Navigazione – Mappa del sito
Le Fascisme évidemment...

L’immagine del soldato ne La misteriosa fiamma della regina Loana di Umberto Eco

Giuseppe Lovito
p. 197-216

Abstract

In questo romanzo, il libraio antiquario Yambo, dopo essersi risvegliato dal coma privo di memoria, cerca di ritrovare la sua identità perduta grazie ad una immersione totale nei ricordi giovanili risalenti all’epoca fascista. Leggendo libri e ascoltando canzoni di quegli anni, ricostruisce un clima ideologico e culturale, caratterizzato da nazionalismo, militarismo, messaggi propagandistici, ma anche da forme d’intrattenimento culturale più “leggere”. Immerso in un tale contesto, il protagonista analizza, a mano a mano che i ricordi gli ritornano alla mente, gli eventi che hanno segnato profondamente la sua vita. Così facendo, comprende che la scelta di rifugiarsi nel mondo più rassicurante dei libri antichi era dipesa soprattutto dal desiderio di fuggire dalla realtà oppressiva e insensata, rappresentata dal fascismo. In questo senso, la figura del soldato svolge un ruolo importante nel processo di ricostruzione della sua storia, perché uno degli eroi dell’amata letteratura popolare, Flash Gordon, diventa il soldato protagonista della sua personale “guerra di liberazione” dai ricordi più dolorosi, nel tentativo estremo di riconciliarsi con se stesso e con la realtà.

Torna su

Testo integrale

  • 1   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, Milano, Bompiani, 2006 [2004], p. 65.
  • 2   Sin dalle prime pagine, il narratore, attraverso continue anticipazioni, richiama l’attenzione d (...)

1L’immagine del soldato, che emerge dalla lettura de La misteriosa fiamma della regina Loana, quinta fatica narrativa di Umberto Eco, si inserisce nell’ambito della ricostruzione che Giambattista Bodoni, detto Yambo, fa della sua identità e del sistema culturale italiano durante gli anni del fascismo. Il romanzo si apre con L’incidente, la prima delle tre parti di cui esso si compone, in cui il protagonista-narratore racconta a ritroso la sua storia, che inizia quando, tre mesi prima, nell’aprile del 1991, dopo un periodo di coma, egli si risveglia privo di memoria. Non ha coscienza di chi sia e, in ospedale, Gratarolo, il medico che lo visita, constata che il paziente ha perso la memoria autobiografica, relativa ai suoi dati e ricordi personali, ma conserva la memoria semantica, che riguarda le conoscenze e le informazioni acquisite per via culturale. Difatti, le prime parole che Yambo pronuncia sono citazioni di opere letterarie, di cui è un grande lettore e intenditore – di mestiere fa il libraio antiquario, – e che costituiscono i suoi « soli fanali nella nebbia 1 », gli unici punti di riferimento in grado di farlo orientare in un mondo percepito come estraneo e ostile 2.

2Affinché possa recuperare la sua identità perduta, la moglie Paola, psicologa, consiglia all’eroe smemorato (classe 1931) di recarsi a Solara, il paesino, situato tra Langhe e Monferrato, in cui sorge la vecchia casa familiare di campagna, dove, avendo trascorso alcuni anni della sua infanzia e adolescenza, Yambo può consacrarsi ad una totale immersione nel suo passato. Infatti, vi ritrova, perché conservati dal nonno, i manuali e i quaderni scolastici, i fumetti, i racconti e i romanzi che ha letto da piccolo e che riescono a far riattivare in lui il ricordo di fatti risalenti a quel periodo.

  • 3   Cfr. Emilio Gentile, La via italiana al totalitarismo. Il partito e lo Stato nel regime fascista(...)

3Consultando questi ed altri documenti dell’epoca con lo scopo di fare luce su se stesso, il protagonista è portato a interrogarsi sulla formazione che il sistema educativo fascista impartiva ai giovani. Più precisamente, si rende conto che la loro educazione rifletteva l’ideale militarista del regime. Come spiega Emilio Gentile nel suo libro La via italiana al totalitarismo  3, tale educazione, dispensata mediante il ricorso ad una propaganda e ad una retorica, tanto altisonanti quanto povere di contenuti, li istruiva, in effetti, a essere come dei veri soldati al servizio del bene della Patria. Inquadrati in organizzazioni di tipo paramilitare, come la Gioventù Italiana del Littorio, sin dalla più tenera età, i ragazzi venivano educati, sia per mezzo dell’insegnamento scolastico che tramite la pratica sportiva e le esercitazioni pubbliche, ad una ferrea disciplina e alla cieca osservanza della dottrina fascista, che li preparavano a diventare i paladini del Duce pronti a combattere e a morire per l’Italia.

4Tuttavia, a mano a mano che esamina il materiale di quegli anni, Yambo nota che, parallelamente a questa formazione rigida e monolitica, il fascismo permetteva alla gioventù littoria di dedicarsi a svaghi e divertimenti non proprio in linea con il rigore dell’ortodossia. Infatti, scopre, per esempio, che esso tollerava la diffusione di canzoni, film e libri stranieri, soprattutto francesi, inglesi e americani, che però, a causa del nazionalismo imperante, subivano, in molti casi, un processo di italianizzazione forzata, che riguardava anche altri ambiti della società.

5Come sarà illustrato meglio in seguito, dietro l’immagine di un’istruzione statale piuttosto omogenea, Yambo osserva, al contrario, l’esistenza di forme di cultura “popolare” varie e diversificate nei contenuti, che circolavano accanto a e, a volte, in contrasto con le forme e i temi della cultura “ufficiale”, diretta espressione dell’ideologia dominante. Dal punto di vista politico e culturale, quest’ultima era caratterizzata, da un lato, dal mito della guerra rivoluzionaria, dalla venerazione del dio-duce-Stato, dal rifiuto della modernità capitalistica, ecc.; dall’altro, dal mantenimento dell’ordine sociale e morale, dal riconoscimento del cattolicesimo come sola religione ammessa, dal culto della tradizione di Roma antica, ecc.

6In quest’ottica, la ricostruzione, fatta dal narratore, del sistema educativo e ideologico fascista, nel quale egli ravvisa tali aspetti apparentemente contraddittori, costituisce – secondo il nostro punto di vista – una tappa fondamentale del processo di riappropriazione della sua identità. Infatti, – come vedremo – è soprattutto nel rapporto conflittuale tra il rifiuto di una realtà, intesa come oppressiva e insensata, e il rifugio in un mondo idealizzato, considerato come dimensione autentica e rassicurante, che consiste la caratteristica principale della personalità e della vita di Yambo. Questi, attraverso il recupero del suo passato più doloroso, vissuto proprio durante gli anni del fascismo e della Seconda Guerra mondiale, tenterà di ricostruire sia l’una che l’altra. Ma la sua ricerca lo porterà a confrontarsi con due eventi che, verificatisi esattamente in quel periodo, lo hanno segnato profondamente: la “notte del Vallone” e l’amore non corrisposto per Lila. Una volta analizzati, capirà, infine, che sono state le conseguenze drammatiche, sul piano affettivo ed esistenziale, di questi due episodi che lo hanno fatto allontanare dalla realtà e lo hanno spinto verso il mondo più confortante e soddisfacente dei libri, in modo particolare di quelli antichi.

7Alla luce di tutto ciò, la figura del soldato svolge un ruolo importante nella vicenda di Yambo, perché – come avremo modo di spiegare successivamente – uno degli eroi della sua amata letteratura popolare, Flash Gordon, diventerà il soldato protagonista sia della sua personale “guerra di liberazione” dall’oppressione della propaganda fascista, che gli permetterà di formarsi una vera coscienza civile, che della sua onirica battaglia amorosa, che gli consentirà di provare a riconciliarsi con se stesso e con la realtà, attraverso il ricongiungimento ideale con la ragazza amata in gioventù.

L’immagine ambivalente dell’educazione militarista fascista

  • 4   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 114. L’espressione flatus voc (...)

8Nella seconda parte del romanzo, intitolata significativamente Una memoria di carta, il protagonista – come si è già accennato – si dà alla ricostruzione di se stesso, a cominciare dalle testimonianze scritte della sua fanciullezza che rinviene nel solaio della casa. Lanciandosi, quindi, in quella che, parafrasando Proust, potremmo chiamare la recherche de la mémorie perdue, progressivamente riesce a dissotterrare, aprendo vecchi armadi e cassoni, il suo cospicuo tesoro di carta. La consultazione di questo patrimonio, fatto di giornalini, albi di fumetti, riviste, libri ed altro ancora, favorisce la rievocazione di nomi e fatti che hanno per lui il sapore dell’infanzia. Al termine di questa prima ricognizione, però, Yambo inizia a rendersi conto, con un po’ di amarezza, che i ricordi riattivati non riguardano il suo vissuto personale, ma è come se «riaffiorassero frasi, sequenze di parole, scritte su un racconto letto una volta. Flatus vocis » 4.

  • 5   Ciuffettino è il protagonista di alcuni romanzi, tra cui Le avventure di Ciuffettino (1902), Ciu (...)

9Successivamente, scartabellando una nutrita raccolta di romanzi polizieschi e d’avventura, che gli parlano di storie di ladri, criminali o ribelli, come Fantômas, Rocambole, Lupin, Ciuffettino 5, ecc., Yambo manifesta la sua perplessità circa la liceità di queste letture, i cui contenuti anticonformisti lo colpiscono, perché contrastano apertamente con l’idea che si sta facendo di sé, cioè di un ragazzino rispettoso della morale cattolica e dell’istruzione fascista.

  • 6Ibidem, p. 138.

Per il momento il mio problema era tuttavia un altro. Se avevo letto tutte quelle storie, se avevo certamente visto tutte quelle copertine, come potevo accettare che primavera vien cantando? Avevo forse una istintiva capacità di scindere l’universo dei buoni sentimenti famigliari da quelle avventure che mi parlavano di un mondo crudele modellato sul Gran Guignol, un universo di dilaniamenti, scorticature, roghi e impiccagioni 6?

10Inoltre, proseguendo la sua quête, mentre legge narrativa d’avventura di autori stranieri, come Dumas (padre) e Verne, il narratore si interroga sulla rigorosa e monocorde educazione nazionalistica. Da questo punto di vista, il capitolo sette, Otto giorni in una soffitta, si rivela molto importante. Infatti, in esso il protagonista comincia a maturare l’idea secondo la quale la sua formazione giovanile non si sia realizzata solo su manuali scolastici, inneggianti al culto dell’eroismo e della grandezza patria, o su libri ispirati da buoni sentimenti religiosi e morali, ma anche e soprattutto su romanzi, racconti, fumetti e giornalini, che gli narravano di geni del male, pirati, delinquenti, assassini e che erano, in prevalenza, di origine francese, inglese e americana.

  • 7Ibidem, p. 166. È interessante notare che alcune parole particolarmente evocative esercitano in (...)

11Tuttavia, dopo le prime tre settimane di scavo nelle pieghe più recondite della sua memoria difettosa, Yambo constata che il metodo adottato, consistente nella consultazione casuale dei documenti che di volta in volta trovava, non gli ha permesso di delineare un quadro preciso e cronologico delle letture che aveva fatto nel corso di quegli anni. Per di più, sottolinea nuovamente che i ricordi, lungi dal richiamare alla mente autentiche esperienze private, «erano ancora una volta parole che richiamavano altre parole 7» e che si riferivano sempre a fatti dell’immaginario collettivo.

  • 8 Ibidem, p. 179.

12Pertanto, decide di procedere nella sua inchiesta seguendo un andamento temporale e riprende il lavoro partendo dagli anni Trenta e Quaranta, quelli della scuola elementare e media. Selezionati gli scatoloni contenenti i giornali, le riviste, i manifesti e i libri di quel periodo, si sistema comodamente nello studio del nonno dove, messo in funzione il vecchio grammofono, «col metodo di uno storico, controllando le testimonianze per confronto reciproco 8», si dedica all’analisi del materiale raccolto, lasciandosi trasportare dalle melodie dell’epoca.

13Gettandosi a capofitto in questa impresa appassionante, che lo tiene impegnato per giornate intere, Yambo riesce a ricostruire il clima culturale e l’ideologia politico-sociale allora dominanti. E, nel fare ciò, si accorge di alcuni aspetti, a prima vista, contraddittori, riguardanti l’educazione militarista fascista, che lo lasciano un po’ perplesso. Essi consistevano nel fatto che, sui manuali scolastici, la gioventù littoria, da un lato veniva a conoscenza di edificanti storie di eroismo e di entusiasmanti vittorie militari, dall’altro apprendeva insegnamenti religiosi che raccomandavano la pace, la fratellanza e l’amore. Infatti, a tal proposito, Yambo si sofferma a riflettere su alcune pagine di un sussidiario in cui, per spiegare ai bambini delle elementari le lettere e i fonemi dell’alfabeto, si faceva largo uso di esempi, come Balilla, Benito, Eja Eja Alalà! (celeberrimo grido di guerra dannunziano), gagliardetto, battaglia, mitraglia, e in cui figuravano anche preghiere all’Angelo Custode.

  • 9 Ibidem, p. 186.
  • 10   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 114. L’espressione flatus voc (...)

14Come se non bastasse, in un altro libro nota che c’erano pagine in cui, per esaltare le qualità di cui un giovane milite fascista doveva essere dotato, erano riportate «solo storie di azioni gloriose della prima guerra mondiale, con immagini che mostravano i nostri fanti sul Carso nudi e muscolosi come gladiatori romani 9», mentre «in altre pagine apparivano, per conciliare il Balilla con l’Angelo, racconti sulla notte di Natale, pieni di dolcezza e bontà» 10.

15Contemporaneamente, il protagonista riscontra ambiguità simili anche nelle canzoni (inni del regime, canti di guerra o pezzi di musica leggera) che ascolta come sottofondo alle letture. Da una parte, i canti fascisti, come Giovinezza e l’inno del Balilla, facevano riferimento a prodi legionari e a intrepide camicie nere pronte a morire per il Duce, ad azioni ardite e a battaglie leggendarie, così come la canzone del Camerata Richard, il leale e valoroso militare nazista, suonava come un omaggio all’alleanza con la Germania. Dall’altra, brani dai toni molto meno eroici, come per esempio la canzone Lili Marleen, la quale raccontava di un soldato tedesco, triste e malinconico, che sognava di ritornare dalla sua amata. Brani di questo tipo – commenta il narratore – non potevano certo essere considerati dei validi esempi di fierezza militare. E se, nonostante le disfatte subite in Cirenaica e ad Addis Abeba, si continuavano a mandare in onda canzoni, quali La saga di Giarabub e Adesso viene il bello che, rispettivamente, esaltavano la strenua resistenza delle truppe italiane, assediate dagli inglesi nell’omonima oasi in Libia, e inneggiavano alla vittoria imminente contro l’Inghilterra, era evidente – conclude Yambo – che:

  • 11Ibidem, p. 199.

Tutta la propaganda eroica di cui venivamo nutriti alludeva a una frustrazione. Che cosa voleva dire il ritornello “Ritorneremo!” se non che si auspicava, si sperava, si confidava di tornare là dove si era stati sconfitti 11?

  • 12Ibidem, p. 189.
  • 13Ibidem, p. 191.

16Come deduce giustamente il protagonista, i mezzi di comunicazione utilizzati dal fascismo a fini propagandistici, pur di minimizzare le sconfitte del proprio esercito e la superiorità dei nemici, cercavano di diffondere tra la popolazione italiana uno spavaldo ottimismo circa le sorti della guerra, sfruttando una retorica che si avvaleva delle forme e dei temi più disparati. Questi andavano dall’esaltazione della razza italica, forte e coraggiosa – contrapposta a quella anglosassone, pavida e vile, – all’elogio delle donne italiane, «dal seno grosso e dalle curve morbide, splendide macchine per far figli opposte alle ossute e anoressiche miss inglesi, e alla donna-crisi di plutocratica memoria 12»; dalla magnificazione del profilo virile di Mussolini, che, sulla copertina della rivista Tempo, brandendo alta la spada, invitava alla guerra, alla derisione caricaturale di cui erano oggetto i capi delle nazioni nemiche, Re Giorgetto d’Inghilterra, il ministro Ciurcillone, «Rusveltaccio e il terribile Stalino, l’orco rosso del Cremlino» 13.

  • 14   Come nota persuasivamente Pegorari, «[...] è evidente che il romanzo assume il carattere di un’a (...)

17Leggendo i giornali e i libri scolastici di quegli anni, ascoltando i canti guerreschi e i brani di musica popolare, Yambo si rende conto che la propaganda bellica, che era parte integrante di una precisa strategia ideologica del regime, serviva a distogliere l’attenzione degli italiani dai problemi che realmente attanagliavano il paese. Infatti, rileva che, per raggiungere questo scopo, il fascismo impiegava vari mezzi e strategie: innanzitutto, la manipolazione delle informazioni, con la quale faceva credere all’opinione pubblica che la guerra andava a gonfie vele, quando invece le truppe italiane subivano sconfitte su più fronti; in seguito, la retorica dell’eroismo, legata alla celebrazione del coraggio e del sacrificio per la patria, che aveva come effetto di far accrescere il nazionalismo e la percezione della grandezza dell’Italia; e, infine, la diffusione di storie, immagini e canzoni autocelebrative o spensierate, il cui obiettivo era di narcotizzare le coscienze, soffocandole in un’apparente atmosfera di gaia e rasserenante tranquillità 14.

L’immagine ambivalente dell’ideologia politica e culturale fascista

  • 15   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 202.

18Alla fine di questa indagine, Yambo ha l’impressione che, a causa dei messaggi propagandistici politici e culturali, era come se, all’epoca, il regime e la nazione facessero parte di due mondi diversi e in contrasto tra loro, come se «la vita scorresse su due binari, da un lato i bollettini di guerra, dall’altro la continua lezione di ottimismo e gaiezza diffusa a piene mani dalle nostre orchestre» 15. A questo punto, si chiede perplesso e disincantato:

  • 16 Ibidem, p. 202 e 204.

Quante anime aveva il regime? Infuriava sotto il sole africano la battaglia di El Alamein, e la radio intonava voglio vivere così col sole in fronte e felice canto, beatamente. Entravamo in guerra con gli Stati Uniti, i nostri giornali celebravano il bombardamento giapponese di Pearl Harbor, e andava in onda sotto il cielo delle Hawaii, se in una notte scenderai, il paradiso sognerai (ma forse il pubblico della radio non sapeva che Pearl Harbor era nelle Hawaii e che le Hawaii erano territorio americano). [...]
E io, io, come vivevo questa Italia schizofrenica? Credevo nella vittoria, amavo il Duce, volevo morire per lui? Credevo nelle frasi storiche del Capo che il maestro ci dettava: è l’aratro che traccia il solco ma è la spada che lo difende, noi tireremo diritto, se avanzo seguitemi se indietreggio uccidetemi 16?

  • 17 Ibidem, p. 204.

19Qualche giorno dopo, leggendo un suo compito in classe, che aveva per tema la difesa «della nuova eroica civiltà che l’Italia sta(va) creando 17», rincara la dose delle domande:

  • 18 Ibidem, p. 205.

Ci credevo davvero o ripetevo frasi fatte? Che cosa dicevano i miei genitori vedendomi portare a casa, con un ottimo voto, quei testi? Forse dovevano crederci anche loro, perché frasi simili avevano assorbito anche prima del fascismo. Per quel che la gente ne sa, non erano nati e cresciuti in un clima nazionalista in cui si inneggiava al primo conflitto mondiale come a un lavacro purificatore, non dicevano i futuristi che la guerra era la sola igiene del mondo 18?

  • 19   È significativo notare che Eco, parlando delle canzoni che compaiono nel suo quinto romanzo, usi (...)

20Che tipo di influenza ha avuto nel giovane Yambo questa pervasiva e demagogica ideologia, che permeava la cultura dell’« Italia schizofrenica 19 » a cavallo degli anni Trenta e Quaranta? Si vedeva anche lui come un soldato fascista pronto a battersi per la causa suprema o, piuttosto, si riconosceva nei suoi amati eroi dei romanzi d’avventura?

21A giudicare dalle risposte, il narratore si mostra confuso e, soprattutto, frustrato perché constata, con un leggero rammarico, che la sua ricerca gli sta restituendo un’identità ambigua e dei ricordi più generazionali che personali:

  • 20   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 211.

Mi sentivo più confuso di quando ero arrivato. Almeno prima non ricordavo nulla, zero assoluto. Ora non ricordavo ancora, ma avevo appreso troppo. Chi ero stato? Insieme, lo Yambo della scuola e della pubblica educazione, che si svolgeva per architetture littorie, cartoline di propaganda, manifesti murali, canzoni, quello di Salgari e Verne, del capitano Satana, delle efferatezze del Giornale Illustrato dei Viaggi e delle Avventure, dei delitti di Rocambole, del Paris Mysterieux di Fantomas, delle nebbie di Sherlock Holmes, o ancora, quello di Ciuffettino, e del bicchiere infrangibile 20?

22Ciononostante, leggendo qualche altro quaderno di scuola, viene a conoscenza di due temi, i cui contenuti, radicalmente diversi rispetto a quelli degli anni precedenti, gli fanno pensare che, ad un certo momento, qualcosa avesse fatto crollare la sua fede da balilla e avesse fatto nascere in lui una diversa visione della realtà, più disincantata e pessimista.

  • 21   Ulla Musarra-Schroeder, nel saggio Dimenticanza e memoria nella “Misteriosa fiamma della regina (...)
  • 22   Una scena simile è quella che vede protagonista Guglielmo da Baskerville il quale, nel Nome dell (...)

23Il protagonista ritiene che questo fatto misterioso, che lo ha cambiato profondamente, debba riguardarlo direttamente e che, se è stato così importante, dovrebbe trovare una sua traccia in qualche parte dell’abitazione. Vestendo i panni di Sherlock Holmes 21 e facendo prova di capacità abduttive degne del suo eroe, riesce a indovinare, osservando attentamente la casa dall’esterno 22, la presenza di un locale in una zona appartata dell’edificio. Dopo un’attenta verifica, eseguita questa volta dall’interno, scopre che si tratta di una stanza murata che, un tempo, ospitava la Cappella di famiglia – la quale, in seguito, era stata chiusa dal nonno – e che era servita come nascondiglio a quattro ragazzi, ricercati dalle Brigate Nere.

  • 23   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 235.
  • 24 Ibidem p. 238.

24La scoperta della Cappella, se non gli consente di fare luce definitivamente sul suo passato, gli rivela l’esistenza di un universo tutto suo: grazie al ritrovamento di altri fumetti, quaderni e riviste dell’epoca, egli capisce che quello dev’essere stato il suo rifugio segreto, dove si ritirava come in un mondo di fantasia. Ed è proprio in questo luogo che l’adolescente Yambo, leggendo le storie surreali e stravaganti di eroi, come Romano il Legionario, Topolino, Pippo, Flash Gordon, Mandrake, ecc., si formava ancora di più al gusto del fantastico, dell’avventuroso e del meraviglioso. Ma, allo stesso tempo, – precisa il narratore – in questo suo mondo, al confine tra realtà e immaginazione, così diverso da quello reale, così lontano dalla retorica del soldato fascista, nel personaggio di Flash Gordon vedeva «la prima immagine di un eroe [...] di una qualche guerra di liberazione combattuta in un Altrove Assoluto [...] 23» e veniva iniziato «a una diversa visione del Bene e del Male» 24. Ecco il suo commento:

  • 25 Ibidem, p. 240.

Alcuni misteri della mia schizofrenia infantile iniziavano a chiarirsi. Leggevo i libri scolastici e i fumetti, ed era sui fumetti che probabilmente mi costruivo faticosamente una coscienza civile. Per questo, certamente, avevo conservato questi cocci della mia storia diroccata, anche dopo la guerra, quando mi erano capitati tra le mani (forse portati dalle truppe americane) pagine di giornali di laggiù, con le strisce colorate domenicali che mi facevano conoscere altri eroi, come Li’l Abner e Dick Tracy 25.

25Successivamente, Yambo ha una rivelazione che, a tutta prima, sembra potergli permettere di aggiungere un altro tassello alla comprensione del mistero che ancora avvolge la sua gioventù. Sfogliando gli albi della raccolta Le avventure di Cino e Franco, gli capita sotto gli occhi il fumetto, intitolato La misteriosa fiamma della regina Loana, che dà appunto il titolo al romanzo e che gli fornisce una spiegazione sul perché la sua quête sia stata scandita dal susseguirsi di quell’espressione. Eccitato da quel rinvenimento, che pensa possa essere la chiave di tutta la vicenda, legge il fumetto rimanendo, però, molto deluso dalla storia insignificante della regina Loana, il cui unico particolare rilevante gli sembra essere il potere, esercitato grazie ad una misteriosa fiamma che custodisce, di rendere immortale chiunque lei voglia. Infatti, precisa subito il narratore:

  • 26 Ibidem, p. 251.

[...] ciò che aveva evidentemente fecondato la mia memoria sopita non era stata la storia in sé, ma il titolo. Un’espressione come la misteriosa fiamma mi aveva ammaliato, per non dire del nome dolcissimo di Loana, anche se in verità era una piccola squinzia capricciosa travestita da bajadera. Avevo vissuto per tutti gli anni della mia infanzia – e forse anche dopo – coltivando non una immagine bensì un suono. Scordata la Loana “storica”, avevo continuato a inseguire l’aura orale di altre fiamme misteriose. E anni dopo, a memoria sconvolta, avevo riattivato il nome di una fiamma per definire il riverbero di delizie dimenticate 26.

26Ancora una volta, Yambo si rende conto che ciò che ha accattivato sempre la sua attenzione e lo ha fatto andare avanti in questa lunga ricerca della sua identità è stato soltanto un suono, un flatus vocis, seppur dolce e suggestivo. Questo suono, che, causato da esperienze visive o uditive, richiamava una voce confusa e persa tra i suoi ricordi, aveva come il potere magico di suscitare in lui un’emozione, una sensazione o un pensiero che gli fornivano una traccia da seguire per ritrovare ciò che continuava a sfuggire alla sua memoria.

  • 27 Ibidem, p. 283.
  • 28 Ibidem, p. 294-295.

27Sull’onda delle emozioni causate proprio dal continuo riprodursi di queste misteriose fiamme, intuisce così che si sta avvicinando alla soluzione dell’enigma. Consultando altro materiale nascosto segretamente nella Cappella, trova finalmente qualcosa di molto intimo che parla di lui in prima persona. Si tratta, per l’appunto, di alcune poesie adolescenziali scritte, le une per «rievocare alcuni momenti di esaltazione e di certezza 27», riguardanti un non precisato episodio della lotta partigiana che lo ha visto protagonista, le altre per celebrare il suo amore per una coetanea, di cui si era platonicamente innamorato a sedici anni e di cui lo aveva colpito soprattutto il volto angelico. Telefonando all’amico Gianni, viene a conoscenza della sua storia d’amore non ricambiato – perché mai confessato e solo idealmente coltivato – per Lila Saba, della quale apprende solamente ora (ma, prima dell’incidente, ancora non lo sapeva) che, trasferitasi poco dopo in Brasile con la famiglia, vi era morta dopo due anni. La notizia lo getta nuovamente nella delusione, dal momento che gli fa apparire come vano e insensato lo sforzo rievocativo. Tuttavia, con un colpo di scena degno dei suoi prediletti libri d’azione, il casuale ritrovamento, durante l’ultima e disperata perlustrazione del solaio, del preziosissimo in-folio del 1623 – acquistato dal nonno, antiquario, e contenente l’opera omnia di Shakespeare – gli procura un tale stato di febbrile eccitazione da subire un secondo incidente che lo fa di nuovo cadere in coma. Ecco il suo ironico commento a riguardo: «Anche in condizioni di salute normali, era una trouvaille da infarto. [...] È sicuramente il grande colpo della mia vita» 28.

L’immagine ambivalente che Yambo ricostruisce di se stesso

  • 29   La situazione confusa, nella quale si trova Yambo, è ben rappresentata dalla nebbia, che è prese (...)
  • 30   Il ritorno allo stato comatoso permette a Yambo di recuperare inspiegabilmente la memoria, i cui (...)

28A questo punto, ha inizio la terza e ultima parte del romanzo, che ha per titolo O νόστοι (“I ritorni”). In essa, in effetti, Yambo ritorna in coma, ma – fatto alquanto interessante – egli sembra essere piuttosto vigile, perché conserva una certa coscienza della propria situazione, pur avendo spesso l’impressione di essere in un sogno. Immerso in questo stato, in cui alterna momenti di lucidità a momenti di delirio 29, e ritrovata all’improvviso la memoria 30, si lascia andare alla rievocazione di fatti del passato tra i più disparati, soffermandosi, però, su quelli che lo hanno segnato maggiormente e che lo hanno portato ad un doloroso scetticismo nei confronti della realtà.

  • 31   Il titolo allude alle parole, scritte da Felice Cascione, della omonima e celeberrima canzone pa (...)
  • 32   «In fondo era un’avventura che dopo avrei potuto raccontarla in giro, una cosa da partigiano, un (...)

29Ora, finalmente, tutto diventa chiaro: nel capitolo sedici, intitolato Fischia il vento  31 e raccontato con toni tipicamente fenogliani, il narratore comprende qual è stato l’evento che ha cambiato radicalmente la sua vita: “la notte del Vallone”, a cui ha preso parte, giovanissimo, assieme all’amico Gragnola, con grande coraggio e senso del dovere. Infatti, ricorda che, immaginando di essere, non un milite fascista, ma un eroe dei suoi libri 32, aveva condotto, di notte e nella nebbia, per il temibilissimo Vallone otto transfughi cosacchi che, ricercati dai tedeschi, dovevano raggiungere le brigate partigiane per unirsi alla Resistenza. Nonostante il buon esito dell’operazione, in seguito, il ricordo di questo fatto lo aveva angosciato molto per via di un peso che aveva avvertito sulla coscienza: il senso di colpa per aver assistito all’uccisione, da parte del Gragnola, di alcuni soldati nazisti che si erano lanciati al loro inseguimento. Al rimorso si era aggiunto lo sconforto quando aveva appreso, subito dopo, della morte dell’amico, che si era suicidato per non rivelare nulla di quella faccenda ai tedeschi che lo avevano catturato.

  • 33   Queste tre citazioni sono state tratte, rispettivamente, dalle pagine 345, 346 e 348 (ibidem).
  • 34   La concezione del mondo come “regno del male”, tipica dello gnosticismo, attraverso la quale Yam (...)

30A causa della drammaticità di questa esperienza, il protagonista era rimasto talmente traumatizzato che, pur rimossa poi dalla sua memoria, essa aveva lasciato in lui le tracce indelebili di un profondo malessere esistenziale. Inoltre, per via dell’influenza esercitata su di lui dal suo “maestro” spirituale, l’anarchico Gragnola – il quale, ateo e nutrito di gnosticismo, gli aveva insegnato che «il mondo è dominato dal male. Anzi, il Male con la maiuscola», che «l Male non esiste al di fuori di Dio, lui ce l’ha dentro, come una malattia», e che «Dio è il Male 33» – aveva maturato una visione così negativa e disincantata della realtà che, da quel momento, lo aveva spinto fino a rifiutarla, perché intesa come «il regno del male» 34.

  • 35   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 395.

31Desideroso di lasciarsi tutto alle spalle, negli anni successivi aveva trovato consolazione e riparo nella solitudine di un mondo che ha continuato a costruire con letture di vario genere, tutte, però, all’insegna del male di vivere e della speranza in giorni migliori, dell’espiazione della sua “colpa” (vista come un peccato) e delle prime scoperte dell’eros. Tali letture andavano dal Giovane provveduto di don Bosco (un manualetto di esercizi spirituali) all’Uomo finito di Papini (del cui protagonista condivideva l’idea di una «furia bibliomaniaca» come «possibilità di una fuga non conventuale dal mondo») 35, dal Controcorrente di Huysmans (nel cui personaggio principale, Des Esseintes, s’immedesimava) alla poesia di Gozzano La più bella! (che gli permetteva di fantasticare dell’Isola Non-Trovata come di un sogno irraggiungibile, che preannunciava quello del suo amore irrealizzabile per Lila).

32Ma è senza dubbio dal Cyrano de Bergerac di Rostand che era rimasto più colpito, dal momento che, attraverso la storia di Cyrano, che non riesce a rivelare e a vivere il suo amore per Rossana, Yambo, identificandosi col protagonista, non solo riviveva la propria esperienza, ma, innamorandosi dell’amore come sentimento nobile e incontaminato, lo sublimava a condizione perfetta e paradisiaca.

33Richiamando alla mente questi ricordi, il narratore capisce infine che la ricerca della sua identità coincide con la scoperta di questo amore giovanile e con la consapevolezza che esso lo ha accompagnato inconsciamente per tutta la sua esistenza. Ecco che cosa afferma in proposito:

  • 36 Ibidem, p. 411-412.

È che ora capisco quel che mi diceva Gianni: avevo cercato per tutta la vita, in tutte le mie avventure, il volto di Lila. Per tutta la vita ho atteso di recitare con lei la scena finale del Cyrano. Lo shock che forse mi ha portato all’incidente è stata la rivelazione che quella scena finale mi era stata interdetta per sempre.
Comprendo ora che era stata Lila ad avermi dato a sedici anni la speranza di dimenticare la notte del Vallone, aprendomi a un nuovo amore per la vita. Le mie povere poesie avevano sostituito l’Esercizio della Buona Morte. Con Lila vicina, non dico mia, ma davanti a me, avrei vissuto – come dire – in salita gli anni del liceo, e lentamente mi sarei riappacificato con la mia infanzia. Lila bruscamente scomparsa, ho vissuto sino alle soglie dell’università in un limbo incerto e poi – una volta che i simboli stessi di quell’infanzia, nonno e genitori, erano scomparsi definitivamente – ho rinunciato a ogni tentativo di rilettura benevola. Ho rimosso, e ho ricominciato da zero. Da un lato la fuga in un sapere confortevole e promettente (mi sono pure laureato sulla Hypnerotomachia Poliphili, non sulla storia della Resistenza), dall’altro l’incontro con Paola. Ma, se aveva ragione Gianni, era rimasta un’insoddisfazione di fondo. Avevo rimosso tutto, salvo il volto di Lila, e lo cercavo ancora tra la folla, sperando di rincontrarlo non andando all’indietro, come si fa con le cose defunte, ma in avanti, in una ricerca che ora so vana 36.

  • 37   Daniele Pegorari ha individuato alcuni parallelismi tra l’opera del Colonna e quella di Eco, a p (...)
  • 38   Marco Trainito, Umberto Eco: Odissea nella biblioteca di Babele, Saponara (Pd), Il prato, 2011, (...)

34Riflettendo su questo episodio particolarmente importante della sua adolescenza, Yambo arriva a fare definitivamente chiarezza su questo periodo e, dunque, a spiegare il senso di quello che aveva fatto della propria vita in seguito. A cominciare, per esempio, dalla decisione di laurearsi discutendo una tesi sulla Hypnerotomachia Poliphili  37, un romanzo allegorico, attribuito a Francesco Colonna (ma la paternità dell’opera è incerta), che «racconta la storia della ricerca onirica di un amore perduto (Polia) da parte del protagonista (Polifilo), come dice anche il titolo, che può esplicitarsi così: “Battaglia d’amore in sogno di Polifilo” [...]» 38.

35Affascinato dalla sorprendente analogia tra questa vicenda e la propria, Yambo, immedesimandosi in Polifilo, ha potuto continuare a rifugiarsi in una dimensione irreale e a vivere il sogno amoroso per Lila. Inoltre, non bisogna dimenticare che ha preferito poi diventare libraio antiquario, probabilmente per rinchiudersi in un sapere antico, solido e rassicurante, antidoto contro un mondo violento e incomprensibile, gli effetti dei cui mali, così come dei propri traumi personali, ha cercato di curare grazie all’aiuto di sua moglie Paola, psicologa comprensiva e pragmatica. Ed è curioso, infine, notare che il suo vero nome, Giambattista Bodoni, richiama quello del famoso tipografo e stampatore piemontese del Settecento, attraverso la cui allusione è possibile scorgere un altro riferimento all’importanza che i libri e la letteratura rivestono in questo romanzo.

36Tuttavia, anche se, a questo punto della ricostruzione, egli la ritiene vana, in quanto non gli permetterà di rincontrare Lila, che è morta, il protagonista riconosce che, per avere un senso e per dare un senso alla sua vita da adulto, la sua quête deve garantirgli almeno la possibilità di vedere il viso dell’amata per un’ultima volta. Quel viso, che ha cercato di ritrovare nei volti di tutte le donne che ha avuto, diventa ora il simbolo di un amore puro e autentico che lo ha fatto ritornare a vivere dopo il trauma della “notte del Vallone”. Esso diventa, quindi, il fine principale e ultimo della sua ricerca esistenziale, dal momento che il narratore comprende che, se lo rivedesse, questo potrebbe far riconciliare il suo passato con il suo presente.

  • 39   Marco Trainito, che ha individuato diverse analogie tra l’Hypnerotomachia Poliphili e il romanzo (...)

37Però, sempre più incerto sulla sua condizione, a metà strada tra sogno e realtà 39, e sempre più assediato dalle immagini che si accavallano nella sua mente, Yambo si rende conto, tra farneticazioni fantasiose e barlumi di lucidità, che non riesce a dare un volto a Lila. Purtroppo ha ancora un blocco e, non potendo chiedere l’aiuto di nessuno, decide di ricorrere ad un eroe del suo mondo di carta. Si rivolge perciò a colei che, sola, possa compiere il miracolo: la regina Loana che, per mezzo della sua misteriosa fiamma, è in grado di ridare vita a tutti i ricordi sepolti nella sua memoria ora ritrovata. Grazie alla sua intercessione, chiamando a raccolta i personaggi incontrati durante il suo lavoro di recupero del passato, Yambo assiste ad una multiforme e letteraria visione che precede l’apparizione di Lila.

  • 40   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 421. I quattro viventi del fu (...)
  • 41   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 427.
  • 42 Ibidem, p. 429.

38In un primo momento, però, essendone stato abbacinato, riferisce di essere caduto come in uno stato onirico e, dopo essersene ripreso, ricorda di aver visto, davanti alla scalinata del liceo da cui era solito osservare estasiato la ragazza, un combattimento che descrive come apocalittico. Infatti, citando alcune parti del racconto dell’Apocalisse di Giovanni, il protagonista raffigura alcune fasi della battaglia tra Ming Signore di Mongo e Flash Gordon, che richiamano quelle dello scontro biblico tra Satana, la Bestia, e Gesù, che precede il giudizio finale. Ming, circondato dai «quattro Viventi 40», quattro personaggi del fumetto, tra cui Uraza, regina degli Uomini Magi, che è descritta esattamente come la grande prostituta dell’Apocalisse (cap. 17, 4-6), viene battuto dal rivale e, nel rovinare per le scale, «lanciava un urlo di bestia feroce» 41. E, come nel testo biblico, al posto della città distrutta da Gordon, Mongo, sorge un’altra città, «una Città di Cristallo 42», descritta con alcune delle caratteristiche attribuite alla Gerusalemme celeste (Ap., 21, 16-18), che sostituisce Babilonia, annientata da Cristo.

  • 43   Il ritorno alla realtà è illustrato anche da alcune immagini che corredano il testo della second (...)

39Nella seconda parte della visione, il narratore dice di essere tornato alla realtà 43 e assiste alla discesa, per la scalinata del liceo, dei personaggi che hanno popolato il suo immaginario letterario, iconografico, musicale e cinematografico ricostruito a Solara. Al termine della loro sfilata, in stile spettacolo di varietà, fa il suo ingresso in scena la regina Loana, a cui egli si è affidato per ricevere da lei, come da una divinità declassata, la rivelazione finale.

  • 44   A Lila sono infatti dedicate alcune parole (“Bella tu sei qual sole”) del canto mariano, Dell’au (...)
  • 45   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 440.
  • 46Ibidem. La frase è un collage di due citazioni dell’Apocalisse. Più precisamente, nel cap. 19, 7 (...)
  • 47   Maria Pia Giudici, Gli angeli, Roma, Città Nuova Editrice, 2006 [1984], p. 114.
  • 48   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 444. Sibilla, oltre ad essere (...)

40Conclusasi questa visionaria apocalypsis, costruita, nella prima parte, a partire dai passaggi del libro giovanneo menzionati – che parlano della distruzione di Babilonia, simbolo del peccato e della morte, e del trionfo della nuova Gerusalemme, simbolo di purezza e di rinascita – Yambo sembra essere, a sua volta, purificato e rigenerato. In tale veste, inoltre, sembra essere pronto all’incontro decisivo con Lila, che è presentata, nelle pagine precedenti, con gli attributi della Madonna, luminosa e candida, e con quelli della Beatrice dantesca, creatura angelicata ispiratrice d’elevazione spirituale 44. Il momento tanto atteso è arrivato: don Bosco gli annuncia che, ora che finalmente «omnia munda mundis 45» (tutto è puro per i puri), «la sposa è pronta e le fu dato di vestirsi di un bisso splendido e puro, il suo splendore sarà simile a gemma preziosissima» 46. Ricorrendo ancora una volta all’Apocalisse (cap. 19, 5-8), che «descrive questo incontro di nuzialità trionfale in cui Cristo-Sposo diverrà una cosa sola con la Sposa del tutto purificata: la Chiesa santa di Dio 47», Yambo pensa che potrà infine celebrare il suo matrimonio mistico con Lila, tanto che asserisce: «Finalmente saprò come recitare all’infinito la scena finale del mio Cyrano, saprò che cosa ho cercato per tutta la vita, da Paola a Sibilla, e mi sarò ricongiunto. Sarò in pace» 48.

  • 49   Franco Forchetti, Il segno e la rosa. I segreti della narrativa di Umberto Eco, Roma, Castelvecc (...)
  • 50   Anche se il romanzo termina con un finale incerto, è molto probabile che Yambo muoia. La visione (...)

41Ma, dopo aver fantasticato sulla fisionomia di Lila, al termine di un’epifania che – come nota giustamente Forchetti – «è solo desiderata, solo agognata 49», nel momento in cui dovrebbe finalmente apparire, preso dall’eccitazione, gli si annebbia la vista e muore 50.

42Il romanzo si conclude così, con la morte del protagonista, che sancisce l’insuccesso del suo tentativo estremo – la celebrazione della sua unione metafisica e letteraria con la donna amata – di rappacificarsi con se stesso e con la realtà. Infatti, ripercorrendo le tappe più significative della sua giovinezza e analizzando il rapporto tra la rappresentazione “schizofrenica” dell’Italia fascista e la ricostruzione ambigua della sua identità, che ricava dall’esame dei documenti dell’epoca, Yambo capisce qualcosa di fondamentale importanza: il fatto che il carattere contraddittorio proprio del mondo in cui è cresciuto, di cui l’episodio della “notte del Vallone” è per lui la testimonianza più emblematica, ha contribuito a influenzare la sua personalità e a caratterizzare la sua vita, divisa tra il rifiuto di vivere il presente, guardato con distacco e scetticismo, e il rifugio in un passato rassicurante e appagante.

43In questo senso, l’immagine del soldato, che emerge dalla riflessione che il protagonista fa a proposito dell’educazione dei giovani e dell’ideologia politico-culturale fascista, costituisce un aspetto molto importante del suo lavoro di recupero dell’io. Come abbiamo potuto osservare, dal modo in cui i soldati sono descritti nei vari discorsi propagandistici del regime, Yambo perviene a ricostruirne delle immagini piuttosto stereotipate, nelle quali rileva però alcune contraddizioni. Infatti, nota che: il balilla legionario, lungi dall’essere il fautore della guerra rivoluzionaria fascista, come Mussolini voleva far credere, era anzi vittima di un sistema educativo oppressivo che ne soffocava la manifestazione del senso critico; i militari italiani e tedeschi, che la propaganda fascista continuava a presentare come forti e invincibili, erano ripetutamente sconfitti, come anche alcune canzoni popolari lasciavano intendere; i soldati inglesi e americani, che i mezzi di comunicazione ufficiali volevano far apparire come deboli e perdenti per scongiurarne le vittorie, rappresentavano quei paesi, i cui prodotti culturali, come racconti, fumetti, film, ecc., già cominciavano a conquistare in Italia una larga fascia di consumatori. Secondo la lettura che ne fa il protagonista, queste rappresentazioni rispecchiano quegli aspetti, demagogici e retorici, costitutivi dell’ideologia politica e culturale fascista, che hanno segnato considerevolmente la sua personalità, in modo particolare per quanto riguarda la scelta alternativa di rivolgersi alla letteratura, e soprattutto a quella popolare, come ad un mondo “altro”, strumento con cui si è formato una differente e più consapevole visione della realtà.

44Da questo punto di vista, il personaggio di Flash Gordon, uno dei suoi eroi di carta preferiti, può essere visto come il soldato protagonista della sua personale “guerra di liberazione” dall’oppressione della cultura fascista e dalla tirannia del senso di colpa. Così inteso, egli assurge a liberatore che, rompendo le catene della propaganda e della retorica del regime, permette a Yambo di formarsi un’autentica coscienza civile, e che, aiutandolo a vincere la guerra mistica e apocalittica contro il peccato, lo mette nelle condizioni di presentarsi, purificato e rinato, al ricongiungimento amoroso con Lila.

  • 51Ibidem, p. 402.

45Tuttavia, come abbiamo potuto constatare, questo non può avvenire in quanto Yambo non può raffigurarsi il volto dell’amata, che permetterebbe di fare di lei una persona “reale”, perché – come riconosce egli stesso – «anche Lila è nata da un libro» 51, il Cyrano de Bergerac, e perché in lei non ha amato la Lila realmente esistita, ma ha proiettato, sublimandolo, il sentimento d’amore, del quale si era invaghito immedesimandosi nella vicenda amorosa di Cyrano e Rossana.

  • 52   Umberto Eco, Sei passeggiate nei boschi narrativi, Milano, Bompiani, 2007 [1994], p. 163.

46Per concludere, possiamo affermare che, leggendo questo romanzo, si ha come l’impressione che Eco ci mostri, attraverso la vicenda di Yambo, in che modo la letteratura e, più in generale, la cultura contribuiscono a dare vita ai nostri ricordi, pensieri ed emozioni, a far sì che ci costruiamo la nostra identità e ci confrontiamo con il presente e il passato, perché «questo intrico di memoria individuale e collettiva allunga la nostra vita, sia pure all’indietro, e ci fa balenare davanti agli occhi della mente una promessa d’immortalità» 52.

Torna su

Note

1   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, Milano, Bompiani, 2006 [2004], p. 65.

2   Sin dalle prime pagine, il narratore, attraverso continue anticipazioni, richiama l’attenzione del lettore su alcuni aspetti che lo riguardano, come, per esempio, il suo rapporto conflittuale con la realtà, intesa come crudele e malfatta. Difatti, in un dialogo con la moglie Paola, costei osserva: «Sei sempre stato un uomo gioviale, ti piacevano le belle donne, il buon vino, la buona musica, ma a me davi l’impressione che questa fosse una crosta esterna, un modo di nasconderti. Quando ti lasciavi andare, dicevi che la storia è un enigma sanguinoso, e il mondo un errore. Niente potrà togliermi dalla mente che questo mondo sia il frutto di un dio tenebroso di cui io prolungo l’ombra». (ibidem, p. 67). Quest’ultima frase, detta da Yambo, è una citazione da Il demiurgo cattivo di Emil Cioran (1969), la cui idea gnostica di Dio, concepito come il Male e come il responsabile del male nel mondo, sarà fatta propria dal protagonista, come si vedrà nella terza parte del romanzo.

3   Cfr. Emilio Gentile, La via italiana al totalitarismo. Il partito e lo Stato nel regime fascista, Roma, Carocci, 2008.

4   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 114. L’espressione flatus vocis sta a indicare che ciò che stimola l’attenzione del narratore non ha una realtà oggettiva, ma è solo un puro nome.

5   Ciuffettino è il protagonista di alcuni romanzi, tra cui Le avventure di Ciuffettino (1902), Ciuffettino alla guerra (1916) e Ciuffettino Balilla (1931), dello scrittore Enrico Novelli. Il suo pseudonimo, Yambo, è all’origine del soprannome di Giambattista Bodoni, che può essere considerato come un vero e proprio omaggio all’autore di alcune delle sue letture giovanili preferite e come allusione al suo gusto per il fantastico e l’avventuroso.

6Ibidem, p. 138.

7Ibidem, p. 166. È interessante notare che alcune parole particolarmente evocative esercitano in Yambo, attraverso cortocircuiti di pensieri o catene associative, il potere “magico” di rinviarlo ad altri fatti o persone.

8 Ibidem, p. 179.

9 Ibidem, p. 186.

10   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 114. L’espressione flatus vocis sta a indicare che ciò che stimola l’attenzione del narratore non ha una realtà oggettiva, ma è solo un puro nome.

11Ibidem, p. 199.

12Ibidem, p. 189.

13Ibidem, p. 191.

14   Come nota persuasivamente Pegorari, «[...] è evidente che il romanzo assume il carattere di un’autobiografia generazionale e forse sociale, è, cioè, la summa dell’immaginario d’inizio Novecento, all’altezza del suo primo manifestarsi in forma di cultura di massa, fino ad “anestetizzare” gli italiani dinanzi alle immani catastrofi delle guerre e della dittatura» (Daniele Maria Pegorari, Il fazzoletto di Desdemona. La letteratura della recessione da Umberto Eco ai TQ, Milano, Bompiani, 2014 [edizione digitale], p. 130-131).

15   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 202.

16 Ibidem, p. 202 e 204.

17 Ibidem, p. 204.

18 Ibidem, p. 205.

19   È significativo notare che Eco, parlando delle canzoni che compaiono nel suo quinto romanzo, usi la parola schizofrenia nell’intervista che ha rilasciato a Donata Righetti, dove afferma: «Ho accostato e alternato i due generi dell’epoca: gli inni guerreschi che si ascoltavano a scuola e i motivetti ilari che ci offriva la radio, unica vera voce dell’epoca. Un abbinamento di assoluta schizofrenia, quasi una sintesi degli anni Trenta e Quaranta» (Donata Righetti, «Eco: ma le canzonette a me piacciono di più», in Corriere della Sera, 26 giugno 2004, p. 29).

20   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 211.

21   Ulla Musarra-Schroeder, nel saggio Dimenticanza e memoria nella “Misteriosa fiamma della regina Loana” di Umberto Eco (in Non dimenticarsi di Proust: Declinazioni di un mito nella cultura moderna, a cura di Anna Dolfi, Firenze, Firenze University Press, 2014, p. 459), sottolinea che, sin dall’inizio della sua inchiesta, «Yambo segue il metodo dell’investigazione poliziesca», come se, sulla scorta dei romanzi gialli che legge, volesse emulare Sherlock Holmes, giocando a fare il detective per far luce sul suo stesso caso. Infatti, egli dice: «Quelle figure mi dicevano de te fabula narratur. Sherlock Holmes era me, in quello stesso momento, intento a rintracciare e ricomporre eventi remoti di cui prima non sapeva nulla, [...] Anche lui, come me, immobile e isolato dal mondo, a decifrare puri segni. Lui poi arrivava a far riemergere il rimosso. Ci sarei riuscito io? Per lo meno avevo un modello». (Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 153).

22   Una scena simile è quella che vede protagonista Guglielmo da Baskerville il quale, nel Nome della rosa, cerca di inferire la disposizione delle stanze della biblioteca-labirinto dell’abbazia dall’osservazione dell’edificio dall’esterno.

23   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 235.

24 Ibidem p. 238.

25 Ibidem, p. 240.

26 Ibidem, p. 251.

27 Ibidem, p. 283.

28 Ibidem, p. 294-295.

29   La situazione confusa, nella quale si trova Yambo, è ben rappresentata dalla nebbia, che è presente in tutto il romanzo con diverse funzioni: per esempio, nei primi capitoli, essa illustra bene l’offuscamento della memoria di Yambo, da poco risvegliatosi dal coma, e l’idea che ha della realtà, percepita come lontana e sconosciuta; nei capitoli nove e sedici, essa propizia, rispettivamente, il nascondimento delle città italiane bombardate dagli alleati e la discesa dell’eroe, con i cosacchi, lungo il Vallone; nel capitolo quindici – con il quale inizia la terza parte e il cui titolo, Alfine sei tornata, amica bruma!, è una citazione tratta dalla poesia Alla bruma di Sergio Solmi – la nebbia è invocata dal protagonista per il suo carattere protettivo e immaginativo che, nell’intimo raccoglimento della coscienza, stimola il suo ricordo e la sua fantasia (come si vedrà meglio in seguito).

30   Il ritorno allo stato comatoso permette a Yambo di recuperare inspiegabilmente la memoria, i cui ricordi ora lo assalgono in massa. Questo particolare sembra apparentarlo con “Funes el memorioso”, il protagonista del racconto borgesiano, Funes o della memoria (Finzioni, 1944), il quale, dotato di una prodigiosa memoria, ricorda tutto della sua vita, fin nei minimi dettagli, e muore perché simbolicamente schiacciato dal peso dei suoi ricordi. Come vedremo, una simile sorte spetta anche al protagonista, al quale il peso del ricordo di Lila sarà funesto. A tal proposito, ad un certo punto del suo racconto, egli ha come una visione premonitrice, che gli fa dire: «Se volevo rifare tra quelle carte tutto me stesso, sarei diventato Funes el Memorioso, avrei rivissuto momento per momento tutti gli anni dell’infanzia, ogni stormire di foglie ascoltato di notte, ogni profumo di caffellatte annusato alla mattina. Troppo. [...] Forse ho sbagliato tutto, e ha sbagliato tutto Paola: senza tornare a Solara sarei rimasto soltanto svanito, tornandovi potevo uscirne pazzo» (ibidem, p. 155).

31   Il titolo allude alle parole, scritte da Felice Cascione, della omonima e celeberrima canzone partigiana, la cui melodia riprende un’aria dell’altrettanto famoso canto popolare russo Katyusha.

32   «In fondo era un’avventura che dopo avrei potuto raccontarla in giro, una cosa da partigiano, uno di quei colpi che neppure Gordon nella foresta di Arboria. Che neppure Tremal-Naik nella Giungla Nera. Che meglio di Tom Sawyer per la caverna misteriosa. [...] Insomma, sarebbe stato il mio momento di gloria ed era per la Patria, quella giusta e non quella sbagliata» (Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 362).

33   Queste tre citazioni sono state tratte, rispettivamente, dalle pagine 345, 346 e 348 (ibidem).

34   La concezione del mondo come “regno del male”, tipica dello gnosticismo, attraverso la quale Yambo rilegge questi episodi della propria vita, è spiegata da Eco ne I limiti dell’interpretazione (Milano, Bompiani, 1990, p. 48), in cui afferma: «Se il mondo è il regno del male, lo gnostico deve certamente odiarne la natura materiale, disprezzare la carne e la stessa attività riproduttiva. Ma chi avrà acquisito la conoscenza sarà salvo, e quindi non dovrà più temere il peccato. [...] Per conoscere, occorre conoscere anche il male. Nella pratica del male si umilia il corpo, che si deve distruggere, non l’anima, che si salva». Un tale percorso di espiazione del peccato e di repressione del desiderio sessuale, che porta ad una purificazione spirituale in vista della sua riunione amorosa con Lila, è quello che intraprenderà Yambo nel prosieguo della sua storia.

35   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 395.

36 Ibidem, p. 411-412.

37   Daniele Pegorari ha individuato alcuni parallelismi tra l’opera del Colonna e quella di Eco, a partire dal particolare che balza subito agli occhi, cioè il fatto che «[...] la caratteristica più evidente della Misteriosa fiamma, il ricco apparato iconografico a colori che ne giustifica il curioso sottotitolo di Romanzo illustrato, discende dalla caratteristica tipografica più preziosa dell’editio princeps dell’Hypnerotomachia Poliphili (1499), il suo essere stata corredata da Aldo Manuzio di ben 170 xilografie che ne squadernavano le delizie visionarie anche ai lettori meno edotti». (Daniele Maria Pegorari, op. cit., p. 129-130).

38   Marco Trainito, Umberto Eco: Odissea nella biblioteca di Babele, Saponara (Pd), Il prato, 2011, p. 146. Il motivo della ricerca della donna amata come “battaglia d’amore in sogno” è recuperato da Eco che, nelle ultime pagine del romanzo, descrive il mistico ricongiungimento amoroso tra Yambo e Lila, il quale segue la visione onirica del narratore, da questi rappresentata, nella sua prima parte, nei termini di un combattimento apocalittico, come figura nel testo biblico di Giovanni e come sarà spiegato approfonditamente in seguito.

39   Marco Trainito, che ha individuato diverse analogie tra l’Hypnerotomachia Poliphili e il romanzo di Eco, ritiene che il tema del rapporto tra sogno e veglia sia uno dei tanti punti in comune tra le due opere. Infatti, egli afferma che: «[...] quando riacquista la memoria e cerca di capire lo stato in cui si trova [...] Yambo riprende il tema del sogno nel sogno (proprio di HP, appunto), ma solo per usarlo filosoficamente come argomento contro la possibilità di essere in un sogno, in un passo che ironicamente, dall’interno di un’opera letteraria, rivendica uno statuto di realtà in opposizione alle controfattuali fantasie letterarie: [...]» (ibidem, p. 154-155).

40   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 421. I quattro viventi del fumetto, Thun, Vultano, Barin e Uraza, rimandano ai «quattro esseri viventi» dell’Apocalisse (capp. 4, 7 e 19, 4). Citiamo il testo giovanneo da La Bibbia di Gerusalemme, Bologna, Edizioni Dehoniane, 1974.

41   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 427.

42 Ibidem, p. 429.

43   Il ritorno alla realtà è illustrato anche da alcune immagini che corredano il testo della seconda parte della visione. Queste immagini sono chiare e nette, mentre quelle precedenti, che raffigurano lo scontro tra Ming e Flash Gordon, tratte dal fumetto omonimo, hanno dei contorni sfocati e alonati che rendono bene l’idea dello stato onirico in cui dice di essersi trovato Yambo durante la prima parte della visione.

44   A Lila sono infatti dedicate alcune parole (“Bella tu sei qual sole”) del canto mariano, Dell’aurora tu sorgi più bella, che costituiscono il titolo dell’ultimo capitolo. Inoltre, secondo Pegorari, in Lila Yambo «sembra proiettare il mito vitanovistico di Beatrice, sublimando il suo muto trasporto per lei e poi rimanendo tramortito al momento dell’imprevista e inspiegabile sparizione della giovane e della sua famiglia durante il secondo anno di liceo classico» (Daniele Maria Pegorari, op. cit., p. 133).

45   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 440.

46Ibidem. La frase è un collage di due citazioni dell’Apocalisse. Più precisamente, nel cap. 19, 7-8, figura la prima citazione, che costituisce la prima parte della frase, e nel cap. 21, 11, la seconda, che forma la seconda parte della frase.

47   Maria Pia Giudici, Gli angeli, Roma, Città Nuova Editrice, 2006 [1984], p. 114.

48   Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 444. Sibilla, oltre ad essere il vero nome di Lila – che Yambo scopre solo verso la fine del romanzo – è anche il nome della sua assistente libraia, della quale egli si invaghisce subito, rivedendola dopo il primo incidente, perché il suo viso e i suoi capelli biondi gli ricordano inconsciamente quelli della donna amata.

49   Franco Forchetti, Il segno e la rosa. I segreti della narrativa di Umberto Eco, Roma, Castelvecchi, 2005, p. 286. Riportiamo il passo intero, in cui appare la citazione, perché ci sembra significativo: «Ma forse l’epifania è solo desiderata, solo agognata (i verbi al futuro ci dicono che la visione non c’è stata ancora). O forse l’epifania si perfeziona solo nella mente desiderante e creatrice di Yambo: desiderandone la visione, egli la costruisce nella sua fantasia».

50   Anche se il romanzo termina con un finale incerto, è molto probabile che Yambo muoia. La visione di Lila si arresta, in effetti, sul più bello, perché l’eroe ha un malore, che spiega in questo modo: «Ma un leggero fumifugium color topo si sta diffondendo al sommo della scalinata, velando l’entrata. Sento una folata di freddo, alzo gli occhi. Perché il sole si sta facendo nero?» (Umberto Eco, La misteriosa fiamma della regina Loana, op. cit., p. 445). Inoltre, è curioso che il suo destino sia simile a quello di un altro eroe di carta da lui citato più volte. Durante una delle esplorazioni del solaio a caccia dei suoi libri di gioventù, il protagonista si imbatte in uno di essi, il cui ritrovamento commenta così: «Sono stato attratto dal Martin Eden di Jack London e sono andato macchinalmente a cercare l’ultima frase, come se le mie dita sapessero che doveva essere là. Martin Eden, al colmo della gloria, si uccide lasciandosi scivolare in mare dall’oblò di un transatlantico, sente l’acqua che gli penetra lentamente nei polmoni, capisce in un ultimo barlume di lucidità qualcosa, forse il senso della vita, ma “appena lo seppe, cessò di saperlo”. Occorre davvero pretendere l’ultima rivelazione, se poi una volta che la si è avuta si sprofonda nel buio?» (ibidem, p. 132).

51Ibidem, p. 402.

52   Umberto Eco, Sei passeggiate nei boschi narrativi, Milano, Bompiani, 2007 [1994], p. 163.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliogafica

Giuseppe Lovito, « L’immagine del soldato ne La misteriosa fiamma della regina Loana di Umberto Eco », Italies, 19 | 2015, 197-216.

Notizia bibliogafica digitale

Giuseppe Lovito, « L’immagine del soldato ne La misteriosa fiamma della regina Loana di Umberto Eco », Italies [Online], 19 | 2015, online dal 30 marzo 2016, consultato il 22 novembre 2017. URL : http://italies.revues.org/5245 ; DOI : 10.4000/italies.5245

Torna su

Autore

Giuseppe Lovito

Aix Marseille Université, CAER (Centre Aixois d’Études Romanes), EA 854, 13090, Aix-en-Provence, France.

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Torna su
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org