Navigation – Plan du site
Ménageries de tout poil

Il bestiario araldico di Gianna Manzini

Maria G. Vitali-Volant
p. 117-137

Résumé

Cominciato nel 1928 con il romanzo Tempo innamorato, il lavoro di Gianna Manzini (1896-1974) si snoda in un percorso di scrittura ricco di preziose evocazioni e di ritratti ispirati a una profonda pietas. Nell’universo “manziniano” il paesaggio umanissimo della scrittrice toscana si arricchisce di figure araldiche : il suo bestiario di “amici esemplari”, metafore dolorose e specchi opachi di un’avventura umana e letteraria sotto il segno della Malinconia.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XXe siècle
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Gianna Manzini, Arca di Noè, Milano, Mondadori (Narratori italiani), 1960, p. 13. Il libro contiene (...)

Il tema degli animali [...]. È un regno.[...]. Durante questi anni di lavoro, il mio rapporto con gli animali si è andato facendo insieme più entusiasmante e più accorato [...]. Forse è l’innocenza che adesso mi commuove e mi rapisce ; un barlume superstite dell’antico Giardino ; forse, insieme con l’innocenza, è il mistero [...].1

  • 2 Gianna Manzini (Pistoia 1896 - Roma 1974), toscana di origine e di formazione ma dalla metà degli a (...)
  • 3 Gianna Manzini, Incontro col falco, Milano, Corbaccio, 1929.
  • 4 Gianna Manzini, Ritratto in piedi, Milano, Mondadori, 1971.
  • 5 Gianna Manzini, Animali sacri e profani, Roma, Casini, 1953.
  • 6 Citato in Gianna Manzini, a cura di Francesca Bernardini Napoletano e Giamila Yehya, con la collabo (...)

1Il tema degli animali percorre tutta l’opera di Gianna Manzini2 : dalla silloge di racconti Incontro col falco del 19293, all’utimo romanzo Ritratto in piedi del 19714. Le raccolte che più hanno il sapore di moderni bestiari sono Animali sacri e profani del 19535 e Arca di Noè del 1960, in cui la scrittrice fa confluire quasi tutto il corpus animalistico della sua produzione letteraria e che Giansiro Ferrata qualifica di « [...] album di bestie, squisitamente umanizzate »6. Per Manzini, infatti, non si tratta solo di storie di bestie, ma di immagini, ricordi e meditazioni personali che prendono spunto da temi iconografici (Il sangue del leone, tratto da una biccherna con San Gerolamo che toglie la spina alla belva, o Il cavallo di San Paolo, preso dalla tela manierista di Niccolò dell’Abate), letture (nel racconto La civetta, la caccia crudele dell’uccello da preda ha il ritmo della danza di Kaa nella giungla di Kipling), episodi dell’infanzia (Gatti pecore bovi e porcellini), di viaggi (in I passerotti il risentimento e l’amarezza di un ex ballerino parigino diventano astio per gli innocenti volatili ; nei racconti Serpenti e gufo reale e Belve al guinzaglio l’esotico sconfina nel meraviglioso), gastronomici (in Le ostriche)... per finire a riparo dell’« [...] ala della Malinconia (di Dürer) insieme alla purezza di un’alba di vita, [...] di una preistoria stravagante » della scrittrice. Ispirati da una pietas più vicina al pensiero di Rousseau che alla morale cristiana, i racconti dell’Arca manziniana testimoniano di un’arte sapiente e di una poetica raffinata e complessa di cui tenteremo di carpire i segreti.

Bestie, Pesci rossi, Un falco

  • 7 Nel 1921, con la collaborazione a « La Nazione » di Firenze. Gianna Manzini ha 25 anni e si sposa c (...)

2La lunga carriera della scrittrice, cominciata negli anni ‘207, si snoda lungo una linea direttrice che incrocia altri percorsi letterari in cui il tema animalistico appare in trasparenza e come pretesto stilistico. Nel 1918, Federigo Tozzi aveva inaugurato il tema con la raccolta di novelle Bestie :

  • 8 Giorgio Luti, Introduzione, in Federigo Tozzi, Opere. Romanzi, Prose, Novelle, Saggi, a cura di Mar (...)

Perchè la novella resista ed abbia la sua ragione di esistere si deve molto badare di non accontentarsi dei soliti schemi troppo scialbi e insignificanti [...]. Per mezzo di Bestie [...] ho cambiato la solita mentalità, con la quale sono concepite parecchie cose della nostra letteratura.8

  • 9 Per “nuovo” s’intende qui una tendenza letteraria che s’instaura in Italia ai primi del Novecento. (...)

3Per vivificare la novella, Tozzi ricorre a motivi stilistici innovativi e ad una “nuova”9 tecnica narrativa in cui la misura del frammento è assunta come nucleo di racconto e dove lo scrittore mette l’accento sulla scelta di una pratica preziosa. Si afferma l’arte della minuzia in cui il dettaglio viene riabilitato e la categoria del piccolo, o dell’infimo, si colloca al centro della contemplazione dell’artista.

  • 10 Le opere dei frammentisti sgretolano l’impalcatura del romanzo tradizionale come globale inventario (...)
  • 11 Federigo Tozzi, Due famiglie, in Giorgio Luti, Introduzione, cit., p. XXXI.

4Quest’arte della miniatura assume la forma di un testo confidenziale, intimo, a valenza familiare, che sostituisce alla grandiloquenza ossessiva delle grandi composizioni letterarie la tecnica del cesello applicata all’illuminazione repentina della frase10. Tozzi aderisce alla poetica “frammentista” degli scrittori italiani della sua generazione, soprattutto in Toscana, dopo l’esperienza di « La Voce ». In questa estetica del frammento, lo scrittore dedica alle piccole creature che popolano il suo universo quotidiano, rurale e modesto, le prose che vanno dal 1915 al 1917, in cui il suo discorso s’impregna di lirismo e di una visione della « realtà delle cose che dipende dai sentimenti »11. La poetica del frammento tozziano si sviluppa con la forma raffinata del diario esistenziale in cui le “presenze” (alberi, animali e cose) si fondono col paesaggio memoriale.

  • 12 Eugenio Montale, cit. in Margherita Ghilardi, Introduzione, in Emilio Cecchi, Saggi e viaggi, Milan (...)
  • 13 La raccolta Pesci rossi di Cecchi esce nel 1921.
  • 14 Emilio Cecchi, Gatti di strada, in Qualche cosa, in Saggi e viaggi, cit., p. 531.

5Il laboratorio letterario toscano delle riviste (« La Voce », « Lacerba »), la grande lezione di Tozzi e degli altri scrittori della sua generazione influenzano la giovane Gianna Manzini nei suoi studi all’Università di Firenze a partire dal 1916. L’adesione alla vita culturale diventa ricerca in seguito all’insegnamento di Giuseppe De Robertis e alla scoperta degli scritti di Emilio Cecchi « [...] maestro di una prosa ch’è una delle più trasparenti del nostro tempo ed anche una delle più musicali e scandite a regola d’arte »12. Cecchi, a partire dal 1916, redige una raccolta di saggi che vanno sotto il nome di Pesci rossi13. Per questo lavoro, lo scrittore toscano sceglie la misura breve dell’articolo come forma tangibile dell’operazione di “banalizzazione” dell’immaginario. Nei suoi scritti, le presenze animalistiche sono gli spettri del presente e gli incubi della vita quotidiana, sono le incomprensibili apparenze della natura e le testimonianze di un’aspirazione segreta della coscienza a perdersi nei loro simboli. Il suo bestiario sembra popolato da numi tutelari innocui ma, in realtà, è un universo popolato da monstra o « demoni ineliminabili »14 dell’inconscio e della Storia.

  • 15 Emilio Cecchi, Le bestie sacre, in Pesci rossi, in ibidem, p. 23.

Mi ricordai di un quadretto del Longhi, dove tre anziani [...] studiano un elefante o un rinoceronte, insomma una di codeste immondezze, torpido sullo strame di un circo senza spettatori [...]. Hanno messo sul viso una maschera bianca [...]. Ecco dei gentiluomini capaci di trattar la Natura con dignità e distacco, con la corretta disumanità indispensabile. Nella improntitudine e impudicizia dei riti nei quali mi trovavo coinvolto, era un sorriso e una benedizione poter ripensare la squisita discrezione di quei nonni.15

6Siamo nel decennio che va da Vittorio Veneto (1918) alla Conciliazione (1929), dalla fine della guerra al consolidamento del fascismo. Gli “articoli” di Cecchi rappresentano la digressione dal dramma del presente, oppongono alle forme di chiusura degli orizzonti culturali italiani il “viaggio” all’interno delle culture e delle letterature europee.

7Il cosmopolitismo di Cecchi e la sua visione originale dei phenomena, la dimensione familiare e le allucinazioni autobiografiche di Tozzi diventano materia letteraria per la giovane scrittrice Manzini che fa della sua scrittura degli esordi lo strumento di elezione attraverso il quale intendere la realtà e appropriarsene fino in fondo – una tecnica esigente che consente l’accesso a un nucleo di vita, reso più vivo e vero dalla mediazione della parola scritta.

  • 16 Il matrimonio con Fallaci entra in crisi in questi anni.
  • 17 Questo racconto (Il falco) compare anche in Arca di Noè del 1960.

8Verso la fine degli anni Venti Gianna Manzini comincia a collaborare con « Solaria ». A questo periodo difficile di cambiamenti16 e di incontri, appartiene la raccolta di testi brevi Incontro col falco. che prende il titolo dal racconto omonimo, Il falco17.

9L’incontro della scrittrice col falco, un volatile nobile e araldico, ma per Manzini sicuramente « pescato » nel passato dell’infanzia toscana, in quella campagna intorno Pistoia dove ancora oggi esiste la tradizione venatoria, si traduce in una forma di discorso sulla dignità ferita, sull’aristocratica indifferenza davanti alle umiliazioni e alla morte. La scrittrice inventa un lessico del disagio giovanile legato al ricordo dell’adolescenza e dei suoi turbamenti. Il tema della libertà sognata, un vago e triste accenno al tempo dell’amore, si trasformano in scrittura della memoria che si confronta con l’immutabile romanzo della natura, destinato all’immortalità.

  • 18 Gianna Manzini, Il falco, in Arca di Noè, cit., p. 60.

[...] Di fronte all’occhio del falco, [...] esisteva una pittura edificante [...]. Da una parte, lontano, una casuccia bianca, e più avanti, quasi peccato del prato, una pozza d’acqua [...]. Guardava soltanto quel rettangolo dipinto, lui, amico dei precipizi, abitatore delle montagne inaccessibili, incurante dei geli, delle tempeste, [...] lui, il grande esploratore [...] badava a tenersi buono, che di rapina non voleva saperne nulla, o se n’era scordato. Nemmeno un’occhiata al cielo di cui conosceva gli azzurri abissi per avervi disegnato spirali vittoriose, [...] al tempo in cui anche per lui l’amore fu una prova di grazia, oltre che di valore.18

10L’animale prigioniero è un’ombra di sofferenza e lo specchio opaco dell’autrice che comunica con il suo personaggio attraverso uno dei sentimenti più cari e consoni al suo spirito, la compassione :

  • 19 Ibidem, p. 61.

Mi facevano compassione, ogni volta che andavo a trovarlo in casa della nonna […] gli artigli sul pavimento scivoloso […]. Se insistevo a guardarlo, la compassione diventava inquietudine, poi disagio e infine sofferenza, proprio sofferenza, qui, in cima alle dita […] ; e tale era l’angoscia che, scese a precipizio le scale, dovevo picchiare il gatto […] perchè era signore […].19

11La scrittrice entra in relazione col mondo animale interagendo con esso attraverso la sua sensibilità :

  • 20 Ibidem.

[…] Gli perdonavo di non occuparsi punto di me, anzi di voltarsi, con le penne gonfie di sdegno dignitoso, ipocritamente distratto, allorchè io mi mettevo davanti a lui. Ma sentii il suo disprezzo, quando andai a trovarlo, insieme a una ragazzetta che, uscita da un collegio di monache, entrava subito in un istituto di corrigende […].20

12Qui la narratrice introduce l’altro personaggio della storia : un’immagine distorta di sé, impoverita e avvilita, un aspetto della realtà profonda che giace in ognuno di noi. Nella storia del falco si insinua il motivo dell’adolescenza femminile, un altro dei temi ricorrenti della poetica manziniana. Il dato umano convive con l’evocazione del mondo animale ma quest’ultimo si ibrida a contatto dei sentimenti umani. Magistrale la descrizione dell’uccello umiliato, vibrante di vitalità, che quasi si nutre delle angosce dei due personaggi femminili in lotta fra loro :

  • 21 Ibidem, p. 67.

Lilla scorse la bestia e prese a gridare. Appena le fu davanti cominciò ad abbassarsi e alzarsi, gioiosa. Allora, per la prima volta, sentii la voce del falco ; e gli vidi le ali spiegate : era finalmente un falco vero [...]. Vicino alla rete soffiò come un gatto e rimase col becco spalancato, mostrando i coltellacci che lo orlavano. Il furore l’arruffava e gli sollevava due ciuffi sulla testa […]. Da quel momento cominciai a odiarla. [...]. Non volli più andare a vedere il falco, nemmeno quando morì.21

  • 22 Il gatto Nuvolao è il persiano grigio di Gianna Manzini, spesso presente nella corrispondenza della (...)
  • 23 Per tappeto « animato » s’intende una tessitura ordita su un cartone disegnato a figure umane, con (...)

13La tecnica stilistica che la scrittrice esperimenta in pieno con questo racconto fa del mondo animale il terreno delle sue investigazioni autobiografiche e della sua ricerca narrativa. Qui il falco, altrove una mucca, un gufo, il gatto Nuvolao22 o la lucertola… Essi non sono che gli strumenti espressivi di un’arte sapientissima di narrare storie esemplari in cui si incrociano e si disegnano i pensieri, le fini trame e i vari motivi del puzzle manziniano. Riprendendo tecniche antiche, la Manzini ordisce con pazienza la trama di un tappeto “animato”23.

La tradizione della scrittura

  • 24 Gianna Manzini, Forte come un leone, in Autoritratto involontario e altri racconti, a cura di Margh (...)

14Con Incontro col falco, la struttura della novella manziniana comincia a delinearsi in una forma complessa fra il frammento e la narrazione breve. Un anno prima, la scrittrice ha pubblicato il suo primo romanzo Tempo innamorato, in cui si definiscono le caratteristiche della sua scrittura : delicatezza della rappresentazione della realtà umana e naturale, anche nei suoi aspetti meschini e dolorosi, mediata dalla propria esperienza, la raffinatezza, per certi versi manieristica, dell’espressione, modellata tuttavia sui sentimenti dei personaggi, il carattere sperimentale della prosa. La Manzini costruisce un tipo di narrazione a incastri, dove l’autore si distacca dalla storia e sposta i punti di vista del lettore “fuori campo” : verso i dettagli, le “presenze” che dilatano il tempo della narrazione, le digressioni o gli aneddoti che « scrudiscono la verità »24. Per arrivarci, la scrittrice utilizza la cifra del capitolo breve ove il lessico prezioso scandisce i tempi della narrazione. Frutto di tale invenzione letteraria sono le serie di schizzi, gli autoritratti nascosti, i ritratti di uomini, cose e animali. In Animali sacri e profani, la Manzini inaugura la serie dei bestiari, i quali, scrive Pasolini :

  • 25 Pier Paolo Pasolini, Un bestiario celeste nella gabbia d’oro di Gianna Manzini, in « Giovedì », II, (...)

[...] non hanno niente di moralistico in senso spicciolo, polemico e fiabesco [...] né vi si vuole testimoniare una tenerezza come rivalsa di respinte tenerezze umane, una fuga insomma dal mondo umano a un sia pur elegantissimo, calligrafico Giardino rousseauiano [...]. Siamo [...] di fronte a dei poemetti in prosa ; o a una prosa veramente poetica non poetizzata. [...] poesia degli oggetti in qualche modo caricati di sentimento [...] emozione […].25

15Ovunque l’autrice sente la necessità emotiva e narrativa di un termine di paragone simpatetico con gli uomini, traccia un comportamento o un ritratto di animale insistendo sul carattere sacro di questi suoi personaggi :

  • 26 Gianna Manzini, Prefazione. Il mio bestiario, in Animali sacri e profani, cit., p. 12.

Ogni animale è una forma e un significato splendidamente raggiunto [...]. È nell’intensità della loro espressione che ognuno di noi trova uno speciale silenzio, uno speciale spazio ; quello che rese sacro il gatto o la tigre, o il serpente, o il pavone [...].26

  • 27 Nonostante la sua adesione alle idee dei solariani, la scrittrice non sempre viene compresa e appre (...)

16Nell’immaginario e nella scrittura di Gianna Manzini, gli animali compaiono come personaggi autonomi, oppure si stagliano come protagonisti assoluti di racconti o ritratti ; sempre, comunque, sono termini di confronto analogico, portatori di una doppia valenza : della propria verità biologica e di quella allegorica che sono chiamati a rappresentare. Il ricorrere raffinato alle figure retoriche fa dello stile della Manzini uno strumento espressivo di grande sensibilità e profondità psicologica. La scrittrice partecipa da protagonista all’esperienza di « Solaria » fondata da Alberto Carocci nel 1926, e viene accolta nel gruppo solariano che si riunisce nel Caffé delle Giubbe Rosse di cui sono assidui frequentatori Montale, Bonsanti, Praz, Luzi, Janner...27.

  • 28 Gianna Manzini, Boscovivo, Milano-Roma, Treves-Treccani-Tumminelli, 1932.
  • 29 Sul rapporto di Gianna Manzini con la scrittrice inglese si soffermano Carlo Bo, Note sull’arte del (...)
  • 30 A. Silipo, in « Solaria » : « La Manzini condivide con la Mansfield un fondamentale sentimento di b (...)

17Dopo l’incontro con l’uccello rapace degli esordi, la scrittrice di « Solaria », che ha affinato le sue tecniche espressive e approfondito gli strumenti dell’indagine psicologica ed etica, si afferma in Boscovivo28, la raccolta “naturalistica” – storie di piante e di qualche animale – che valse a Manzini, sulle pagine della rivista, i primi accostamenti con Virginia Woolf29 e Katherine Mansfield30.

18Quando Manzini arriva alla raccolta Animali sacri e profani, siamo di fronte ad un’arte già matura e consumata. Nella Prefazione del libro, si intuisce il fine « privato » del volume, professionale, sperimentale, come di segreto di laboratorio, in cui la scrittrice « amministra » le proprie forze poetiche :

  • 31 Gianna Manzini, Prefazione, Il mio bestiario, in Animali sacri e profani, Roma, Casini, 1953, p. VI (...)

Vi sono temi sui quali insisto o per il gusto di essere fedele a un’amorosa elezione, o per pigrizia, o magari per gratitudine, dato che ad essi rimane sempre legata l’ebbrezza d’una piccola scoperta, sia pure dovuta soltanto a uno scarto che fu casualmente rivelatore di rapporti nuovi o di visuali insospettate. […] Sono cadenze sentimentali, partiti presi, motivi costanti del paesaggio, famiglie di tipi. E, insieme, oggetti che si ostinano a far parte del mio panorama.31

19Nel discorso del « sensibile » rientra anche il contesto dei suoi bestiari, che vedono la luce nel periodo della ricostruzione del dopoguerra. Descrivendo i paesaggi che la circondano (Roma degli anni Cinquanta – i signorili quartieri dei Parioli o di Prati – la campagna toscana o le Alpi), popolandoli di animali, unici veri simboli atti a rappresentare il contesto uscito per miracolo vivo dagli orrori del fascismo e del nazismo, Manzini non evoca la Storia, ma epura il dramma, lo banalizza e riporta ogni cosa alla realtà :

  • 32 Gianna Manzini, Allo Zoo di Roma, in Arca di Noè, cit., p. 170.

Mi piace che lo Zoo sia quasi al centro della città (Roma). Tempo addietro dovette trovarsi alla periferia ; e forse divertiva anche andarlo a trovare un po’ più lontano ; ma ora la città estendendosi, lo ha circondato, lo ha fatto più suo che mai, e lo tiene, con tutte le sue tigri e i suoi leoni, come sotto braccio, dalla parte dei Quartieri alti. Perchè vi si incontrano tante coppie in viaggio di nozze non me lo sono mai spiegato. Si direbbe un congedo dall’innocenza, se d’innocenza fosse il caso di parlare. O già gli sposi si figurano i bambini di domani, in questo grande album di figure viventi ? […] Può darsi che sia invece proprio l’idea di recinto, di gabbia, di prigione, che, fatalmente, nel profondo, li chiama […]. Ma la spiegazione più bella è la meno probabile ; e cioè che, essendo lo Zoo una lezione dimostrativa di psicologia, si possa venir qui a guardare, rappresentati negli animali, tutti gli umani difetti, la vanità, la superbia, l’ipocrisia, per riconoscerli coraggiosamente in sé stessi e liberarsene […].32

  • 33 Gianna Manzini conobbe un’intensa attività pubblicistica. Per più di vent’anni, firmò con lo pseudo (...)

20Il tono « leggero », da cronaca mondana33 nasconde la profondità del soggetto ; anche qui emerge la « lezione di stile » della Manzini e affiora la sua ironia : aristocratica, malinconica :

  • 34 Gianna Manzini, Allo Zoo…, cit., p. 171.

Ed è anche innegabile che le donne dian presto segni d’insofferenza di fronte al recinto delle giraffe, queste vanesie, queste aristocratiche prive di spirito, queste compassate elegantone che nemmeno sanno ormai annoiarsi o soffrire […] sempre a fianco, sempre rasenti, dimenticano perfino di agognare la libertà. Sciocche, altezzose ; ma che distinzione, che classe ! Per cui il giovane marito reprime forse un mezzo sospiro : ché è sempre, in ogni senso, un tantino più alta la compagna un tempo sognata.34

  • 35 Cfr Gianna Manzini, La lezione della Woolf, in Forte come un leone, Milano, Mondadori, « Lo Specchi (...)

21Interpellando gli animali, Manzini ne fa dei testimoni muti delle nostre debolezze e dei termini di paragone per testare le sue capacità espressive. Con questa operazione stilistica la scrittrice chiama a raccolta le « voci del silenzio » e sostituisce la sua voce alla loro, si lancia in una sorta di sfida letteraria, mette alla prova la sua capacità di dialogare con il mondo o col mistero sensibile del mondo. In questo è fedele alla Lezione della Woolf35.

22La realtà manziniana si afferma per speciem animalis. Cavalli, gatti, gufi, leoni, polli e capponi… fanno parte di un unico grande affresco (animalistico e umano) in continua trasformazione, che va di pari passo con la ricerca stilistica. Anche se si è detto dei suoi animali che peccano di sovrabbondanza metaforica, di esuberanza barocca o di artificio, essi costituiscono una delle creazioni più originali della nostra letteratura del Novecento.

  • 36 Gianna Manzini, Gatti, pecore, bovi e porcellini, in Arca di Noè, cit., pp. 126-127.

Inverno […]. I gatti mandano a spasso il proprio fantasma. Uno, bianco e nero, macchiato e baffuto come una pansé, tiene a bada tutto il giardino […]. Ci stanno bene anche le pecore, con quei visi da morticini […]. E gli agnelli legnosi, col muso velato. Un limbo dell’espressione da cui escono soltanto per diventare simbolo nelle figure dei santi, e con un tocco di rosa alle giunture che a trovarlo fra il bianco irrisorio della peluria vien fatto di battere gli occhi, tramutandosi la tenerezza in angoscia. Nel cortile […] i bovi bianchi che portano a spasso quel pallore speciale (chiare le ciglia sull’occhio persuaso) e camminano come in sogno si muovono le colline, sono più di ogni altra bestia amici del paesaggio invernale.36

  • 37 Pier Paolo Pasolini, Un bestiario celeste…, cit., p. 7.
  • 38 Gianna Manzini, Un’altra cosa, in Gianna Manzini, cit., p. 77.

23Aveva ragione Pasolini : « […] Circola nelle pagine di questi “Animali” un’aria di classici toscani »37. Infatti viene evocato spesso un mondo ancestrale, familiare, legato al paesaggio narrativo toscano. Nello stesso tempo Manzini è attenta alle « voci di dentro » : « Mi piacerebbe raggiungere una certa evidenza rappresentativa ma io desidero soprattutto che nelle mie pagine circoli tanta vita intima, segreta »38.

Il Giardino

24Procedendo per abili « pretesti » stilistici, l’arte manziniana si rinnova. Fra i preferiti della scrittrice l’evocazione del « giardino », metafora prediletta e ricorrente per entrare nella favola dell’innocenza delle origini :

  • 39 Gianna Manzini, Allo Zoo…, cit., p. 171.

Mentre andavo allo Zoo, ho compromesso la festa con cui di solito mi dispongo ad entrare nella favola del Giardino, che è un po’ il Giardino d’Adamo ed Eva prima del Peccato, il Giardino dell’Innocenza. E infatti non si può pensare ai primi giorni della Creazione, all’alba della vita, con sotto gli occhi la morte a carrettate, sia pure in forma di foglie macere, e bellissime.39

25In questo caso, il Giardino mitico, luogo dell’innocenza, è in realtà un giardino zoologico autunnale, ingombro di foglie morte. Eppure questo è il luogo d’elezione per creare nuovi ritratti d’animali – nuove maschere dell’io – e ancora pretesti per sperimentare nuove tecniche espressive, sviluppare il discorso della memoria, dare vita a nuovi personaggi. Già in Forte come un leone del 1944, era apparsa la metafora dello Zoo :

  • 40 Gianna Manzini, Forte come un leone, cit., p. 177.

[…] scampolo d’un paese remoto ove perdersi nello spettacolo strepitoso delle creature del cielo, mirabilmente pronte per una festa senza fine. Li’ il capriccio trionfava, la favola si scioglieva in figure e colori incredibili, il miracolo aveva voce e apparenza.40

26Una visione favolosa, un frammento di grande lirismo che la scrittrice inserisce nella storia triste del suo racconto più autobiografico. Nel racconto posteriore, gli animali dello Zoo di Roma suggeriscono l’uso di un lessico prezioso, esotico, e servono alla creazione di un modo di scrittura che rientra nella poesia in re, cioè degli oggetti e dei dettagli. Ma, alla fine, la scrittrice non può fare a meno di far risuonare la corda della pietas perchè il giardino incantato è pur sempre una prigione :

  • 41 Gianna Manzini, Allo Zoo…, cit., p.174.

[…] I leoncini si avvicinavano alle sbarre […] « Sultana ! Qua Sultana » gridava il guardiano […]. Rispondeva con un mezzo sguardo, rimanendo poi fissa al tramestio del fotografo, di cui sembrava affascinarla il disco del riflettore ; ma, ecco, scatta l’obbiettivo e lei, lesta, a farsi schermo della zampa, e in quel suo allontanarsi senza fretta c’è una dignità, un senso d’offesa, e anche di disgusto che umilia. Ha raggiunto il fratello ; gli ha passato una zampa intorno al collo, e tristissimamente ha nascosto il muso dietro la testa di lui che, seduto, con le zampe davanti allungate, “ fa” il leone adulto.41

27Il sentimento di compassione che la Manzini introduce ad ogni evocazione animalistica è uno dei topoi ricorrenti della sua espressività insieme a quelli, più complessi dell’« innocenza » e della « semplicità » che la scrittrice associa agli animali e all’immagine del Giardino delle origini.

  • 42 Giuseppe De Robertis, Prefazione, in Gianna Manzini, Venti racconti, cit. in ibidem, p. 15.

28Infatti, gli animalia sono stati creati con uno scopo preciso : permettere a Manzini di liberarsi infine della sua « intelligenza narrativa », dell’ingombrante prosa preziosa e « pesante » di ornamenti inutili, di tutti quegli « eccessi di immaginosità » che le rimproverava anche Giuseppe De Robertis42. In un’intervista rilasciata alla fine della sua vita la scrittrice confessa che c’è stato un momento nella sua vita in cui ha accantonato la narrativa :

  • 43 Lia Fava Guzzetta. Intervista, in Gianna Manzini, cit., p. 37.

Niente più racconti, niente più romanzi scrivevo di “cose”, o di vita silenziosa, magari di nature morte. Nacque così il mio Boscovivo. Si parlò in proposito di ricerche di stile, di eletti diversivi. Macché c’era ben altro. Attraversavo una grave crisi, come dire ? Spirituale, psicologica. Ero sotto le macerie. I sentimenti mi bruciavano viva.43

29La risposta alle sollecitazioni della vita trova riscontro nella scrittura « animalistica » o « naturale » dove l’atto della creazione genera conforto silenzioso e complicità.

30Da queste esigenze consolatorie nascono gli animalia manziniani. I bestiari raffinati della scrittrice, galleria di ritratti antropomorfi di una fauna dolente, sono scaturiti dai dialoghi silenziosi della sensibilità manziniana con l’incanto da esprimere e prendono vita nella parola scritta, si animano a loro volta a contatto dell’azione vivificatrice della memoria. Per rappresentarli, la Manzini ricorre all’arte della metafora e dell’anacoluto, si serve di simboli e di linguaggi cifrati, arricchisce il racconto di digressioni, aneddoti, misteriose analogie che servono ad attirare il lettore nel percorso labirintico dell’opera.

31Questo dialogo mai interrotto con il lettore si snoda durante tutta la sua cronologia letteraria, come se dal primo racconto in poi le due entità narrative entrassero insieme in una lunga storia quasi infinita popolata di « mostri » e chimere. Dunque gli animalia sono proiezioni privilegiate dell’io narrante e simboli del suo procedere nella narrazione. Durante tutto il percorso essi si ripropongono sua cuique persona ma con varianti o aggiustamenti spaziali e temporali. In quest’ « Arca » amatissima sono presenti alcuni ospiti che la Manzini predilige, per esempio i cavalli come Giangio, ex cavallo da circo (agonizzante) :

  • 44 Gianna Manzini, Un cavallo, in Arca di Noè, cit., pp. 21-28.

[…] volavano rondini, [...] Giangio cercava in terra l’ombra di quel volo e di quella gioia. [...] come il sollecito d’un ricordo [...] un tempo, al circo [...]. Rivide infatti l’arena, i parapetti rossi [...]. Ecco un ponte, [...] Giangio si ferma, [...] accompagna quel ricordo un battito lontano, [...] è uno scalpito. [...] Grande, possente, è Rho (il grande morello del circo) che arriva dalle plaghe della giovinezza. [...]. Uno strappo alle briglie gli rinnovò fra le costole un veemente sciabordare. Sentì sapore di sangue. [...] Tutto come allora, perfino la penna di pavone che il nano regge sulla punta del naso. La reca in bilico il nano di fronte al quale, fermando netto il galoppo, i due cavalli s’inginocchieranno a tempo [...]. L’ultima riverenza. [...] « Perde sangue ». Un passante aggiunse : « Ci vorrebbe una rivoltella ». [...] Giangio mosse gli occhi rapidamente. Sotto la pressione che lo accosciava, aveva sentito qualcosa [...]. Quella cosa tenue, esalata, prese figura d’un ultimo giuoco felice. [...].44

32Questa storia tragica è ancora un’altra testimonianza della compassione e della sofferenza che turbano lo spirito della scrittrice a contatto con il tema della fine dei ricordi, dei sogni e dei desideri per mano del destino ingiusto. Animali che non possono difendersi, che si smagano, perchè prigionieri dello strano sortilegio della sua arte. Perfino il nobile Cavallo di San Paolo, che, soccombendo insieme al cavaliere alla potenza della luce divina, ne diventa il solo testimone credibile :

  • 45 Gianna Manzini, Il cavallo di San Paolo, in ibidem, cit., pp. 197-198.

Il cavallo, fin allora immobile, con uno scatto prodigioso sbalza a terra il cavaliere, e rimane con le zampe alte, più grande del vero, sdegnando del suo sguardo quel popolo, che è incredulo per povertà di tutto, di cuore, di mente, d’udito, di pupille, a fissare intrepido sopra di sé. « Guardatemi » diceva quel gesto. Lo guardarono e caddero in ginocchio […].45

  • 46 Johan Huizinga, Le symbolisme à son déclin, in L’automne du Moyen Âge, traduit du hollandais par J. (...)
  • 47 Gianna Manzini, Specchiata in un sogno, in Autoritratto involontario, cit., p. 96.

33Come in una vasta narrazione orale di antica memoria, il (la) cantastorie ripete all’infinito uno stesso racconto, popolato da animali fantastici e araldici, che in realtà muta e vive una vita autonoma all’interno del tempo. In fondo Manzini fa uso della stessa tecnica simbolica applicata ai « misteri » religiosi e profani del Medioevo, in cui il segmento narrativo ripetuto corrisponde a una visione del mondo per immagini o per simulacri, sempre valida. Nello stesso tempo, chi narra sa che il pensiero simbolico permette un’infinita varietà di relazioni fra le cose e che « nessuna cosa è mai troppo umile per rappresentare il sublime e glorificarlo »46. Gli animali manziniani, soprattutto i più umili, sconfinano nell’ineffabile : come quel cane perduto in un racconto onirico del 1940 che, accucciato accanto al suo padrone (il fantasma dello zio della scrittrice), si lascia cullare da versi e « […] risponde con piccoli cenni d’intelligenza » perché : « Che una bestia arrivi a non parlare per non farti paura, lo sapevi tu ? Anche questo è l’ineffabile ; e non si scrive » – rimprovera lo zio alla narratrice. Lei si picca : « Proprio l’ineffabile, invece, bisogna scrivere »47.

34Su questo registro espressivo e letterario si inscrivono i misteriosi alter ego manziniani, metamorfosi in senso inverso : cavalli, cani, lucertole, gatti, bovi, uccelli da preda, da gabbia e da voliera... proiezioni dell’io, “oggetti” sentimentali disposti nel paesaggio letterario di un bestiario moderno, frutto dell’inconscio e dei suoi misteri. Come nel Medioevo gli amanuensi sceglievano figure mitiche di animali immaginari, proiezioni di sogni, per abbellire i testi e le storie, così la scrittrice toscana crea il suo bestiario per intraprendere un doppio percorso narrativo : rappresentare e interpretare la realtà dell’io creando la “favola bella”.

L’innocenza e la memoria

  • 48 Gianna Manzini, Forte come un leone, cit., p.179, « Sia invece, questa auspicata semplicità, conqui (...)
  • 49 Giuseppe Manzini, anarchico internazionalista assai noto, amico fraterno di Malatesta, attivo nelle (...)

35Con il romanzo Ritratto in piedi la scrittrice cerca di rispondere all’assillante questione di stile (e di vita) sollevata nel racconto Forte come un leone48 – e sempre riproposta nei bestiari – sulla semplicità e l’innocenza. Questa ossessione rappresenta la chiave di lettura di tutta la sua opera e il rovello segreto della sua vita inquieta. Nel libro, un romanzo-saggio tutto centrato sulla figura del padre Giuseppe Manzini49, si realizza palesemente la metamorfosi della scrittrice in specie animalis con questo aneddoto posto all’inizio dell’opera :

  • 50 Gianna Manzini, Atto di contrizione, in Ritratto in piedi, cit., pp. 23-24.

A Firenze, a un cavallo di piazza, non potevano fare attraversare il ponte Santa Trinita. Giunto a metà, voleva saltare la spalletta e buttarsi di sotto. [ ...] Che avrà visto a metà dell’arcata del ponte ? Quale ricordo, quale spettro sarà insorto a bloccarlo ? [...] Ebbene, in certi momenti, mentre mi provo a scrivere la vita del babbo, io sono quel cavallo, a metà dell’arcata del ponte. M’impenno. [...] Vorrei capire qual’è l’ostacolo che mi sbarra il passo [...]. Rimorso, si chiama […].50

  • 51 Giuseppe Manzini, muore in seguito ad un’aggressione fascista durante il confino politico a Cutigli (...)
  • 52 « L’innocenza, abbiamo saputo com’è fatta. Ci è apparsa, e ci ha tenuto sotto le sue ali più grandi (...)

36La scrittura di Manzini mostra alla fine le sue immagini costitutive, i suoi fondamenti nascosti. Il suo ultimo libro comincia con questa analogia che, ancora una volta, utilizza un animale per predisporre psicologicamente il lettore all’accoglienza della sua confessione. Impegnandosi in un argomento carico di risvolti emotivi ancora irrisolti, qual’è appunto la vicenda dei suoi rapporti col padre, la scrittrice ha bisogno di una presenza che « compatisca » la sua sorte e che le facia superare l’ostacolo che si frappone alla memoria di « frantumate lontananze » e che lei stessa fa risalire a quel « tempo innamorato » della sua giovinezza a Firenze. L’innocenza lasciata alle spalle si confonde con l’immagine del padre che tragicamente concluderà la sua vita da vittima innocente51 ; questo dramma spinge la scrittrice a intraprendere il percorso sulle tracce del proprio vissuto e all’interno della sua scrittura per ritrovare il dialogo e l’alleanza con la figura paterna. Per arrivare a tanto, Gianna Manzini deve liberarsi dell’orgoglio e della sua « intelligenza narrativa », imitare gli animalia di cui ha riempito le pagine anche di quest’ultimo lavoro. L’innocenza di cui parla – l’innocenza ungarettiana52 – è il ritrovamento della semplicità, il mito fondatore della storia che la Manzini identifica negli animali, simboli della pietas divina e exempla per una pietas personale.

  • 53 Gianna Manzini, Atto di contrizione, in Ritratto..., cit., p. 25.

37La sua Arca di Noè racchiude il mondo dell’innocenza perduta ed è una metafora del Giardino da salvare. Questo mito necessita di un’epifania perchè « [...] non si finisce mai, specie con l’infanzia. Che miniera, che labirinto, che nascondiglio, che trabocchetto, che prigione : sempre a trovare, a scoprire, a essere aggrediti, a inorridire, a scappare [...] »53. In questo contesto la presenza paterna determina tutto il percorso e la chiave di volta dell’architettura scritturale manziniana ; il punto di non ritorno del romanzo da fare ; l’“ostacolo” che le impedisce di proseguire nel dialogo con se stessa ma non di scrivere come attività secondaria, diversificatrice, gioco sublime.

38Il mistero si chiarifica quando prende forma letteraria « l’essenza in figura » del padre. Al ricordo della figura paterna, si affianca il sentimento incancellabile della sua dignità, e la Manzini sa che solo la parola le è concessa per ritracciarne il coraggio, la solitudine del giusto. Di questo padre fiero, modesto nelle ristrettezze di una vita “in resistenza”, osteggiato dalla famiglia della moglie, che non avrà il coraggio di dividere con lui le sue scelte, costretto a vedere saltuariamente la figlia amatissima, la Manzini traccia la « storia-ritratto » di « gentiluomo in piedi ». Per lavare l’offesa, allontanare da sé la vergogna per non aver dichiarato al padre tutto l’amore che provava per lui e anche la stima, riconciliarsi con la madre (sempre presente nelle sue narrazioni autobiografiche), la scrittrice si fa testimone del martirio del padre, entra nell’altro Giardino, quello della penitenza e delle lacrime di Pietro. Con quest’ultimo romanzo la scrittrice paga il suo debito, usa la sua arte per riscattare la pena con un mirabile atto di contrizione :

  • 54 Ibidem, p. 61.

Il mio atto di contrizione è ben lontano dall’essere concluso [...] a dispetto della morte e del tempo [ ...]. Può darsi che scrivendo, riuscendo ad abbandonarmi, prima o poi io guarisca della cosa sgomentante che un’oscura pietà ha scancellato o allontanato. Allora, a mia insaputa, d’improvviso, m’imbatterò nella frase, nella parola, nel ricordo liberatore. Il cavallo del ponte Santa Trinita potrebbe aiutarmi.54

  • 55 Gianna Manzini, Arca di Noè, cit., p. 18.

39Affermando la missione salvatrice della scrittura, la Manzini sigilla la sua esperienza narrativa esemplare. Adesso si capisce meglio l’uso che la scrittrice ha fatto dei suoi misteriosi animalia : ricostruendo il blasone della sua famiglia, ha inserito araldiche presenze che sono i segni della riconciliazione con la natura e i « dolci numi tutelari d’un po’ di sorriso »55.

Haut de page

Notes

1 Gianna Manzini, Arca di Noè, Milano, Mondadori (Narratori italiani), 1960, p. 13. Il libro contiene 22 testi : Arca di Noè ; Un cavallo ; Una vacca ; La civetta ; I passerotti ; Il falco ; Serpenti e gufo reale ; Belve al guinzaglio ; Una trota ; Amicizie pericolose ; Un cane ; Il bove dell'« Aida » ; Gatti pecore bovi e porcellini ; Una larva ; La cetonia impazzita ; Capponi diventati Don Giovanni ; Altri gatti ; Romeo, il mendicante ; Il guercino, la bellona ; Le ostriche ; Allo zoo di Roma ; Pascolo a Carbonin ; Il sangue del leone ; Il cavallo di San Paolo.

2 Gianna Manzini (Pistoia 1896 - Roma 1974), toscana di origine e di formazione ma dalla metà degli anni Trenta romana di adozione, esordisce nella Firenze “solariana” con il romanzo Tempo innamorato (1928) ; è autrice di racconti e prose narrative (Incontro col falco, 1929 ; Boscovivo, 1932 ; Un filo di brezza, 1936 ; Rive remote, 1940 ; Venti racconti, 1941 ; Forte come un leone, 1947 ; Ho visto il tuo cuore, 1950 ; Il valtzer del diavolo, 1953 ; Cara prigione, 1958 ; Il cielo addosso, 1963 ; Sulla soglia, 1973), di romanzi (Lettera all’editore, 1945 ; La Sparviera, 1956 ; Un’altra cosa, 1961 ; Allegro con disperazione, 1965 ; Ritratto in piedi, 1971), di “bestiari” (Animali sacri e profani, 1953 ; Arca di Noè, 1960) e “ritratti” (Foglietti, 1954 ; Ritratti e pretesti, 1960 ; Album di ritratti, 1964).

3 Gianna Manzini, Incontro col falco, Milano, Corbaccio, 1929.

4 Gianna Manzini, Ritratto in piedi, Milano, Mondadori, 1971.

5 Gianna Manzini, Animali sacri e profani, Roma, Casini, 1953.

6 Citato in Gianna Manzini, a cura di Francesca Bernardini Napoletano e Giamila Yehya, con la collaborazione di Sabina Ciminari, Stefania Ghirardello e Federica Paoli, Milano, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, 2005, p. 102.

7 Nel 1921, con la collaborazione a « La Nazione » di Firenze. Gianna Manzini ha 25 anni e si sposa con Bruno Fallaci, critico letterario del quotidiano. Fallaci collabora con lei alla terza pagina nella rubrica di grandissimo successo, « Dame e cavalieri », « A firma Florindo ».

8 Giorgio Luti, Introduzione, in Federigo Tozzi, Opere. Romanzi, Prose, Novelle, Saggi, a cura di Marco Marchi. Introduzione di Giorgio Luti, Milano, Mondadori, I Meridiani, 1987, p. XXII.

9 Per “nuovo” s’intende qui una tendenza letteraria che s’instaura in Italia ai primi del Novecento. In realtà il frammento come “genere” ha origini molto più lontane. A questo proposito, vedi Françoise Susini-Anastopulos, L’écriture fragmentaire. Définitions et enjeux, Paris, PUF (Écriture), 1997.

10 Le opere dei frammentisti sgretolano l’impalcatura del romanzo tradizionale come globale inventario dell’esistenza, lasciandone in vita i frantumi, i segmenti, le schegge di registro essenzialmente lirico. Si pensi a Gabriele d’Annunzio in La contemplazione della morte (1912), Le faville del maglio (sul « Corriere della Sera », dal 1911 al 1914), o a Ardengo Soffici in Giornale di bordo (1914), La giostra dei sensi (1919), o a Giovanni Papini in Giorni di festa (1919).

11 Federigo Tozzi, Due famiglie, in Giorgio Luti, Introduzione, cit., p. XXXI.

12 Eugenio Montale, cit. in Margherita Ghilardi, Introduzione, in Emilio Cecchi, Saggi e viaggi, Milano, Mondadori, I Meridiani, 1997, p. X.

13 La raccolta Pesci rossi di Cecchi esce nel 1921.

14 Emilio Cecchi, Gatti di strada, in Qualche cosa, in Saggi e viaggi, cit., p. 531.

15 Emilio Cecchi, Le bestie sacre, in Pesci rossi, in ibidem, p. 23.

16 Il matrimonio con Fallaci entra in crisi in questi anni.

17 Questo racconto (Il falco) compare anche in Arca di Noè del 1960.

18 Gianna Manzini, Il falco, in Arca di Noè, cit., p. 60.

19 Ibidem, p. 61.

20 Ibidem.

21 Ibidem, p. 67.

22 Il gatto Nuvolao è il persiano grigio di Gianna Manzini, spesso presente nella corrispondenza della scrittrice o ritratto e fotografato da amici e conoscenti.

23 Per tappeto « animato » s’intende una tessitura ordita su un cartone disegnato a figure umane, con animali, sul tema di una storia, di una fiaba o anche di un racconto di caccia.

24 Gianna Manzini, Forte come un leone, in Autoritratto involontario e altri racconti, a cura di Margherita Ghilardi, Milano, La Tartaruga, 1996, p. 163.

25 Pier Paolo Pasolini, Un bestiario celeste nella gabbia d’oro di Gianna Manzini, in « Giovedì », II, 26 (33), 25 giugno 1953, p. 7.

26 Gianna Manzini, Prefazione. Il mio bestiario, in Animali sacri e profani, cit., p. 12.

27 Nonostante la sua adesione alle idee dei solariani, la scrittrice non sempre viene compresa e apprezzata dai suoi. Pesano su di lei i pregiudizi dell’epoca (« letteratura squisitamente femminile » per Yambo, Donatello D’Orazio o Raffaello Franchi, all’uscita di Tempo innnamorato) e quelli della critica fascista : (« troppa intelligenza », « aridità », « disfattismo », « snobismo semitico europeo », « cerebralismo »...).

28 Gianna Manzini, Boscovivo, Milano-Roma, Treves-Treccani-Tumminelli, 1932.

29 Sul rapporto di Gianna Manzini con la scrittrice inglese si soffermano Carlo Bo, Note sull’arte della Manzini, in « Convivium », X, 1, gennaio-febbraio 1938, pp. 31-38, e E. De Michelis, La Manzini e lo stile, in Narratori al quadrato, Pisa, Nistri-Lischi, 1962, pp. 182-197.

30 A. Silipo, in « Solaria » : « La Manzini condivide con la Mansfield un fondamentale sentimento di bontà e di candore, un sentimento di felicità, anche se più complicata e tormentosa, quasi “crudele” », in Gianna Manzini, cit., p. 15.

31 Gianna Manzini, Prefazione, Il mio bestiario, in Animali sacri e profani, Roma, Casini, 1953, p. VII.

32 Gianna Manzini, Allo Zoo di Roma, in Arca di Noè, cit., p. 170.

33 Gianna Manzini conobbe un’intensa attività pubblicistica. Per più di vent’anni, firmò con lo pseudonimo di « Vanessa » sulle pagine della « Fiera letteraria », decine e decine di articoli di moda di grande eleganza stilistica.

34 Gianna Manzini, Allo Zoo…, cit., p. 171.

35 Cfr Gianna Manzini, La lezione della Woolf, in Forte come un leone, Milano, Mondadori, « Lo Specchio », 1947.

36 Gianna Manzini, Gatti, pecore, bovi e porcellini, in Arca di Noè, cit., pp. 126-127.

37 Pier Paolo Pasolini, Un bestiario celeste…, cit., p. 7.

38 Gianna Manzini, Un’altra cosa, in Gianna Manzini, cit., p. 77.

39 Gianna Manzini, Allo Zoo…, cit., p. 171.

40 Gianna Manzini, Forte come un leone, cit., p. 177.

41 Gianna Manzini, Allo Zoo…, cit., p.174.

42 Giuseppe De Robertis, Prefazione, in Gianna Manzini, Venti racconti, cit. in ibidem, p. 15.

43 Lia Fava Guzzetta. Intervista, in Gianna Manzini, cit., p. 37.

44 Gianna Manzini, Un cavallo, in Arca di Noè, cit., pp. 21-28.

45 Gianna Manzini, Il cavallo di San Paolo, in ibidem, cit., pp. 197-198.

46 Johan Huizinga, Le symbolisme à son déclin, in L’automne du Moyen Âge, traduit du hollandais par J. Bastin, précédé d’un entretien avec Jacques Le Goff, Paris, Payot, 1995, p. 215. La traduzione è nostra.

47 Gianna Manzini, Specchiata in un sogno, in Autoritratto involontario, cit., p. 96.

48 Gianna Manzini, Forte come un leone, cit., p.179, « Sia invece, questa auspicata semplicità, conquista più naturale : dell’anima non dell’in-telletto […] ».

49 Giuseppe Manzini, anarchico internazionalista assai noto, amico fraterno di Malatesta, attivo nelle battaglie sociali della Toscana del primo ventennio des secolo, morto nel 1925.

50 Gianna Manzini, Atto di contrizione, in Ritratto in piedi, cit., pp. 23-24.

51 Giuseppe Manzini, muore in seguito ad un’aggressione fascista durante il confino politico a Cutigliano.

52 « L’innocenza, abbiamo saputo com’è fatta. Ci è apparsa, e ci ha tenuto sotto le sue ali più grandi, nei rivolgimenti di questi anni. Ci occupava tutta la mente. » Giuseppe Ungaretti, Innocence et mémoire [1926], in Giuseppe Ungaretti, Vita d’un uomo. Saggi e interventi, Milano, Mondadori, “I Meridiani”, 1974, p. 130.

53 Gianna Manzini, Atto di contrizione, in Ritratto..., cit., p. 25.

54 Ibidem, p. 61.

55 Gianna Manzini, Arca di Noè, cit., p. 18.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°10, Arches de Noé [1], 2006

Référence électronique

Maria G. Vitali-Volant, « Il bestiario araldico di Gianna Manzini », Italies [En ligne], 10 | 2006, mis en ligne le 04 octobre 2008, consulté le 24 juillet 2017. URL : http://italies.revues.org/556 ; DOI : 10.4000/italies.556

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org