Navigation – Plan du site
Regards sur soi... et sur les autres

I fiori e i frutti delle corti (dal Cortegiano ai Ricordi)

Piero Floriani
p. 597-623

Résumé

Baldassar Castiglione e Francesco Guicciardini, che appartenevano alla stessa generazione, si sono con tutta probabilità conosciuti di persona, almeno nel periodo in cui hanno servito il papa Clemente VII – tra il 1524 e il 1529 (data della morte di Castiglione). Il saggio illustra le differenze radicali di origine e di orientamento dei due, anche rileggendo e rettificando su alcuni punti studi come quello classico del Cian (1940), utile ancora ma di vecchia ispirazione etico-storica. Si esaminano infine alcune tracce della ipotizzata lettura del Cortegiano da parte dell’autore dei Ricordi.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 * Dedico con particolare piacere questo breve saggio a José Guidi, con il quale ho avuto in comune, (...)
  • 2  Machiavelli, Il Principe, ed. Inglese, c. XXV, 2, p. 162.

1C’è in varia letteratura di primo cinquecento un fitto trattare del potere, e di quello monarchico in particolare (cioè quello superiorem non recognoscens, secondo la tradizionale dottrina della sovranità), che si spande largamente in testi di tipo teorico e storico così come in testi letterari e satirici ; e passa dalle corti di più o meno antica tradizione feudale o magnatizia, ai sinodi laici e ecclesiastici, e perfino ai corsi universitari. Quest’epoca pare vocata più di altre a trattare del governo, o del « reggimento », o del « principe » – laico al modo del Machiavelli e del Guicciardini, o « cristiano » al modo di Erasmo e del Castiglione1. È banale connettere lo sviluppo particolare del tema alla fase critica dello scontro tra le maggiori forze europee, forze politiche, militari e economiche, così come forze ideologiche e religiose. Forse meno consueto (anche se non si tratta di cosa peregrina) è osservare che l’emergere della questione nei testi umanistici e nella letteratura volgare, non corrisponde alla sommersione o al silenzio sulle schiere di contorno, dei gruppi sociali e degli individui che si affiancano alle figure dei domini cui viene affidato il destino delle entità statali, esistenti o erigibili. Si direbbe così che molte fisionomie collettive e individuali si interroghino sulle rispettive sorti, in quanto messe in questione « per le variazione grande delle cose che si sono viste e veggonsi ogni dì, fuori di ogni umana coniettura »2. Queste ultime espressioni non sono altro che la versione machiavelliana di una diffusa perplessità a proposito del terremoto storico, istituzionale, ideale, percepito da tutti come dato decisivo del presente.

2Di principi e di cortigiani si fanno i nomi, in questa coraggiosa o temeraria letteratura, con relativa tranquillità, come se fossero relativamente da temere i poteri degli uni, le opinioni e gli interessi degli altri. Del tutto diversa, come si sa bene, appare la situazione della seconda metà secolo, in cui si può dire innanzitutto « parum de Deo », ma in ogni caso è meglio non dire « nihil de principe ». È forse segno che nel primo cinquecento i giochi paiono ancora aperti alla discussione e alla negoziazione, nel secondo invece non più ? e che mentre l’Ariosto conservava ancora propri margini di contrattazione, o almeno il diritto al mugugno, al Tasso non rimanesse che accettare in silenzio un destino di sottomissione ?

  • 3  Cfr., di chi scrive, Il ferro e la cote, nella miscellanea Studi di Letteratura italiana per Vitil (...)

3I fatti appaiono quelli che abbiamo appena accennato ; eppure limitarsi, di fronte a tali dati, a risposte di tipo vagamente sociologico sarebbe rischioso e inconcludente. Piuttosto conviene, forse, ritornare su alcuni testi classici, e cercarvi, incrociandone le testimonianze (come provo a fare da qualche tempo3), la compresenza in scena dei padroni e dei loro sottoposti più vicini – si chiamino segretari, curiales, rappresentanti o diplomatici, cortigiani, o anche, nel loro insieme, adulatori « de’ quali le corte sono piene » (lo ripete da una lunga tradizione il Principe, XXIII, 2).

  • 4  Faccio riferimento alla larga prospettiva storico-politologica presente in W. Reinhard, Storia del (...)

4Nel breve scritto citato nella nota 3, ho provato a indagare sulla presenza di contatti verbali tra Principe e Cortegiano : ce ne sono di significativi, sul tema cruciale del « dire la verità al principe». Non solo verbali, alla fine. Ma, se mi pare che venga accertata in questo modo la conoscenza del trattatello machiavelliano, almeno all’altezza dell’ultima redazione del trattato-dialogo castiglionesco, diventerà legittimamente più acuta la curiosità per accertare altri incroci – nel contesto di una produzione di diversi luoghi, diversi regimi, diverse lingue, ma di comuni interessi : gli interessi in gioco nel tragico e macchinoso travaglio da cui scaturirono le forme e i modelli di quello « stato » del quale si tende a valutare oggi il carattere strettamente « europeo »4.

  • 5  Ricordi, 1. Cito questo testo dall’ed. a c. di Giorgio Masi, Milano, Mursia, 1994, controllando il (...)

51. Francesco Guicciardini concluse l’ultima correzione dei suoi Ricordi, a quanto pare, durante il fatidico 1530 – post res perditas, come si diceva già allora, ma con un obiettivo politico ancora da conseguire, il rientro dei Medici nella Firenze che resisteva all’assedio, sostenuta dalle promesse profetiche del Savonarola. La « fede », a quanto pare, faceva ancora « ostinazione », anche « contro a ogni ragione del mondo »5. Eppure (o perciò ?) il « buio delle cose » rimaneva fitto, anche e sempre più per chi, come Guicciardini, non guardava o guardava di rado « le cose sopra natura o che non si veggono », ma si sforzava di capire gli eventi umani.

  • 6  Riassumo la carriera del Castiglione così come la poteva percepire Guicciardini dalla propria posi (...)
  • 7  Si v. la recente, impeccabile edizione del testo intimamente legato a quella missione, la Vita di (...)

6Tra i personaggi che probabilmente visitarono in quel tempo la memoria non inerte del Guicciardini, è da credere che non potesse mancare il penultimo nunzio papale presso la corte imperiale ; quel Baldassar Castiglione che era morto di recente (nel febbraio del 1529), e che era stato sostenitore da lontano del partito curiale favorevole a Carlo V, e dunque avversario capitale per il Guicciardini nel momento dello scontro, interno alla curia romana dopo la battaglia di Pavia e fino al tempo – decisivo nella politica della Chiesa – del Sacco di Roma. Quel nobile mantovano (che al tempo di Giulio II si era fatto strada come uomo di fiducia del duca di Urbino, poi era passato al servizio del suo signore naturale, Federico II Gonzaga marchese di Mantova, e infine era stato nominato da papa Clemente VII nunzio in Spagna6) era stato un diplomatico esperto, ma incline a giudicare con qualche ingenuità la politica e a subire non solo, com’è inevitabile, il potere, ma anche (che è cosa meno ovvia) la suggestione dei prìncipi, come capitava pure a cortigiani di prima fila, abituati peraltro all’omaggio ‘feudale’ e a un’ubbidienza da sudditi. La psicologia del gentiluomo diplomatico, facile a lasciarsi conquistare dalla rappresentazione suggestiva della monarchia imperiale (di cui Carlo V fu interprete persuasivo), era ben nota al fiorentino : lui stesso, ancora giovane, aveva frequentato un re di grande spicco come Ferdinando d’Aragona, a nome della repubblica di Firenze ; il Castiglione medesimo, cinque anni prima (1507), quasi alla sua stessa età, aveva visitato la corte di Enrico VII in rappresentanza di Guidubaldo di Montefeltro7.

7La traccia di queste esperienze emerge in Ricordi C 153. Vi si denunciano gli atteggiamenti di subalternità al principe presso cui viene prestato un servizio di rappresentanza e gli effetti di diffidenza che ne discendono nel « principe » medesimo che ha inviato un proprio ambasciatore :

Pare che gli imbasciadori spesso piglino la parte di quello principe a presso al quale sono ; il che gli fa sospetti o di corruttela o di speranza di premi, o almanco che le carezze e umanità usategli gli abbino fatti diventare loro partigiani ; ma può anche procedere che, avendo al continuo innanzi agli occhi le cose di quello principe dove sono, e non così particularmente le altre, paia loro da tenerne più conto che in verità non è : la quale ragione non militando nel suo principe, che parimente ha noto el tutto, scuopre con facilità la fallacia del suo ministro e attribuisce spesso a malignità quello che più presto è causato da qualche imprudenza. E però chi va imbasciadore ci avvertisca bene, perché è cosa che importa assai.

  • 8  Avvertiamo subito che esiste uno specifico problema critico riguardo alle fonti del Guicciardini : (...)

Se il Guicciardini pensasse qui al Castiglione, vedremo di chiarirlo più in là8.

8Ora prendiamo questo ricordo 153 come avvio per rilevare la significativa presenza della questione relativa al personale politico di supporto al principe nei Ricordi, e in particolare nella redazione finale (C, databile al 1530), in quelli rielaborati radicalmente o del tutto nuovi.

9È dai ricordi C 2 e C 3 che si può prendere le mosse. Nel primo sono esaminati i criteri che i principi adottano nel dare mandato ai loro ambasciatori :

Sono alcuni prìncipi che agli imbasciadori loro communicano interamente tutto el segreto suo, e a che fine vogliono conducere la negociazione che hanno a trattare con l’altro principe al quale sono mandati. Altri giudicano essere meglio non aprire loro se non quello che vogliono si persuada all’altro principe ; el quale se vogliono ingannare, pare loro quasi necessario ingannare prima lo imbasciadore propio, che è el mezzo e instrumento che l’ha a trattare e persuadere all’altro principe...

10Il discorso è poi continuato analiticamente, con penetrante attenzione ai dati di qualità nel rapporto tra principe e ministri :

  • 9  Il nucleo del tema in A 1 e B 24 era minimo. Riporto A 1 : « Uno principe che vuole ingannare l’al (...)

La opinione mia – conclude il Guicciardini – è che chi ha imbasciadori prudenti e integri, e che siano affezionati a sé, e dependenti in modo che non abbino obietto di dipendere da altri, faccia meglio a communicare la mente sua ; ma quando el principe non si risolve che siano totalmente di questa qualità, è manco pericoloso non si lasciare sempre intendere da loro e fare che el fondamento di persuadere una cosa a altri sia el fare persuasione del medesimo nel proprio imbasciadore.9

11Rispetto al nucleo originario, ha preso rilievo ora il giudizio del principe sul personale destinato a rappresentarlo nei rapporti politici. Ciò lega in maniera organica C 2 con C 3, che è ricordo senza radici nelle redazioni A e B : il tema sviluppa il discorso sui collaboratori prossimi al principe, già importante nel Principe machiavelliano e centrale nel Cortegiano castiglionesco.

  • 10  Il ricordoC 3 prosegue argomentando sulla formazione dei collaboratori dei monarchi (principi e pa (...)

Vedesi per esperienza che e prìncipi, ancora che grandi, hanno carestia grandissima di ministri bene qualificati. Di questo nessuno si maraviglierà quando e prìncipi non hanno tanto giudicio che sappino conoscere gli uomini, o quando sono sì avari che non gli vogliono premiare ; ma pare bene da maravigliarsene ne’ prìncipi che mancano di questi dua difetti, perché si vede quanto gli uomini di ogni sorte desiderano servirgli e quanta commodità loro abbino di beneficargli. Nondimeno non debbe parere sì maraviglioso a chi considera la cosa in sé più profondamente: perché uno ministro di uno principe – io parlo di chi ha a servire di cose grande – bisogna che sia di straordinaria sufficienza, e di questi si truovano rarissimi ; e oltre a questo è necessario sia di grandissima fede e integrità, e questa è forse più rara che la prima ; in modo che, se non facilmente si truovano uomini che abbino alcuna di queste due parte, quanto più rari si troveranno quegli che l’abbino tutt’a dua ! […]10

  • 11  Il campo dei rapporti del Guicciardini col Machiavelli è aperto e fecondo da molto tempo. Anche pe (...)

12A me pare fuor di dubbio che il Guicciardini si ricordi qui di considerazioni che il Machiavelli aveva svolto nel Principe a proposito dei collaboratori più stretti del monarca11. Nel XXII capitolo, De his quos a secretis principes habent, Niccolò aveva sottolineato l’importanza della « electione de’ ministri » da parte dei principi ; e aveva insistito sul fatto che quella scelta era decisiva per giudicare « del cervello d’uno Signore ». Ma conviene citare l’intero capoverso :

  • 12 Principe, ed. cit., XXII, p. 159.

[1] Non è di poca importanza a uno principe la electione de’ ministri, e quali sono buoni, o no, secondo la prudenza del principe. [2] E la prima coniettura, è vedere li uomini che lui ha dintorno : e quando sono suffizienti e fedeli, sempre si può riputarlo savio, perché ha saputo riconoscerli suffizienti e sa mantenerli fedeli ; ma quando sieno altrimenti, sempre si può fare non buono iudizio di lui : perché el primo errore che fa, lo fa in questa electione.12

13I caratteri della « sufficienza » e della « fede e integrità » nei « ministri », congiunti insieme, sono essenziali per ambedue gli autori, l’uno e l’altro ben persuasi che sia sempre difficile trovare unite le due virtù. La felice circostanza si verifica soltanto se il principe è « prudente », ha tanto « giudicio » da saper valutare gli uomini, e ha la fortuna di trovarne di dotati delle due qualità. Se poi si prosegue nella lettura di Principe, XXII, si trova anche la preziosa raccomandazione al monarca di essere generoso con il bravo ministro, « onorandolo, faccendolo ricco, obligandoselo... » ; che l’amico Guicciardini ridurrà nel suo ricordo all’allusione deprecativa contro i principi « avari », disattenti nel premiare i loro ministri e nel valutare giustamente « quanta commodità loro [cioè : i principi] abbino di beneficargli ». Rimane notabile la coincidenza tematica : nella « electione » dei collaboratori politici sono in gioco insieme per i due autori il giudizio sul principe esattamente nella stessa misura del giudizio sul « ministro ».

14Lasciamo qui, dato che non è questo il nostro proposito, la traccia invitante del rapporto testuale tra i due maggiori fiorentini : ci basta infatti l’aver segnalato un incremento, nell’ultimo strato dei Ricordi, dei pensieri sul personale di maggior supporto al prìncipe : « segretario » o « ministro », quel personaggio era destinato a un grande futuro.

  • 13  Per notizie essenziali sulle prime edizioni, v. almeno Amedeo Quondam, “Questo povero Cortegiano”. (...)

15Di questi temi non si trattava però solo o tanto a Firenze, occupata alla fine degli anni venti in una difesa senza sensate speranze dell’inattuale prospettiva di una nuova repubblica popolare. Avrà letto il Guicciardini, in quei mesi convulsi, per lui di ricapitolazione e bilancio, Il libro del Cortegiano – stampato nell’aprile 1528 a Venezia (in folio dagli eredi di Aldo Manuzio) e pochi mesi dopo a Firenze (in ottavo dagli eredi di Filippo Giunta)13 – epitome e bilancio di una vita parallela alla sua ?

16Ne riparleremo dopo una breve incursione in quella che una volta gli storici della letteratura chiamavano storia della critica, sommando – sia pure per cenni – studiosi di Castiglione e studiosi di Guicciardini.

  • 14  Cfr. Vittorio Cian, Il perfetto cavaliere e il perfetto politico della Rinascita : Baldassarre Cas (...)
  • 15  La notizia è data, prima che nelle solite fonti, nel capoverso conclusivo della recensione che l’a (...)

172. I rapporti tra i due personaggi sono stati illustrati ormai molti anni fa in un saggio del Cian che si intitola al « perfetto cavaliere » e al « perfetto politico »14 ; il titolo è di per sé espressivo di una visione complessivamente tradizionale, di stampo celebrativo, della « Rinascita » come galleria di eccellenze nazionali. Ma Vittorio Cian non era definibile, in quanto studioso, soltanto in base alle sue discutibili concezioni nazionalistiche (che lo accordavano in pieno con la politica e la cultura del regime fascista) ; Cian era nel 1940 (la data ‘fatale’ di quel saggio) l’ultimo forse della sua generazione (quella dei nati negli anni ’60 del XIX secolo) che fosse in grado di rappresentare ancora nell’italianistica attiva la cosiddetta ‘scuola storica’, avendo esordito a stampa con Un decennio della vita di Pietro Bembo nel 1885. Ancora un altro decennio (i ferrei anni quaranta del Novecento) durerà il suo lavoro, fino alla morte seguita nel dicembre 195115. Ammirevole per continuità e affidabilità puntuale, la ricerca del Cian può richiamare ancora gli studiosi all’utilità di una documentazione storica larga e di prima mano ; e alla necessità di tale documentazione, specialmente nei casi in cui si tratta di testi (come quelli del Castiglione e del Guicciardini) che intervengono sulla serie propriamente storico-politica dei fatti, per specifica pertinenza.

18Dunque, grande esperto della cronaca storico-politica del Cinquecento, Cian conosceva e raccontava la crisi politica e militare senza troppo soffermarsi nel censurare le profonde debolezze nazionali e i cedimenti morali dei maggiori personaggi implicati. Non che non ne parlasse, con dovizia di particolari. Ma aveva e alimentava, quasi per compenso, un’idea consolatoria e vagamente celebrativa della Rina-scita : che era tempo di perfezione culturale e di spiegate qualità umane, malgrado la perdita di peso dei poteri politici autoctoni.

  • 16  Ibidem, sottol. n.

19Il « primo proposito » del saggio del 1940 era stato di « limitarsi […] a illustrare, sia pure con una certa larghezza, quei pochi passi della Storia d’Italia nei quali è fatta menzione dell’autore del Cortegiano » (p. 49). Su questa intenzione, che è poi messa in atto nell’ultima parte del saggio, torneremo anche noi prima di trarre le nostre conclusioni. Ma innanzitutto il Cian, storico della società italiana, si è volto a « offrire alla meditazione degli studiosi due esempi quanto mai istruttivi dei modi onde alla storia migliore d’un popolo ha contribuito la storia di nobili famiglie »16. Un punto di vista classico sull’aristocrazia e, se vogliamo, sulla genetica ? Sì, ma anche sul secolo XVI ; però contraddetto, poco dopo, dalla fitta sottolineatura della corruzione e della ferocia politica del periodo. L’ottica complessiva è insomma quella della leggenda nera di un’epoca a forti chiaroscuri, della vulgata burkhardtiana e, prima, voltairiana (col suo carico di ammirazione e raccapriccio, ancora oggi – a quanto pare – capace di fascinazione negli osservatori più diversi).

20Ma, descritte con cura le diverse origini geografiche e sociali della nobiltà lombarda di Castiglione e del patriziato fiorentino di matrice “popolare” di Guicciardini, la comparazione non può approdare ad altro che a sottolineare, visti i caratteri e l’esito delle esperienze (ambedue politicamente deludenti), « il contrasto fra le due individualità […] nel quadro stupendamente vario [!] del Rinascimento » (p. 55). La ‘stupenda varietà’, ritrovata puntualmente nelle due personalità eminenti, resta però criterio aneddotico, più utile alla retorica da conferenza che all’interpretazione storica.

  • 17  Cfr. Il ferro e la cote, cit., in cui si prospetta analoga ipotesi per Machiavelli e Castiglione.

21Di seguito, lo studioso si pone il quesito se, restando indubbio il fatto che i due così diversi personaggi avessero notizia l’uno dell’altro, « il Castiglione ed il Guicciardini si sieno conosciuti di persona » (p. 61). La domanda, che a noi pare ancora di legittimo interesse aneddotico, non trova una risposta certa (mancano « documenti sicuri in proposito »), ma un incontro si può ritenere « più che probabile », considerate le molte occasioni e i tanti « amici in comune » (p. 61)17. In ogni caso, facendo l’ipotesi di un incontro diretto, Cian azzarda (con qualche sorpresa del lettore) una bella conclusione simmetrica :

Conoscendosi, essi dovettero provare un sentimento reciproco di deferenza e di stima [e perché no ? Il ‘perfetto’ cavaliere e il ‘perfetto’ diplomatico…], ma non di simpatia e tanto meno di amicizia […] Troppe erano le cagioni che contribuivano a dividerli, troppi i dissensi, anzi i contrasti di tendenze e di interessi nella loro attività politica e diplomatica… » (ancora p. 61).

  • 18  Più oltre, con espressioni felicemente sintetiche, così il Cian definisce la posizione dei due nei (...)
  • 19  Rimando alla lettera a Clemente VII del 10 dicembre 1527 pubblicata dal Serassi, Lettere del conte (...)

223. Ecco il punto. Ci siamo dilungati nel rendere conto del saggio di Cian (non senza qualche punta di divertimento – ma anche non senza rispetto) perché la conclusione ora riportata spicca per la sua verità tra le esitazioni e le cautele dettate dal pregiudizio rinascimentalista e dall’occasione celebrativa (alle quali vanno ascritte anche le improbabili « deferenza » e « stima »). Detto altrimenti : i rapporti tra Castiglione e Guicciardini, ci fossero o non ci fossero i contatti di persona che si possono pure immaginare, erano resi necessari dal collaborare con funzioni istituzionali il primo (nunzio presso Carlo V) e da consigliere del papa il secondo tra la battaglia di Pavia e il Sacco di Roma (e nei duri mesi successivi della prigionia di Clemente VII18). Non è proprio pensabile che, nel precipitare dei tempi, gli insigni rappresentanti di due linee politiche contraddittorie e fra loro alternative si trattassero con sentimenti di deferenza e stima non formali ; la partita che si stava giocando era una partita di sopravvivenza, non un torneo o un dialogo dialettico. Non ci fu in effetti sopravvivenza (di linea politica, si intende) per nessuno dei due : il Castiglione fu imputato di aver rappresentato malamente le ragioni del papa, rispose con accoramento all’accusa19 e morì poi improvvisamente all’inizio del 1529 ; il Guicciardini, espulso dopo i Medici da Firenze, dovette aspettare gli eventi maturati a partire dal congresso di Bologna, dalle dure condizioni di Carlo V alla sconfitta dell’ul-tima Repubblica, per riprendere il suo servizio in Romagna, senza più prospettive politiche di rilievo strategico.

23Quale meraviglia allora dovremmo provare, se si trovano tracce di una scarsa stima e deferenza del Guicciardini nei riguardi del Castiglione ?

  • 20  Il famoso episodio meriterebbe una nuova esegesi, dopo quella – innovativa ma indulgente verso il (...)

24Lo studioso che si era proposto di « illustrare […] con una certa larghezza, quei pochi passi della Storia d’Italia nei quali è fatta menzione dell’autore del Cortegiano » mette in atto il proposito nella seconda metà del suo saggio (pp. 73-95), con la citazione e il commento di tre episodi che l’opera storica, ultima e maggiore del Guicciardini, narra a proposito del Castiglione : rispettivamente Storia d’Italia, X, cap. XIII (in cui si fa cenno alla missione segreta del Castiglione a Blois, marzo 1512, alla corte di Luigi XII, per offrire i servigi del duca d’Urbino contro l’attacco spagnuolo e papale – cioè del nipote del papa contro lo zio20) ; XII, cap. XXI (vi si cita il Castiglione come personaggio ricordato nel « monitorio » con cui papa Leone X – che si prepara nel 1516 a spogliare i duchi d’Urbino del loro ducato per assegnarlo al nipote Lorenzo – ricorda il tradimento tentato con la missione a Blois) ; XVII, cap. XVII (nell’estate-autunno 1526 : Castiglione, angustiato nunzio tra papa Clemente e Carlo V, è costretto a presentare all’imperatore due diversi « brevi », scritti a brevissima distanza l’uno dall’altro, il primo « acerbo » il secondo « dolce » ; Carlo risponderà con due messaggi diversi, inviati però « in una espedizione medesima » – con un clamoroso effetto di critica al papa).

25« Chiaro ed obiettivo » (p. 82), « bene informato e, nei limiti dell’umanamente possibile, imparziale » (p. 83). Non mancano, come si vede, i riconoscimenti del Cian al Guicciardini che scrive di eventi. Eppure, alla fine della rassegna (pure non proprio completa, si veda in proposito il successivo capoverso, infra), si annuncia un quasi-colpo di scena, una « conclusione impreveduta » : « Ci parve di rilevare – dice il Cian –, sovrattutto nell’atteggiamento del Guicciardini storico di fronte al Castiglione, una freddezza e quasi un’avversione non aperta, né dichiarata in espliciti giudizi particolari, ma latente e operante di sbieco, percettibile soltanto nella forma indiretta e negativa della massima sobrietà di accenni incidentali, intenzionalmente scelti e fatti in modo da proiettare guizzi di luce sinistra sulla figura del gentiluomo mantovano, facendolo quasi apparire coinvolto nei più tristi maneggi politici » (89 ; sottol. n.). Non c’è dubbio : la parte del Castiglione nella Storia d’Italia è quella del servo inabile o (ed è quasi peggio) sfortunato, esposto per questo a prestazioni disonoranti.

26C’è peraltro qualcosa da aggiungere al regesto delle citazioni del Castiglione nella Storia d’Italia, un’altra presenza non onorevole del nunzio nel racconto ; e non saprei dire se l’episodio sia sfuggito al Cian, o se questi l’abbia ignorato per non infierire su uno dei suoi due autori specialmente amati (ovviamente l’altro è il Bembo). Comunque sia, ecco il racconto di un ulteriore episodio a carico del « formator del cortigiano ».

27Il Guicciardini racconta (Storia d’Italia, XVIII, cap. xi) che, nei mesi stessi in cui le truppe imperiali tedesche avevano completato la loro avanzata e avevano preso Roma (tra il maggio e il giugno del tragico 1527), i re di Francia e d’Inghilterra avevano concluso tra loro l’accordo per cui, tra il resto, Enrico VIII sarebbe entrato nel patto tra Francesco I e il papa. Entro il luglio la Lega avrebbe dovuto muovere guerra a Carlo V previa la dovuta dichiarazione. Lascio la parola allo storico :

  • 21  Gabriel de Grammont, arcivescovo di Tarbes e Sir Francis Poyntz (Scarano).

[…] fatto questo accordo, il re di Inghilterra entrò subito nella lega ; ed egli e il re di Francia mandorono in poste due uomini a fare le intimazioni convenute a Cesare. I quali atti si feciono con più prontezza per Tarba e per l’oratore anglo21, andati in poste, che non si erano fatti per commissione del pontefice ; perché Baldassarre da Castiglione nunzio suo, dicendo non essere da esacerbare tanto l’animo di Cesare, aveva ricusato che se gli protestasse la guerra [sottol. n.].

28A testo chiaro non aggiungeremo chiose oscure. Basti notare che in questo capitolo non si parla altrimenti del papa ; tanto meno ci sarebbe necessità di citare il suo povero Nunzio – il quale, in quei mesi, molto temeva per il pontefice, ma non poteva immaginare il disastroso Sacco – se non si fosse voluto freddamente marchiarlo di subalternità (più comica che infame) all’imperatore, allora il maggiore avversario del suo ecclesiastico prìncipe.

29Ma anche quest’ultimo malizioso richiamo del Castiglione sulla scena storica conferma la « conclusione impreveduta » del Cian ; il quale aveva chiuso il suo rilevamento della malevola attenzione guicciardiniana verso la persona del Castiglione con un paragone singolarmente moderno : [l’autore della Storia d’Italia]

[…] ci fa pensare ad un fotografo che per giocare un tiro, in apparenza involontario, ad una persona malevisa [sic], riesca a sorprenderla con l’obiettivo in atteggiamenti esteticamente infelici, odiosi o ridicoli. Ne risulta una tendenziosità ostile di figurazione e, implicitamente, di giudizio, che si direbbe contrastare con la proclamata obiettività storica del Guicciardini, se non fosse che tale virtù, anche nel più ‘virtuoso’ degli storici, è da relegare ormai nel mondo dell’utopia (pp. 89-90).

30E si rilevi quest’ultima notazione di tipo antipositivistico (o, forse meglio, di stampo cinico), che sembra segnare nel Cian l’esauri-mento di ogni residua illusione di verità, non più attribuibile alla conoscenza dei fatti umani, né più accreditabile al modo della narrazione storiografica.

314. Il ‘perfetto’ cavaliere e il ‘perfetto’ diplomatico non si sono dunque intesi e la cosa è rispecchiata chiaramente nella grande Storia d’Italia che il ‘diplomatico’ (ma, a pensarci bene, anche il sostantivo – così come l’aggettivo – non ci soddisfa) ha scritto a conclusione della propria vicenda umana e intellettuale. La mancanza di intesa, che evidentemente si esprime nel modo in cui il ‘cavaliere’ (e nemmeno questo appare termine ben connotante) è rappresentato nelle quattro citazioni della Storia, è un dato incontrovertibile. Più che perché sia ormai impossibile l’« oggettività storica » (questo è per Cian probabilmente solo un lamento sul suo presente), la ragione della mancata intesa va cercata nella diversità delle storie e, anche di più, delle psicologie e degli interessi sociali e letterari. Tra il Castiglione e il Guicciardini corrono solo cinque anni di età, ma corrono anche le già elencate differenze di origine (geografia, genealogia, educazione) e di rappresentanza che quelle differenze comportano. E queste cose il Cian ha raffigurato bene (anche se, partito da un’in-tenzione diversa, è arrivato alla rappresentazione giusta solo alla fine, e si direbbe di contraggenio).

32Ma il punto conclusivo e decisivo del contrasto pare che sia, all’occhio dello storico di oggi, la divergenza tra l’umanista e soldato Castiglione e il giurista e politico Guicciardini, tra il fascino culturale e sentimentale che quello sente per l’impero (anche come baluardo possibile contro i luterani), e la bilancia di poteri ‘reali’ che fa inclinare questo (e il suo amico Machiavelli) per il regno di Francia. Ma forse, in definitiva, ciò che non dà pace all’acuto politico Guicciardini, è che gli eventi abbiano alla fine mostrato la maggior forza della tesi politica di quel suo avversario : essere l’accordo con Carlo V l’unico modo per garantire in quel preciso momento la forza della Chiesa, cioè della Chiesa di Clemente VII e dei Medici.

335. Veniamo ora a un diverso accosto al tema della relazione tra il Guicciardini e il Castiglione, alla questione della ipotizzabile lettura del Libro del Cortegiano da parte dell’autore dei Ricordi. Il Cian non si pone nemmeno la questione (e nessun altro, a mia notizia, lo fa in maniera esplicita), però richiama nel suo saggio uno dei Ricordi, uno soltanto, il 179. Lo riporta per trovare almeno un’occasione nella quale l’austero fiorentino si sia avvicinato al mondo delle corti con una punta di simpatia. Citiamo ora la nostra guida che nel ricordo 179 scrive :

par di sorprendere, in tono di confessione, un senso di rammarico e quasi di pentimento, anzi di nostalgico rimpianto. Vi aleggia il pensiero d’una giovinezza troppo austeramente vissuta nella di-sdegnosa rinunzia di tutte quelle leggiadre costumanze della rinnovata vita sociale che furono tanta parte del Rinascimento e avevano trionfato, meglio che altrove, precisamente nella Firenze di Lorenzo detto appunto per questo il Magnifico ; quelle stesse nelle quali, per contro, si educò e si ispirò in modo speciale il cavaliere mantovano. Preziosa confessione, questa del Guicciardini, della quale il conte Baldassarre si sarebbe compiaciuto vivamente […] (p. 59).

  • 22  Nell’ed. di Palmarocchi, però, la Serie che contiene questo ricordo è la IIa. E si ricordi che nel (...)

34A tale presentazione psicologico-mondana, inutile dire quanto fatua, segue immediatamente il testo del ricordo, con la numerazione che distingue le citazioni correnti prima della edizione critica di Raffaele Spongano : n. 179 della S. Ia22. Riproduciamolo anche noi, secondo il testo dell’edizione critica, che diverge per sole minuzie grafiche dal testo offerto nel saggio di Cian :

Ricordi, C179 :

Io mi feci beffe da giovane del sapere sonare, ballare, cantare e simile leggiadrie : dello scrivere ancora bene, del sapere cavalcare, del sapere vestire accommodato e di tutte quelle cose che pare che diano agli uomini più presto ornamento che sustanza. Ma arei poi desiderato el contrario, perché se bene è inconveniente perdervi troppo tempo e però forse nutrirvi e giovani, perché non vi si deviino, nondimeno ho visto esperienza che questi ornamenti e el sapere fare bene ogni cosa danno degnità e riputazione agli uomini etiam bene qualificati, e in modo che si può dire che, a chi ne manca, manchi qualche cosa. Sanza che, lo abondare di tutti gli intrattenimenti apre la via a’ favori de’ principi, e in chi ne abonda è talvolta principio o cagione di grande profitto e essaltazione, non essendo più el mondo e e prìncipi fatti come doverrebbono, ma come sono. [sottol. n.]

35La prima osservazione che corre l’obbligo di fare è che il ricordo 179 non è presente nelle prime due redazioni dell’opera (neppure nelle forme iniziali o germinali che la critica e i commenti hanno indicato per altri passi), e va attribuito pertanto alla fase costruttiva del 1530, ormai indicata comunemente con la sigla C. Questo rende possibile ipotizzare che prima di scriverlo Guicciardini abbia potuto leggere il Cortegiano (cfr., in questo scritto, la fine del paragrafo 1).

36L’autore racconta nel ricordo una vicenda che configura una palinodia : « da giovane » ha rifiutato, anche con atteggiamenti derisori (« mi feci beffe »), le capacità che consistono nelle pratiche della socievolezza mondana, che a lui apparivano « ornamento » piuttosto che « sustanza » ; ma più tardi ha sentito diversamente (« arei poi desiderato el contrario »), avendo costatato che « questi ornamenti e el sapere fare bene ogni cosa danno degnità e riputazione agli uomini etiam bene qualificati », e ciò, infine, è tanto vero « che si può dire che, a chi ne manca, manchi qualche cosa ». Il difetto di abilità e competenze sociali risulta ora essere uno svantaggio, la mancanza di un elemento che ‘completa’ (che deve completare) l’identità pubblica di quelli che vivono la ricerca della « degnità e riputazione » (elementi, come si sa, costitutivi di ciò che produce l’« onore », centro dell’etica guicciardiniana, cfr. più avanti).

37Qui c’è ben altro che ciò di cui parla Cian, qualcosa di molto diverso dal mal supposto « pensiero d’una giovinezza troppo austeramente vissuta nella disdegnosa rinunzia di tutte quelle leggiadre co-stumanze della rinnovata vita sociale che furono tanta parte del Rinascimento ». Si tratta piuttosto dell’insufficienza di ciò che è « su-stanza », di presa d’atto della nuova funzione di ciò che appariva, una volta, solo « ornamento », ed è invece necessario, ora, agli « uomini etiam bene qualificati » (cioè forniti, par di capire, delle vere virtù pubbliche, delle capacità di governo).

  • 23  E sembra perfino accorgersene nel commento che segue immediatamente la citazione : « Vero è che de (...)

38Ancora sui tempi. Il « da giovane » e il « poi » costruiscono (con un uso dei mezzi ben limitato) una prospettiva temporale nella dimensione personale. Poi (nel terzo periodo, che ha dimensione uguale al primo) l’orizzonte fin qui privato si apre strategicamente al principe, rivelando il corollario politico del tema mondano-sociale : il principe che apprezza la « sustanza » e non il solo « ornamento », il mondo che dà dignità e reputazione all’uomo che non cura abilità mondane ed è « etiam bene qualificato », non ci sono « più » ; è il caso di cercare nell’« ornamento », nello « abondare di tutti gli intrattenimenti » e nel « sapere far bene ogni cosa » la « via al favore de’ principi ». Il Cian ha dunque sbagliato la lettura di questo ricordo 179, trasformandolo in un’espressione di rimpianto per una giovinezza non abbastanza leggiera23. Eppure, credo, ha isolato e messo in evidenza (senza accorgersene ?) un testo che rivela la propria relazione genetica con (e la falsariga di) un tema svolto nel Cortegiano.

  • 24  Cortegiano, III, lxxvii (III, 7.6). Do i riferimenti in due modi : a) secondo la vecchia, tradizio (...)

396. Apriamo, per rendercene conto, il libro del Castiglione all’ini-zio dell’ultima serata (libro IV), dove si narra che Ottaviano Fregoso, avendo assunto l’impegno, alla fine della precedente sera (e su insi-stente invito della Duchessa, la quale fa legge per la corte), di « dar maggior perfezione al cortegiano »24, comincia il suo impegnato discorso con una presa di distanza dal cumulo di competenze mondane che sono state raccomandate fin qui (IV, iv [IV, 2-10]) :

Estimo io adunque che ’l cortegiano perfetto, di quel modo che descritto l’hanno il conte Ludovico [da Canossa] e messer Federico [Fregoso, fratello di Ottaviano], possa esser veramente bona cosa e degna di laude ; non però simplicemente né per sé, ma per rispetto del fine al quale po essere indrizzato ; ché in vero se con l’esser nobile, aggraziato e piacevole ed esperto in tanti esercizi il cortegiano non producesse altro frutto che l’esser tale per se stesso, non estimarei che per conseguir questa perfezion di cortegiania dovesse l’omo ragionevolmente mettervi tanto studio e fatica, quanto è necessario a chi la vole acquistare ; anzi direi che molte di quelle condicioni che se gli sono attribuite, come il danzar, festeggiar, cantar e giocare, fossero leggerezze e vanità, ed in un omo di grado più tosto degne di biasimo che di laude ; perché queste attillature, imprese, motti ed altre tai cose che appartengono ad intertenimenti di donne e d’amori, ancora che forse a molti altri paia il contrario, spesso non fanno altro che effeminar gli animi, corrumper la gioventù e ridurla a vita lascivissima […] E certo infinite cose sono le quali, mettendovisi industria e studio, partuririano molto maggior utilità e nella pace e nella guerra, che questa tal cortegianìa per sé sola ; ma se le operazioni del cortegiano sono indrizzate a quel bon fine che debbono e ch’io intendo, parmi ben che non solamente non siano dannose o vane, ma utilissime e degne d’infinita laude. [sottol. n.]

40È in questione nel passo esattamente il tema del rapporto tra i mezzi con cui si acquista il favore sociale (« quelle condicioni che se gli sono attribuite [sono state attribuite al cortigiano], come il danzar, festeggiar, cantar e giocare » ecc.) e il « fine » (che ancora non è stato enunciato ; lo sarà subito dopo). Si tratta cioè di completare un percorso di formazione, facendo percepire l’insufficienza della paidèia tecnica, se questa non è caratterizzata da un’anima di ispirazione etica e politica.

  • 25  Ricordo mie vecchie riflessioni su Il dialogo e la corte e I personaggi del ‘Cortegiano’, in I gen (...)
  • 26  Cfr. Eduardo Saccone, Ritratto del cortigiano, in Le buone e le cattive maniere, Bologna, Il Mulin (...)

41Il Castiglione approfitta magistralmente delle potenzialità del dialogo come genere letterario, nel quale la dialettica si affida alle parti impersonate dai personaggi storici : e chi poteva meglio di Ottaviano Fregoso, cortigiano di Guidubaldo prima, e infine prìncipe (in quanto doge di Genova25), cucire le parti mondane e le diverse funzioni di responsabilità etico-politica, illuminato e quasi difeso dalla propria clamorosa esperienza, che il lettore del dialogo può ormai ricono-scere ex post ? Ma, se questa è la forma del contenuto che il Castiglione mette in scena, quasi a contrappesare la realtà quotidiana dei duri rapporti tra cortigiani e prìncipi, altri sono i parametri teorici sui quali si dispongono i valori etici superiori : vige qui la distinzione tra la costruzione di un personaggio con date abilità sociali (Cort. IV, 5 : « quasi il fiore »), e l’attribuzione a lui di una finalità (ibid. : « il vero frutto » della cortegiania) che gli dà la perfezione (aristotelica)26, e anche probabilmente la distinzione stoica tra i beni che sono tali per se stessi e quelli che invece sono adiàforoi,validi in relazione a obiettivi delimitati (tesi ricavabile dal De finibus di Cicerone, III, 50-59, e molto presente nei testi umanistici).

42Diversa è di necessità la ratio letteraria del ricordo 179. Non c’è scrittura più monologica e privata della scrittura di analisi dell’espe-rienza personale in una cornice di relazioni pubbliche. Appare evidente che il Guicciardini, che scrive per ultimo tra i due, affronta il tema delle competenze mondane nella forma del bilancio conclusivo della sua lunga storia. La carriera terminata consente e sollecita appunto il ricordo, nel senso di un insegnamento conseguente a ciò che si apprende dal vissuto. L’ottica del bilancio empirico prevale in lui sempre su quella delle regole di previsione, della « prudenza naturale » (che non basta « sanza lo accidentale della esperienza », C 10), della decidibilità del futuro (in effetti « De futuris contingentibus non est determinata veritas », C 58 ; perciò « non abbiate mai una cosa futura tanto per certa » C 81 ; e C 114), della speculazione mentale (« E filosofi e e teologi e tutti gli altri che scrutano le cose sopra natura o che non si veggono, dicono mille pazzie : perché in effetto gli uomini sono al buio delle cose... » C 125). Perciò il Guicciardini non enuncia principi ermeneutici validi in sè o giudizi paradigmatici, né illustra piani di affermazione sociale ; ma riconosce – parlando di se stesso – che le pratiche della socievolezza cortigiana non sono pure tecniche di seduzione, ma sono capacità che « danno degnità e riputazione agli uomini etiam bene qualificati, e in modo che si può dire che, a chi ne manca, manchi qualche cosa ». Il marchio del ricordo C 179 è nell’affermazione testimoniale « ho visto esperienza », dove si nasconde la fonte letteraria, ma si accetta un aspetto di sostanza del tema cortigiano : il carattere alla fine funzionale delle abilità mondane in chi dipende dal prìncipe. All’ambasciatore perfetto, all’amministratore avveduto, al ministro « prudente e integr» (cfr. il citato ricordo C 2) « manca qualche cosa », se manca la « degnità e reputazione » che viene dalle competenze dell’uomo di mondo.

  • 27  Ci sono anche altri Ricordi che richiamano temi cortegianeschi, in prevalenza riferibili a tattich (...)

43Alla base del ragionamento sembra dunque restare la distinzione tra le cose ‘buone in sé’ e quelle ‘buone a seconda dell’uso che ne viene fatto’ ; che è appunto lo schema paradigmatico usato da Ottaviano Fregoso nel Cortegiano su base aristotelica e poi stoica. Ma qui emerge la distanza radicale che separa il fiorentino dal mantovano : Guicciardini non vede nascere nessun frutto dal fiore di « questi ornamenti » e dal « sapere fare bene ogni cosa », che non siano « dignità e riputazione », e « la via a’ favori de’ principi » accompagnata da « grande profitto e essaltazione » ; un successo personale senza rilevanza nella prospettiva pubblica, senza proiezione simbolica (e tantomeno pedagogica o etica) sul piano del ruolo sociale. Ciò in ragione del fatto che « el mondo e e prìncipi » non sono più « fatti come doverrebbono, ma come sono ». Questa secca riserva consuona con quelle famose di fabbrica machiavellica, e trova luoghi paralleli anche nel Cortegiano ; ma non c’è dubbio che qui testimonia un ben più radicale giudizio rispetto ai due personaggi evocati, senza spazi di recupero possibile né attese di riscatto. È invece l’anticipo della Storia d’Italia, e un’implicita presa di distanza dal libro del Casti-glione che pure gli aveva suggerito di rivalutare i saperi mondani dei suoi coetanei27.

  • 28  Apparso negli Studi di Letteratura italiana per Vitilio Masiello, a c. di Pasquale Guaragnella e M (...)

447. A mo’ di post scriptum.Una recente evocazione del « fondamentale ricordo 179 » è prodotta a chiusa di Amedeo Quondam, L’onore e il « commodo pecuniario ». L’economica nei « Ricordi » di F. Guicciardini28. Il Quondam, oggi il più titolato studioso del Castiglione, vi affronta i Ricordi come emergenza particolare di una tendenza generale del primo Cinquecento, tempo nel quale « è in atto un processo che mira alla ridefinizione della forma del vivere (di questo « vivere nostro civile »), come aggiornamento della moderna etica e della moderna economica (pur sempre sulle orma degli Antichi) : e per quanto in termini fortemente differenziati, e personalissimi, vi concorre in particolare la generazione che ha fatto un’espe-rienza diretta di formazione alla scuola degli umanisti » (p. 487). Questa, che è conclusione del lavoro di scavo fatto nello studio, implica un rapporto di concordanza con il Cortegiano e con le capacità mondane in esso illustrate, che arriva a un « riconoscimento (seppure tardivo : dopo l’errore di gioventù) » del « bene immateriale di uso e di scambio » costituito da quelle competenze. A noi è parso, per via di precisi confronti testuali, di accertare la diretta lettura del testo del Castiglione (cosa che non è di per sé significativa). E in definitiva le conclusioni del saggio di Quondam ci paiono appropriate. A segnare qualche differenza è piuttosto il percorso che il punto di arrivo. A noi premeva – anche qui – caratterizzare le differenze, anche e soprattutto in un quadro di convergenza su alcuni punti, di due personaggi come Castiglione e Guicciardini : in una contingenza storico-culturale nella quale i conflitti di cultura (per usare l’espressione di un compianto amico comune) non furono certo secondari. Devo pure riconoscere a Amedeo Quondam di non essersi nascosto, sia pure in modo ellittico, differenze di personalità nel processo che gli sta a cuore (cfr. nella citazione riportata sopra), e di avere segnalato anche oltre in forma concessiva il problema costituito dalla « conclusione del ricordo 179 » (« Anche se poi è da considerare attentamente... »). Ciò su cui credo che si debba discutere ancora è il concetto-quadro del classicismo, ‘coperta’ troppo generica per esprimere le modifiche della cultura italiana nel tempo, riguardo a più di una generazione per volta...

45Il disaccordo non è in ogni caso un problema, è invece il condimento essenziale della ricerca. Credo che dovremmo praticarlo di più di quanto oggi non ci accada.

Haut de page

Notes

1 * Dedico con particolare piacere questo breve saggio a José Guidi, con il quale ho avuto in comune, per anni ormai numerosi, un grande tema e molti punti di vista. Spero che gradisca anche punti di vista divaganti come quello sul cerimonioso Rinascimento di Vittorio Cian.

 Va da sé che l’indicazione è largamente approssimata : per es. A. Asor Rosa sostiene che nei Ricordi del Guicciardini c’è una componente era-smiana rilevante (in Letteratura italiana. Le opere, Torino, Einaudi, II, pp. 3-94).

2  Machiavelli, Il Principe, ed. Inglese, c. XXV, 2, p. 162.

3  Cfr., di chi scrive, Il ferro e la cote, nella miscellanea Studi di Letteratura italiana per Vitilio Masiello, a c. di P. Guaragnella e M. Santagata, Bari, Laterza, 2006, I, pp. 447-60, in cui faccio alcune ipotesi sulla presenza del Principe nel Cortegiano, ipotesi mai prospettate per la storica tradizione degli studi, che non si è posta il problema. Mi preme, qui, estendere quel modo di lettura.

4  Faccio riferimento alla larga prospettiva storico-politologica presente in W. Reinhard, Storia del potere politico in Europa, Bologna, Il Mulino 2001 (ed. orig. 1999). Sarebbe davvero interessante indagare quanto le attenzioni contemporanee all’identità europea, nate nelle convulsioni della contingenza mondiale, ispirino i nuovi sguardi sul nodo originario della storia moderna, ancora il (come sempre) cosiddetto Rinascimento. Sia consentito a un italianista generico di rimpiangere (ma senza pretendere di suscitare dibattiti) i tempi in cui il dialogo con gli storici nutriva con continuità le rispettive ricerche.

5  Ricordi, 1. Cito questo testo dall’ed. a c. di Giorgio Masi, Milano, Mursia, 1994, controllando il testo critico di Raffaele Spongano e, per i commenti, quelli di Mario Farina (Loescher), Emilio Pasquini (Garzanti), e di Emanuella Scarano (UTET).

6  Riassumo la carriera del Castiglione così come la poteva percepire Guicciardini dalla propria posizione di patrizio fiorentino al servizio dei Medici, con una cultura politica e un impegno di servizio radicalmente differenti da quelli del gentiluomo lombardo, ma con un campo di attività del tutto comune : quello della difesa dell’autonomia residuale dello spazio ‘italiano’ nel quadro dello scontro europeo, al servizio del papa. Per le biografie cfr. Claudio Mutini, voce Castiglione, Baldassare in DBI, vol. 22 (1979), pp. 53-68 ; e Pierre Jodogne e Gino Benzoni, voce Guicciardini, Francesco, in DBI, vol. 66 (2003), pp. 90-104.

7  Si v. la recente, impeccabile edizione del testo intimamente legato a quella missione, la Vita di Guidubaldo duca di Urbino del Castiglione, curata da Uberto Motta, Roma, Salerno, 2006.

8  Avvertiamo subito che esiste uno specifico problema critico riguardo alle fonti del Guicciardini : i termini ne sono esposti con grande lucidità da Matteo Palumbo in Detti, proverbi e allusioni : sul riuso delle fonti nei Ricordi di F. Guicciardini, in Tempo e memoria. Studi in ricordo di G. Mazzacurati, a c. di M. Palumbo e A. Saccone, Napoli, Federiciana Editrice Universitaria 2000, pp. 47-73. Il Guicciardini non opera di frequente con procedura umanistica esponendo una ‘fonte’, ma « metabo-lizza » finemente le proprie letture, tanto che è lecito « sospettare, nelle sue parole, il riuso » di pensieri altrui, « perfettamente assorbiti nell’amal-gama della sua scrittura » (p. 49). Spesso « Ciò che sopravvive [di un pensiero già formulato da altri] è l’eco di considerazioni teoriche, non la forma linguistica che esse hanno assunto » (p. 52).

9  Il nucleo del tema in A 1 e B 24 era minimo. Riporto A 1 : « Uno principe che vuole ingannare l’altro per mezzo di uno suo imbasciadore, debbe prima ingannare lo imbasciadore, perché opera e parla con maggiore efficacia, credendo che così sia la mente del suo principe, che non farebbe se credessi essere simulazione. E el medesimo ricordo usi ognuno che per mezzo di altri vuole persuadere a uno altro el falso ».

10  Il ricordoC 3 prosegue argomentando sulla formazione dei collaboratori dei monarchi (principi e papi), in modo rilevante sia rispetto all’ottica autobiografica del Guicciardini sia in sé perché suggerisce un interesse del monarca laico a istruire e a ‘coltivare’ un ceto di funzionari di alto livello. Il Machiavelli s’era fermato prima, il Castiglione anche.

11  Il campo dei rapporti del Guicciardini col Machiavelli è aperto e fecondo da molto tempo. Anche per esso valgono le avvertenze di M. Palumbo nel saggio già citato Detti, proverbi e allusioni... Un saggio di analisi ancora molto utile è di R. Bizzocchi, G. lettore di Machiavelli, in ASI, 1978, pp. 437-55 (a pp. 449-50 confronta il passo di Principe XXII, infra, con Ricordi C 171). Da aggiungere ora G. Inglese, Sguardo retrospettivo. G. lettore dei ‘Discorsi’, in Id. Per Machiavelli, Roma, Carocci 2006, pp. 201-10 (il saggio è del 2000) : illustra persuasivamente un momento anti-machiavellico maturato nel fatale 1530, che è anche l’anno dell’ul-tima stesura dei Ricordi.

12 Principe, ed. cit., XXII, p. 159.

13  Per notizie essenziali sulle prime edizioni, v. almeno Amedeo Quondam, “Questo povero Cortegiano”. Castiglione, il Libro, la Storia, Roma, Bulzoni, 2000, pp. 29-30 (e la bibliografia di riferimento).

14  Cfr. Vittorio Cian, Il perfetto cavaliere e il perfetto politico della Rinascita : Baldassarre Castiglione e Francesco Guicciardini, in Francesco Guicciardini nel IV centenario della morte (1540-1940), supplemento n. 1 di « Rinascita », 1940, pp. 49-95.

15  La notizia è data, prima che nelle solite fonti, nel capoverso conclusivo della recensione che l’allievo più eminente di Vittorio Cian, Carlo Dionisotti (allora già esule volontario in Inghilterra), dedicò nel « Giornale storico della letteratura italiana » (1952, pp. 31-57) all’ultima fatica del vecchio maestro (da cui l’allievo aveva preso politicamente – e di certo anche eticamente – le distanze dagli anni trenta, senza mai smentire la sua gratitudine umana). L’opera recensita era la ‘monografia’ Un illustre nunzio pontificio del Rinascimento : Baldassar Castiglione, Città del Vaticano, BAV 1951 : sull’uso delle ‘monografie’ lo scritto di Dionisotti ragiona storicamente, come su tutta la vicenda della critica italiana, e nel ragionamento si trovano più che i preannunci delle posizioni poi ampiamente argomentate nell’ormai classico libro Geografia e storia della letteratura italiana. Ma sul Cian si veda anche la severa e equilibrata voce biografica di Piero Treves, nel DBI, 25 (1981), pp. 155-60.

16  Ibidem, sottol. n.

17  Cfr. Il ferro e la cote, cit., in cui si prospetta analoga ipotesi per Machiavelli e Castiglione.

18  Più oltre, con espressioni felicemente sintetiche, così il Cian definisce la posizione dei due nei tempi duri dello scontro tra il papa e l’imperatore : « vennero a trovarsi […] in una condizione curiosa, per non dire paradossale, di collaboratori del Pontefice e insieme di antagonisti pel loro personale indirizzo politico » (p. 87).

    Per indizi relativi a rapporti legati a situazioni storiche specifiche, cfr. anche, per esempio, Ludwig Von Pastor, Storia dei papi, libro III, cap. 5, p. 286, dove si fa cenno alle « lettere confidenziali [del card. Salviati] al Castiglione e al Guicciardini » in data 6 agosto 1527. I nostri due venivano messi al corrente, con quelle lettere, dei sospetti del Salviati sulle intenzioni del card. Wolsey, ambizioso aspirante alla funzione di vicario del papa, in quel momento prigioniero degli imperiali.

19  Rimando alla lettera a Clemente VII del 10 dicembre 1527 pubblicata dal Serassi, Lettere del conte B. C..., Padova, Comino 1769-71, vol. II, pp. 147-52. La si legge anche nell’ed. del Cortegiano e di una Scelta delle opere minori a c. di Bruno Maier, Torino, UTET 19813, pp. 647-57. Altro episodio decisivo – dopo lo scacco politico – lo scambio polemico con Alfonso De Valdés a proposito del Sacco di Roma, del 1528. (Si attende ancora la più volte annunciata edizione negli Scrittori d’Italia Ricciardi delle Lettere dall’aprile 1521 alla morte, per cura di Angelo Stella, sicuramente foriera di interessantissime novità).

20  Il famoso episodio meriterebbe una nuova esegesi, dopo quella – innovativa ma indulgente verso il duca d’Urbino e il Castiglione (che agirebbero di concerto col papa stesso) – di Guido La Rocca, scopritore del « Memoriale per Luigi XII », edito tra le Lettere nei Classici Mondadori, 1978, Tomo I e unico [1497 – marzo 1521], n. 241, e annotazioni. Il resoconto più ricco di particolari resta quello di Alessandro Luzio, nel lungo saggio Isabella d’Este di fronte a Giulio II negli ultimi 3 anni del suo pontificato. Parte II, in « Archivio Storico Lombardo », S. IV, vol. XVIII, pp. 55-144 (cfr. pp. 73-7). La fonte è Iacopo d’Atri, rappresentante a Blois del marchese di Mantova, cioè di un nemico personale del Castiglione ; ma la maligna rappresentazione del cavaliere (« ...venuto qui in posta travestito [...] vestito alla spagnola ») non pare infondata. La missione di Blois è ricordata in altre storie, p. e. l’Histoire des Républiques italiennes du Moyen Âge del Sismondi, cap. CIX, vol. XIV, pp. 211-2. Tra le citazioni recenti dell’episodio ricordo infine volentieri quella di José Guidi, nel suo primo importante saggio castiglionesco, B. Castiglione et le pouvoir politique : du gentilhomme de cour au nonce pontifical, in AA.VV. Les écrivains et le pouvoir en Italie à l’époque de la Renaissance (première série), Études réunies par A. Rochon, Univ. de la Sorbonne Nouvelle, 1973, pp. 243-78 (il resoconto a p. 253).

21  Gabriel de Grammont, arcivescovo di Tarbes e Sir Francis Poyntz (Scarano).

22  Nell’ed. di Palmarocchi, però, la Serie che contiene questo ricordo è la IIa. E si ricordi che nel 1940 era noto il saggio di Michele Barbi, ma non ancora stabilito con precisione il quadro dei manoscritti. Del ’41 sarà il saggio di Fubini, solo del ’51 l’edizione critica di Spongano nei ‘Testi di Lingua’ della Crusca.

23  E sembra perfino accorgersene nel commento che segue immediatamente la citazione : « Vero è che del finale di questo corpulento [!] e tipico ricordo guicciardiniano si può dire coi latini in cauda venenum ». Però poi ricade nella lettura ‘psicologica’ : « Ma la sostanza della confessione, che è anche un simpatico riconoscimento, non muta per ciò che riguarda il Guicciardini. In quanto poi contiene un accenno…severo al « mondo» ed ai suoi « prìncipi» […] si può riconoscere […] che lo scrittore fiorentino si accorda […] col suo contemporaneo mantovano» (p. 60). E rinvia a Cortegiano, IV, ix, dove sono critiche ai « prìncipi […] corrotti».

24  Cortegiano, III, lxxvii (III, 7.6). Do i riferimenti in due modi : a) secondo la vecchia, tradizionale divisione in capitoli formalizzata da Vittorio Cian nel suo classico commento (a partire dal 1893) e usata fino all’edizione curata da Walter Barberis (Torino, Einaudi 1998) ; b) secondo la nuova divisione con criteri tematici e paragrafatura minuta proposta da Amedeo Quondam in B.C. Il Cortigiano, Milano, Oscar Classici Mondatori 2002. Il testo è citato secondo la forma conservativa dell’edizione Barberis, tenendo conto anche di quella del Maier, cit.

25  Ricordo mie vecchie riflessioni su Il dialogo e la corte e I personaggi del ‘Cortegiano’, in I gentiluomini letterati, Napoli, Liguori, 1981, pp. 33-67.

26  Cfr. Eduardo Saccone, Ritratto del cortigiano, in Le buone e le cattive maniere, Bologna, Il Mulino 1992, pp. 72-74 ; Amedeo Quondam, « Questo povero Cortegiano », Roma, Bulzoni 2000, pp. 102, 203-7 : in particolare alle pp. 206-7 : « [...] Castiglione [...] ricorre [...] a una semplicissima, persino banale, metafora botanica mai impiegata nelle precedenti [rispetto all’ultima] stesure del Libro del Cortegiano, quella del fiore e del frutto [...] ».

27  Ci sono anche altri Ricordi che richiamano temi cortegianeschi, in prevalenza riferibili a tattiche di gestione dei rapporti col principe, per es. C 195 : « Chi è a presso a’ prìncipi e desidera ottenere grazie o favori per sé o per amici, ingegnisi quanto può di non avere a dimandare spesso direttamente, ma cerchi o aspetti occasione di proporle e introdurle con qualche destrezza, le quali quando vengono, bisogna pigliarle subito e non le lasciare passare. Chi fa così conduce le cose con molto maggiore facilità e con molto minore fastidio del principe e, ottenuta che n’ha una, resta più fresco e più libero a potere ottenerne un’altra ». Nessuno però ha rapporti così stretti col Cortegiano, pur nella diversità di ispirazione, come C 179.

28  Apparso negli Studi di Letteratura italiana per Vitilio Masiello, a c. di Pasquale Guaragnella e Marco Santagata, Roma-Bari, Laterza 2006, pp. 461-500.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°11, Bonnes manières et mauvaise conduite, 2007.

Référence électronique

Piero Floriani, « I fiori e i frutti delle corti (dal Cortegiano ai Ricordi) », Italies [En ligne], 11 | 2007, mis en ligne le 26 janvier 2010, consulté le 27 mai 2017. URL : http://italies.revues.org/996 ; DOI : 10.4000/italies.996

Haut de page

Auteur

Piero Floriani

Université de Pise

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Les cahiers de Revues.org