figli, anche ai più periferici. Le lettere del ravennate vantano anche le virtù dei popoli limitrofi : per lui i finlandesi sono i più valorosi guerrieri dell’esercito svedese, mentre Scheffer li aveva descritti come paurosi e pusillanimi. Degli svedesi stessi ricorda poi la nobile stirpe gotica e l’evolutissimo livello sociale raggiunto. Tutte queste lodi distanziano Negri dagli autori che lo hanno preceduto e, anche se egli è sicuramente a conoscenza dei testi scientifici pubblicati prima delle sue lettere, scrive un testo differente poiché vuole essere portatore di un nuovo messaggio. Ciò appare ancora più evidente se si mette in relazione il suo resoconto con quello di un altro viaggiatore che si inoltrò nel territorio lappone. Si tratta dello scrittore francese Jean François Regnard (1655-1709) che, una quindicina d’anni dopo, intraprese un viaggio simile, pur senza raggiungere Capo Nord.

Le differenze dal resoconto di un altro turista Jean-François Regnard

30La figura di Regnard è ben differente da quella di Negri. Lo scrittore francese proveniva da una famiglia dell’aristocrazia parigina e da piccolo godeva delle simpatie di Luigi XIV in persona. Si sa che fu amante del lusso, del gioco e dei piaceri e che, ingordamente, morì di indigestione. Nel suo percorso di formazione ci furono anche episodi avventurosi. Dopo varie peripezie nel mondo orientale, nel 1681 partì per la Lapponia, in compagnia di due amici francesi. Questo fu il suo ultimo viaggio. Al ritorno si fermò in patria e si dedicò alla scrittura di commedie e ad una vita dissoluta.

31Allo spirito umile, semplice e “francescano” di Negri, si contrappone quello aristocratico e godereccio di Regnard. Forse proprio per questa ragione il racconto della Lapponia del francese presenta alcune importanti dissonanze rispetto alla testimonianza del ravennate.

  • 36 Jean-François Regnard, Voyage en Laponie, précédé de « La Provençale », Paris, Union Générale d’É (...)

32In realtà, il suo resoconto in parte conferma e in parte smentisce quanto detto da Negri. In primo luogo ci offre una simpatica testimonianza del passaggio dell’italiano : Negri racconta infatti di un suo incontro con un cittadino francese che abitava da anni in Lapponia ; Regnard ricorda che incontrò un francese che lavorava in una miniera. Costui lo accolse stupito affermando che nessun compatriota era mai arrivato fino là prima, e che l’unico straniero che aveva visto fino a quel momento era un italiano, passato una quindicina di anni prima. E proprio di Francesco Negri si deve trattare36. Già da questo primo riferimento, il testo di Regnard si mette in relazione con quello di Negri. Un altro collegamento è costituito dalla costruzione del testo che, nei due casi, si indirizza ad un lettore preciso. Come Negri si esprime attraverso lettere, così Regnard si rivolge ad un conoscente che nel testo compare come «  Monsieur  ». Ma a parte queste similitudini, tra i due resoconti si notano soprattutto molte differenze.

  • 37 Ibidem, pp. 108-109 : « Ce furent les premiers Lapons que nous vîmes […]. Nous les considérâmes d (...)
  • 38 Ibidem, p. 109.

33Per spiegarle, mi soffermo su alcuni aspetti di cui ho già parlato in precedenza. La descrizione fisica dei lapponi, per esempio, perde in Regnard la connotazione scientifica per assumere quella burlesca del viaggiatore che ironizza sul popolo inferiore. Dopo aver dissertato sull’aspetto brutto e ridicolo degli individui e degli abiti37, egli chiosa presuntuosamente : « Voilà, Monsieur, la description de ce petit animal qu’on appelle Lapon ; et l’on peut dire qu’il n’y en a point, après le singe, qui approche le plus de l’homme »38. Inoltre, molte pagine oltre, l’autore ritorna sull’argomento per solleticare la curiosità maschile del suo lettore, chiosando con un commento che oggi suonerebbe ben poco corretto, che ci sono, è vero, fanciulle più belle delle altre, ma che queste si possono considerare belle nel solo ambito lappone :

  • 39 Ibidem, p. 173.

[…] vous aurez la curiosité de savoir s’il se trouve des jolies Lapones. […] la nature […] se divertit aussi quelquefois à former des beautés qui sont supportables dans ce même pays. Il est pourtant toujours vrai que ces sortes de personnes, qui surpassent les autres par leur beauté, sont toujours des beautés lapones, et qui ne peuvent passer pour telles que dans la Laponie.39

  • 40 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 1, p. 22.
  • 41 Ibidem, p. 27.

34A questa arroganza corrisponde lo spirito puro e tassonomico di Negri che invece sottolinea le qualità del corpo snello dei lapponi (« Sono tutti asciutti, non ritrovandosi in tutta la Lapponia un grasso »40) e che nota lo spirito di grazia con cui le donne si distinguono nell’abbigliamento rendendosi carine con piccoli e sobri accorgimenti e ammennicoli41.

  • 42 Jean-François Regnard, op. cit., p. 162. Cfr. Scheffer, op. cit., p. 254 : « Les Lapons (parlant (...)

35Regnard è severo anche per quel che riguarda l’indole dei Sami che, alla stregua di Scheffer, considera fannulloni : « […] tous les habitants de ce pays sont naturellement lâches et paresseux […] il n’y a que la faim et la nécessité qui les chassent de leur cabane et les obligent à travailler »42. Questa opinione stride con le strenua operosità che appare in Negri. Inoltre, se Negri minimizza gli atti sciamanici e Scheffer ne tenta una classificazione scientifica, Regnard li esecra e ne ride mostrandoli come pratiche volte al male. Parlando del tamburo afferma :

  • 43 Ibidem, p. 149.

S’ils n’avaient que cet instrument pour exercer leur art diabolique, cela ne ferait de mal qu’à eux-mêmes ; mais ils ont encore un autre moyen pour porter le mal, la douleur, les maladies, et la mort même, à ceux qu’ils veulent affliger. Ils se servent pour cela d’une petite boule de la grosseur d’un œuf de pigeon […].43

36Secondo lui, con il tamburo e con una piccola pietra, i lapponi sarebbero capaci di portare la morte a individui anche molto lontani da loro. L’intenzione malefica è sottolineata nella pratica sciamanica e questa è una novità rispetto allo studio di Scheffer. Ma Regnard, invece di essere intimorito, mette in ridicolo la sacralità della pratica sciamanica. Presenziando ad una cerimonia, ironeggia sulla gestualità, sulla trans medianica, sulle cadute al suolo dello sciamano, e poi, deluso dalla scarsità di informazioni ricevute, commenta con sarcasmo banalizzante che avrebbe voluto sapere qualche informazione piccante sulle dicerie di corte :

  • 44 Ibidem, p. 152.

[…] j’espérais savoir bien des choses. J’aurais appris si mademoiselle… est encore pucelle, et ce qui se passe entre monsieur… et madame… Je lui aurais demandé si monsieur… a dépucelé sa femme depuis trois ans qu’il est avec elle ; si le dernier enfant qu’a eu madame… est de son mari, ou non ; enfin, monsieur, j’aurais su bien des choses qu’il n’y a que le diable qui sache.44

  • 45 Ibidem, pp. 113-114.
  • 46 Ibidem, p. 114.
  • 47 Ibidem, p. 115. L’autore spiega che non gli è stato possibile constatare di persona quest’abitudi (...)
  • 48 Ibidem, p. 166 : « La nuit se passa parmi ces mutuelles douceurs […] Cette confusion règne toujou (...)

37L’autore francese addita poi in più pagine la dabbenaggine della liberalità dei costumi sessuali dei lapponi, anche se poi, per gli episodi più stravaganti, afferma di non aver avuto conoscenza diretta dei fatti. In primo luogo insiste sul fatto che i lapponi non sono interessati alla verginità delle fanciulle ma che anzi, se la giovane ha conosciuto più uomini, magari facoltosi mercanti di passaggio, la reputano interessante, poiché qualche dote deve pur avere per esser piaciuta a uomini importanti : preferirebbero così, anche per il matrimonio, le popolane grasse e navigate, alle magre e ricche vergini45. Vi è poi un’abitudine in particolare che pare incuriosirlo oltremodo. Egli insiste sul fatto che i lapponi non sono gelosi : « La jalousie et la crainte du cocuage ne les troublent pas »46 e che, per dovere d’ospitalità, offrono con enorme piacere a chi rende loro visita le mogli e le figlie. Queste, dal canto loro : « ne font aucune difficulté de vous accorder tout ce que vous pouvez souhaiter »47. L’argomento della sessualità è ripreso quando Regnard testimonia che, dopo le cene, i lapponi si lasciano andare a pubbliche effusioni e che, nella ristrettezza delle piccole capanne, hanno l’abitudine di abbandonarsi alla promiscuità48.

  • 49 Jean Scheffer, op. cit., p. 270.

38Questi comportamenti libertini non trovano alcuna conferma negli altri testi. Di tutt’altro avviso è Scheffer che nel lungo capitolo XXV, dedicato ai matrimoni, sottolinea la castità della donna che, il giorno delle nozze, per pudicizia non parla fino a quando non vi sia stata spinta dai genitori : « Cette retenue passe chez les Lapons pour une marque de pudeur et de chasteté »49, aggiungendo che i Lapponi sono particolarmente gelosi :

  • 50 Ibidem, p. 275.

[…] ils ne peuvent pas souffrir que leurs femmes regardent entre deux yeux les autres hommes, et ils sont si jaloux que si une femme rencontre un homme en son chemin, et qu’elle s’arrête un moment à lui parler, son mari forme aussitôt un mauvais jugement de sa fidélité.50

  • 51 Ibidem, pp. 274-275.

39A proposito dell’onore fatto agli ospiti, cui verrebbero offerte le donne della casa, Scheffer riporta che ha letto in una delle sue fonti che un lappone « fort vicieux » avrebbe offerto sua moglie ad un ospite. Per la qual cosa questi fu giudicato dal prefetto e punito con una tortura consistente nell’essere legato tutta una notte ad un albero, esposto al rigore del gran freddo. In seguito a questo castigo l’uomo fu anche obbligato a riacquistare la sua libertà51. Inoltre, nel capitolo in cui fa la descrizione delle case, Scheffer precisa che le donne hanno un loro spazio riservato e che le madri educano le figlie nel rispetto del pudore e della riservatezza.

  • 52 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 2, p. 111.

40Anche in Negri non troviamo traccia di comportamenti lascivi o libertini. Parlando della semplicità delle abitudini di questi popoli, egli precisa che l’intervento della giustizia è raro, perché rare sono le occasioni di litigio, vista la grande onestà della popolazione, e nota invece che il codice morale è ferreo poiché « l’adulterio qui è punito con la pena di morte »52. Mi pare quindi di poter affermare che Regnard non abbia intenzioni scientifiche, né moralizzanti, ma che voglia piuttosto divertire il suo pubblico sostituendo ai mirabilia della natura quelli più moderni della società. Il suo testo serve così a mettere in valore l’operazione culturalmente ben più autorevole di Negri.

*

41Proprio le intenzioni del testo differenziano le testimonianze che ho riportato. Francesco Negri fu sicuramente ammirativo nei confronti delle popolazioni che vide e volle trasmettere il suo messaggio alle civiltà mediterranee. Il suo resoconto, che intende essere scrupoloso e il più possibile scientifico, è portatore di una serie di novità : è dapprima una testimonianza diretta che permette di rileggere gli studi apparsi fino a quel momento ; è poi anche un testo che mostra la dignità e la forza delle popolazioni semplici del Nord, nel momento in cui le fastose corti di lunga tradizione potevano sorridere della vita dura e morigerata che conducevano gli abitanti del Circolo polare artico. È infine un testo che ha contribuito a mettere al centro del mondo, ben prima dell’arrivo della cultura romantica, le lande nordiche del pianeta.

Haut de page

Notes

1 « Molti credono che la terra del Polo, sede del vento di tramontana, sia sepolta dal freddo eterno, e sia sterile, deserta e inabitabile ; invece, in Lapponia, si può notare la presenza di una flora dolce e piacevole che si distingue per le singolari doti del proprio suolo ».

2 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, Bergamo, Leading edizioni, 2000 [Ferrara, 1700].

3 Joannis Schefferi, … Lapponia, id est, Religionis Lapponum et gentis nova et verissima descriptio …, Francofurti : ex officina C. Wolffii, 1673. Di questo testo citerò la traduzione in francese : Jean Scheffer, Histoire de la Laponie, sa description, l’origine, les mœurs. La manière de vivre de ses habitans, leur religion, leur magie, et les choses rares du païs. Traduites du latin de Monsieur Scheffer, par L. T. A. L. géographe ordinaire de sa Majesté, Paris, Chez la veuve Olivier de Varenne, M DC LXXVIII.

4 Della riverenza dovuta a’ sacri tempii, e del modo più facile, et efficace per conseguirla, Discorso pratico di D. Francesco Negri Paroco in Ravenna. Venetia, 1688, presso Pietr’Antonio Bigonci.

5 Cf. a questo proposito l’articolo di Vera Nigrisoli Wärnhjelm, Francesco Negri e le edizioni della sua opera Viaggio Settentrionale, pubblicato negli Atti del VI Congresso degli Italianisti ScandinaviLund, 16-18 agosto 2001, a cura di Verner Egerland e Eva Wiberg, Lunds universitet, 2003, pp. 350-360.

6 Il nome della popolazione è Sami. Nei testi da me consultati si offrono diverse ipotesi sull’origine del termine lappone di cui si sa certamente che è un nome attribuito ai Sami dagli altri popoli con valore sempre spregiativo. La soluzione più probabile è forse quella dell’origine svedese del termine con il significato di pezza, pezzenti, poiché i Sami vestivano con abiti poveri.

7 Questa lettera è di gran lunga la più lunga di tutte ed è una continua lode dei meriti della nazione, del popolo, del governo svedesi e della qualità della vita di quel paese, dal punto di vista sia dell’organizzazione sia della qualità della vita : « sì che io credo che in nessun altro paese sia lo stato dei contadini in tanta stima, come in Svezia ». (Negri, p. 99) ; o ancora « Non usano medico […] superano ogni altra nazione d’Europa più meridionale in lunghezza di vita » (Negri, p. 107) ; « […] non sia paese al mondo più atto ai latrocinii, e dove meno si commettano, e molto meno gli assassinamenti » (Negri, p. 111) ; ecc. Grazie a tutte queste lodi Negri contribuisce a fondare il mito dei popoli nordici.

8 Oggi la maggior parte del territorio lappone appartiene allo stato finlandese che all’epoca non esisteva. Il territorio finlandese è stato per secoli occupato in proporzione variabile dalla Svezia e dalla Russia.

9 Si tratta dell’edizione anastatica di questa versione del 1883, con una lunga prefazione di Carlo Gargiolli, che cito nel mio studio. Mi sono basato anche sull’edizione pubblicata a Milano per le edizioni Alpes nel 1929 e curata da Enrico Falqui. Non ho invece tenuto conto dell’edizione che comparve a Forlì nel 1701, presente alla biblioteca nazionale di Roma e rintracciabile solo nel catalogo cartaceo (non in quello informatizzato). Questa edizione è stata considerata “falsa” dalla critica.

10 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 4, pp. 261-282.

11 Secondo i testimoni, nel giro di qualche ora, il morto comincia a espellere l’acqua e ritorna alla vita.

12 Ibidem, lettera 4, p. 268.

13 Ibidem, lettera 8, p. 385.

14 Ibidem, p. 387.

15 Ibidem, p. 385.

16 Ibidem, lettera 7, p. 360 : « Parmi che sarebbe utile universale, che le carte geografiche si correggessero in queste due parti ».

17 Ibidem, p. 360 : « Si potrebbe far la prova con modelli artificiali ».

18 Ibidem, pp. 362-363.

19 Ibidem, pp. 364-365.

20 Historia de gentibus septentrionalibus, authore Olao Magno, Gotho, archiepiscopo Vpsalensi, Suetiae e Gothiae primate, Antuerpiae : apud Ioannem Bellerum, sub insigni Falconis, 1562.

21 Ibidem, « Annotazioni sopra l’opera di Olao Magno », p. 414.

22 Nel primo tomo compaiono undici testi che hanno per soggetto i paesi nordici, tra cui anche l’Olanda e la Groenlandia, e poi sei sintesi riguardanti il Medio Oriente e l’Africa. Nel secondo tomo, sono raccolti venti resoconti che vanno dalla Persia alla Cina, al Rio delle Amazzoni.

23 Aurelio degli Anzi, Il genio vagante. Biblioteca curiosa di cento e più viaggi stranieri de’ nostri tempi. Raccolta dal signor Conte Aurelio degli Anzi, Parma, 1691, pp. 30-41

24 Ibidem, vol. 1, p. 40.

25 Il conte adopera la versione francese del testo, la stessa da me consultata : « Storia della Lapponia e de’ suoi abitanti, tratta dall’opera latina del Sig. Scheffero dal P. Lubin, e recata nella lingua Francese. Parigi, per la vedova Varennes, 1678 in 4 », in Il genio vagante, cit., pp. 42-52.

26 La citazione continua : « Il a rapporté très fidèlement ce que les bons Auteurs tant Latins que Suédois ont écrit des Lapons : on lui a communiqué d’excellentes mémoires. Il a fouillé dans les Archives du Royaume de Suède, et a tiré des actes publics et authentiques tout ce qui pouvoit servir à son sujet. Il a eu plusieurs conférences avec des Lapons ; il s'est entretenu non feulement avec leurs Prêtres qui sont leurs Directeurs spirituels, mais aussi avec leurs Préfets ou Intendants qui estoient préposez pour les gouverner. Enfin il a pris la peine de vérifier les cabinets des Curieux, de dessiner lui-même les figures, et de faire un amas de tout ce qu’il a pu trouver de rare, afin de représenter toutes choses exactement, et d’en écrire avec plus de certitude ». Cf. Jean Scheffer, Histoire de la Laponie, cit., prefazione, s. n. p.

27 Ibidem, p. 15.

28 Ibidem, pp. 16-17.

29 Sul ruolo del Concilio di Trento nella cultura europea e sulla persecuzione delle streghe nel XVII secolo si vedano, tra gli altri : Giuseppe Farinelli, Ermanno Paccagnini, Processo per stregoneria a Caterina de Medici 1616-1617, Milano, Rusconi, 1989 ; Natale Benazzi-Matteo D’Amico, Il libro nero dell’Inquisizione, Casale Monferrato, Piemme, 1998 ; Kurt Baschwitz, Procès de sorcellerie, Paris, Arthaud, 1973 ; Roland Villeneuve, Les procès de sorcellerie, Paris, Payot, 1979 ; Francisco Bethencourt, L’inquisition à l’époque moderne. Espagne, Portugal, Italie – XVe-XVIe siècles, Paris, Fayard, 1995 ; Guy Bechtel, La sorcière et l’Occident, Paris, Plon, 1997.

30 Jean Scheffer, op. cit., p. 61.

31 Ibidem, p. 93.

32 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 1, p. 26.

33 Ibidem, p. 79.

34 Ibidem, p. 80.

35 Ibidem, p. 80.

36 Jean-François Regnard, Voyage en Laponie, précédé de « La Provençale », Paris, Union Générale d’Éditions, 1963, pp. 85-206, p. 104.

37 Ibidem, pp. 108-109 : « Ce furent les premiers Lapons que nous vîmes […]. Nous les considérâmes de la tête jusqu’aux pieds. Ces hommes sont faits tout autrement que les autres. La hauteur des plus grands n’excède pas trois coudées ; et je ne vois pas de figure plus propre à faire rire. Ils ont la tête grosse […] Leur habit est fait d’une peau de renne faite comme un sac […] ».

38 Ibidem, p. 109.

39 Ibidem, p. 173.

40 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 1, p. 22.

41 Ibidem, p. 27.

42 Jean-François Regnard, op. cit., p. 162. Cfr. Scheffer, op. cit., p. 254 : « Les Lapons (parlant en général) aiment à ne rien faire, et ils ne s’appliquent jamais au travail, qu’ils n’y soient contrains ou par la nécessité, ou par faute de vivres. Ils semblent avoir retenu ce naturel fainéant de leurs Ancêtres les Finnons […] ». La critica di Regnard ha considerato che, per la sua redazione, l’autore sia stato notevolmente influenzato dal testo e dalle opinioni di Scheffer. Cfr. Jean-Clarece Lambert, Présentation de J.-F. Regnard, Voyage en Laponie, cit., p. 14.

43 Ibidem, p. 149.

44 Ibidem, p. 152.

45 Ibidem, pp. 113-114.

46 Ibidem, p. 114.

47 Ibidem, p. 115. L’autore spiega che non gli è stato possibile constatare di persona quest’abitudine.

48 Ibidem, p. 166 : « La nuit se passa parmi ces mutuelles douceurs […] Cette confusion règne toujours parmi les Lapons ; et un marié ne couche pas seulement avec sa femme le premier jour de ses noces, mais avec toute la famille généralement ».

49 Jean Scheffer, op. cit., p. 270.

50 Ibidem, p. 275.

51 Ibidem, pp. 274-275.

52 Il viaggio settentrionale di Francesco Negri, cit., lettera 2, p. 111.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Stefano Magni, « Il viaggio settentrionale di Francesco Negri », Italies, 17/18 | 2014, 77-96.

Référence électronique

Stefano Magni, « Il viaggio settentrionale di Francesco Negri », Italies [En ligne], 17/18 | 2014, mis en ligne le 15 décembre 2014, consulté le 30 mars 2017. URL : http://italies.revues.org/4663 ; DOI : 10.4000/italies.4663

Haut de page

Auteur

Stefano Magni

Aix Marseille Université, CAER (Centre Aixois d’Études Romanes), EA 854, 13090, Aix-en-Provence, France.

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org