Navigation – Plan du site
En voyage... Inédits

Ferries for Procida

Alessandro Marignani
p. 869-871

Texte intégral

1La maggior parte dei posti del mondo, per arrivarci, basta declinare l’atto di andare. Ci sono poi alcuni, rari luoghi dove il semplice « andare » permette forse l’arrivo, ma non il completo raggiungimento. Sono appunto – insisto – luoghi dove non si va, ma che si possono solo (al limite, e con fatica) raggiungere. L’ambigua sinonimia di alcune preposizioni italiane (povere non certo nel numero, ma almeno nell’uso) non ci permette di apprezzare fino in fondo, nella sinteticità imposta dalla lingua, questa essenziale sfumatura. L’incertezza semantica di questi atomi del discorso è di solito risolta dal contesto : come nel caso della preposizione « di », oscillante tra l’appartenenza e la materia, oppure « a », contesa tra l’ora, il luogo e il destinatario di un gesto.

2A volte, tuttavia, tali elementi accessorî non soccorrono chi riceve certi messaggi ; anzi, l’uso appiattito ne satura le sfumature, l’usura linguistica ne amputa le frange, e il senso profondo di un’espressione semplice come « Traghetti per Procida » viene criptato, quasi irrimediabilmente, dalla caduta del verbo – che forse però avrebbe indicato, detto, spiegato fin troppo, con più platealità che finezza.

3Per fortuna, sul pannello esplicativo degli orari dei trasporti, all’inevitabile enigmaticità dell’italiano una seconda lingua ha imposto un’insperata chiarezza : e si capisce bene che questi « Ferries for Procida » hanno una mendace, o meglio occulta, corrispondenza in quei « Traghetti per Procida ». « For », e non banalmente (come ci saremmo aspettati nella banale circostanza di acquistare un banale biglietto andata e ritorno) « to ».

4La sinopia eterolinguistica rivela il senso di cui, nel solo italiano, non rimaneva neppure la traccia opaca dell’ambiguità, abraso com’è da un’abitudine comunicativa forse superficiale, di certo approssimativa. Ora è chiaro : quel « per » non indica direzione ma vantaggio. Non unisce due punti, ma sottomette un primo grado al secondo, non definisce un moto ma un’intenzione, non una direzione geografica conchiusa ma uno sviluppo interiore, emotivo, cognitivo – sviluppo che, per definizione, è sempre in fieri.

5La frase in inglese, perentoriamente liberata dall’utilitarismo asciutto del semplice moto, si gonfia di allusioni, gioca con il significato che, aperto su arcipelaghi di possibilità, non mette a fuoco un valore, ma si sfuma tra diversi nuclei d’idee. Non ha senso cercare di decifrare in modo univoco quel « Ferries for Procida », proprio perché quella preposizione sfugge ogni univocità : dobbiamo anzi lasciare l’espressione aperta, e lasciarvi entrare ogni possibile suggestione.

6Forse i « Ferries » sono « going for Procida », cioè mi permettono di andare ad occuparmi di Procida, anzi a farmi occupare da Procida, a farmene assediare ed espugnare.

7Questo moto, che appunto è già fisico e psicologico insieme, si sovrappone, nell’incastro dei sensi, a un « forgoing Procida », che poi magicamente ritrova, allo stesso tempo, le ragioni e i motivi che hanno dettato tanta laconicità al geloso redattore del segnale in italiano (omettere, tralasciare), e le conseguenze a cui si dovrà piegare chi vi viaggia : arrendersi, cedere.

8È nella formula inglese, poi, o anzi in queste sue rifrazioni, che l’ultimo senso comprova lo spunto iniziale : per quanto foregoing vuol dire andare senza, è confermata di Procida la natura di luogo dove non si può semplicemente andare, poiché il semplice andare implica un accumulo (di chilometri, di biglietti, di tempo trascorso, di fotografie, di esperienze fatte), mentre qua si allude ad una privazione, una spoliazione necessaria, una rinuncia. E la prima, la più evidente (e inevitabile, identica per chiunque) è appunto la rinuncia all’arrivo, al fatto che Procida, il suo molo, possano essere il punto terminale del nostro viaggio.

9Procida non è l’approdo, ma lo scopo a cui i traghetti soli non sono sufficienti. Ci sono navi, o treni, o aerei, che arrivano ad un luogo, ad una città. Ma questi traghetti qui, ora ci è chiaro, vengono per te, Procida : non sono il mezzo per arrivare ad un luogo, per arrivare da te, ma solo l’inizio del viaggio per poterti raggiungere, trovare, afferrare, per poter arrivare davvero ; perché Procida non è solo un luogo, ma soprattutto una dimensione, un significato – che non avviene, ma a cui si perviene ; che non si impone, non si rivela, ma che promana, che pervade, che permea, piano piano, certi spiriti singolari – tutti gli Arturo che qui, a lei, si sappiano abbandonare, che alla linearità del viaggio abbiano saputo sostituire lo sprofondamento del viaggiare, alla direzione l’intenzione, all’attenzione la tensione, al tragitto il progetto.

10Non è separata e unita a noi nello spazio dell’a, ma è immersa eternamente nell’eventualità del per. Procida è uno di quei luoghi originari a cui possiamo solo pervenire, e da cui si può solo provenire : uno di quei luoghi che ci permettono, ci persuadono, ci permangono, ci persistono, ci prevaricano ; uno di quei luoghi a cui non si può arrivare, ma per cui si può, sempre e soltanto, ritornare.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alessandro Marignani, « Ferries for Procida », Italies, 17/18 | 2014, 869-871.

Référence électronique

Alessandro Marignani, « Ferries for Procida », Italies [En ligne], 17/18 | 2014, mis en ligne le 15 décembre 2014, consulté le 24 mai 2017. URL : http://italies.revues.org/4996 ; DOI : 10.4000/italies.4996

Haut de page

Auteur

Alessandro Marignani

Aix Marseille Université, CAER (Centre Aixois d’Études Romanes), EA 854, 13090, Aix-en-Provence, France.

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org